• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8

Discussione: Siti Pro-Ana

  1. #1

    Siti Pro-Ana

    Buongiorno a tutti

    Mi piacerebbe iniziare a riflettere insieme a voi su una cosa che mi ha veramente turbato e che parzialmente si aggancia a un post precedente.

    Avevo sentito parlare dei famosi siti “pro-ana” in cui si incontrano tutte quelle persone, di solito giovani donne, che condividono un aspetto della loro vita: l’anoressia.

    Incuriosita sono andata a visitarne alcuni e mi ha fatto veramente impressione leggere di persone che chiedono consigli su come non mangiare nulla durante il giorno, su come vomitare, su come arrivare alla 38 di taglia o a 40 chili!

    Ho provato una sensazione di sconforto e impotenza: oggi si fa un gran parlare di DCA di come uscirne, di come aiutare chi rovina la sua vita a causa di un rapporto conflittuale con il proprio corpo e con il cibo e invece, c’è tutto un mondo (e purtroppo molto “popoloso”) che rema contro.

    Mi ha impressionato soprattutto la rabbia di chi ha creato questi siti o blog: vogliono essere lasciate libere di scegliere l'anoressia che vivono come uno stile di vita!

    Mi sono venute di getto alcune domande, che rivolgo anche a voi:

    Che influenze possono avere questi siti su tutte quelle adolescenti che iniziano ad essere ossessionate dalla magrezza a tutti i costi?

    Cosa si potrebbe fare concretamente per creare una contro-cultura della magrezza?


    Pamela Serafini
    Ordine degli Psicologi del Lazio n. 14572

    Pamela Serafini

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di saraebax
    Data registrazione
    12-05-2006
    Residenza
    roma
    Messaggi
    108

    Riferimento: Siti Pro-Ana

    Ciao!
    In proposito vi invio il link ad un articolo pubblicato nella sezione alimentazione in cui ho approfondito il tema dei siti pro-ana (terribili!!!)


    PRO ANA: quando l'anoressia si nutre del web - Alimentazione E Peso Corporeo
    Sara Eba Di Vaio - Psicologa e Sessuologa
    Ordine Psicologi Lazio n° 9767

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: Siti Pro-Ana

    ciao.....Elisa...
    anche io sono venuta a conoscenza di questi siti...e oltre lo sgoemnto iniziale, quello che mi lascia perplessa è:
    1. come è possibile che siti del genere esistano?nel senso che..le auotrità non fanno nulla...per questo? è pensabile che siti del genere continuino a girare su internet,c he è alla portata di tutti?

    2. è allucinante, amio avviso come foto del genere NOn riescano a far nascere il dubbio in un apersona....nel senso.....sembrano così OGETTIVAMENTE ORRENDE quelle foto, che..chiunque le vede.."dovrebbe" poter riconsocere che, quantomeno NOn è sano, non è bello......ed invece questi siti, sono frequentati, ricercati....


    a me questo fa davevro riflettere!
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  4. #4

    Riferimento: Siti Pro-Ana

    Ciao Elisa, intanto benvenuta e grazie di aver dato il tuo contributo a questa discussione!

    A quanto pare qualcosa si sta muovendo per cercare di contrastare la diffusione dei siti Pro Ana.

    Leggendo, infatti , l’articolo della dottoressa Di Vaio, in Italia è stata fatta una proposta di legge che introduce il reato di “Istigazione all’Anoressia e alla Bulimia”, cosa che effettivamente questi siti, forum e blog fanno

    Proseguendo nella lettura dell’articolo sono rimasta colpita da alcuni passaggi del credo “Ana”:

    “Credo nel controllo, unica forza ordinatrice del caos che altrimenti sarebbe la mia vita”

    “Credo nella perfezione, mia unica meta verso la quale rivolgere tutti i miei sforzi”

    Così come altrettanto agghiacciante, uno dei comandamenti seguiti da coloro che condividono questa filosofia di vita:

    “Essere magri e non mangiare sono simbolo di vera forza di volontà e di autocontrollo”

    Quanta rabbia contro se stesse trapela da queste parole!!

    Non voglio pensare, però, che “ormai” le persone che assumono l’anoressia e la bulimia come modello di vita, anziché come una psicopatologia da cui uscire, stiano ad un punto di non ritorno.

    In che modo si potrebbe riportare queste persone all’amore per la vita e per se stesse? Cosa possiamo fare noi per diffondere un messaggio “Anti-Ana”?



    Pamela Serafini
    Ordine degli Psicologi del Lazio n.14572

    Pamela Serafini

  5. #5
    L'avatar di Bernardetta
    Data registrazione
    29-01-2005
    Residenza
    Abruzzo
    Messaggi
    65

    Riferimento: Siti Pro-Ana

    Ciao!
    Anch'io sono rimasta abbastanza colpita quando ho appreso per la prima volta dell'esistenza di questa "Filosofia Pro-Ana".
    L'anoressia e la bulimia diventano pericolosamente un valore positivo da perseguire e in cui credere...
    Ho fatto una piccola ricerca su Facebook, pensando che fosse un luogo privilegiato per l'incontro e lo scambio tra adolescenti.
    Effettivamente sono presenti molti gruppi di questo tipo, con tanto di credo, come riportato nell'articolo, foto, ecc. Molti hanno un accesso su richiesta.
    Mi ha colpito in particolare l'immagine-simbolo di uno di questi gruppi. Ve la allego perchè penso che parli da sè.
    Fortunatamente questi gruppi vengono chiusi se segnalati (e su questo noi possiamo fare tanto, segnalando) e sono presenti anche molti gruppi che contrastano questo movimento, promuovendo la salute attraverso una corretta alimentazione. Segno che qualcosa si muove...


    Bernardetta Morgante
    Psicologa
    Ordine Psicologi Abruzzo n. 1396
    Immagini allegate Immagini allegate
    Ultima modifica di Bernardetta : 24-11-2009 alle ore 20.52.10

  6. #6

    Riferimento: Siti Pro-Ana

    Ciao Bernadetta

    Ma lo sai che ai social network non avevo ancora pensato?
    Dopo il tuo suggerimento sono andata a cercare su Facebook sia i gruppi Pro-Ana sia quelli Anti-Ana e con grande conforto mi sono accorta che ci sono tantissime persone che la pensano come noi!

    Sono sicura che in casi come questi l'unione possa fare la forza e che si debbano sfruttare questi mezzi telematici che permettono di arrivare a tante persone!

    Prima ovviamente che anche le Autorità intervengano in maniera più incisiva, tutti noi possiamo fare i nostri piccoli passi sia attivando o aderendo a gruppi che diffondono un messaggio di benessere e cura di sè, sia segnalando il più possibile i gruppi che diffondono il credo ana!!

    Voi cosa ne pensate?


    Un caro saluto a tutti


    Pamela Serafini
    Ordine degli Psicologi del Lazio n. 14572

    Pamela Serafini

  7. #7
    Partecipante Figo L'avatar di valex82
    Data registrazione
    23-10-2004
    Residenza
    roma
    Messaggi
    914

    Riferimento: Siti Pro-Ana

    Sull'argomento è stato pubblicato abbastanza recentemente un libro piuttosto interessante: Magre da morire.


    Anch'io sono rimasta molto colpita quando ho scoperto l'esistenza di questi siti, e ho anche avuto modo di leggerne qualcuno...è doloroso leggere quante energie impiegano queste ragazze per distruggersi, e quanto il disturbo alimentare sia invasivo rispetto a tutte le altre sfere della vita.

    Queste ragazze si danno consigli su come dimagrire più in fretta, come non farsi scoprire, e hanno un decalogo e delle regole.

    mi chiedo come si possa intervenire, dal momento che chiudere questi blog e siti non ha in realtà nessuna efficacia...

  8. #8

    Riferimento: Siti Pro-Ana

    Ciao Valex82

    grazie per aver postato il titolo di quel libro di cui non ero a conoscenza, sicuramente sarà molto interessante saperne di più di tutte quelle persone che, come dici tu, impiegano molte delle proprie energie per distruggersi, combattendo il loro nemico: il cibo.

    Posso capire che può sembrare inutile segnalare i blog e i siti “Pro-ana” però credo che questo sia un piccolo gesto che ognuno di noi può fare per iniziare a rendere sempre più forte la voce “Contro-Ana”.

    Rimango, comunque, dell’idea che la prevenzione sia una via molto efficace per evitare che molte ragazze, spesso adolescenti, facciano proprio il valore della magrezza fino ad assumerlo a modello di vita.

    Ma quali canali possono essere più efficaci per veicolare un messaggio che vada nella direzione opposta all’anoressia e che raggiunga il maggior numero di persone possibile? A me vengono in mente la scuola, la moda…e a voi?

    Pamela Serafini
    Ordine degli psicologi del Lazio n. 14572

    Pamela Serafini

Privacy Policy