• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    Partecipante Super Esperto L'avatar di masina4ever
    Data registrazione
    10-02-2009
    Messaggi
    559

    Voglio trovare un senso...

    Ciao a tutti non so se è il posto giusto in cui chiedere comunque vi espongo il mio dubbio: sono della classe 34, corso di psicologia dello sviluppo e dell'educazione e mi sto per laureare alla triennale; il problema è che non so cosa fare dopo...cioè: voglio continuare e fare la specialistica, mi piace molto psicologia clinica ma ho paura che cambiare corso nella specialistica quando in questi 3 anni ho fatto sviluppo non abbia senso...cioè ho paura che così non farei per bene nè un corso nè l'altro...voi che mi suggerite??So che comunque una volta laureato sei "psicologo" senza distinzioni del corso di laurea, però non so...posso laurearmi in sviluppo e andare verso la psicologia clinica con la scuola di specializzazione??SI accettano consigli e suggerimenti!


    ...Allora capirai che puoi resistere a tutto, che sei forte e che puoi arrivare molto più lontano di quello che pensavi quando credevi di non farcela, e capirai che nella vita non devi farti guidare dalla paura di perdere quello che avrai conquistato, ma devi avere solo il coraggio di affrontarla...

  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: Voglio trovare un senso...

    Vai tranquilla... Secondo me l'unico cambiamento piu' difficile e' quello da una triennale verso la magistrale di sperimentale perche' ci sono basi biologiche e fisiologiche molto approfondite che vengono date ovviamente per scontate...
    Alla fine ritengo che mentre un manuale di dinamica o di psicopatologia si possa leggere e approfondire...non dico facilmente ma abbastanza tranquillamente se uno si mette anche da solo.. per farsi il Kandel bisogna che uno sia quanto meno obbligato...
    Per il resto noi alla triennale abbiamo fatto tutti gli esami (alcuni ridotti ok ma cmq siamo li..) della vecchia laurea quinquennale... A lavoro nel triennio del nuovo si facevano tutti i 12 esami previsti nel triennio successivo della laurea quinquennale....
    Secondo me passare cmq da sviluppo a clinica non e' assolutamente un azzardo, anzi.. sicuramente avrai una formazione maggiormente ampia....e questo a mio parere e' un valore e non certo un limite...
    Per quanto riguarda il dopo... laurea in psicologia (che sia lavoro, sperimentale, clinica, sviluppo poco importa) tirocinio, esame di stato.. e sei psicologo senza altre diciture... Poi per le scuole di specializzazione diciamo che l'indirizzo conta il giusto.... Mi raccontava un amico che fa la scuola di psicoterapia che quando faceva il tirocinio la sua tutor psicologa e psicoterapeuta alla asl in ambito clinico gli diceva che a delle scuole di psicoterapia preferivano prendere persone dell'indirizzo sperimentale e che lei stessa di ragazzi che aveva avuto al tutoraggio aveva trovato chi veniva da sperimentale particolarmente preparato rispetto ad altri indirizzi....
    Inoltre conosco molte persone passate dalla triennale di un indirizzo alla specialistica di un altro e l'hanno fatta tutti senza problemi.. da lavoro a clinico, da sviluppo a lavoro, a clinico e viceversa....
    Quindi insomma non farti problemi...segui i tuoi interessi e le tue inclinazioni... che cmq dopo la laurea tirocinio ed esame di stato non ci sono paletti... neanche per la scuola di psicoterapia eventuale

  3. #3
    Partecipante Super Esperto L'avatar di masina4ever
    Data registrazione
    10-02-2009
    Messaggi
    559

    Riferimento: Voglio trovare un senso...

    grazie mille Duccio!!! Mi sa che allora sceglierò in base agli esami che ci sono nei due corsi della specialistica...
    il fatto è che a me piacciono anche le materie del mio corso e l'ho scelto perchè mi sembrava molto completo e il più affine a clinica, però l'ho scelto con la consapevolezza che una volta laureata non ci sarebbero state differenze legate al corso
    di laurea e che non necessariamente avrei lavorato nelle scuole, con bambini o come educatrice, e che lo scegliere questo
    corso non mi avrebbe precluso la possibilità di fare il clinico;
    invece anche per gli atteggiamenti di alcuni professori mi sono sentita come etichettata dal mio corso di laurea, per cui avendo scelto sviluppo allora dovrò lavorare con i bambini...probabilmente è anche questo che mi spinge a cambiare, mentre io avevo in mente di spostarmi più sulla clinica nel dopo laurea con la scuola di psicoterapia per esempio...
    ah poi una domanda, forse stupida anche, ma che differenza c'è tra uno psicologo clinico
    e uno psicoterapeuta?


    ...Allora capirai che puoi resistere a tutto, che sei forte e che puoi arrivare molto più lontano di quello che pensavi quando credevi di non farcela, e capirai che nella vita non devi farti guidare dalla paura di perdere quello che avrai conquistato, ma devi avere solo il coraggio di affrontarla...

  4. #4
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: Voglio trovare un senso...

    Mi ricordo che il povero professor Fagioli in una sua lezione di psicologia generale ci spiego' anni fa la differenza fra psicologo, psicoterapeura, psichiatra, neurologo ecc ecc...
    Lo psicologo e' un laureato in psicologia che abbia fatto un anno di tirocinio piu' abilitazione mediante superamento dell'esame di stato. Psicologo clinico perche' si e' laureato in ambito clinico, ha una conoscenza teorica e pratica (ma poca se non per il tirocinio) dei metodi di intervento, puo' supportare i pazienti nei processi di cambiamento..ma secondo me non in grado di produrre adeguati e significativi livelli di cambiamento... utilizzando colloqui e counseling.. ma non puo' fare terapia...
    Lo psicoterapeuta invece e' uno psicologo (quindi laureato in psicologia con tirocinio effettuato ed esame di stato superato e abilitazione conseguita) o un medico che abbia affrontato un percorso tramite una scuola quadriennale di psicoterapia (una delle tante a seconda dell'approccio che si predilige) che permette di conoscere, sperimentare e approfondire processi reali di approfondimento e cambiamento in delle date patologie psicologiche. il conseguiento della quale conferisce il titolo di psicoterapeuta e permette di fare psicoterapia...
    Questa e' la differenza sostanziale....

  5. #5
    Partecipante Super Esperto L'avatar di masina4ever
    Data registrazione
    10-02-2009
    Messaggi
    559

    Riferimento: Voglio trovare un senso...

    Ho capito...comunque penso che tu abbia ragione probabilmente sarà un' arricchimento il cambiare corso...mi sa che mi hai convinto...di certo mi sei stato di grande aiuto, ti ringrazio di cuore!!!


    ...Allora capirai che puoi resistere a tutto, che sei forte e che puoi arrivare molto più lontano di quello che pensavi quando credevi di non farcela, e capirai che nella vita non devi farti guidare dalla paura di perdere quello che avrai conquistato, ma devi avere solo il coraggio di affrontarla...

Privacy Policy