• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1
    lialy
    Ospite non registrato

    Italiani spendono in media 4mila euro in droghe

    Da consumatori italiani di droga 4mila euro al mese - Cronaca - ANSA.it

    Probabilmente anche questa notizia è passata in sordina, cosa che spesso succede nei tg nazionali.
    I moralisti italiani che non concepiscono nessun tipo di liberalizzazione, che nascondono la polvere sotto i tappeti e la testa sotto la sabbia penseranno che si tratta dell'ennesimo attacco alla chiesa ed alle istituzioni...
    ecco i dati:
    gli italiani consumano più sostanze stupefacenti rispetto a tutti gli altri cugini europei............

    che ne pensate?

  2. #2
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    31-01-2008
    Messaggi
    73

    Riferimento: Italiani spendono in media 4mila euro in droghe

    Citazione Originalmente inviato da lialy Visualizza messaggio
    ..notizie in sordina nei tg nazionali..Italiani moralisti..nascondono la polvere sotto i tappeti e la testa sotto la sabbia..gli italiani consumano più sostanze stupefacenti rispetto a tutti gli altri cugini europei
    Abbiamo la qualità di vita più bassa e compensiamo artificialmente..

  3. #3
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Italiani spendono in media 4mila euro in droghe

    penso che almeno la metà di quei soldi sono spesi da politici/manager

  4. #4
    lialy
    Ospite non registrato

    Riferimento: Italiani spendono in media 4mila euro in droghe

    indipendentemente da questo, jonny, a me hanno molto colpito questi dati.
    l'italia e gli italiani si narrano in maniera utopica rispetto poi ai dati reali ed oggettivi.
    mi sembra a volte che ci si trovi come all'epoca del probizionismo, dove tutte le cose che non si potevano fare legalmente le si facevano comunque........
    allora penso a tutte le cose dette contro i paesi in cui alcune pratiche sono legalizzate e mi rendo conto che siamo un popolo di ipocriti......che si raccontano per quello che non sono........
    che stigmatizzano la prostituzione, i trans, l'uso di droghe e poi a vederli dal buco della serratura si drogano, vanno a passegiatrici e passeggiatori...........ma poi ufficialmente boicottano ste cose sul piano pubblico.....

    quindi gli italiani si drogano di più degli altri, perchè? e dove si trovano in media quei 4000euro..................??
    Ultima modifica di lialy : 26-01-2010 alle ore 12.44.54

  5. #5
    Partecipante Super Figo L'avatar di **Ayax**
    Data registrazione
    25-08-2005
    Residenza
    Derry, Maine (USA)
    Messaggi
    1,689

    Riferimento: Italiani spendono in media 4mila euro in droghe

    Allora io ne risparmio altrettanti, e non lo sapevo...mai fatto nemmeno una canna in vita mia....

  6. #6
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di semplificatore
    Data registrazione
    29-08-2007
    Residenza
    Altrove
    Messaggi
    1,076
    Blog Entries
    1

    Riferimento: Italiani spendono in media 4mila euro in droghe

    Se uno spende 4 euro per drogarsi è semplicemente un imbecille.

    ho detto
    "......c'è chi un giorno invece ha sofferto / e allora ha detto: io parto
    / ma dove vado se parto? / sempre ammesso che parto: ciao! ....
    "
    (da "E la vita e la vita" di Cochi e Renato, 1974)


    Clicca qui e godi con le foto di Semplificatore su Flickr

    http://it.youtube.com/user/accrocchio70

  7. #7
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Italiani spendono in media 4mila euro in droghe

    Citazione Originalmente inviato da semplificatore Visualizza messaggio
    Se uno spende 4 euro per drogarsi è semplicemente un imbecille.

    ho detto
    non concordo. Se uno spende 4 euro, vuol dire che attribuisce a quella droga un certo valore e ritiene opportuno spendere soldi per procurarsela. E più si va avanti a drogarsi, più soldi servono, perciò si inizia a delinquere.

    In passato si sono alternate 2 visioni del "drogato": il modello del vizio (il drogato è viziato, e quindi colpevole, e corrisponde alla frase che hai detto tu) e il modello della malattia (non è colpa sua, perché è malato e va curato). Sono sbagliate entrambe, infatti oggi si parla di "carriera deviante" (teoria dell'etichettamento di Lemert) proprio per sottolineare la gradualità: si inizia per conformismo alle regole del gruppo, poi pian piano si aumenta sempre di più, fino a che la società identifica quella persona come "il" drogato, che quindi poi si comporta in modo coerente per confermare questa identità, che gli è stata attribuita dall'ambiente sociale (sia la gente comune, sia le istituzioni). Ed è quello che comunemente viene definita teoria dell'identita dialogica.

    Il problema è che non si fa prevenzione. Bisognerebbe cominciare a educare fin da piccoli, ma non lo si fa, oppure lo si fa male e coloro che dovrebbero combattere la droga sono i primi a farne uso oppure hanno interessi nel farla circolare
    (fra l'altro uno dei principali produttori di oppio è l'Afganistan, dove, misteriorsamente, nonostante anni di guerra i campi di oppio restano incolumi dai bombardamenti)
    Ultima modifica di Johnny : 28-01-2010 alle ore 20.23.41

Privacy Policy