• 249902 iscritti di cui 18 online

    Italiani più depressi della media Ue

    Italiani più depressi rispetto alla media europea: lo rivela un sondaggio dell'Eurobarometro sul tema della salute mentale. Gli italiani intervistati (1.044) hanno infatti meno emozioni positive e più negative rispetto alla media. Un numero di intervistati italiani superiore alla media afferma di aver provato tutte le emozioni negative proposte dall'inchiesta "sempre" o "per la maggior parte del tempo". Viceversa, un numero inferiore di italiani ha avuto tre delle quattro emozioni positive proposte "sempre" o "per la maggior parte del tempo", ad eccezione della voce "pieni di energia" che un numero di intervistati maggiore alla media dice di aver avuto sempre o quasi (55% contro la media del 51% dell'Unione europea).

    FARMACI – Molti italiani ritengono di aver portato a termine meno progetti di quanto previsto a causa di problemi fisici o emotivi. Un numero ben superiore alla media europea ritiene che spesso o qualche volta ha portato a termine meno progetti a causa di un problema di natura emotiva: 11% e 25% contro le medie del 6% e del 18% dell'Ue. Ciò nonostante, la percentuale di intervistati che è ricorsa all'aiuto di un professionista negli ultimi 12 mesi non è più elevata della media europea: 14% contro la media del 15% dell'Ue, che è invariata dal 2006 (+2 punti percentuali).

    Anche l'uso di antidepressivi corrisponde alla media: 6% contro la media del 7% dell'Ue, ma gli italiani ne usufruiscono più delle media (63%) per curare stati d'ansia piuttosto che veri e propri stati depressivi (35%), mentre a livello di Unione europea gli antidepressivi vengono in media presi in percentuali uguali per curare entrambi gli stati (51% depressione e 47% ansia). Questo Eurobarometro è stato redatto in vista della prossima conferenza del Patto europeo per la salute mentale e il benessere che si terrà a Lisbona l'8 e 9 novembre.

    Fonte: www.redattoresociale.it

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente