• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 17

Discussione: esperienze pre-morte

  1. #1
    indiana
    Ospite non registrato

    esperienze pre-morte

    Vorrei porre alla vostra attenzione una questione che mi ha sempre affascinato. La domanda che vi pongo non è se esita una vita oltre la morte, bensì vi chiederei una riflessione sul femenomeno dell'esperienza di pre-morte (Near-Death Experience). Alcuni anni fa lessi due libri sull'argomento di un certo Raymond Moody che parlava di persone che avevano vissuto esperienze del genere. Traggo alcuni frammenti per chiarire l'argomento:

    Quanto segue è stato estratto dai volumi "La vita oltre la vita", scritto dal dott. Moody e "La Morte e la Vita dopo la morte" (Ed. Mediterranee), della Dottoressa Elisabeth Kubler-Ross. Gli autori, hanno raccolto le testimonianze di persone "clinicamente morte" che, sottoposte a pratiche di rianimazione, sono tornate a vivere.
    Che cosa hanno provato mentre erano "morte"? Quali esperienze ci attendono nell'aldilà?

    I tipi di esperienze di pre-morte

    Quel che più mi ha stupito, sin da quando ho incominciato a fare queste ricerche, è stata la grande somiglianza delle varie esperienze, che tuttavia erano state vissute da individui di religione, educazione e origine diverse. Attualmente, so di 150 casi di pre-morte, e le esperienze da me esaminate possono venir raggruppate in tre distinte categorie:

    1. Le esperienze di persone tornate alla vita dopo essere state credute, ritenute o dichiarate clinicamente morte dai loro medici.

    2. Le esperienze di persone che, durante incidenti o ferite o malattie gravi, sono andate vicine alla morte fisica.

    3. Le esperienze di persone che, al momento della morte, hanno parlato ad altre persone presenti. Queste, in seguito, sono venute a riferirmene.


    Gli aspetti comuni delle esperienze di pre-morte

    Le circostanze che accompagnano l'immediata vicinanza con la morte sono assai diverse tra loro, e diverse le persone che hanno conosciuto tali esperienze, ma è stupefacente la somiglianza delle esperienze di pre-morte in quanto tali. L'analogia dei diversi resoconti è infatti tale da permettere l'individuazione dei seguenti elementi comuni, nell'ordine nel quale abitualmente si presentano.
    Un uomo sta morendo e, nel momento in cui ha raggiunto l'acme della sofferenza fisica, sente dalle parole del dottore di essere clinicamente morto. Avverte allora un rumore sgradevole, come un tintinnio o un ronzio, e contemporaneamente sente di muoversi con estrema rapidità lungo una galleria buia. Giunto al termine, avverte improvvisamente di essere uscito dal proprio corpo, ma di trovarsi ancora nell'ambiente in cui si trovava prima e vede in lontananza il suo stesso corpo, come se egli fosse soltanto uno spettatore. Da quella posizione privilegiata osserva gli eventuali tentativi di rianimazione e prova un senso di sconvolgimento emotivo.
    Dopo breve tempo, si riprende e si abitua alla sua strana condizione. Avverte di avere ancora un "corpo", ma di una natura assai diversa e dotato di poteri assai diversi da quelli del corpo fisico che ha lasciato dietro di sé. Cominciano allora ad accadere altre cose. Altri individui gli si fanno vicino per aiutarlo. Scorge gli spiriti di parenti e amici già morti e gli appare uno spirito di amore come egli non ha conosciuto mai: un Essere di luce.
    Questo Essere gli rivolge, senza parole, una domanda che lo esorta a valutare la propria vita, e lo aiuta mostrandogli, come in un playback, gli avvenimenti più importanti della sua esistenza.
    A un tratto si trova vicino a una barriera, o a un confine, che sembra rappresentare la divisione tra la vita terrena e l'altra vita. E tuttavia sente di dover tornare sulla terra, sente che non è ancora giunto per lui il momento della morte. Tenta di opporsi perché è ormai affascinato dall'altra vita e non vuole tornare in questa. È sopraffatto da intensi sentimenti di gioia, amore e pace. Tuttavia si riunisce in qualche modo al suo corpo fisico e torna alla vita.
    Più tardi tenta di riferire ad altri la sua esperienza, ma gli riesce difficile farlo. Non trova parole umane capaci di descrivere quegli episodi non terreni. Scopre inoltre che gli altri non lo prendono sul serio e rinuncia a parlare. Ma l'esperienza conosciuta segna la sua esistenza, in particolare le sue opinioni sulla morte e il suo rapporto con la vita.

    P.S. Qualcuno di voi ne ha già sentito parlare? Conosce esperienze simili in prima persona o indirettamente da altri...insomma spero che abbiate qualcosa di interessante da postare...opinioni, commenti, esperienze... quello che vi va!!



  2. #2
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di noone
    Data registrazione
    12-09-2003
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    1,144
    mammamia ke bello!!!!

    nn avevo mai sentito una cosa del genre...
    ora nn so quanto possa essere vicina alla realtà delle cose...

    ma una cosa è sicura... se fosse davvero così sarebbe davvero un esperienza della madonna!!!

    scusate i termini con cui mi sto esprimendo ma sono davvero colpito da ciò ke ho letto...

    nn desiderei altro dal "passaggio" vita-morte...

    sconvolgente!!!
    noone
    Signore e padrone dello spam | Ubi maior minor cessat... aural


    *comunicazione di servizio* aggiungete un "non è cosi, ma appartengo per principio all'opposizione" ad ogni mio post. grazie.


    Maledico ancora la sorte che mi ha fatto scivolare nella gola della scimmia di pietra. Che fine avevano fatto i miei sogni di saccheggiare galeoni e ubriacarmi di grog? Mi dissero: "3 piccole prove e sarai un pirata come noi!! Tutto normale!? Se solo avessi potuto reggere il ripugnante intruglio che quei poveracci di lupi di mare tracannavano, il resto sarebbe stato uno scherzo. Come potevo immaginare che avrei incontrato una donna bella e potente con un corteggiatore molto geloso e troppo stupido per capire che era morto da parecchi anni? E come potevo attraversare la scimmia di pietra per cercare un uomo che camminasse tre pollici da terra e desse fuoco alla sua barba ogni giorno?

    ... penso, quindi... VINCO!! | ...Misantropia che passione...

  3. #3
    Certo.. io ho qualche libro in merito. "Mi occupo" di questi argomenti da molti anni (ed ho anche aperto un portale sul Paranormale, su internet).

    Le esperienze di cui farli vengono principalmente raggruppate sotto il nome di EBE ("Extra Body Experience").

    L'argomento è interessantissimo quanto delicato, ma stai sicura che troverai sempre lo scettico che sa darti una "spiegazione razionale"; è divertente notare che lo scettico (per sostenere la sua tesi) fa più approssimazioni e congetture di uno studioso serio della materia

    ad ogni modo.. da quel che ho capito hai fatto una ricerca in merito di tuo pugno... ti piacerebbe scrivere un articolo al riguardo? fammi sapere via PM



    buon lavoro
    Remy Lebeau
    Fu Moderatore Dolce Vita e Raduni

    SeeTheLifeIveHad.CanMakeAgoodManBad
    • • • • framtida självmordsoffer • • • •

    [ regolamento del forum ] * [ regolamento de "La dolce vita" ]


  4. #4
    indiana
    Ospite non registrato
    Ciao Remy era da un pò che aspettavo una qualche risposta al thread che ho postato tempo fa. La cosa che ho notato è il numero di visite, non moltissime, ma la quasi inconsistenza di considerazioni, opinioni in merito all'argomento. Mi sono detta: chissà, forse la cosa interessa a pochi, nn suscita riflessioni, l'argomento morte è forse una sorta di tabù mentale che mette ansia, nessuno ha mai sentito di cose del genere (poco credibile, viste le stranezze che quotidianamente si sentono e si leggono), forse ho scelto un argomento che imbarazza notevolmente un forum che come oggetto ha la psicologia, che in un certo senso ha come scopo quello di dare spiegazioni razionali della realtà.
    Esperienze del genere, che siano vere o meno, disorientano un pò, mi rendo conto. Possibile però che nn susciti almeno un pò di curiosità? Mah....??
    Hai scritto che hai aperto un portale sul paranormale su internet, qual'e il suo indirizzo? Mi piacerebbe darci un'occhiata!


  5. #5
    t'ho risposto via PM con l'indirizzo (per netiquette!)..

    continua le ricerche e.. speriamo che risponda qlk altro
    Remy Lebeau
    Fu Moderatore Dolce Vita e Raduni

    SeeTheLifeIveHad.CanMakeAgoodManBad
    • • • • framtida självmordsoffer • • • •

    [ regolamento del forum ] * [ regolamento de "La dolce vita" ]


  6. #6
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    è interessante,tempo fa ne avevo sentito parlare,anche se le spiegazioni nel post di indiana sono molto più esaurienti di quel poco che ricordavo dell'argomento.
    Sono convinto che queste esperienze confermino una cosa del quale sono sicuro: la vita non siconclude con la morte del corpo.Di questo sono assolutamente certo;nel momento in cui il corpo muore,l'anima continua ad esistere e a mantenere coscienza e ha la possibilità di ricordare gli avvenimenti della propria ultima vita terrena ed anche delle precedenti

  7. #7
    Ricordo di aver letto tempo fa un articolo di alcune ricerche svolte in Olanda. In questi esperimenti, i soggetti venivano portati in condizioni di coma controllato per un certo periodo, e poi venivano interrogati per investigare appunto su queste esperienze. Non ricordo piu' molto, ma forse qualcosa a proposito si trova.
    Inoltre, secondo voi le esperienze extracorporee o i viaggi astrali (sensazione di distaccarsi dal corpo e di muoversi liberi da vincol, o anche di "viaggiare" in posti piu' o meno lontani) sono assimilabili alle esperienze di pre morte? Ci sarebbero probabilmente molte piu' esperienze e penso si tratti di un fenomeno piu' studiato, per pure questioni statistiche (è piu' frequente)
    ...but still I am the Cat who walks by himself, and all places are alike to me.

  8. #8
    indiana
    Ospite non registrato
    Ciao parsifal (matteo...gran bel nome) volevo porti una domanda. Leggendo il tuo post mi sono venute in mente alcune riflessioni. Tu scrivi:
    "Sono convinto che queste esperienze confermino una cosa del quale sono sicuro: la vita non si conclude con la morte del corpo.Di questo sono assolutamente certo;nel momento in cui il corpo muore,l'anima continua ad esistere e a mantenere coscienza e ha la possibilità di ricordare gli avvenimenti della propria ultima vita terrena ed anche delle precedenti."

    Quanto secondo te influisce del nostro bagaglio culturale, delle nostre credenze, della nostra impostazione "religiosa", nelle esperienze di pre-morte, o meglio nel nostro credere che l'anima sopravviva o meno dopo la morte? Tu dici di esserne assolutamente certo, ebbene, da dove proviene secondo te questa tua convinzione? Da esperienze avute? O da credenze assimilate?

  9. #9
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Ciao Indiana,preferisco risponderti in privato,e lo farò presto

  10. #10
    Eowin
    Ospite non registrato
    Premesso che ho letto il primo dei libri di Moody, volevo aggiungere che ho personalmente conosciuto una ragazza il cui padre, ateo convinto, nel corso di un arresto cardiaco per infarto ha visto il tunnel nero con la luce in fondo e una gran pace e qualcosa d'altro che non mi ricordo. Tutto questo, ha raccontato, è sopravvenuto dopo l'acme della sofferenza dell'infarto. Siccome è stato salvato, dice che da quel momento non ha più avuto paura della morte, ma anzi una serena certezza sull'esistenza dell'aldilà.
    Vorrei inoltre ricordare che, a latere (ma non troppo) della psicologia si colloca la parapsicologia, disciplina che ha annoverato tra i suoi culturi personaggi del calibro di Emilio Servadio, che fino alla sua scomparsa ha curato una rubrica sulla rivista italiana "decana" del settore, il mitico Giornale dei Misteri.
    Se Remy volesse segnalare anche a me l'indirizzo del suo sito sarei lieta di visitarlo.

  11. #11
    ZoShe
    Ospite non registrato
    BLA BLA BLA -_-
    Ultima modifica di ZoShe : 07-12-2006 alle ore 03.52.17

  12. #12
    Partecipante Assiduo L'avatar di darkchild72
    Data registrazione
    12-01-2004
    Residenza
    tra sogno e realtà
    Messaggi
    143
    allucinante!....ho letto alcune cose...c'è da m o r i r e !!!!

  13. #13
    Pasionaria
    Ospite non registrato

    la vita nella morte

    Ciao a tutti,
    sono rimasta particolarmente colpita dalla discussione riguardo le esperienze di pre-morte e , di conseguenza, riguardo la vita dopo la morte.
    Vorrei esprimere il mio parere che si basa, purtroppo, sull'evento più triste della mia vita:
    tre anni fa mia madre fece un sogno in cui mia nonna la guardava tristemente indicandole una bara...il giorno seguente abbiamo perso la persona che più amavamo (e amiamo).
    Quel terribile sogno premonitore è la prova che c'è qualcosa al di là della morte,probabilmente una sorta di mondo parallelo con leggi fisiche diverse rispetto a quelle che conosciamo noi, totalmente differente da come noi potremmo immaginarlo..ma deve esserci qualcosa se altre persone hanno avuto esperienze simili alla mia che, vi assicuro, non si spiega in alcun modo...

  14. #14
    Super Postatore Spaziale L'avatar di Accadueo
    Data registrazione
    31-03-2003
    Messaggi
    2,536
    io sono scettico riguardo a queste storie.. , non metto in dubbio i resoconti che le persone fanno riguardo a quello che dicono di aver vissuto, quello che mi viene da pensare è alle miriadi di persone che hanno anche vissuto esperienze di pre-morte e non hanno 'visto' nulla.. e, sempre queste, una volta 'ritornati' a vita terrena, dichiarano anche essi di non avere più paura della morte, di essere sereni e, in un certo senso, di avere capito il senso della vita. Perchè dunque non capita a tutti coloro che "vivono" questa esperienza? Quello che voglio dire è che se la morte è l'unica cosa finora certa del 'reale' e degli esseri viventi , e se queste esperienze, così come raccolte da Moody, siano strettamente legate alla morte, allora perchè non sono tutti a passarci (dal tunnel)?

  15. #15
    Ospite non registrato

    Re: esperienze pre-morte

    Questioni molto interessanti e..coinvolgenti.
    Una riflessione che suscitano riguarda il "peso" dei nostri desideri sulle opinioni che abbiamo in materia. Il desiderio di credere che non sia tutto finito con l'inevitabile morte fisica, il desiderio di una vita oltre la morte addirittura preferibile alla vita che conosciamo. Non manca nemmeno un rendiconto delle nostre azioni terrene in forma molto più new age (fortunatamente) di quella propostaci dal vecchio Dante. Altri tempi.
    Nelle mie parole non vuole esserci sarcasmo nè cieco scetticismo. Mi sembra si debba fare comunque i conti con obiezioni simili.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy