• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3

Discussione: Progetto "Ad Arte"

  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di Starletta
    Data registrazione
    12-06-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    235

    Progetto "Ad Arte"

    Ciao a tutti ,
    non so se sia la sezione giusta questa, ma vorrei aprire una discussione sui progetti perchè vorrei stilarne uno. Purtroppo ne ho scritti alcuni solo in preparazione dell'esame di stato, quindi sarebbe la prima volta per me presentarne uno. Il punto è che non ho le idee molto chiare e secondo vorrei sapere se per presentare un progetto occorre essere già abilitati oppure basta avere una laurea.
    Io sono laureata alla Specialistica (Ps. Dinamica e Clinica) ma non ancora abilitata.
    L'idea era di unire la psicologia all'arte perchè questo è un altro campo che mi è sempre piaciuto. Pensavo quindi di rivolgermi a qualche museo o galleria d'arte per presentare loro un progetto che coinvolgesse bambini o adolescenti ....... cosa che in realtà stanno facendo alle Scuderie del Quirinale e al Palazzo delle Esposizioni. In verità non so bene che tipo di attività svolgano ..... nel concreto .... però mi piacerebbe capire meglio.
    A questo punto non so se presentare loro un progettino e chiedergli di poter far parte del loro team (cosa un pò pretenziosa, lo so, soprattutto di questi tempi ....) oppure .... non so .... sinceramente non mi va molto di lavorare nelle scuole ..... anche se i bambini mi piacciono molto. Ho già lavorato con loro, sia in ospedale che a scuola ...e perdipiù anche all'estero ..... //

    Non saprei

    Grazie!!!!!!!!!

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: Progetto "Ad Arte"

    ciao Starletta, se presenti il progetto come psicologa, allora è necessaria l'iscrizione all'albo, se invece lo proponi sotto altra veste (formatrice, insegnante, animatrice, ecc) e non usi strumenti psicologici, allora non è necessaria.

    Il progetto è carino e creativo, provare a contattare i musei e chiedere un appuntamento per parlarne, non costa niente. Il progetto meglionon presentarlo ultra dettagliato, ma solo una bozza, per non rischiare che possano "soffiartelo": non succede, ma non si sa mai, in alcuni casi è successo...
    Secondo me occorre però tener presente:

    - il "guadagno" che può ottenerne il museo. Infatti la prima cosa che chiederanno o penseranno è "bel progetto, ma qual è il mio tornaconto? Cosa ottengo finanziadoti questa attività?". Quindi occorrerà evidenziare non solo il progetto in sé, ma anche il benefit che porta a quel museo o a quell'azienda, che può essere in termini di profitto economico, di immagine, ecc. Questo poi vale sempre, a qualunque azienda ti rivolgi.

    -il tuo ruolo e quello del museo: cosa spetta a te e cosa invece deve fare il museo? Ad esempio ti occupi solo di svolgere, non so, le visite guidate, oppure anche di promuoverlo, di reclutare i partecipanti, ecc? Infatti il museo o qualunque impresa vuole sempre capire bene le rispettive funzioni.

    Inoltre occorre evidenziare bene soprattutto il punto 1, poiché anche intorno ai musei girano molti studenti, laureati e tirocinanti di Lettere, Storia del'arte, Storia, ecc, tutti intorno ad un osso piccolo e cercando di contenderselo, per cui evidenzia anche il plus che puoi dare in quanto psicologa.

    Oppure puoi proporlo alle ludoteche e agli asili, magari adattato, facendo creare ai loro bambini un museo. Insomma c'è sempre da pensarle e provarle tutte perché non si sa mai come reagiscono gli altri.
    In bocca al lupo!!!

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di Starletta
    Data registrazione
    12-06-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    235

    Riferimento: Progetto "Ad Arte"

    Citazione Originalmente inviato da ste203xx Visualizza messaggio
    ciao Starletta, se presenti il progetto come psicologa, allora è necessaria l'iscrizione all'albo, se invece lo proponi sotto altra veste (formatrice, insegnante, animatrice, ecc) e non usi strumenti psicologici, allora non è necessaria.

    Il progetto è carino e creativo, provare a contattare i musei e chiedere un appuntamento per parlarne, non costa niente. Il progetto meglionon presentarlo ultra dettagliato, ma solo una bozza, per non rischiare che possano "soffiartelo": non succede, ma non si sa mai, in alcuni casi è successo...
    Secondo me occorre però tener presente:

    - il "guadagno" che può ottenerne il museo. Infatti la prima cosa che chiederanno o penseranno è "bel progetto, ma qual è il mio tornaconto? Cosa ottengo finanziadoti questa attività?". Quindi occorrerà evidenziare non solo il progetto in sé, ma anche il benefit che porta a quel museo o a quell'azienda, che può essere in termini di profitto economico, di immagine, ecc. Questo poi vale sempre, a qualunque azienda ti rivolgi.

    -il tuo ruolo e quello del museo: cosa spetta a te e cosa invece deve fare il museo? Ad esempio ti occupi solo di svolgere, non so, le visite guidate, oppure anche di promuoverlo, di reclutare i partecipanti, ecc? Infatti il museo o qualunque impresa vuole sempre capire bene le rispettive funzioni.

    Inoltre occorre evidenziare bene soprattutto il punto 1, poiché anche intorno ai musei girano molti studenti, laureati e tirocinanti di Lettere, Storia del'arte, Storia, ecc, tutti intorno ad un osso piccolo e cercando di contenderselo, per cui evidenzia anche il plus che puoi dare in quanto psicologa.

    Oppure puoi proporlo alle ludoteche e agli asili, magari adattato, facendo creare ai loro bambini un museo. Insomma c'è sempre da pensarle e provarle tutte perché non si sa mai come reagiscono gli altri.
    In bocca al lupo!!!
    Grazie ste203xx
    sei stata davvero gentilissima a rispondermi e poi con così tanto entusiasmo!!!! guarda, mi hai dato un sacco di idee e mi hai aperto un pochino gli occhi! devo dire che ad alcune cose non avevo pensato .....
    purtroppo l'inesperienza.....
    io pensavo di buttarla sull'espressione delle emozioni insegnando ai bambini a riconoscerle e a comprenderle meglio non solo su se stessi ma anche sugli altri ... seguendo un pò la teoria di Bandura sull'autoefficacia percepita e sull'autorealizzazione di Maslow, insomma ... coltivare e sviluppare le proprie potenzialità .... abilità ...attraverso la conoscena dell'arte e soprattutto attraverso il gioco e il confronto tra loro, ma questo è un lavoro da psicologa .... messa così penso che dovrò rimandare a dopo l'abilitazione ... come animatrice con una formazione da psicologa però potrei provarci.... non so ...ci devo pensare bene.

    Cmq ti ringrazio tanto dei consigli!!!!

Privacy Policy