• 250095 iscritti di cui 10 online

    Seminario sulle dipendenze alimentari

    Corso di laurea
    Psicologia
    Esame
    Psicologia delle tossicodipendenze
    Docente
    Giuseppe Mannino
    Descrizione

    L’anoressia nervosa è caratterizzata da un’estrema paura di ingrassare e dalla conseguente ricerca della magrezza fino a raggiungere livelli pericolosi per la salute della persona (IMC £ 17,5, amenorrea, ecc.). Molto spesso il disturbo ha inizio con una semplice dieta che diventa col tempo sempre più ferrea e può associarsi ad altri comportamenti che hanno lo scopo di controllare il peso corporeo, per esempio un esercizio fisico intenso o il vomito autoindotto.

    Punti richiesti
    Non hai un abbonamento attivo a Liberamente, ma puoi abbonarti cliccando qui.
    Il download di questo file richiede 7 punti, che verranno scalati automaticamente dal tuo account al click sul tasto sottostante.
    Devi effettuare il login per scaricare questi appunti!
    Per lasciare un commento è necessario aver effettuato il login.

    Ci sono 4 commenti.

    1. Ptatica dispensa sui disturbi alimentari. Modalità di approccio sintetico e chiaro utile per focalizzare l’argomento e sottolineare gli elementi importanti. Buoni i riferimenti bibliografici.

    2. RESOCONTO DI UN SEMINARIO MOLTO INTERESSANTE E DETTAGLIATO SULLE DIPENDENZE ALIMENTARI. IL TUTTO E’ IN PIU’ CORREDATO DI TABELLE ED ESEMPI, MOLTO UTILE

    3. ringrazio la redazione che ha pubblicato e reso disponibile sul sito questo articolo perchè è un aspetto che raramente viene colloegato con la psicologia delle dipendenze…proporrei una riflessione su quante e quali sono le diverse dipendenze presenti nella vita quotidiana

    4. Trovo la trattazione dettagliata, aggiornata, chiara e diffusa. sarebbe interessante approfondire il processo terapeutico che nella pratica si rivela complesso, a volte estenuante, soprattutto quando il soggetto che ne è affetto elude la radice delle sue problematiche e il contesto familiare non riesce a dialogare efficacemente. Talora poi l’uno e gli altri cercano soluzioni rapide e “indolori” chiedendo un supporto per risolvere il “sintomo” (disassuefarsi dalla “anoressia”) più che un coinvolgimento “personale” con attivazione delle proprie risorse e dell’impegno per attivarle e svilupparle.

    Aree riservate agli abbonati di liberamente