• 250673 iscritti di cui 16 online

    Confessioni tra amiche: se troppe è patologico

    "Co-rumination". Questo il nome che alcuni psicologi americani hanno coniato poco più di cinque anni fa per indicare l'ossessiva abitudine delle donne, soprattutto le adolescenti, di parlare di tutto e per tanto tempo con le proprie amiche.
    (Pubblicità)

    Carry, Samantha, Miranda e Charlotte, le famigerate amiche newyorkesi di "Sex and the city" che non hanno segreti l'una per l'altra e passano moltissimo tempo a parlare, sono in realtà affette dalla "co-rumination". Il nome del disturbo è evocativo: ruminare infatti vuol dire masticare una seconda volta il cibo facendolo risalire dallo stomaco al rumine prima di digerirlo. Con le amiche, quindi, si tende a rimasticare per una seconda, terza, quarta volta (tendendo all'infinito) cio che è successo nella propria vita per poterlo digerire una volta per tutte. Ma è un'attitudine sana? Secondo gli psicologi non proprio. Non quando è eccessiva. Su questo oltre agli psicologi sarebbero d'accordo anche tutti gli uomini per i quali, pare, il rischio di co-rumination è sensibilmente più basso. Sono le adolescenti ad incappare più spesso in questo tipo di ossessione e dipendenza dal "parere dell'amica". "L'adolescenza è il periodo in cui per le ragazze esistono solo le amicizie e il rapporto con i pari; tendenzialmente tutti gli adolescenti preferiscono passare ore al telefono a parlare con i propri amici per poi ammutolirsi all'ora di cena quando mamma e papà chiedono come è andata la giornata", sottolinea Amanda Rose, la psicologa che ha coniato il termine "co-rumination" e che ha rilasciato un'interessante intervista al New York Times.

    "Il punto è che a volte questo atteggiamento sconfina nella dipendenza e nella perdita di contatto con la realtà che per tutti, ma in particolar modo per gli adolescenti, può essere molto pericolosa e può compromettere una normale socialità", continua la Rose. "In questo senso è importante il ruolo di mediazione di un adulto, che nei casi normali è uno o entrambi i genitori; talvolta però è necessario il parere di un esperto", aggiunge la Rose. "Per le donne adulte il discorso non è poi molto diverso; la tendenza a parlare tanto tra amiche è costituzionale. Sebbene non ci siano i rischi di commettere errori dettati dalla scarsa esperienza come per le più giovani, anche le donne adulte possono rimanere ingabbiate nei discorsi tra amiche e costruirsi una visione parziale e complicata del mondo", conclude la Rose.

    Fonte: Kershaw S et al. Girl talk has its limitis. New York Times 2208; 11 settembre Rose AJ et al. Co–Rumination in the Friendships of Girls and Boys. Child Development Volume 73 Issue 6 1830-43.
    http://it.notizie.yahoo.com/

    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente