• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 17

Discussione: Richiesta d'aiuto

  1. #1

    Richiesta d'aiuto

    Salve a tutti.
    Sto vivendo da mesi una grandissima sofferenza e la psicoterapia che fin qui ho fatto da qualche mese non mi aiuta.
    Ho bisogno di un consiglio professionale per capire se questa psicoterapia è indicata per trattare questa mia difficile situazione o se forse un approccio diverso è più indicato.
    Naturalmente in privato posso esprimere meglio cosa è successo e cosa mi sta succedendo.
    Grazie fin d'ora a chi vorrà rispondermi.
    Un saluti a tutti.

    Magnolia

  2. #2
    Partecipante Esperto L'avatar di r_flc2000
    Data registrazione
    10-01-2009
    Residenza
    NA
    Messaggi
    262

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Purtroppo non credo di essere la persona più adatta per dare consigli professionali in questo ambito, però se ti va di parlarne...
    TODAY IS THE DAY

    TO DESTROY MANKIND AND ALL THAT IT STANDS FOR. TO LIVE MY LIFE THE WAY I WANT TO. TO DO WHAT I BELIEVE IS RIGHT. TO DEVOUR ENEMIES AND CELEBRATE LIFE WITH FRIENDS. TO NEVER GIVE UP EVEN THOUGH IT HURTS. TO FIGHT THE BLACKNESS INSIDE. TO WALK ALONE. TO GO BEYOND. TO LOOK WITHIN. TO GIVE YOURSELF. TO LOVE AND TO HATE.
    TODAY IS THE DAY.


    (S. A.)


  3. #3
    Megiston Matema
    Ospite non registrato

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Cara Magnolia,
    talvolta (soprattutto agli inizi di una terapia) accade di attraversare momentanee sensazioni di crisi accompagnate da perdite di fiducia o perché si ritiene la propria situazione insuperabile o perché non si ha una stima adeguata del terapeuta. Ma può anche verificarsi il fatto che ci siano dei problemi più seri che compromettano tutto l’impianto terapeutico. Ritengo che, qualora tu non l’avessi già fatto, in primo luogo del tuo disagio dovresti parlarne col tuo terapeuta; da questo dialogo potrai trarre l’illuminazione maggiore per capire cosa ti sta accadendo e per valutare meglio la tua situazione e cosa sia giusto fare. Spesso in questo modo gran parte dei problemi si risolvono e la terapia continua; se questo non dovesse accadere e tu ritenessi che posso asserti di aiuto in qualche modo, mi rendo disponibile ad ascoltarti attraverso i messaggi privati.
    Un saluto.

  4. #4

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Citazione Originalmente inviato da r_flc2000 Visualizza messaggio
    Purtroppo non credo di essere la persona più adatta per dare consigli professionali in questo ambito, però se ti va di parlarne...
    Ciao r_flc2000, grazie per la tua disponibilità, ma ho bisogno di un consiglio da parte di un professionista... ne ho parlato da mesi in seduta, ma sto sempre peggio.

    Grazie ancora.

  5. #5

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Citazione Originalmente inviato da Megiston Matema Visualizza messaggio
    Cara Magnolia,
    talvolta (soprattutto agli inizi di una terapia) accade di attraversare momentanee sensazioni di crisi accompagnate da perdite di fiducia o perché si ritiene la propria situazione insuperabile o perché non si ha una stima adeguata del terapeuta. Ma può anche verificarsi il fatto che ci siano dei problemi più seri che compromettano tutto l’impianto terapeutico. Ritengo che, qualora tu non l’avessi già fatto, in primo luogo del tuo disagio dovresti parlarne col tuo terapeuta; da questo dialogo potrai trarre l’illuminazione maggiore per capire cosa ti sta accadendo e per valutare meglio la tua situazione e cosa sia giusto fare. Spesso in questo modo gran parte dei problemi si risolvono e la terapia continua; se questo non dovesse accadere e tu ritenessi che posso asserti di aiuto in qualche modo, mi rendo disponibile ad ascoltarti attraverso i messaggi privati.
    Un saluto.
    Ciao Megiston Matema, ti ringrazio molto bper la disponibilità. Per risponderti: non sono agli inizi della terapia, sono mesi che parlo di quello che mi accade, di come sto col terapeuta, ma la mia situazione sembra peggiorare di seduta in seduta.
    Ti scrivo volentieri in privato per descriverti meglio quanto successo, che è molto complesso; spero tu possa darmi il consiglio di cui ho bisogno.

    Grazie ancora.

  6. #6
    Partecipante Affezionato L'avatar di saraebax
    Data registrazione
    12-05-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    108

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Cara Magnolia
    mi sembra di capire da quanto leggo che sei in psicoterapia da un pò di tempo e che con il tuo terapeuta avete già affrontato il discorso dei tuoi vissuti anche rispetto al tuo percorso.

    Anche se alcuni approcci sono maggiormente indicati per alcune situazioni di disagio, la relazione fra il cliente/paziente e lo psicologo è un elemento molto importante da tenere in considerazione per poter adeguatamente "valutare" la reale indicazione a un determinato tipo di lavoro psicologico.

    Quando hai scelto di andare in psicoterapia e proprio da questo/a collega cosa ti ha spinto?
    Oltre alla problematica portata, cosa ti ha fatto scegliere di iniziare ad intraprendere unn percorso.

    Personalmente tengo molto al conetto di SCELTA proprio e soprattutto nel lavoro clinico. Ti invito a riflettere sulle motivazioni di "allora" e sulle difficoltà di "oggi".

    Facci sapere
    A presto
    Sara Eba Di Vaio - Psicologa e Sessuologa
    Ordine Psicologi Lazio n° 9767

  7. #7
    Partecipante L'avatar di psi-clinico-dip
    Data registrazione
    31-07-2006
    Residenza
    cernusco sul naviglio
    Messaggi
    47
    Blog Entries
    1

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Ciao
    ho letto della tua richiesta di aiuto. Se ti và puoi contattarmi direttamente al mio indirizzo mail che trovi sul profilo di B4you.
    Con qualche elemento in più forse sarà possibile trovare insieme una soluzione.

    Psi-clinico-dip

  8. #8
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    16-09-2009
    Residenza
    ROMA
    Messaggi
    61

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Ciao Magnolia,
    per qualsiasi chiarimento o delucidazione in merito al percorso terapeutico, ti offro la mia disponibilità anch'io.

    In attesa di un tuo messaggio privato o una mail che trovi nel mio profilo, un cordiale saluto.

    Carmela Verrastro - Psicologo e Psicoterapeuta
    Ordine Psicologi Lazio n° 11916

  9. #9
    Matricola
    Data registrazione
    31-03-2005
    Residenza
    Pesaro
    Messaggi
    18

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Citazione Originalmente inviato da saraebax Visualizza messaggio
    Cara Magnolia
    mi sembra di capire da quanto leggo che sei in psicoterapia da un pò di tempo e che con il tuo terapeuta avete già affrontato il discorso dei tuoi vissuti anche rispetto al tuo percorso.

    Anche se alcuni approcci sono maggiormente indicati per alcune situazioni di disagio, la relazione fra il cliente/paziente e lo psicologo è un elemento molto importante da tenere in considerazione per poter adeguatamente "valutare" la reale indicazione a un determinato tipo di lavoro psicologico.

    Quando hai scelto di andare in psicoterapia e proprio da questo/a collega cosa ti ha spinto?
    Oltre alla problematica portata, cosa ti ha fatto scegliere di iniziare ad intraprendere unn percorso.

    Personalmente tengo molto al conetto di SCELTA proprio e soprattutto nel lavoro clinico. Ti invito a riflettere sulle motivazioni di "allora" e sulle difficoltà di "oggi".

    Facci sapere
    A presto
    Cara Magnolia,
    mi trovo assolutamente d'accordo con le parole della collega, i concetti di MOTIVAZIONE e EMPATIA penso che stiano alla base del nostro lavoro.
    Puo' accadere che, per vari motivi, non ci si "incontri" con il proprio terapeuta, lo si senta distante, e allora si rischia di partire subito con il piede sbagliato. Nel nostro difficilissimo lavoro entrare "in contatto" con la persona che ci chiede aiuto e' una parte fondamentale, perche' questa persona si affida e si deve poter fidare di noi.
    Ma alle volte, per svariati motivi, puo' capitare di non essere in completa sintonia con il proprio terapeuta, di "non sentirlo", e allora, ma questa e' una mia considerazione, sarebbe piu' onesto, da parte di entrambi, di trovare nuove strade.
    Non conosco la sua storia e la sua problematica, ma sono assolutamente convinto che, su questo FORUM, ci siano tanti professionisti disponibili a darle una mano.
    Distinti saluti.
    Dott. Andrea Battisodo

  10. #10

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Citazione Originalmente inviato da dr.andry Visualizza messaggio
    Cara Magnolia,
    mi trovo assolutamente d'accordo con le parole della collega, i concetti di MOTIVAZIONE e EMPATIA penso che stiano alla base del nostro lavoro.
    Puo' accadere che, per vari motivi, non ci si "incontri" con il proprio terapeuta, lo si senta distante, e allora si rischia di partire subito con il piede sbagliato. Nel nostro difficilissimo lavoro entrare "in contatto" con la persona che ci chiede aiuto e' una parte fondamentale, perche' questa persona si affida e si deve poter fidare di noi.
    Ma alle volte, per svariati motivi, puo' capitare di non essere in completa sintonia con il proprio terapeuta, di "non sentirlo", e allora, ma questa e' una mia considerazione, sarebbe piu' onesto, da parte di entrambi, di trovare nuove strade.
    Non conosco la sua storia e la sua problematica, ma sono assolutamente convinto che, su questo FORUM, ci siano tanti professionisti disponibili a darle una mano.
    Distinti saluti.
    Dott. Andrea Battisodo
    Colgo l'occasione per ringraziare te e tutti gli altri che mi hanno offerto la loro disponibilità; a breve scriverò a tutti per chiarire e darvi degli elementi per potermi aiutare (se possibile); e vi sono grata per questo!
    Il rapporto con la mia terapeuta era di grossa stima e fiducia fino a qualche tempo fa... poi è successo qualcosa.

    Saluti
    Magnolia

  11. #11

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Ciao Magnolia,
    ho letto le tue parole e mi è arrivato tutto il disagio che stai provando in questo momento, magari non solo per ciò che ti ha spinto a chiedere l'aiuto di un professionista, ma forse proprio perchè è successo qualche cosa di sgradevole fra te e la tua terapeuta.
    Come in tutte le relazioni, anche nel rapporto fra un paziente e il suo terapeuta si possono verificare degli eventi che "incrinano" il rapporto, questo non vuol dire però, che sia sempre e comunque necessario interromperlo, non prima di aver cercato di capire con l'aiuto dell'altro e in ogni modo quello che è successo.
    Ovviamente io non sono a conoscenza di ciò che è accaduto e per questo posso risponderti solo in modo generale, se vorrai contattarmi per spiegarmi meglio sarò felice di essere più esauriente e di approfondire maggiormente.
    Tanti saluti

  12. #12
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    16-09-2009
    Residenza
    ROMA
    Messaggi
    61

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Citazione Originalmente inviato da dr.andry Visualizza messaggio
    Cara Magnolia,
    mi trovo assolutamente d'accordo con le parole della collega, i concetti di MOTIVAZIONE e EMPATIA penso che stiano alla base del nostro lavoro.
    Puo' accadere che, per vari motivi, non ci si "incontri" con il proprio terapeuta, lo si senta distante, e allora si rischia di partire subito con il piede sbagliato. Nel nostro difficilissimo lavoro entrare "in contatto" con la persona che ci chiede aiuto e' una parte fondamentale, perche' questa persona si affida e si deve poter fidare di noi.
    Ma alle volte, per svariati motivi, puo' capitare di non essere in completa sintonia con il proprio terapeuta, di "non sentirlo", e allora, ma questa e' una mia considerazione, sarebbe piu' onesto, da parte di entrambi, di trovare nuove strade.
    Non conosco la sua storia e la sua problematica, ma sono assolutamente convinto che, su questo FORUM, ci siano tanti professionisti disponibili a darle una mano.
    Distinti saluti.
    Dott. Andrea Battisodo
    Ciao colleghi,
    sono d'accordo sul fatto che molte volte alla base dello stallo che si crea in un percorso terpaeutico ci sia un abbassamento dell'empatia e della sintonia che fondano il rapporto terapeutico, ma ricordo che tra le cause dello stallo ci potrebbe essere anche una riluttanza ad affontare particolari tematiche che possono emergere nel corso della psicoterapia che potrebbero portare ad un cambiamento nella realazione in cui il paziente riesca a superare i propri meccanismi di difesa.

    Era un modo per proporre un altro punto di vista.

    Saluti.
    Dr.ssa Carmela Verrastro
    Psicologo - Psicoterapeuta
    Iscrizione all'Ordine degli Psicologi del Lazio n°11916

  13. #13
    Partecipante
    Data registrazione
    22-02-2007
    Residenza
    ROMA
    Messaggi
    38

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Cara Magnolia,
    abbiamo pochi elementi finora per darti delle indicazioni. Sicuramente arriva a chi legge il tuo disagio e allo stesso tempo il desiderio di trovare una soluzione.
    Concordo con quanto detto dai colleghi, più che l'approccio terapeutico conta la relazione e l'alleanza che si crea tra terapeuta e paziente. Può darsi si sia creata una frattura in questa relazione, dovuta a un'incomprensione o a una difficoltà tua o dell'altro. Le rotture possono essere riparate nella realtà o anche solo dentro di noi, quando è impossibile farlo insieme all'altro.
    Facci sapere,

    Dott.ssa Laura Gentile

  14. #14

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    cara Magnolia,
    leggo solo ora il tuo messaggio, quindi credo che tu abbia già trovato il consiglio professionale che cercavi, comunque, se dovessi averne ancora bisogno, scrivimi pure un messaggio privato!

    ciao,
    Dott.ssa Valeria Florio

  15. #15
    Partecipante Super Esperto L'avatar di Lucio Regazzo
    Data registrazione
    16-08-2008
    Messaggi
    644

    Riferimento: Richiesta d'aiuto

    Citazione Originalmente inviato da Magnolia* Visualizza messaggio
    Salve a tutti.
    Sto vivendo da mesi una grandissima sofferenza e la psicoterapia che fin qui ho fatto da qualche mese non mi aiuta.
    Ho bisogno di un consiglio professionale per capire se questa psicoterapia è indicata per trattare questa mia difficile situazione o se forse un approccio diverso è più indicato.
    Naturalmente in privato posso esprimere meglio cosa è successo e cosa mi sta succedendo.
    Grazie fin d'ora a chi vorrà rispondermi.
    Un saluti a tutti.

    Magnolia
    Ciao maagnolia,
    avrei bisogno di maggiori dettagli e credo di poterti indirizzare in qualche modo.
    Lucio
    Lucio Demetrio Regazzo

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy