• 249919 iscritti di cui 7 online

    Violenza psicologica in famiglia

    Violenza psicologica: migliaia di persone subiscono questa forma subdola e gravissima di violenza. Una sorta di programmazione che spesso è trasmessa tra generazioni. Un’esplosione di sensi di colpa, una costante insicurezza nelle relazioni, una riduzione dell’autostima e un aumento della dipendenza affettiva.
    A seguito dell’esperienza acquisita sul campo, gli esperti volontari dell’Osservatorio Sicurezza sulle coppie e famiglie in crisi attivano incontri sulla relazione e comunicazione tra genitori e genitori-figli. Se non si interviene in breve tempo sull’ombra o lato oscuro che si forma in famiglia, i fantasmi possono impadronirsi completamente di tutte le relazioni e comunicazioni. I risultati di questo “impossessamento” sono sempre molto gravi e possono portare fino ad agiti auto o etero diretti come violenza, omicidi e suicidi. Prevenire drammi familiari che in modo silenzioso si strutturano in famiglia e che ad un certo punto “esplodono” apparentemente senza segnali è essenziale!
    Il Progetto pilota Osservatorio Sicurezza sulle famiglie e coppie in crisi, patrocinato dal Comune di Roma – Commissione Sicurezza, con la collaborazione del sindacato della Polizia di Stato Co.I.S.P., è attivo dal 2010 ed ha come finalità principale quella di accompagnare le persone nel difficile percorso della separazione e della gravidanza, al fine di prevenire la commissione di crimini. Gli esperti volontari dell’Osservatorio Sicurezza, quali psicologi, psicoterapeuti, mediatori familiari, avvocati e counselors, utilizzano un protocollo preventivo – ripartivo, applicando un modello di mediazione integrato relazionale, familiare e penale, con presa in carico preventiva.
    Da dicembre 2010, a seguito di una ricerca esplorativa sulla popolazione di Roma su un campione rappresentativo di circa 1000 persone, circa il 50% di sesso maschile e circa il 50% di sesso femminile, è emerso in maniera significativa che nel 70% dei casi la tipologia di violenza che si agisce/subisce nelle famiglie e nelle coppie è quella psicologica e che nel 100% dei casi non è denunciata.
    A questo proposito il 22 giugno sarà presentato in anteprima assoluta il cortometraggio “La ragnatela – storie di violenza psicologica e gaslighting”, regia di Massimo Terranova, AIPC Editore.
    Un altro dato rilevante è che la violenza è agita, spesso per la prima volta, laddove le coppie abbiano almeno un figlio, nel periodo perinatale, con una distribuzione quasi lineare, nel momento della comunicazione, durante la gravidanza e alla nascita.  Confermando le recentissime ricerche anglosassoni, anche i ricercatori dell’AIPC, hanno evidenziato una sindrome pre e post partum maschile, definendola la “sindrome del cappio al collo (Lattanzi, AIPC 2010)”.
    Questa sindrome si origina, in alcuni uomini, nello stesso istante in cui essi vengono a conoscenza della stato interessante della compagna, manifestandosi con attacchi di panico, angoscia, rabbia, odio e aggressività che si concretizzano spesso in agiti essenzialmente etero diretti alla partner. Gli atteggiamenti ricorrenti da parte degli uomini colpiti da questa “sindrome” sono di iper-critica, aggressività verbale, distacco, vissuti claustrofobici, continue discussioni, attività volte a ingenerare sensi di colpa e a volte agire un’opera di convincimento per far abortire la consorte.
    Il campione delle coppie con figli è di 130 e nel 21% circa dei casi è stata riscontrata l’esplosione della sindrome del cappio al collo. Una variabile ricorrente, emersa anche dai colloqui, è quella relativa al vissuto della perdita di esclusività/unicità e difficile accettazione del “terzo”.
     
    Il Gaslighting è un insieme di comportamenti subdoli, agiti dal manipolatore (gaslighter), nei confronti di una persona per confonderla, farla sentire in colpa, farle perdere la fiducia in se stessa, farla sentire sbagliata, renderla dipendente, fino a farla dubitare della sua sanità mentale. Il contesto può essere quello di coppia, familiare, amicale e lavorativo.
    E’ di fondamentale importanza la conoscenza del fenomeno e la prevenzione dello stesso per contrastare il fenomeno della violenza psicologica, specialmente in ambito famigliare, ove non di rado si assiste a una forma di molestia subdola e continuativa in cui la vittima viene manipolata al punto di dubitare della propria sanità mentale. Spesso questo tipo di violenza non è ravvisabile neanche dalla vittima stessa, la quale si trova inconsapevolmente ad essere manovrata dai propri congiunti, diventando di fatto complice di un processo che mira a distruggere la propria individualità.
    Durante l’incontro di mercoledì 22 giugno 2011 a Roma (Sala Cola di Rienzo – via della Consolazione, 4 – ore 16/18) e organizzato dall’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia, l’Osservatorio Sicurezza sulle coppie e famiglie in crisi e dall’Osservatorio Nazionale sullo Stalking, si analizzeranno le matrici del fenomeno della violenza psicologica in famiglia e si proveranno a fornire gli strumenti cognitivi per riconoscere la violenza sin dalle sue fasi originarie al fine di contrastarla efficacemente prima che il problema diventi di difficile gestione e comporti l’esplosione di violenza alla quale assistiamo sempre più spesso nei recenti casi di cronaca.
    Da gennaio a giugno 2011 l’Osservatorio Sicurezza ha ricevuto circa 310 contatti e il portale www.osservatoriosicurezza.it ha avuto in media circa 2000 visualizzazioni al giorno. Sono state offerte 36 consulenze legali telefoniche e 38 colloqui in sede, sia individuali che di coppia. In 23 consulenze di coppia è stato applicato il protocollo preventivo – ripartivo, con ottimi risultati.
     
    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente