• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 39

Discussione: Stalking

  1. #1
    Postatore OGM L'avatar di chiocciolina4
    Data registrazione
    12-04-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    4,820

    Stalking

    Non so se è la sezione più adatta...

    Vorrei iniziare una discussione generale sullo stalking, ho letto che ci sono vari tipi di stalker e che chi lavora in una professione d'aiuto come la nostra è più facilmente vittima di stalking.
    Inoltre vorrei chiedere un punto specifico: Come rispondere a messaggi di uno stalker? So che in genere si dice di dare un secco no subito, ma se non si era capita la gravità della cosa? Meglio non rispondere proprio o questo può peggiorare la situazione?

    Un vero amico ti pugnala sempre di fronte. (O. Wilde)

    Perchè per un uomo la psicoanalisi dura meno? Non c'è bisogno di regredire all'infanzia.

    Non sono cattiva, è che mi disegnano così...! -->

    Membro del Club del Giallo e addetta all'ufficio promozione e marketing - Tessera n° 2
    (Guardiana radar del gruppo insieme a RosaDiMaggio )

    Vieni a trovarci al social group!

  2. #2
    Partecipante Super Esperto L'avatar di neuromancer
    Data registrazione
    04-03-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    626
    Blog Entries
    8

    Riferimento: Stalking

    ...............

  3. #3
    Postatore OGM L'avatar di chiocciolina4
    Data registrazione
    12-04-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    4,820

    Riferimento: Stalking

    perchè hai cancellato il messaggio?

    Comunque intendo non solo la persecuzione del terapeuta da parte del paziente, ma anche dello stalking in generale, tra due persone.

    Un vero amico ti pugnala sempre di fronte. (O. Wilde)

    Perchè per un uomo la psicoanalisi dura meno? Non c'è bisogno di regredire all'infanzia.

    Non sono cattiva, è che mi disegnano così...! -->

    Membro del Club del Giallo e addetta all'ufficio promozione e marketing - Tessera n° 2
    (Guardiana radar del gruppo insieme a RosaDiMaggio )

    Vieni a trovarci al social group!

  4. #4
    Partecipante Super Esperto L'avatar di neuromancer
    Data registrazione
    04-03-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    626
    Blog Entries
    8

    Riferimento: Stalking

    Scusami, ma non è un argomento che in fondo conosco bene.

    ciaz.

  5. #5
    darlinda
    Ospite non registrato

    Riferimento: Stalking

    Io ho un suggerimento per dissuadere un persecutore telefonico me lo hanno suggerito una volta le mie voci ed ha funzionato con un maniaco che telefonava di continuo,è bastato farlo per due sole volte di seguito e cioè ho detto una filastrocca senza senso che ricordava un po' una maledizione,tipo magia nera.Nella voce del maniaco ho sentito il terrore puro,alla seconda filastrocca non si è fatto più sentire.
    Ultima modifica di darlinda : 05-12-2009 alle ore 15.29.06

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di Morgana-z
    Data registrazione
    27-01-2008
    Residenza
    nella terra in cui lo scirocco scompiglia i capelli e arruffa i pensieri
    Messaggi
    7,777
    Blog Entries
    128

    Riferimento: Stalking

    Lo stalking comincia ora ad essere abbastanza rilevante per la legge e le cronache. Solo quest'anno è entrata in vigore una legge contro questo fenomeno definito reato.
    Mi è capitato di assistere ad una situazione di stalking capitata ad una mia amica da parte del fidanzato, o meglio dell'ex fidanzato.
    All'inizio, chiocciolina, non si capiva bene a cosa mirasse questo tizio, perchè le prime mosse sembravano le ripicche di un ex fidanzato.
    Ma poi queste azioni sono diventate più frequenti, più pressanti, più pesanti da ignorare, tanto da togliere quiete alla ragazza in questione.
    Le manovre di questo tizio sono divenute tali da impedire a questa ragazza di poter uscire da sola in tutta tranquillità, di poter vivere serenamente.
    Non posso-per questioni di privacy-e non voglio-per questioni di rispetto e di affetto verso questa persona-dire di più, al momento.
    Sono una persona che si lascia influenzare poco dai timori altrui, ma dopo aver visto certe cose con i miei occhi ho poco da dubitare.
    Purtroppo lo stalking a volte viene sottovalutato, ed è triste quando poi questo stillicidio di violenza ha un esito drammatico.
    Lo stalking va al di là delle telefonate occasionali di qualche pervertito perdigiorno. Non ch queste siano da sottovalutare, ma a volte sono scherzi di pessimo gusto. Anche a me è capitato per un periodo ma alla fine avevo preso l'abitudine di lasciare aperta la chiamata, tanto non ero mica io che pagavo!
    Lo stalking è questa persecuzione continua, subdola e ossessiva di una persona da parte di qualcuno che pensa di poter avere con lei un legame talmente forte da essere speciale ed esclusivo, per cui lo stalker rivendica con le sue azioni tale possesso. Il che, in definitiva, non è altro che un tentativo di controllo da parte dello stalker, un'aggressività agita da parte di una persona insicura che tenta di controllare, confinare e contenere la sua "preda" in un territorio che egli possa controllare.
    Nella maggioranza dei casi-o comunque nei casi più noti-lo stalker è un uomo...ma non è detto.
    Ci sono anche cas di stalker donne, e credo che non siano affatto meno gravi.

    E' un argomento interessante, chiocciolina...ed hai ragione, possiao farne una bella discussione.

    Per quanto riguarda il punto specifico di cui parlavi tu, ossia lo stalking nei confronti dello psicologo, la situazione diventa un po' più articolata.
    Lo psicologo difatti in virtù dei vincoli legati al codice deontologico sta in relazione con il suo paziente in maniera del tutto differente da quella che lega-per esempio-due ex amanti.
    La gelosia che attacca lo stalker verso il proprio analista potrebbe essere intesa come una estremizzazione dell'amore di transfert, un desiderio di possesso esclusivo. Per qualunque paziente è strano pensare che al di fuori della stanza d'analisi lo psicologo possa avere vita privata, famiglia, hobbies e passioni, ossia che sia una persona a tutto tondo. Comprendere questo dato di fatto è un passaggio fisiologico nella relazione terapeutica.
    Iniziare a desiderare di conoscere ogni particolare di questa vita privata è la degenerazione di questo passaggio. La morbosità, il desiderio voyeristico e aggressivo diventano malattia della relazione.
    Che fare?
    Probabilmente la valutazione della situazione, il lavoro sul senso di queste azioni è la prima cosa da fare con il paziente. Ma forse valutare anche la probabilità di un rischio personale ad un certo punto è anche opportuno....ed è inevitabile, ad un certo punto, ricorrere ad una tutela che implica l'allerta delle forze dell'ordine.
    Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi era entrato.
    (Haruki Murakami)

  7. #7
    Postatore OGM L'avatar di chiocciolina4
    Data registrazione
    12-04-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    4,820

    Riferimento: Stalking

    Sono d'accordo con tutto quanto dici...inoltre una caratteristica degli stalker è quella di riformulare e interpretare in modo distorto le comunicazioni della vittima, per cui se questa dice "lascimi in pace, sono sposata etc" ad esempio, lo stalker la prende come se lei stesse mentendo a se stessa e si stesse frenando, quando la realtà è che anche lei vorrebbe allacciare o riallacciare una relazione.

    Un vero amico ti pugnala sempre di fronte. (O. Wilde)

    Perchè per un uomo la psicoanalisi dura meno? Non c'è bisogno di regredire all'infanzia.

    Non sono cattiva, è che mi disegnano così...! -->

    Membro del Club del Giallo e addetta all'ufficio promozione e marketing - Tessera n° 2
    (Guardiana radar del gruppo insieme a RosaDiMaggio )

    Vieni a trovarci al social group!

  8. #8
    Postatore Epico L'avatar di Morgana-z
    Data registrazione
    27-01-2008
    Residenza
    nella terra in cui lo scirocco scompiglia i capelli e arruffa i pensieri
    Messaggi
    7,777
    Blog Entries
    128

    Riferimento: Stalking

    Esatto, chiocciolina, mi trovi perfettamente d'accordo.
    Sono convinta che questo sia uno dei punti focali della logica di stalking.
    Mentre la vittima dice "vattene" nella mente dello stalker questa frase viene interpretata come una sorta di ritrosia che può sollecitare, stimolare ed eccitare la voglia di conquista del "cacciatore".
    E' come se nella mente dello stalker fosse attivo il concetto latino del "vis gradita puellae" ossia che le donne amano essere conquistate e amate tramite espressioni di forza (fino alla violenza).
    Un concetto che già nel 1979 Tina Lagostena Bassi contestò cercando di fare in modo che il diritto italiano potesse tutelare la donna nell'ambito di relazioni con patner violenti, maneschi o comunque abituati ad usare la forza con le donne ed essere giustificati e legittimati da una tradizione, da una convenzione o da un costume storico e/o culturale.
    Allo stesso modo questa straordinaria donna e giudice combattè per la distruzione del concetto secondo cui se una donna subisce molestie, percosse o violenze fisiche/psicologiche "se l'è andata a cercare", oppure "se l'è voluta", "lo ha provocato".
    Talvolta la legge arriva un po' tardi nell'arginare fenomeni sociali devastanti...purtroppo già troppe donne sono morte per questo motivo (parlo di donne perchè purtroppo sono la maggioranza non tanto dei casi ma delle VITTIME di omicidi operati da stalkers).
    Possiamo solo impegnarci per sviluppare una logica anti stalking....e capire quando e come un gesto galante, o di gelosia, o di interesse diventa stalking.
    Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi era entrato.
    (Haruki Murakami)

  9. #9
    Postatore OGM L'avatar di chiocciolina4
    Data registrazione
    12-04-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    4,820

    Riferimento: Stalking

    Citazione Originalmente inviato da Morgana-z Visualizza messaggio
    Possiamo solo impegnarci per sviluppare una logica anti stalking....e capire quando e come un gesto galante, o di gelosia, o di interesse diventa stalking.
    infatti credo che sia proprio questo il punto, o perlomeno uno dei punti fondamentali, perchè non è semplice capire "a che punto" preoccuparsi, in quanto non sempre lo stalker è una persona con problemi psichiatrici, se mi passate il termine, ma a volte è una persona con problematiche di stampo relazionale, che in un certo senso "non sa come approcciarsi all'altro perchè non ha mai sviluppato queste capacità", quindi non costituisce un pericolo ma può risultare comunque molesto. E' bene non sottovalutare il pericolo ma nemmeno patologizzare, dunque a che punto si può definire un comportamento stalking?

    Un vero amico ti pugnala sempre di fronte. (O. Wilde)

    Perchè per un uomo la psicoanalisi dura meno? Non c'è bisogno di regredire all'infanzia.

    Non sono cattiva, è che mi disegnano così...! -->

    Membro del Club del Giallo e addetta all'ufficio promozione e marketing - Tessera n° 2
    (Guardiana radar del gruppo insieme a RosaDiMaggio )

    Vieni a trovarci al social group!

  10. #10
    Postatore Epico L'avatar di Morgana-z
    Data registrazione
    27-01-2008
    Residenza
    nella terra in cui lo scirocco scompiglia i capelli e arruffa i pensieri
    Messaggi
    7,777
    Blog Entries
    128

    Riferimento: Stalking

    Chiocciolina, onestamente io non lo so. Questo è un punto che personalmente ignoro e su cui vedrò di informarmi.
    Hai ragione sul fatto che a volte una persona che non sa ben sintonizzarsi con un'altra in uno scambio relazionale può diventare-o essere percepita-come fastidiosa o pesante, tanto che le sue attenzioni diventano noiose per chi le riceve.
    Mi è capitato di vedere una cosa del genere giusto in questi giorni, e ti assicuro che la persona oggetto di tali attenzioni si trova onestamente a disagio.

    Una cosa che mi colpisce di un'altra situazione che ho visto verificarsi ad una persona a me vicina è quella sorta di doppio legame sottile e allucinante che unisce talvolta vittima e aggressore quando essi sono, ad esempio, ex coniugi o fidanzati.
    Ed il legame è talmente perverso (ossia non normale, patologico) da fare in modo che la vittima torni a desiderare quelle stesse cose che poco prima l'avevano fatta impazzire e star male, considerando azioni che sono poco meno che atti lesivi come manifestazioni d'amore e di gelosia lusinghiera. Dinanzi a queste cose diventa comprensibile che la vittima è ancora ben lontana dallo spezzare il legame con lo stalker ed ancora troppo invischiata per riuscire a fare una sorta di "somma algebrica" del bene e del male ricevuti da questa persona per riuscire veramente a capire chi sia e quale ruolo stia avendo nella propria vita.

    A volte mi viene da chiedermi se in qualche modo gli agenti educativi possano prevenire l'insorgere di questo fenomeno....
    io qualche idea ce l'ho...

    Se qualcuno può anche chiarirmi qualche punto oscuro sulle dinamiche dello stalking o consigliarmi qualche articolo, ne sarei grata.
    Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi era entrato.
    (Haruki Murakami)

  11. #11
    Postatore Epico L'avatar di Morgana-z
    Data registrazione
    27-01-2008
    Residenza
    nella terra in cui lo scirocco scompiglia i capelli e arruffa i pensieri
    Messaggi
    7,777
    Blog Entries
    128

    Riferimento: Stalking

    Vis grata puellae - Wikipedia

    ho trovato questo trafiletto di wikipedia....
    Ultima modifica di Morgana-z : 08-12-2009 alle ore 10.58.10
    Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi era entrato.
    (Haruki Murakami)

  12. #12
    Postatore OGM L'avatar di chiocciolina4
    Data registrazione
    12-04-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    4,820

    Riferimento: Stalking

    A me sembra che ci siano diverse forme che possono rientrare tutte nella grande famiglia dello stalking.

    C'è quello pericolosissimo dell'ex coniuge/compagno, che è quello che più spesso sfocia in tragedia, in cui possono anche verificarsi le dinamiche che hai descritto tu tra vittima e aggressore.

    Poi c'è quello del corteggiatore con disturbi mentali, che può assumere più o meno le stesse forme.

    Poi il corteggiatore incapace, cioè una persona che fa stalking "involontariamente" diciamo così, cioè non con intenti persecutori ma perchè ha grosse difficoltà relazionali, e ciò non toglie che di stalking si tratti e che sia sicuramente dannoso per la vittima.

    Poi c'è lo stalking professionale, ovvero una persecuzione di vario grado che ha la particolarità di avvenire in un contesto ad esempio terapeuta-paziente.

    Questa divisione è mia, ovviamente non ha nulla di scientifico.

    Avevo letto da qualche parte una differenziazione dei vari tipi di stalker, un articolo che ne parla è questo:
    Lo Stalking: conoscerlo e difendersi

    oppure questo:
    Stalking: persecuzione ossessiva

    Un vero amico ti pugnala sempre di fronte. (O. Wilde)

    Perchè per un uomo la psicoanalisi dura meno? Non c'è bisogno di regredire all'infanzia.

    Non sono cattiva, è che mi disegnano così...! -->

    Membro del Club del Giallo e addetta all'ufficio promozione e marketing - Tessera n° 2
    (Guardiana radar del gruppo insieme a RosaDiMaggio )

    Vieni a trovarci al social group!

  13. #13
    Partecipante Super Esperto L'avatar di neuromancer
    Data registrazione
    04-03-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    626
    Blog Entries
    8

    Riferimento: Stalking

    Citazione Originalmente inviato da chiocciolina4 Visualizza messaggio
    Poi il corteggiatore incapace, cioè una persona che fa stalking "involontariamente" diciamo così, cioè non con intenti persecutori ma perchè ha grosse difficoltà relazionali, e ciò non toglie che di stalking si tratti e che sia sicuramente dannoso per la vittima.
    Quindi chi ha difficoltà relazionali è uno stalker? quanto c'è di tuo in questa affermazione?

    ciaz.

  14. #14
    Postatore OGM L'avatar di chiocciolina4
    Data registrazione
    12-04-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    4,820

    Riferimento: Stalking

    Citazione Originalmente inviato da neuromancer Visualizza messaggio
    Quindi chi ha difficoltà relazionali è uno stalker? quanto c'è di tuo in questa affermazione?

    ciaz.
    assolutamente no, volevo dire che uno stalker non necessariamente ha dei disturbi mentali, ma "solo" delle difficoltà relazionali...questo non significa che chiunque abbia difficoltà relazionali è uno stalker. Di mio non c'è niente, in quanto questa affermazione l'hai detta tu e me l'hai attribuita tu. In ogni caso, se argomenti un po' di più la tua domanda fosse posso capire meglio cosa intendi.

    Un vero amico ti pugnala sempre di fronte. (O. Wilde)

    Perchè per un uomo la psicoanalisi dura meno? Non c'è bisogno di regredire all'infanzia.

    Non sono cattiva, è che mi disegnano così...! -->

    Membro del Club del Giallo e addetta all'ufficio promozione e marketing - Tessera n° 2
    (Guardiana radar del gruppo insieme a RosaDiMaggio )

    Vieni a trovarci al social group!

  15. #15
    Partecipante Super Esperto L'avatar di neuromancer
    Data registrazione
    04-03-2006
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    626
    Blog Entries
    8

    Riferimento: Stalking

    Citazione Originalmente inviato da chiocciolina4 Visualizza messaggio

    Poi il corteggiatore incapace, cioè una persona che fa stalking "involontariamente" diciamo così, cioè non con intenti persecutori ma perchè ha grosse difficoltà relazionali, e ciò non toglie che di stalking si tratti e che sia sicuramente dannoso per la vittima.
    Mi ha colpito questa tu affermazione. è strano pernsare ad un corteggiatore incapace che diventa ai tuoi occhi uno stalking involontario. Ecco la mia curiosa domanda che ti ha scaldato.
    Non attribuisco un bel nulla. Leggo ciò che scrivi.

    ciaz.

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo

Privacy Policy