• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1
    Neofita L'avatar di lauraloka84
    Data registrazione
    29-06-2005
    Residenza
    provincia milano
    Messaggi
    9

    Laureata in clinica. Posso lavorare nelle risorse umane o cmq come psico del lavoro?

    Ciao, la domanda può sembrare stupida xkè molto spesso negli annunci x stage nelle risorse umane richiedono semplicemente una laurea umanistica... però mi chiedo: avendo studiato x 5anni materie che nn hanno nulla a che vedere con lavoro potrei essere competente x lavorare in azienda? E soprattutto prenderanno mai una psico clinica contro uno psico del lavoro?
    Se prendessi un master cambiarebbe la situazione o conterebbe cmq più la laure?

  2. #2
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    04-12-2007
    Messaggi
    283

    Riferimento: Laureata in clinica. Posso lavorare nelle risorse umane o cmq come psico

    ciao, a mio parere contano:
    la motivazione che sai dimostrare durante un colloquio
    la preparazione che puoi acquisire tranquillamente dopo la laurea (stage, master ecc)
    quanto sei in grado di venderti. e chi vuole criticare su questa affermazione faccia pure.
    in bocca al lupo!

  3. #3
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    04-12-2007
    Messaggi
    283

    Riferimento: Laureata in clinica. Posso lavorare nelle risorse umane o cmq come psico

    ciao, a mio parere contano:
    -la motivazione che sai dimostrare durante un colloquio
    -la preparazione che puoi acquisire tranquillamente dopo la laurea (stage, master ecc)
    -quanto sei in grado di venderti. e chi vuole criticare su questa affermazione faccia pure.
    in bocca al lupo!

    scusate ripubblico non sono riuscito a creare un elencol...

  4. #4
    Ghiotto patato ಠ_ಠ L'avatar di Biz
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Topadilegnopoli
    Messaggi
    23,702

    Riferimento: Laureata in clinica. Posso lavorare nelle risorse umane o cmq come psico

    La tua competenza difficilmente deriverà dallo studio universitario, un laureato in psicologia del lavoro avrà giusto un piccolissimo vantaggio nei primi mesi (ma neanche), gap che si colma in poco tempo sul campo.
    Per il master, io consiglio sempre di iniziare a lavorare e poi prendere un master per specializzarsi meglio in un aspetto...se prendi un master e non trovi lavoro per nell'ambito specifico di quel master? Soldi buttati Meglio avere un pò di esperienza per poi aggiornare le proprie basi teoriche ed aumentare il proprio bagaglio nel campo che abbiamo scelto
    "Guardatemi, signori...sono un uomo di sessant'anni e ho il corpo di un ragazzino.Ce l'ho in frigo."
    This is a blog
    This is not a link.

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di jamostex
    Data registrazione
    12-09-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    163

    Riferimento: Laureata in clinica. Posso lavorare nelle risorse umane o cmq come psico

    non mi trovo completamente d'accordo con Biz...mi spiego:

    senza dubbio poche aziende storceranno il naso quando lauraloka si presenterà al colloquio da "clinica"...e sempre senza dubbio non sarà un impresa titanica per lei rimediare alle sue carenze teoriche/pratiche...tuttavia ridurre diversi anni universitari a un gap colmabile in pochi mesi penso sia esagerato (magari avremo fatto una diversa esperienza universitaria...)...e lo vedo anche sui miei colleghi di master provenienti dal ramo clinico.

    Detto ciò io penso che il tempo che le sarà necessario dipenderà molto anche dal "tipo" di clinica che ha studiato, dal modello dei docenti che ha seguito ecc.

    io già noto moltissime differenze di approccio quando mi confronto con chi ha studiato psi del lavoro in un'altra università!

  6. #6

    Riferimento: Laureata in clinica. Posso lavorare nelle risorse umane o cmq come psico

    Penso valga la pena valorizzare quel neretto di MOTIVAZIONE:
    ho una laurea in Psico Com. e Org. e lavoro da tre anni ormai in una società di consulenza HR: selezione ma non solo.

    Noi accogliamo ciclicamente 1/2 tirocinanti, con un collega più anziano di me come Tutor. E quindi li selezioniamo tra i molti [che si candidano. Già su carta, da screening, e ovvio che a parità di ogni altra condizione, il fatto di aver mostrato interesse verso il settore HR pesa. Ma non è solo la scelta della specialistica indizio di interesse verso il settore. Quindi consiglio n°1: un corso o più corsi piuttosto che un master costoso e impegnativo (per lo meno in ordine di tempo).

    E' altrettanto ovvio che a parità di condizione la scelta ricade su chi è interessato anche a crescere nel settore, non solo ad avere una voce in più da mettere nel CV. Quindi consiglio n°2: non porti come il neolaureato che "ci prova" nelle risorse umane come RIPIEGO!

    Nel nostro lavoro (in nessun lavoro credo!) nessuno si relaziona con te come docente, e ricercare - assimilare esperienza SPECIFICA dipende solo da te. Quindi conisglio n°3: filtra qualsiasi attività ti venga proposta, o progetto nel quale sarai perifericamente coinvolta con le lenti dello psicologo, clinico o del lavoro passa a questo punto in secondo piano.

    Concludo dicendo: sostenete l'esame di stato, siamo professionisti con delle repsonsabilità, dei doveri e delle competenze certificabili. Il discorso "tanto per lavorare nelle R.U. l'ordine è solo un di più" è solo un alibi: il mercato chiede certificazione oltre a competenze sempre più spesso, ma se anche non lo chiedesse iscriversiall'ordine corrisponde ad un assunzione di responsabilità agli occhi dei nostri interlocutori... e nostri!

  7. #7
    Partecipante Assiduo L'avatar di Starletta
    Data registrazione
    12-06-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    235

    Riferimento: Laureata in clinica. Posso lavorare nelle risorse umane o cmq come psico

    Anche io sono laureata in Psicologia Clinica e al momento mi sento un pò in alto mare, per 2 motivi principalmente. Da un lato "adesso" non esiste nessun tipo di lavoro nel campo perchè non avendo l'abilitazione praticamente il tuo cv non lo legge nessuno e dall'altra non sono più così convinta di voler diventare una psicologa che lavora nel sociale e con le persone che vivono nel disagio psico-socio-culturale-economico ecc.....

    In realtà la mia vena artistica ... o forse la mia attrazione per l'arte, per la creatività, per i colori .... per le immagini, la musica .... mi sta portando a pensare di cercarmi un lavoro forse più adatto a chi ha studiato Psicologia del Lavoro ...... un lavoro che abbia a che fare con la pubblicità, per esempio ..... però credo riflettendoci di non poter aspirare a tanto con una laurea "clinica".

    Ho fatto diverse domande per lavorare anche nelle Risorse Umane ma alla fine cercavano solo laureati in Psico del Lavoro (anche giustamente) ed io venivo sempre scartata.... insomma, nonostante fossi comunque laureata in Psicologia .... non c'era verso.
    I miei genitori non capiscono questa differenza .... per loro si tratta sempre e cmq di psicologia ..... però niente da fare.

Privacy Policy