• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8
  1. #1
    Matricola
    Data registrazione
    23-09-2009
    Residenza
    torino
    Messaggi
    16

    quanto conta l'allattamento per il bebè?

    quanto è importante per un bambino il contatto con la madre in un momento così delicato?

  2. #2
    L'avatar di Bernardetta
    Data registrazione
    29-01-2005
    Residenza
    Abruzzo
    Messaggi
    65

    Riferimento: quanto conta l'allattamento per il bebè?

    Ciao Sempregaia!
    Rispondo ancora un volta io alla tua domanda.
    Mi sembra che questo argomento ti stia abbastanza a cuore, visto che già n altre occasioni ci hai chiesto dei pareri a riguardo.
    Questa volta la tua richiesta è pienamente in linea con gli scopi del nostro portale.
    Se dovessi rispondere con una parola alla tua domanda direi: Tantissimo!
    Il momento dell'allattamento è fondamentale, sia che si tratti di quello al seno che di quello artificiale, e lo è proprio per il contatto che si stabilisce tra il bambino e la madre.
    La posizione favorisce in modo particolare lo scambio di reciproci sguardi e piccole comunicazioni verbali e non verbali, a seconda dell'età del bambino:sorrisi, ripetizioni di piccole sillabe, le prime parole...
    C'è una osservazione e un adattamento reciproco, che porta i due protagonisti alla sintonia: la madre impara a leggere ed interpretare i segnali del bambino, e il piccolo impara quali sono le strategie migliori per richiamare l'attenzione della madre sulle sue necessità.
    Ma oltre a questo, il bambino sperimenta che può avere fiducia in qualcuno che si prenderà cura di lui.
    E' vero che questo apprendimento passa anche attraverso molti altri momenti, ma l'allattamento, che tu ben definisci "delicato", è quello in cui il rapporto tra i due è esclusivo; inoltre ci si prende cura di un bisogno primordiale dell'essere umano, che è quello di essere nutrito.
    Mi fa piacere che tu abbia così a cuore una tematica così importante, che riguarda uno dei primi momenti in cui nella nostra vita cominciamo a sperimentare il benessere.
    Ciao!

    Bernardetta Morgante
    Psicologa
    Ordine Psicologi Abruzzo n.1396

  3. #3
    Matricola
    Data registrazione
    23-09-2009
    Residenza
    torino
    Messaggi
    16

    Riferimento: quanto conta l'allattamento per il bebè?

    Citazione Originalmente inviato da Bernardetta Visualizza messaggio
    Ciao Sempregaia!
    Rispondo ancora un volta io alla tua domanda.
    Mi sembra che questo argomento ti stia abbastanza a cuore, visto che già n altre occasioni ci hai chiesto dei pareri a riguardo.
    Questa volta la tua richiesta è pienamente in linea con gli scopi del nostro portale.
    Se dovessi rispondere con una parola alla tua domanda direi: Tantissimo!
    Il momento dell'allattamento è fondamentale, sia che si tratti di quello al seno che di quello artificiale, e lo è proprio per il contatto che si stabilisce tra il bambino e la madre.
    La posizione favorisce in modo particolare lo scambio di reciproci sguardi e piccole comunicazioni verbali e non verbali, a seconda dell'età del bambino:sorrisi, ripetizioni di piccole sillabe, le prime parole...
    C'è una osservazione e un adattamento reciproco, che porta i due protagonisti alla sintonia: la madre impara a leggere ed interpretare i segnali del bambino, e il piccolo impara quali sono le strategie migliori per richiamare l'attenzione della madre sulle sue necessità.
    Ma oltre a questo, il bambino sperimenta che può avere fiducia in qualcuno che si prenderà cura di lui.
    E' vero che questo apprendimento passa anche attraverso molti altri momenti, ma l'allattamento, che tu ben definisci "delicato", è quello in cui il rapporto tra i due è esclusivo; inoltre ci si prende cura di un bisogno primordiale dell'essere umano, che è quello di essere nutrito.
    Mi fa piacere che tu abbia così a cuore una tematica così importante, che riguarda uno dei primi momenti in cui nella nostra vita cominciamo a sperimentare il benessere.
    Ciao!

    Bernardetta Morgante
    Psicologa
    Ordine Psicologi Abruzzo n.1396
    sì devo dire che l'argomento mi interessa molto
    vedi io non posso allattare al seno perchè ho pochissimo latte e per dare al mio cucciolo la pappa devo usare il biberon. mi preoccupavo di questo aspetto: il contatto fisico c'è e c'è anche lo scambio di sguardi e parole non c'è dubbio ma il seno non è il mio. quanto sentirà questa differenza secondo te? quanto influirà nella sua crescita e anche nel "riconoscermi" ecco...
    spero di essermi spiegata
    grazie ancora però! sei gentilissima

  4. #4
    L'avatar di Bernardetta
    Data registrazione
    29-01-2005
    Residenza
    Abruzzo
    Messaggi
    65

    Riferimento: quanto conta l'allattamento per il bebè?

    Ciao!
    Grazie per averci raccontato ancora un pò di te.
    Leggendo la tua risposta, mi arriva un pò di ansia e preoccupazione per quanto stai vivendo.
    Vorrei cominciare a rosponderti dalla tua ultima domanda: "quanto influirà nella sua crescita e anche nel "riconoscermi" ?"
    Il tuo bambino ti "riconoscerà", nella misura in cui sentirà che tu sei la persona di cui lui può fidarsi, che è lì con lui sempre e comunque, quella che saprà accompagnarlo con amore e pazienza nel difficile compito di diventare grande. E mi sembra che questo tu già lo stia facendo.
    E' vero che, come ti dicevo anche l'altra volta, l'allattamento al seno è molto importante, ma ci sono a volte delle situazioni contingenti che non lo rendono possibile, indipendentemente dalla nostra volontà, come nel tuo caso.
    Partiamo allora dalle risorse in questo momento disponibili: il biberon e... TU!
    E la seconda risorsa mi sembra di gran lunga più importante della prima...
    Il biberon è lo strumento che ti permette comunque di rispondere al bisogno del tuo piccolo di essere nutrito e accudito. Una dose in più di coccole, carezze e sorrisi compenseranno e riusciranno a non fargli sentire la differenza!
    E poi c'è un vantaggio non trascurabile nell'uso del biberon: la possibilità che dà anche ai papà di nutrire e prendersi cura del bambino in un momento che altrimenti appartiene in modo esclusivo alla mamma.
    Questo contribuisce a sviluppare una sintonia familiare intorno al piccolo, che certo influirà sulla sua crescita, come tu chiedevi, ma nel senso positivo del suo benessere.
    A presto!

    Bernardetta Morgante
    Psicologa
    Ordine Psicologi Abruzzo n.1396

  5. #5
    fabiospicap
    Ospite non registrato

    Riferimento: quanto conta l'allattamento per il bebè?

    ciao sempregaia,
    provo anch'io a darti il mio parere sul tema che ci porti.
    La mancanza di latte o la difficoltà nell'allattamento è un tema che preoccupa molte mamme.
    Sono d'accordo con la collega nel dirti che il latte è solo un elemento del momento della poppata! Il resto lo fai tu e il rapporto unico che puoi creare con tuo figlio. Immagina due innamorati a cena: il cibo è importante, ma è il rapporto che si instaura durante il pasto a fare la differenza sulla relazione futura.

    Non c'è alcun dato che dica che l'allattamento artificiale compromette il rapporto madre - bambino. Non è su questo che si basa.

    Ti direi anche che non c'è bisogno di coccole extra: sarebbe come compensare una mancanza. Di questa mancanza - il latte - tuo figlio non può accorgersi e tu non ne hai colpa.

    Le donne che mi hanno posto quesiti analoghi ai tuoi, avevano spesso dentro una domanda: "saro una buona mamma????".
    Io non so se ti riconosci in questa domanda, ma posso dirti che, il solo fatto che ti poni questo problema, dice di te che sei una mamma attenta e che vuole il meglio.
    Se la natura non ti ha dato il latte facciamocene una ragione, e il resto metticelo tu, anzi: voi.


    un saluto
    fabiospicap

  6. #6
    Matricola
    Data registrazione
    23-09-2009
    Residenza
    torino
    Messaggi
    16

    Riferimento: quanto conta l'allattamento per il bebè?

    Ciao. Grazie per le risposte
    Io ci metto il massimo quando allatto con il biberon, non mi spreco di attenzioni perchè è una cosa che mi piace da matti e a cui non voglio certo rinunciare.
    Io però come vi ho detto voglio anche che il mio cucciolo abbia il meglio e quindi mi chiedevo anche se tra biberon ci sono differenze sostanziali (qualcuno sarà più comodo di altri ecc) e come posso capire quale vada meglio per allattare.

  7. #7
    fabiospicap
    Ospite non registrato

    Riferimento: quanto conta l'allattamento per il bebè?

    ciao!
    la tua domanda esula dalle mie competenze. Il tuo pediatra è senz'altro la persona più indicata a risponderti. In ogni caso, se il tuo bambino prende il latte senza gandi difficoltà non vedo la ragione di trovare dei "super biberon".

    Questo era il parere tecnico. E ora il parere da psic

    presta attenzione alla differenza tra "desiderare il meglio" e "volere essere perfetti":
    la prima ci aiuta a migliorare e ci dà soddisfazioni;
    la seconda genera ansie e paure non importa quante certezze si acquisiscano e quanti strumenti si provino.

    Spero di esserti stato utile

    un saluto

  8. #8
    Matricola
    Data registrazione
    23-09-2009
    Residenza
    torino
    Messaggi
    16

    Riferimento: quanto conta l'allattamento per il bebè?

    ciao
    io non voglio essere perfetta, so di essere piena di difetti e altro... e parto da questi per cercare di non far mancare nulla al bebè!
    la coscienza dei propri limiti è già un punto a proprio favore!
    chiederò consiglio alle amiche sui biberon e altro, tutte usano l'avent che mi sembra molto professionale ecc... vedrò.
    in ogni caso grazie per le vostre continue precisazioni, fa bene sentire un supporto tutt'altro che virtuale

Privacy Policy