• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 10

Discussione: morte di Van Gogh

  1. #1
    Partecipante
    Data registrazione
    26-07-2009
    Messaggi
    30

    morte di Van Gogh

    Mi trovavo su un aereo, seduta davanti, con i capelli legati dietro la testa ed un cappuccio sopra. Un tizio, non in modo offensivo, mi indica a chi gli siede accanto, dicendo che sembro un cane per come sto (avevo anche la frangia) e io gli do ragione. Spinta da questa cosa tiro giù il cappuccio, mi sciolgo i capelli e stavano bene, stirati... Allora il signore rettifica: Ah, allora è il modo in cui ti fai lo shampoo!

    Finito il volo sono in strada, forse tra altre persone di cui però ricordo solo mia madre. Camminando ci imbattiamo in un cane bianco e marrone, molto tenero, leggermente dimesso, con un occhio cieco. Mi accorgo subito che per avergli dato corda mi si era attaccato.. Lo aiuto a liberarsi da una biciclettina rossa con cui stava facendo qualcosa (forse ci andava proprio!) che gli era finita addosso..
    Poi c'era una macchina in cui c'era il cadavere di Van Gogh, il cane era il suo... Questo cane stava moggio moggio, tutto rannicchiato...rattristato per la perdita, infatti non ricordo se lo diceva proprio lui o lo dicevo io a mia madre che lui "voleva stare con van gogh"... Ma a quanto pareva era come se Van Gogh il cane lo avesse lasciato a me o comunque decidevo io di prendermene cura.
    Mia madre entra in questa macchina e intanto io faccio non so cosa nel cofano, lei sente il rumore e pensa sia il cane che scava...mi fa una ramanzina per non avergli fatto lezione di non scavare, ma le spiego che i rumori li avevo fatti io. Questo è tutto ciò che ricordo...

    Caro Hermes, se hai anche una vaga idea di cosa possa voler significare... Senza impegno visto che ho letto che sei ultra impegnato ma te ne sarei davvero grata!
    L'unica precisazione che riesco fare riguarda il personaggio di Van Gogh. Ho dato di mia spontanea iniziativa 3 possibili versioni, che ti segno sotto in ordine di "probabilità"...

    1. Van Gogh rappresenta l'uomo già trattato in precedenti sogni, quello col matrimonio alle spalle e più grandi di me di molti anni, che ho amato, aspettato ma con cui non ho mai ottenuto concretizzazione. L'ho pensato perchè lui di Van Gogh ne parlava spesso...

    2. Van Gogh è la mia parte artistica... parte che ci terrei a far venir fuori ma con cui ho estreme difficoltà perchè tendo ad essere rinunciataria in partenza...è una cosa che mi provoca da sempre sofferenza.

    3. Van Gogh è il ragazzo nuovo, di cui pure ti ho parlato in precedenti sogni, ma che però continua a non convincermi quanto il vecchio in quanto i sentimenti mi sembrano più "decisi pur di andare avanti e avere una vita sentimentale" piùttosto che forti e sentiti. All'inizio non lo pensavo ma di recente ho subito una forte regressione emotiva e nei suoi confronti nutro quasi un rigetto... mi sento insomma dinuovo presa dal vecchio amore. Quest'ultima possibilità la sento la meno probabile ma l'ho inserita perchè mi è venuto alla mente che Van Gogh si chiamava Vincent, come il ragazzo in questione. Ci tengo a precisare comunque che quando ho fatto questo sogno ancora non era avvenuta la regressione emotiva, forse questo può essere un dettaglio importante. La regressione è avvenuta pochi giorni dopo..


    Spero almeno tu riesca a cavarne qualcosa, grazie mille,
    La Clessidra

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: morte di Van Gogh

    Citazione Originalmente inviato da La Clessidra Visualizza messaggio
    Mi trovavo su un aereo, seduta davanti, con i capelli legati dietro la testa ed un cappuccio sopra. Un tizio, non in modo offensivo, mi indica a chi gli siede accanto, dicendo che sembro un cane per come sto (avevo anche la frangia) e io gli do ragione. Spinta da questa cosa tiro giù il cappuccio, mi sciolgo i capelli e stavano bene, stirati... Allora il signore rettifica: Ah, allora è il modo in cui ti fai lo shampoo!

    Finito il volo sono in strada, forse tra altre persone di cui però ricordo solo mia madre. Camminando ci imbattiamo in un cane bianco e marrone, molto tenero, leggermente dimesso, con un occhio cieco. Mi accorgo subito che per avergli dato corda mi si era attaccato.. Lo aiuto a liberarsi da una biciclettina rossa con cui stava facendo qualcosa (forse ci andava proprio!) che gli era finita addosso..
    Poi c'era una macchina in cui c'era il cadavere di Van Gogh, il cane era il suo... Questo cane stava moggio moggio, tutto rannicchiato...rattristato per la perdita, infatti non ricordo se lo diceva proprio lui o lo dicevo io a mia madre che lui "voleva stare con van gogh"... Ma a quanto pareva era come se Van Gogh il cane lo avesse lasciato a me o comunque decidevo io di prendermene cura.
    Mia madre entra in questa macchina e intanto io faccio non so cosa nel cofano, lei sente il rumore e pensa sia il cane che scava...mi fa una ramanzina per non avergli fatto lezione di non scavare, ma le spiego che i rumori li avevo fatti io. Questo è tutto ciò che ricordo...

    Caro Hermes, se hai anche una vaga idea di cosa possa voler significare... Senza impegno visto che ho letto che sei ultra impegnato ma te ne sarei davvero grata!
    L'unica precisazione che riesco fare riguarda il personaggio di Van Gogh. Ho dato di mia spontanea iniziativa 3 possibili versioni, che ti segno sotto in ordine di "probabilità"...

    1. Van Gogh rappresenta l'uomo già trattato in precedenti sogni, quello col matrimonio alle spalle e più grandi di me di molti anni, che ho amato, aspettato ma con cui non ho mai ottenuto concretizzazione. L'ho pensato perchè lui di Van Gogh ne parlava spesso...

    2. Van Gogh è la mia parte artistica... parte che ci terrei a far venir fuori ma con cui ho estreme difficoltà perchè tendo ad essere rinunciataria in partenza...è una cosa che mi provoca da sempre sofferenza.

    3. Van Gogh è il ragazzo nuovo, di cui pure ti ho parlato in precedenti sogni, ma che però continua a non convincermi quanto il vecchio in quanto i sentimenti mi sembrano più "decisi pur di andare avanti e avere una vita sentimentale" piùttosto che forti e sentiti. All'inizio non lo pensavo ma di recente ho subito una forte regressione emotiva e nei suoi confronti nutro quasi un rigetto... mi sento insomma dinuovo presa dal vecchio amore. Quest'ultima possibilità la sento la meno probabile ma l'ho inserita perchè mi è venuto alla mente che Van Gogh si chiamava Vincent, come il ragazzo in questione. Ci tengo a precisare comunque che quando ho fatto questo sogno ancora non era avvenuta la regressione emotiva, forse questo può essere un dettaglio importante. La regressione è avvenuta pochi giorni dopo..


    Spero almeno tu riesca a cavarne qualcosa, grazie mille,
    La Clessidra
    Ciao, La Clessidra, nella prima parte del tuo nuovo sogno sei su di un aereo.
    L'aereo rappresenta un mezzo veloce di evoluzione collettiva (nell'aereo ci sono molte persone dirette verso la stessa meta).
    I capelli rappresentano i pensieri.
    Pur aprendoti ad altre relazioni sociali (sei su di un aereo...), sembra dirti il sogno, la tua mente, i tuoi pensieri continuano ad essere fermi al passato, in questo senso sono “legati”. Ciò ti impedisce di pensare a nuove possibilità che ti si aprono (il cappuccio che ti copre i capelli) e che potrebbero valorizzarti come donna (se vuoi, hai dei bei capelli lunghi ed ordinati).


    Ti dicono (senza cattiveria) che, conciata così, assomigli a un cane.
    Il cane rappresenta la fedeltà a qualcuno (anche a se stessi) o a qualcosa...


    La prima parte del tuo sogno ti dice, quindi, che non esprimi compiutamente le tue potenzialità femminili (capelli lunghi e ben curati, segno di femminilità), ti trattieni perché i tuoi pensieri sono legati al passato (capelli legati) e ciò ti impedisce di essere aperta alle possibilità che ti si presentano nel contesto socio-relazionale in cui sei inserita (aereo, prima, strada, poi).


    La seconda parte del sogno ti dice che il percorso evolutivo con il tuo Van Gogh (chiunque esso sia, anche se, per me, rappresenta la persona del passato...) è, per te, terminato.
    Nella macchina, c'è solo un cadavere, cioè una presenza del passato, ormai non più vitale.


    Rimane il cane che, in generale, è simbolo di fedeltà.


    Nel tuo sogno, a mio modo di vedere, il cane viene ad assumere una doppia funzione:
    A) da un certo punto di vista, ti rappresenta; il cane del tuo sogno “voleva stare con Van Gogh”, così come tu, forse, vorresti stare ancora con il tuo Van Gogh;
    B) da un altro punto di vista, rappresenta, invece, una specie di realtà transizionale fra te e il tuo passato Van Gogh, che ti aiuta a gestire, in qualche modo, la separazione (oppure, al contrario, che prolunga una situazione di non separazione: nel racconto scrivi che “era come se Van Gogh il cane lo avesse lasciato a me”).


    Che tua madre, alla fine del sogno, entri in macchina (mezzo di evoluzione) e ti faccia, come dici, una ramanzina (pensando, ovviamente, che il cane - cioè tu, in quanto il cane ti rappresenta - si fermasse a scavare, cercando, inutilmente, l'osso passato...) significa, probabilmente, che una parte di te (raffigurata da tua mamma che, simbolicamente, rappresenta la matrice femminile di una persona) vuole procedere oltre... e non rimanere legata alle ossa, nascoste, del passato.




    Queste, ovviamente, sono solo mie risonanze.
    Ultima modifica di Hermes Ankh : 12-11-2009 alle ore 19.04.44


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  3. #3
    Partecipante
    Data registrazione
    26-07-2009
    Messaggi
    30

    Riferimento: morte di Van Gogh

    Carissimo Hermes,
    prima di tutto, grazie mille per questa tua risposta.

    Concordo con te per quanto riguarda la figura di Van Gogh...Pur avendo lasciato spazio ad un altro paio di possibilità, infatti, il mio primo pensiero è stato che si trattasse dell'uomo del mio passato. Anche se, nei miei pensieri, come dice appunto il sogno, morto non ci è per niente!
    Questo accade perchè fondamentalmente dal vecchio non mi ci sono staccata per un calo di sentimenti, bensì per la non concretizzazione che ne ottenevo da ormai troppo tempo.
    A pagarne le spese di questi miei tentativi di restare avvinghiata al passato è logicamente il futuro, come si evince dalla scena in aereo.

    Ciò che mi domando ora, si riferisce a questa frase: il percorso evolutivo con il tuo Van Gogh è, per te, terminato.
    non so se una risposta unica a questa domanda esiste, ma tentar non nuoce... Mi ha colpito il tuo "per te"...
    Che Van Gogh sia morto, vuol dire che non c'è più possibilità nella mia vita di intraprenderci un rapporto o che è morto dentro me il bisogno di averlo questo rapporto?

    Non vorrei essere fraintesa, non cerco, ovviamente, da te delle risposte personali che solo io stessa posso essere in grado di darmi... La mia domanda vuole essere più che altro basata sul meccanismo di un sogno simile, sull'angolazione da cui guardare le cose per trarne dei messaggi...
    Ed infine...
    L'occhio cieco del cane (che, si, era Van Gogh a lasciarmi..io sapevo che da quel momento in poi me ne sarei dovuta occupare io) penso sia un simbolo importante, e pur conoscendone il significato, non riesco a "capirlo" nel contesto del sogno.. Tu che idea avresti?

    Grazie ancora, sei grande!

  4. #4
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: morte di Van Gogh

    Citazione Originalmente inviato da La Clessidra Visualizza messaggio
    Carissimo Hermes,
    prima di tutto, grazie mille per questa tua risposta.

    Concordo con te per quanto riguarda la figura di Van Gogh...Pur avendo lasciato spazio ad un altro paio di possibilità, infatti, il mio primo pensiero è stato che si trattasse dell'uomo del mio passato. Anche se, nei miei pensieri, come dice appunto il sogno, morto non ci è per niente!
    Questo accade perchè fondamentalmente dal vecchio non mi ci sono staccata per un calo di sentimenti, bensì per la non concretizzazione che ne ottenevo da ormai troppo tempo.
    A pagarne le spese di questi miei tentativi di restare avvinghiata al passato è logicamente il futuro, come si evince dalla scena in aereo.

    Ciò che mi domando ora, si riferisce a questa frase: il percorso evolutivo con il tuo Van Gogh è, per te, terminato.
    non so se una risposta unica a questa domanda esiste, ma tentar non nuoce... Mi ha colpito il tuo "per te"...
    Che Van Gogh sia morto, vuol dire che non c'è più possibilità nella mia vita di intraprenderci un rapporto o che è morto dentro me il bisogno di averlo questo rapporto?

    Non vorrei essere fraintesa, non cerco, ovviamente, da te delle risposte personali che solo io stessa posso essere in grado di darmi... La mia domanda vuole essere più che altro basata sul meccanismo di un sogno simile, sull'angolazione da cui guardare le cose per trarne dei messaggi...
    Ed infine...
    L'occhio cieco del cane (che, si, era Van Gogh a lasciarmi..io sapevo che da quel momento in poi me ne sarei dovuta occupare io) penso sia un simbolo importante, e pur conoscendone il significato, non riesco a "capirlo" nel contesto del sogno.. Tu che idea avresti?

    Grazie ancora, sei grande!
    Ciao, La Clessidra, sul cane "cieco", bianco e marrone, che si trovava sotto una biciclettina rossa che gli era caduta sopra (forse, mentre stava tentando di usarla), avevo volutamente glissato, nel mio precedente post, per evitare di interpretare troppo.

    Dal momento che me lo chiedi, ti dico quali sono le risonanze che ha suscitato in me, precisandoti, comunque, che, a questo livello, siamo nell'ambito delle pure ipotesi interpretative.

    Il cane, in generale, rappresenta la fedeltà. Il cane del tuo sogno è bianco e marrone. Vorrebbe un rapporto totale (colore bianco), senza condizionamenti, e tale da potergli dare soddisfazione nella vita concreta di tutti i giorni (colore marrone).
    Il tuo cane è cieco ad un occhio. Simbolicamente, vuol dire che non riesce ad avere una visione binoculare, cioè non riesce ad avere una visione chiara di tutte le variabili, finisce per sopravvalutare certi aspetti della situazione (quelli affettivi, a scapito di una visione realistica?). D'altra parte l'amore (si dice) è "cieco".
    Il tuo cane è imbrigliato sotto una biciclettina rossa che gli è caduta sopra.
    La bicicletta è un mezzo per procedere, nella vita, con impegno e fatica. La biciclettina è rossa. Il rosso è il colore dell'intensità passionale.
    Fuori metafora, il cane, forse, rappresenta una fedeltà ad oltranza verso il proprio Van Gogh, legata ad una forte intensità passionale (rosso), che rende ciechi.
    La realtà è diversa. Il percorso del cane è difficoltoso (biciclettina) e destinato a fallire (la biciclettina gli cade addosso).
    Il cane, però, resta, comunque, fedele al suo Van Gogh...


    Questo è quello che avrei potuto scrivere nel post precedente... e che non ho scritto per non interpretare troppo.
    Neppure ora voglio tirare conseguenze.
    Vedi tu se ti può essere utile per una tua riflessione.

    Ciao, alla prossima occasione.


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  5. #5
    Partecipante
    Data registrazione
    26-07-2009
    Messaggi
    30

    Riferimento: morte di Van Gogh

    Grazie Hermes per questa ulteriore probabilità di interpretazione, direi che con la realtà dei fatti si sposa più che bene

    Scusa se continuo a disturbarti ma a proposito di nani e bassa statura...leggendo il sogno di whitecrystal mi è venuta una curiosità...

    Partiamo dal presupposto che la persona -Van Gogh- a cui spesso si riferiscono i miei sogni ha 50 anni ed io ne ho 21. E che ho un cugino che ha il suo stesso nome ma che di anni ne ha 19...

    Un paio di mesi fa sognai che tale cugino mi diceva che erano 2 anni che era innamorato di me. Io, che ricambiavo, gli chiedevo perchè non me l'aveva mai detto. Non ricordo che risposta mi ha dato, ma si capiva che aveva tenuto nascosto per fattori esterni (decoro, visto che eravamo cugini) e di insicurezza... aveva un'aria arrendevole!

    Personalmente vedo nella situazione incestuosa che ci sarebbe tra me e mio cugino, una metafora della problematica dell'enorme differenza d'età che divide me e l'uomo in questione. All'esterno, infatti, nessuna delle due situazioni sarebbe vista di buon occhio.
    I 2 anni d'innamoramento di cui parla mio cugino, sono, in effetti, i 2 anni che io ho passato (e che direi sono ancora in corso...) in attesa, in quanto proprio 2 anni fa è iniziato tutto... all'inizio tutto bellissimo, entrambi presissimi ed io convinta che saremmo stati insieme, poi dopo un pò è stata solo attesa in quanto lui pur volendomi mi trattava come una minaccia fino poi ad arrivare a smettere proprio di avere contatti.
    L'elemento che non so metaforizzare da sola è il fatto che il sogno ha impersonificato l'uomo di 50 anni nel ragazzino di 19....sempre se c'è un significato in questo, altrimenti direi che il sogno è abbastanza chiaro...
    Ultima modifica di La Clessidra : 17-11-2009 alle ore 12.17.19

  6. #6

    Riferimento: morte di Van Gogh

    Ciao La Clessidra, ho fatto un sogno simile che ho postato proprio nel post sul nano di whitecrystal. Non saprei...ma forse anche nel tuo caso questo rimpicciolirsi è una metafora che rispecchia l'insicurezza della persona! Anche se non escluderei, nel tuo caso, che la figura del 19enne possa voler dire che la persona in questione ha maturato (dal tuo punto di vista di sognatrice ovviamente) solo per metà questo suo aspetto nei confronti della relazione... Nel sogno ti dice che ti ama da due anni, ma forse tu lo sogni 19enne perchè percepisci i suoi sentimenti nei tuoi confronti non completamente sviluppati.
    Certo sono solo mie supposizioni, di più nin sò
    Ciao.

  7. #7
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: morte di Van Gogh

    Citazione Originalmente inviato da La Clessidra Visualizza messaggio
    Grazie Hermes per questa ulteriore probabilità di interpretazione, direi che con la realtà dei fatti si sposa più che bene

    Scusa se continuo a disturbarti ma a proposito di nani e bassa statura...leggendo il sogno di whitecrystal mi è venuta una curiosità...

    Partiamo dal presupposto che la persona -Van Gogh- a cui spesso si riferiscono i miei sogni ha 50 anni ed io ne ho 21. E che ho un cugino che ha il suo stesso nome ma che di anni ne ha 19...

    Un paio di mesi fa sognai che tale cugino mi diceva che erano 2 anni che era innamorato di me. Io, che ricambiavo, gli chiedevo perchè non me l'aveva mai detto. Non ricordo che risposta mi ha dato, ma si capiva che aveva tenuto nascosto per fattori esterni (decoro, visto che eravamo cugini) e di insicurezza... aveva un'aria arrendevole!

    Personalmente vedo nella situazione incestuosa che ci sarebbe tra me e mio cugino, una metafora della problematica dell'enorme differenza d'età che divide me e l'uomo in questione. All'esterno, infatti, nessuna delle due situazioni sarebbe vista di buon occhio.
    I 2 anni d'innamoramento di cui parla mio cugino, sono, in effetti, i 2 anni che io ho passato (e che direi sono ancora in corso...) in attesa, in quanto proprio 2 anni fa è iniziato tutto... all'inizio tutto bellissimo, entrambi presissimi ed io convinta che saremmo stati insieme, poi dopo un pò è stata solo attesa in quanto lui pur volendomi mi trattava come una minaccia fino poi ad arrivare a smettere proprio di avere contatti.
    L'elemento che non so metaforizzare da sola è il fatto che il sogno ha impersonificato l'uomo di 50 anni nel ragazzino di 19....sempre se c'è un significato in questo, altrimenti direi che il sogno è abbastanza chiaro...
    Ciao, La Clessidra, ho visto solo ora il tuo nuovo post.
    E' possibile che il sogno abbia metaforizzato l'uomo di 50 anni nel ragazzino di 19 perché il punto di unione non è l'età, ma la sensazione di compiere un qualcosa di "incestuoso". In un caso, perché si tratta di tuo cugino, nell'altro perché, forse, una parte di te vive la figura di Van Gogh come una figura che richiama quella paterna (e fa, quindi, scattare fantasie incestuose).


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  8. #8
    Partecipante
    Data registrazione
    26-07-2009
    Messaggi
    30

    Riferimento: morte di Van Gogh

    Citazione Originalmente inviato da Hermes Ankh Visualizza messaggio
    E' possibile che il sogno abbia metaforizzato l'uomo di 50 anni nel ragazzino di 19 perché il punto di unione non è l'età, ma la sensazione di compiere un qualcosa di "incestuoso". In un caso, perché si tratta di tuo cugino, nell'altro perché, forse, una parte di te vive la figura di Van Gogh come una figura che richiama quella paterna (e fa, quindi, scattare fantasie incestuose).

    Wow Hermes,
    leggo solo ora che scrivevi della figura paterna e bella coincidenza, posso darti piena ragione per via di un sogno fatto pochi giorni fa!

    A livello conscio io non mi sono mai resa conto di avvertire questo disagio rispetto alla sua età, tutt'altro, ho sempre per così dire incolpato lui d'esser vittima di regole di dignità basate non sul proprio sentire ma su schemi mentali della società che ci circonda... A seguito di un pò di sogni che sto facendo, però, mi sto rendendo conto che anche io inconsciamente sono stata influenzata da questa problematica, il che per me è una vera sorpresa!

    Mi trovavo in un edificio al chiuso in cui camminavano varie persone, ad un certo punto vedo Julia Roberts avanzare fissandomi con occhi particolarmente grandi, in maniera immobile ed intensa e con un sorriso seriamente "disturbante". Sia lo sguardo che il sorriso erano penetranti ed ambigui ed erano quelli della Gioconda di Leonardo. Era in pratica come se il volto della Mona Lisa fosse impresso su quello della Roberts. Era davvero turbante e quasi irreale.
    Il sogno prosegue senza più questa tensione e mi trovo con una persona di sesso maschile ad un banco in cui si vendevano articoli su Paolo Fox, l'astrologo. Questa persona prende in prestito un libro, o almeno non compra l'ufficiale bensì una copia fotocopiata, per non spendere soldi. Io compro un calendario ufficiale, per risparmiare sul libro ed avere comunque le previsioni.
    Immediatamente dopo arriva Paolo Fox e noi gli andiamo incontro. Il ragazzo gli porge il libro per farselo autografare e Paolo si lamenta scherzosamente dicendo "eh ma potreste comprarlo una volta tanto!", al che io mi faccio avanti mostrandogli il calendario ufficiale appena comprato e lui mi utilizza come esempio per l'altro ragazzo.
    Mentre scrive sul mio calendario con pennarello rosa gli dico il mio segno zodiacale ed il mio ascendente e lui sempre in modo "brioso" (era molto affettuoso e allegro) dice "mamma mia, che casino! immagino che casino hai dentro di te". Io gli do ragione e altrettanto sorridente dico a mia madre che era lì accanto "hai visto?? che ti dico sempre io?" , poi paolo prosegue dicendo "questi 20 giorni vanno così, tu sei presa da un torello mammone che ti ricorda anche un padre". Questa frase la dice in maniera affettuosamente rimproverevole nei confronti del "torello", cioè quello che si percepiva era che avevo a che fare con una persona dalla "testa dura" che senza cattive intenzioni mi faceva un pò penare, nonostante ricambiasse.
    Ovviamente anche qui c'è il mio assenso e poi per salutarci ci abbracciamo come fossimo grandi amici, per molto tempo e con molto affetto. io gli dico che gli voglio bene e il sogno finisce.

    Quando mi sono svegliata ho cercato su internet dei riferimenti alla Monna Lisa perchè quella parte mi ha davvero colpita molto. Tra le pagine ho trovato un film dal titolo Mona Lisa Smile in cui la protagonista è proprio Julia Roberts, io questo film non l'ho mai visto ma forse ne avrò sentito parlare e da questo sarà nata l'impersonificazione nel sogno.
    Sta di fatto che ho letto la trama e ho scoperto che la Roberts, nei panni di insegnante di storia dell'arte, dava lezioni su Van Gogh!
    Altra cosa interessante e che non sapevo o non ricordavo, è che tra le varie ipotesi che ho letto riguardo l'identità della donna del ritratto, ce n'è una che parla di una diciannovenne che si sposa con un uomo di 20 anni più grande di lei, già reduce di una separazione.
    Per quando riguarda il discorso fatto da Paolo Fox, ho difficoltà a giustificare la parola MAMMONE... Il mio Van Gogh (chiamiamolo così ) non è un mammone quindi immagino che la parola sia metaforica!
    TORELLO sta ovviamente al suo segno zodiacale quindi ha importanza minima e il ricordo della figura paterna è chiaro in se stesso.
    Dopo tutti questi riferimenti già trovati da me non so neanch'io cosa ancora sto cercando di captare di questo sogno, magari se ti và e quando hai tempo dimmi se hai qualche tua impressione o in generale cosa ne pensi
    ti ringrazio ancora per la risposta precedente, l'ho letta solo stamattina perchè non credevo avessi più risposto. E grazie anche a Blowing Wates

  9. #9
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: morte di Van Gogh

    Citazione Originalmente inviato da La Clessidra Visualizza messaggio
    Wow Hermes,
    leggo solo ora che scrivevi della figura paterna e bella coincidenza, posso darti piena ragione per via di un sogno fatto pochi giorni fa!

    A livello conscio io non mi sono mai resa conto di avvertire questo disagio rispetto alla sua età, tutt'altro, ho sempre per così dire incolpato lui d'esser vittima di regole di dignità basate non sul proprio sentire ma su schemi mentali della società che ci circonda... A seguito di un pò di sogni che sto facendo, però, mi sto rendendo conto che anche io inconsciamente sono stata influenzata da questa problematica, il che per me è una vera sorpresa!

    Mi trovavo in un edificio al chiuso in cui camminavano varie persone, ad un certo punto vedo Julia Roberts avanzare fissandomi con occhi particolarmente grandi, in maniera immobile ed intensa e con un sorriso seriamente "disturbante". Sia lo sguardo che il sorriso erano penetranti ed ambigui ed erano quelli della Gioconda di Leonardo. Era in pratica come se il volto della Mona Lisa fosse impresso su quello della Roberts. Era davvero turbante e quasi irreale.
    Il sogno prosegue senza più questa tensione e mi trovo con una persona di sesso maschile ad un banco in cui si vendevano articoli su Paolo Fox, l'astrologo. Questa persona prende in prestito un libro, o almeno non compra l'ufficiale bensì una copia fotocopiata, per non spendere soldi. Io compro un calendario ufficiale, per risparmiare sul libro ed avere comunque le previsioni.
    Immediatamente dopo arriva Paolo Fox e noi gli andiamo incontro. Il ragazzo gli porge il libro per farselo autografare e Paolo si lamenta scherzosamente dicendo "eh ma potreste comprarlo una volta tanto!", al che io mi faccio avanti mostrandogli il calendario ufficiale appena comprato e lui mi utilizza come esempio per l'altro ragazzo.
    Mentre scrive sul mio calendario con pennarello rosa gli dico il mio segno zodiacale ed il mio ascendente e lui sempre in modo "brioso" (era molto affettuoso e allegro) dice "mamma mia, che casino! immagino che casino hai dentro di te". Io gli do ragione e altrettanto sorridente dico a mia madre che era lì accanto "hai visto?? che ti dico sempre io?" , poi paolo prosegue dicendo "questi 20 giorni vanno così, tu sei presa da un torello mammone che ti ricorda anche un padre". Questa frase la dice in maniera affettuosamente rimproverevole nei confronti del "torello", cioè quello che si percepiva era che avevo a che fare con una persona dalla "testa dura" che senza cattive intenzioni mi faceva un pò penare, nonostante ricambiasse.
    Ovviamente anche qui c'è il mio assenso e poi per salutarci ci abbracciamo come fossimo grandi amici, per molto tempo e con molto affetto. io gli dico che gli voglio bene e il sogno finisce.

    Quando mi sono svegliata ho cercato su internet dei riferimenti alla Monna Lisa perchè quella parte mi ha davvero colpita molto. Tra le pagine ho trovato un film dal titolo Mona Lisa Smile in cui la protagonista è proprio Julia Roberts, io questo film non l'ho mai visto ma forse ne avrò sentito parlare e da questo sarà nata l'impersonificazione nel sogno.
    Sta di fatto che ho letto la trama e ho scoperto che la Roberts, nei panni di insegnante di storia dell'arte, dava lezioni su Van Gogh!
    Altra cosa interessante e che non sapevo o non ricordavo, è che tra le varie ipotesi che ho letto riguardo l'identità della donna del ritratto, ce n'è una che parla di una diciannovenne che si sposa con un uomo di 20 anni più grande di lei, già reduce di una separazione.
    Per quando riguarda il discorso fatto da Paolo Fox, ho difficoltà a giustificare la parola MAMMONE... Il mio Van Gogh (chiamiamolo così ) non è un mammone quindi immagino che la parola sia metaforica!
    TORELLO sta ovviamente al suo segno zodiacale quindi ha importanza minima e il ricordo della figura paterna è chiaro in se stesso.
    Dopo tutti questi riferimenti già trovati da me non so neanch'io cosa ancora sto cercando di captare di questo sogno, magari se ti và e quando hai tempo dimmi se hai qualche tua impressione o in generale cosa ne pensi
    ti ringrazio ancora per la risposta precedente, l'ho letta solo stamattina perchè non credevo avessi più risposto. E grazie anche a Blowing Wates

    Ciao, La Clessidra, ti posto solo due suggestioni (il sogno, nella sostanza, l'hai già interpretato tu).

    1) Il sogno ti dice che, in qualche modo, hai bisogno di rassicurazioni circa il rapporto con il tuo Van Gogh. Altrimenti, come spiegare la necessità delle previsioni di Paolo Fox?

    2) "torello mammone" richiama "gatto mammone"; il "mammone" è una creatura ambigua (a volte malvagia e a volte protettiva, a seconda delle tradizioni) il cui nome sembra derivare da "Mammona" (una parola che, nel nuovo testamento, viene utilizzata per significare il prevalere della logica del benessere materiale - il danaro - e della rispettabilità sociale su qualsiasi altro valore) che, nel medioevo, veniva identificata con il demonio.

    Vedi tu se queste note possono esserti di qualche aiuto.
    Ultima modifica di Hermes Ankh : 29-11-2009 alle ore 14.26.13


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  10. #10
    Partecipante
    Data registrazione
    26-07-2009
    Messaggi
    30

    Riferimento: morte di Van Gogh

    Grazie Hermes! Direi che si, come al solito le tue note sono state di grande aiuto!
    Posso chiederti se hai mai pensato all'ipotesi di scrivere un tuo testo? Penso tu abbia ottime conoscenze e capacità descrittive.. Io lo comprerei di certo! Pensavo ad un testo proprio sui simbolismi, una sorta di raccolta con relazioni tra varie figure...

Privacy Policy