• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 10

Discussione: Cuscocus

  1. #1

    Cuscocus

    Gentili utenti,
    avrei davvero bisogno di un aiuto per tentare di comprendere un sogno che mi ha un po' turbato. Cercherò di descriverlo così come lo ricordo.
    Mi trovo in un letto di ospedale e sto per partorire, mia madre è con me e mi sostiene con la sua presenza e tutto il suo affetto. Sento moltissimo dolore e riesco a percepire ogni dolore e trasformazione del mio corpo. Sento la "rottura delle acque" e vedo un cuscino sotto il mio bacino riempirsi di sangue e capisco che il bambino sta per venire alla luce. Il dolore aumenta sempre di più e io riesco a vedere la testa del bambino che affiora appena. Questa è l'ultima immagine che ricordo di questa prima parte del sogno, poi mi sono svegliata per il gran dolore all'addome (nella notte avevo infatti avuto le mestruazioni, per me dolorosissime), mi sono alzata e poi riaddormentata. Ora mi trovo sempre in compagnia di mia madre in un posto all'aperto, siamo arrivate lì con delle biciclette o dei motorini, non posso essere sicura, e forse stiamo andando a trovare delle persone. Ad un certo momento la mia bocca si riempie improvvisamente ed io sono costretta a vomitare (forse è più corretto dire a sputare) tutto quello che c'è al suo interno. Sputo a terra di tutto, aiutandomi con le mani, ricordo pezzi di stuzzicadenti rotti e anche insetti morti (farfalle). Nel sogno sono sconvolta e spaventata per tanto orrore e non capisco cosa mi sta accadendo, chiedo aiuto a mamma, anche lei spaventata per quello che vedeva. Dopo questo la mia bocca appena vuotata continua nuovamente a riempirsi da sola di nuovo materiale ed io ancora sono costretta a sputare per liberarmi ed ogni volta si riempie ancora e ancora. L'ultima volta si riempie di un materiale caramelloso e molto appiccicoso che rende ancora più difficile svuotare la mia bocca. Sono terrorizzata ed il sogno finisce. Voglio precisare che questa seconda parte del sogno non mi è nuova, spesso cioè ho sognato questo, cambiano solo i materiali di cui si riempie la mia bocca, ma il meccanismo è lo stesso. Ed ogni volta devo liberarmi, aiutandomi quasi sempre con le mani. Voglio anche precisare, per aiutare chi cercherà di trovare una spiegazione, che mio marito ed io siamo in attesa di partire per andare a prendere ns. figlio grazie ad una adozione internazionale. Non possiamo avere figli e abbiamo consapevolmente scelto di non accanirci nella via della fecondazione assistita, convinti che sia un dono poter adottare un bimbo che non si è "partorito", almeno non nel termine classico. Ho detto questo nella speranza che qualche informazione in più possa aiutare a far luce e chiarirmi il senso profondo di questo sogno che proprio non comprendo o non voglio comprendere. Grazie infinite a tutti coloro risponderanno. Cari saluti.
    So

  2. #2

    Riferimento: Cuscocus

    Il fatto che tu e tuo marito (perdonami il tu xD) stiate per adottare un figlio è un gesto di grande sensibilità e amore e il sogno è molto particolare perchè si divide in due momenti molto importanti.
    1) io credo che il fatto che stia per partorire è strettamente collegato a questo momento di vita in cui stai per adottare un bambino e forse è un chiaro segno del tuo profondo animo di rimorso perchè non puoi avere figli tuoi quindi nel sogno è stato necessario per la mente "simulare" il parto e i dolori che hai vissuto intensamente perchè erano guardacaso quelli del ciclo.
    2) il fatto di vomitare e liberarti la bocca di cose strane e poi ritrovarti roba appiccicosa e difficile da togliere secondo me significa che c'è qualcosa dentro di te, un dubbio non so, qualcosa di molto denso(come il caramello) che non ti permette di liberarti e di vivere serenamente, il fatto che lo trovi in bocca può significare che questo problema blocchi qualcosa in te (la bocca e la parola sono il mezzo per cui si comunica con il mondo esterno).

    Sono stato molto vago perchè appunto dovrei starci a pensare molto tempo e poi sono supposizioni perchè non sono ne uno psicologo ne uno studente, comunque sia, se non do fastidio a nessuno posso continuare a tirare fuori qualche altra piccola tesi!

  3. #3

    Riferimento: Cuscocus

    Ciao Guglielmo e grazie per la risposta.....e sì certo....se ti viene in mente altro ti prego di scrivere per aiutarmi a nuove riflessioni. Tuttavia non credo che il sogno legato al parto possa semplicemente essere catalogato come "rimorso" per non poter partorire naturalmente. Non è una scoperta recente la sterilità, è frutto di un dolore a cui ho dovuto molto lavorare, che ho vissuto e sentito tanto tempo fa. E' un lutto elaborato con cui ho fatto i conti e che ho accettato a livello profondo. L'adozione non è stata dettata da una insoddisfazione personale, non è un palliativo alla mia frustrazione di non poter aver figli biologici. Ci sono arrivata dopo un lungo perscorso personale, accompagnata anche dall'aiuto di psicologi. In questo momento oltre tutto sono molto felice, proprio perchè dopo tanti anni la gioia dell'incontro con mio figlio sta diventando una realtà. Non so......continuo a riflettere e ti ringrazio lo stesso per avermi risposto. Avrei voluto sentire il parere di persone "esperte" e continuerò ad aspettare. Ti auguro una buona giornata!
    So

  4. #4
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: Cuscocus

    Citazione Originalmente inviato da cuscocus Visualizza messaggio
    Gentili utenti,
    avrei davvero bisogno di un aiuto per tentare di comprendere un sogno che mi ha un po' turbato. Cercherò di descriverlo così come lo ricordo.
    Mi trovo in un letto di ospedale e sto per partorire, mia madre è con me e mi sostiene con la sua presenza e tutto il suo affetto. Sento moltissimo dolore e riesco a percepire ogni dolore e trasformazione del mio corpo. Sento la "rottura delle acque" e vedo un cuscino sotto il mio bacino riempirsi di sangue e capisco che il bambino sta per venire alla luce. Il dolore aumenta sempre di più e io riesco a vedere la testa del bambino che affiora appena. Questa è l'ultima immagine che ricordo di questa prima parte del sogno, poi mi sono svegliata per il gran dolore all'addome (nella notte avevo infatti avuto le mestruazioni, per me dolorosissime), mi sono alzata e poi riaddormentata. Ora mi trovo sempre in compagnia di mia madre in un posto all'aperto, siamo arrivate lì con delle biciclette o dei motorini, non posso essere sicura, e forse stiamo andando a trovare delle persone. Ad un certo momento la mia bocca si riempie improvvisamente ed io sono costretta a vomitare (forse è più corretto dire a sputare) tutto quello che c'è al suo interno. Sputo a terra di tutto, aiutandomi con le mani, ricordo pezzi di stuzzicadenti rotti e anche insetti morti (farfalle). Nel sogno sono sconvolta e spaventata per tanto orrore e non capisco cosa mi sta accadendo, chiedo aiuto a mamma, anche lei spaventata per quello che vedeva. Dopo questo la mia bocca appena vuotata continua nuovamente a riempirsi da sola di nuovo materiale ed io ancora sono costretta a sputare per liberarmi ed ogni volta si riempie ancora e ancora. L'ultima volta si riempie di un materiale caramelloso e molto appiccicoso che rende ancora più difficile svuotare la mia bocca. Sono terrorizzata ed il sogno finisce. Voglio precisare che questa seconda parte del sogno non mi è nuova, spesso cioè ho sognato questo, cambiano solo i materiali di cui si riempie la mia bocca, ma il meccanismo è lo stesso. Ed ogni volta devo liberarmi, aiutandomi quasi sempre con le mani. Voglio anche precisare, per aiutare chi cercherà di trovare una spiegazione, che mio marito ed io siamo in attesa di partire per andare a prendere ns. figlio grazie ad una adozione internazionale. Non possiamo avere figli e abbiamo consapevolmente scelto di non accanirci nella via della fecondazione assistita, convinti che sia un dono poter adottare un bimbo che non si è "partorito", almeno non nel termine classico. Ho detto questo nella speranza che qualche informazione in più possa aiutare a far luce e chiarirmi il senso profondo di questo sogno che proprio non comprendo o non voglio comprendere. Grazie infinite a tutti coloro risponderanno. Cari saluti.
    So
    Ciao, cuscocus, sono di passaggio e non ho molto tempo per rimanere collegato, però un feedback, relativamente al tuo sogno, vorrei postartelo.


    Come tu stessa scrivi, il sogno è diviso in due parti. Una, la seconda, non ti è nuova: rappresenta un tipo di scena che spesso si è ripetuta nei tuoi sogni (con “materiali” diversi). È probabile, quindi che questa parte rappresenti,simbolicamente, lo sfondo di riferimento in rapporto al quale comprendere anche il significato della prima parte.


    Inizio, pertanto, proprio dalla seconda parte.
    Questa parte sembra riferirsi all'emergere di vissuti e sensazioni negative, che hanno a che fare con strati profondi della tua femminilità (sei in compagnia di tua madre che, simbolicamente, rappresenta la matrice femminile, cioè ha a che fare con i modi con cui una persona vive la propria femminilità).
    Hai appena fatto un tratto di strada in bicicletta, insieme a tua mamma. La bicicletta, simbolicamente, rappresenta un percorso evolutivo faticoso (il pedalare implica dispendio di energie), comunque non facile e semplice.
    In questa situazione, la tua bocca si riempie e rigetti. Rigetti di tutto.
    La bocca rappresenta, simbolicamente, la possibilità di esprimere i propri vissuti interiori, soprattutto la capacità di verbalizzarli.
    Nel sogno, sembra essere presente un'urgenza espressiva di vissuti molto intensi che fanno fatica ad essere verbalizzati (ti impastano la bocca come una sostanza caramellosa) e possono, pertanto, essere esternati solo in forma agita (con il vomito - cioè in forme che bypassano la verbalizzazione - e con l'aiuto delle mani, che rappresentano, simbolicamente, l'azione).
    Si tratta, quindi, simbolicamente, dell'evacuazione di ansie e di paure che, per quanto, rielaborate (scrivi che hai fatto un lungo percorso di elaborazione e di accettazione della vostra situazione di non fertilità), permangono a livelli profondi della personalità e fanno fatica ad essere verbalizzate.


    Nel caso specifico, sembrano vissuti negativi che hanno a che fare con ansie legate al tema della propria realizzazione come donna (la farfalla, simbolo di realizzazione femminile, morta) e del proprio valore (lo stuzzicadente rotto - lo stuzzicadente serve per pulire i denti che rappresentano, a loro volta, la capacità di gestire in maniera efficace gli eventi della vita - ).
    Si tratta di vissuti che coinvolgono il modo come si percepisce la propria femminilità, nel profondo (anche tua madre, che rappresenta la matrice femminile, è spaventata), e sono difficili da verbalizzare, quindi da rielaborare (come una sostanza caramellosa, impastano la bocca).


    Ciò che caratterizza questo sogno, però, non è lo sfondo, ma la problematica simbolica espressa nella prima parte.


    La prima parte, simbolicamente, sembra abbastanza eloquente.


    Tu ti ritrovi in un letto di ospedale e stai per partorire.
    L'ospedale rappresenta, simbolicamente, la possibilità, per una persona, di alleviare le proprie sofferenze (fisiche, psicologiche o esistenziali) che, nel tuo caso, sembrano avere proprio a che fare con il significato simbolico della gravidanza (cioè della realizzazione, per una donna, della propria creatività femminile).
    È possibile che il sogno, letto in questa prospettiva, ti voglia dire che l'adozione che state per compiere (esito di un lungo percorso – bicicletta – di rielaborazione dei tuoi vissuti legati alla creatività femminile, drammatizzati nella seconda parte del sogno) la stai vivendo, simbolicamente, come un vero e proprio “parto”, cioè come qualcosa che, nel profondo (e per quanto dolorosamente), riconferma e ricostituisce il senso della tua creatività femminile (sei in un ospedale, sostenuta dalla tua mamma, che rappresenta proprio la matrice femminile).


    Queste sono le risonanze che il tuo sogno mi ha suscitato. Vedi tu se, in qualche modo, possono esserti utili.
    Ultima modifica di Hermes Ankh : 27-11-2009 alle ore 12.37.22


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  5. #5

    Riferimento: Cuscocus

    Caro Hermes Hankh, la tua risposta mi ha dato molto materiale su cui fermarmi a riflettere.....una parte di me stava pensando ad altro....cioè attribuivo questo sogno ad una mia attuale difficoltà ad esprimere in forma scritta (articoli) delle esperienze da poco concluse nel mio ambito lavorativo (lavoro con i bimbi malati e orfani dentro gli istituti) ed anche ad una recente possibilità di adottare un bambino che ha una patologia medica. Questa ipotesi ha naturalmente scatenato in me molte ansie e angosce. Mi ha nuovamente costretto a pensarmi nel ruolo di mamma adottiva di un bimbo non sano, con tutto quello che potrebbe comportare. Insomma non avevo affatto pensato all'antico dolore della mancata possibilità di generare dei figli bio. Dico "antico" perchè, per lo meno a livello cosciente, non mi sento affatto sfortunata e considero, oggi, tutto quello che ho vissuto un dono ed una grande possibilità di crescita per me. Ma poichè spesso ce la "raccontiamo" e penso che molte volte non siamo affatto capaci di vedere ciò che ci riguarda in maniera obiettiva, rifletterò con attenzione sulle tue parole. Grazie davvero di cuore. A presto!
    So

  6. #6
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: Cuscocus

    Citazione Originalmente inviato da cuscocus Visualizza messaggio
    Caro Hermes Hankh, la tua risposta mi ha dato molto materiale su cui fermarmi a riflettere.....una parte di me stava pensando ad altro....cioè attribuivo questo sogno ad una mia attuale difficoltà ad esprimere in forma scritta (articoli) delle esperienze da poco concluse nel mio ambito lavorativo (lavoro con i bimbi malati e orfani dentro gli istituti) ed anche ad una recente possibilità di adottare un bambino che ha una patologia medica. Questa ipotesi ha naturalmente scatenato in me molte ansie e angosce. Mi ha nuovamente costretto a pensarmi nel ruolo di mamma adottiva di un bimbo non sano, con tutto quello che potrebbe comportare. Insomma non avevo affatto pensato all'antico dolore della mancata possibilità di generare dei figli bio. Dico "antico" perchè, per lo meno a livello cosciente, non mi sento affatto sfortunata e considero, oggi, tutto quello che ho vissuto un dono ed una grande possibilità di crescita per me. Ma poichè spesso ce la "raccontiamo" e penso che molte volte non siamo affatto capaci di vedere ciò che ci riguarda in maniera obiettiva, rifletterò con attenzione sulle tue parole. Grazie davvero di cuore. A presto!
    So
    Ciao, cuscocus, leggendo, ora, il tuo nuovo post, potrei aggiungere, come stimoli alla tua riflessione, le seguenti due considerazioni:
    1. il vomito dalla bocca, per la simbologia sia della bocca (legata alla possibilità di verbalizzare vissuti profondi) che del "vomito" ("cibo" non completamente metabolizzato), ha a che fare più con problemi di rielaborazione e verbalizzazione di vissuti interiori che con difficoltà espressive tipo quelle a cui avevi pensato (trascrivere per iscritto materiali relativi ad esperienze lavorative...);
    2. le ansie e le angosce collegate alla possibilità di adottare un bambino con patologia medica, invece, possono benissimo spiegare perché si siano riacutizzati profondi vissuti negativi, legati alla realizzazione di te come donna (drammatizzati nella seconda parte del sogno); non direi, però, che li possano avere causati, ma, piuttosto, risensibilizzati (d'altra parte, se ho ben capito, si tratta di un tipo di sogno che facevi anche prima...).

    Alla prossima occasione.


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  7. #7

    Riferimento: Cuscocus

    Eccomi! Dopo qualche giorno di "assenza"! Grazie ancora Hermes Hankh! Sì....credo anch'io in una risensibilizzazione....questo è un periodo particolare e stanno venendo in superficie antichi dolori e paure, probabilmente non metabolizzate e accettate nel senso più pieno del termine. L'unico dubbio resta se ci può essere una differenza tra il vomito e ciò che mi accade nel sogno, che non definirei proprio un "dare di stomaco". Nel sogno cioè ciò che si materializza all'interno della mia bocca non viene dallo stomaco ma si crea da sè, all'improvviso. La mia bocca improvvisamente si riempie da sola ed inspiegabilmente, come fosse una magia, in senso negativo però, infatti ne sono inorridita. Vabbè era solo per capire se possono esserci delle differenze oppure no. Ho appena postato un sogno davvero insolito di mio marito! Mah.....forse siamo proprio da vedere....
    Cari saluti e alla prossima!!!!!

  8. #8
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: Cuscocus

    Citazione Originalmente inviato da cuscocus Visualizza messaggio
    (....) L'unico dubbio resta se ci può essere una differenza tra il vomito e ciò che mi accade nel sogno, che non definirei proprio un "dare di stomaco". Nel sogno cioè ciò che si materializza all'interno della mia bocca non viene dallo stomaco ma si crea da sè, all'improvviso. La mia bocca improvvisamente si riempie da sola ed inspiegabilmente, come fosse una magia, in senso negativo però, infatti ne sono inorridita. (...)
    La simbologia sembra abbastanza chiara.
    C'è qualcosa che devi verbalizzare (bocca), perché il non farlo ti produce una sorta di ingorgo espressivo (hai qualcosa in bocca che ti disturba, finché non esce).
    E' qualcosa, peraltro, che ti turba (mi è sembrato di capire) anche una volta verbalizzato. Prova a pensare se, una volta sputate le "cose" che ti si materializzano in bocca, stai meglio o continui ad essere "inorridita".
    Se stai meglio, vuol dire, forse, che la vebalizzazione ti è sufficiente per fare comprensione.
    Se continui ad essere "inorridita", vuol dire, probabilmente, che stai affrontando un punto molto sensibile e dolente della tua esperienza che richiede qualcosa di ulteriore, per essere accettato, rispetto alla verbalizzazione (anche se questa sembra, comunque, un passaggio decisivo per fare comprensione).

    Potresti chiederti, in questo secondo caso, per approfondire la comprensione: cos'è che sono riuscita a verbalizzare, ma non ancora ad accettare pienamente?


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  9. #9

    Riferimento: Cuscocus

    Hermes Hankh....no....dopo essermi liberata la bocca aiutandomi quasi sempre con le mani mi sento molto meglio....mi sento "sollevata" e lo spavento passa...tuttavia ricordo lo sconcerto per quello che sta accadendo....nel sogno infatti chiedo a mamma: "cosa mi sta succedendo mamma? e perchè mi succede questa cosa assurda?". Ma poi sto meglio realizzando che la bocca si svuota anche se attendo con grande spavento il successivo evento. Nel sogno come ti ho detto appena mi libero, dopo poco tempo, la bocca si riempie di nuovo per almeno tre o quattro volte, non ricordo. Grazie ancora. Ti posso disturbare per un ulteriore "caso"? Se ti va....quando hai tempo....l'altro sogno che ho pubblicato. Buonissima serata!

  10. #10
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: Cuscocus

    Citazione Originalmente inviato da cuscocus Visualizza messaggio
    Hermes Hankh....no....dopo essermi liberata la bocca aiutandomi quasi sempre con le mani mi sento molto meglio....mi sento "sollevata" e lo spavento passa...tuttavia ricordo lo sconcerto per quello che sta accadendo....nel sogno infatti chiedo a mamma: "cosa mi sta succedendo mamma? e perchè mi succede questa cosa assurda?". Ma poi sto meglio realizzando che la bocca si svuota anche se attendo con grande spavento il successivo evento. Nel sogno come ti ho detto appena mi libero, dopo poco tempo, la bocca si riempie di nuovo per almeno tre o quattro volte, non ricordo. Grazie ancora. Ti posso disturbare per un ulteriore "caso"? Se ti va....quando hai tempo....l'altro sogno che ho pubblicato. Buonissima serata!
    Se, dopo aver sputato, stai meglio, ma, successivamente, la bocca si riempie di nuovo, può voler dire che il problema viene attenuato dalla verbalizzazione (e, forse, dall'azione, visto che ti aiuti con le mani e le mani, simbolicamente, rappresentano l'agire concreto), ma non risolto, perché la "comprensione" ha bisogno di un processo più lungo.
    Chiamando in causa tua mamma (cioè la tua matrice femminile) riconfermi che, in qualche modo, il problema ha a che fare con l'espressione della tua femminilità.
    Ultima modifica di Hermes Ankh : 02-12-2009 alle ore 23.08.59


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

Privacy Policy