• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 6 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 77
  1. #1

    Via i crocefissi dalle aule?

    http://www.ansa.it/rubriche/italia/2...6_3578092.html
    http://www.ansa.it/fdg01/20031026135...354124918.html
    http://www.corriere.it/Primo_Piano/C...25/croce.shtml
    Come avrete sentito nei telegiornali (o letto nell'ansa linkata su ) il tribunale di L'Aquila ha deliberato che debbano essere tolte dalle aule delle scuole pubbliche i crocefissi.
    E, ovviamente, una vasta schiera di politici italiani, paladini dei valori del buon vivere e del cristianesimo si sono espressi in considerazioni di vario tipo, come han fatto, suppongo, i giornalisti (qualcuno ha una rassegna stampa di oggi?)
    Notevole trovo proprio il fatto che politici, che NON dovrebbero interferire con l'attività giudiziaria (chissà da chi han preso l'esempio....) si sono prodotti in frasi come "Una sentenza aberrante da cancellare" (Maroni)
    Io personalmente non ho visto crocifissi al liceo nè all'università, e ne sono stato ben contento, anzi ci sono rimasto male quando lo ho visto appeso alla parete dell'aula magna del Rettorato.
    Tralasciando il mio contenzioso con la religione cristiana , trovo semplicemente che una scuola pubblica NON sia il luogo adatto per esporre simboli religiosi
    Voi cosa ne pensate?
    ...but still I am the Cat who walks by himself, and all places are alike to me.

  2. #2
    Partecipante Super Esperto L'avatar di Fritz
    Data registrazione
    07-02-2003
    Residenza
    GMT +1
    Messaggi
    669
    Secondo me di partenza non dovrebbe esserci nessun simbolo religioso in aula, a meno che gli studenti non scelgano deliberatamente di volerlo, come in alcune classi appendono il poster di questo o quel cantante. E non mi importa sinceramente se le scuole arabe sono tappezzate di mezzalune, fatti loro. Poi l'insegnamento della religione se non rapportato alle problematiche del mondo attuale penso sia del tutto inutile.

    quando stavo alle medie una prof. inorridi' perché nell'aula non c'era il crocefisso e porto' subito un santino per rimpiazzarlo
    Ultima modifica di Fritz : 26-10-2003 alle ore 15.09.10
    Peace!

    Basta poco a consolarci perché basta poco ad affliggerci (B. Pascal).

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di icemary
    Data registrazione
    17-05-2002
    Residenza
    Torino, Roma, Salerno e Caserta
    Messaggi
    1,277
    Il problema è che il Crocifisso è stato visto non tanto come simbolo religioso, quanto come simbolo di un'identità religiosa di fondo e come simbolo dell'identità e di unitarietà nazionale.
    Se un bambino cristiano decidesse di entrare in una scuola di altre religioni non toglierebbero quelli che per loro sono simboli di un'identità.....

    Sinceramente per ora non riesco a dare una mia idea, perchè non sono contraria alla presenza del Crocifisso, e sinceramente non avrei problemi neppure se ci fosse anche una stella di davide o altro.
    La cosa fondamentale è capire il senso di ciò che c'è dietro quella statua, santino, poster, immagine in genere.

    E come hanno sottolineato alcuni esponenti di altre religioni: togliere quel simbolo non apre al dialogo.

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Sinceramente non so cosa pensare, da una parte credo che non essendoci vampiri in classe nessuno morirà se c'è appeso un Crocifisso

    No vabbè, insomma... noi se andiamo che so, in Israele non dobbiamo metterci la kippah nelle sinagoghe, o toglierci le scarpe nelle moschee anche se siamo cattolici (o atei o altro)? Non dobbiamo mangiare quello che mangiano loro ed evitare quello che non mangiano? Io credo che ognuno si debba adattare alla cultura altrui. E non sono affatto contro la multirazzialità, anzi!!!

    Però è anche vero che se anche la religione occupa gran parte della nostra cultura, il nostro paese è laico

    A me personalmente non interessa troppo se c'è il Crocefisso o meno... ai non credenti che fastidio può dare? E ai credenti, fa stare forse male la sua non-presenza? Mah il crocefisso te lo puoi anche portare al collo, o essere cristiano anche se non ce l'hai.

    Alla fine il vero problema è la questione del perchè tutto questo.
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di LaRoby
    Data registrazione
    29-12-2002
    Residenza
    vagabondando alla ricerca di me stessa...
    Messaggi
    1,348
    Onestamente non capisco che fastidio possa dare il crocifisso a persone che credono in religioni diverse da quella cristiana. Insomma, se io vedessi il simbolo di un altra religione non mi sentirei nè offesa, nè discriminata... quindi non vedo perchè adesso, all'improvisso, il crocifisso debba essere eliminato. Non che sia il crocifisso a fare di me una cristiana (come giustamente ha detto ember), per cui alla fine se lo togliessero non mi dispererei di certo... però... visto che c'è, non vedo perchè toglierlo.
    "Anche a me piacerebbe condividere il resto della vita con una persona, ma non riesco a farlo con uno che non amo, solo perchè non c'è di meglio. La medaglia d'argento. Conosco un sacco di persone che stanno con la medaglia d'argento, la seconda classificata, piuttosto che star sole." (Il giorno in più - F. Volo)

  6. #6
    maddychan
    Ospite non registrato
    Mmh... Il fatto secondo me è che il crocefisso costituisce "propaganda" di una determinata ideologia religiosa, proprio come farebbe una Stella di Davide od una statua del Buddha; e proprio come un manifesto di Forza Italia, o dei Verdi o di Rifondazione Comunista ecc. costituirebbe elemento di propaganda politica. Ovviamente se una scuola, privata, appartiene ad un determinato ordine religioso ha tutto il diritto di esporre il/i simbolo/i di tale appartenenza; ma la scuola pubblica è un'istituzione dello Stato, ed in quanto tale rappresenta espressione di esso. Ergo se lo Stato è laico, allora anche la scuola pubblica deve esserlo.

    Just my opinion...

    Maddy

  7. #7
    maddychan
    Ospite non registrato
    Dalle notizie di Yahoo:

    Mercoledì 29 Ottobre 2003, 14:42

    Crocifisso:giudice, perche'va tolto

    (ANSA)-ROMA, 29 OTT-Le norme che prevedevano il Crocefisso nelle scuole sono da ritenersi abrogate dalla revisione del Concordato. Cosi' motiva l'ordinanza il giudice Montanari.Il magistrato e' partito dal presupposto che la modifica dei Patti Lateranensi ha cancellato il principio della religione cattolica come religione di Stato. Intanto Gerardo Bianco chiede al Governo di avviare un conflitto di attribuzione davanti alla Consulta per un definitivo chiarimento dopo l'ingiunzione di rimozione del Crocifisso dalla scuola di Ofena.



    Maddy

  8. #8
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Boh mi sembra sbagliato togliere i crocifissi dalle aule.
    Tutti gli Italiani sono profondamente influenzati nel loro modo di essere dal Cristianesimo,sia che siano religiosi,sia che siano atei;in Italia qualunque forma di educazione è influenzata dal Cristianesimo.La scuola stessa è prfondamente influenzata dal Cristianesimo;molto più che dai Romani o dagli illuministi.La presenza del Crocifisso in classe è semplicemente il manifestare una caratteristica propria dell'educazione,anche scolastica,italiana.
    Inoltre un popolo ha il diritto di esporre i propri simboli,e la maggior parte degli Italiani si riconosce nella Croce.
    Adesso sono credente,quando ero al liceo no.Anche allora,però,ero favorevole alla presenza del Crocifisso,e mi dava fastidio quando,durante le occupazioni,lo toglievano.
    Qualunque cosa pensassi della religione ero consapevole di vivere in Italia,non a Mosca e nemmeno a La Mecca.
    Poi ognuno,individualmente,crede a quello che vuole.

  9. #9
    Originariamente postato da maddychan
    Mmh... Il fatto secondo me è che il crocefisso costituisce "propaganda" di una determinata ideologia religiosa, proprio come farebbe una Stella di Davide od una statua del Buddha; e proprio come un manifesto di Forza Italia, o dei Verdi o di Rifondazione Comunista ecc. costituirebbe elemento di propaganda politica. Ovviamente se una scuola, privata, appartiene ad un determinato ordine religioso ha tutto il diritto di esporre il/i simbolo/i di tale appartenenza; ma la scuola pubblica è un'istituzione dello Stato, ed in quanto tale rappresenta espressione di esso. Ergo se lo Stato è laico, allora anche la scuola pubblica deve esserlo.
    Questo è esattamente quello che penso io ^_^
    La scuola non è il luogo adatto per esporre simboli religiosi... a meno che gli studenti di una classe decidano di volerlo esporre, come talvolta appiccicano ai muri poster, cartine, tavole periodiche o cose così. La cosa però ora è diventata uno scontro di ideologie, quel crocifisso è solo un simbolo... un pò come Gerusalemme o la "Vera Croce" ai tempi delle crociate
    Certo mi preoccupa che non solo i politici ma addirittura il Papa si esprimano pubblicamente su una decisione di un magistrato.. lo trovo semplicemente assurdo
    ...but still I am the Cat who walks by himself, and all places are alike to me.

  10. #10
    Angelus
    Ospite non registrato
    mi è venuta una curiosità...qualcuno sa come funziona negli altri stati europei? diciamo in quegli stati europei che fanno tante pressioni per mettere nella costituzione europea le radici cristiane ecc...ecc....
    è solo una curiosità, perchè alla fine non riesco a prendere una posizione netta sulla cosa...a me (e sono ateo) non dà fastidio se c'è, nè ho voglia di far battaglie perchè non ci sia...
    Anche nella mia scuola c'era (era un po' brutto in verità , ne avevo un po' paura, nero, con gesù tutto scarno...mi faceva impressione) e cmq è venuto su un bell'ateo come me

    L'unica cosa che mi lascia molto perplesso è...beh, a parte questo smith che per quel po' che ho sentito usa toni un po' pesanti a volte, a parte le tante affermazioni dei politici ecc..., la storia è partita perchè nell'aula smith ha fatto appendere un quadretto di allah, che è stato fatto togliere.
    Io non sono per l'appendere simboli di tutte le religioni, perchè mi sembrerebbe una gran cavolata, cos'è siamo alla fiera? nè alla fine mi dà questo fastidio se c'è un crocifisso appeso alla parete. Non ci credo=crocifisso pezzo d'arredamento (scusate la freddezza non voglio mancare di rispetto a nessuno.) e il ragionamento varrebbe per qualunque altro simbolo, quadretti di allah, croci di davide, buddha vari. Però se in una classe due ragazzi musulmani volessero appendere il simbolo della loro religione, che quindi rispecchia la loro identità, perchè toglierlo?
    Forse l'idea migliore sarebbe quella di friz, cioè far scegliere ai ragazzi (non dico ai bambini delle elementari ovviamente) cosa vogliono, come lo vogliono, perchè lo vogliono.

    Considerazione personale (forse non molto attinente): trovo molto più grave per un'istituzione pubblica che molto spesso l'insegnamento della religione sia affidata a un prete di fede cattolica. ai miei tempi sono stato fortunato ad avere un'insegnante veramente splendida, cattolica si, ma ben disposta ad ascoltare i miei pensieri (e quelli di altri miei 4 compagni) atei e non battezzati.
    In altre classi, miei compagni di tendenze diciamo così "notevolmente di sinistra e anticlericali" (ma non per questo persone che si rivolgevano al professor prete in maniera incivile) erano zittiti o indicati come "rivoltosi".
    E questo mi sembra grave, perchè va pure bene accettare le radici, ma va malissimo imporre queste radici a chi non ci si riconosce.
    La risposta a questo punto, mi pare, essere la sana tolleranza: io riconosco le radici di uno stato e le rispetto (l'italia in questo caso) ma questo stato non le deve imporre a me se il mio pensiero non si identifica in suddette radici.
    Tolleranza da entrambe le parti.
    Ma a volte sembra così difficile...

    [scusate se mi sono dilungato oltremodo e confusionariamente come mio solito ]

  11. #11
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Aggiungo alcune considerazioni a quello che ho detto precedentemente. Non ho preso una posizione precisa, ma sono più per il "si al crocefisso" e non perchè sono bigotta, posso assicurarvelo.

    Come al solito la penso come Parsi

    Poi, a me Cristo sulla croce sembra tutto tranne che una cosa offensiva. La maggior parte delle religioni ci crede (come profeta o guru), e poi beh, è morto sulla croce per Amore! Anche per chi pensa che sia una favoletta, è un simbolo d'amore dai...

    Io all'estero non ce l'ho mai visto. In Olanda non c'era, e quando ho chiesto ai miei amici olandesi se erano credenti, quasi tutti mi hanno risposto "we just believe in ourselves". Però in segno di ospitalità mi hanno chiesto più volte se dovevano accompagnarmi a Messa. Ecco, secondo me questo è rispetto, non mettere la croce nell'aula durante la mia permanenza. Perchè non è nella loro cultura.
    Però nella nostra si. E tuttavia sono sicura che se un musulmano chiedesse di mettere la figurina di Allah in una classe italiana, nessuno gli direbbe di no (sarebbe ridicolo però, come dicevo la Fede non si vede da quello, anzi io sono pure un pò iconoclasta)

    Ok stato laico, ok religione insegnata da un prof che non sia un prete (sarebbe meglio poi una "storia delle religioni" non credete? Daltronde per chi crede esiste il Catechismo, che a mio avviso viene insegnato in un modo scandaloso) ma la croce è diverso. Poi secondo me è anche bello che una cultura sia intrecciata (come poi è) alla religione. Senza nulla togliere agli altri (atei ecc), e nel rispetto totale delle altre religioni.

    Io la penso così, e non sono una santa. Credente? Ci provo sono Cattolica riformista.
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  12. #12
    Partecipante L'avatar di ellea
    Data registrazione
    21-10-2003
    Messaggi
    35
    Io penso che la scuola pubblica debba essere laica e di tutti,
    indipendente dall'avvicendarsi dei governi, e quindi farsi garante del pluralismo sotto ogni punto di vista (anche religioso,quindi)
    .Si vive o no in una società multiculturale, o comunque quello della multiculturalità e della globalità dei linguaggi e dei valori non è ciò a cui siamo orientati?
    Io credo di sì. In molte classi elementari, per es, ci sono molti
    bambini polacchi, albanesi, senegalesi, filippini e la gran parte di
    loro hanno la cittadinanza italiana : perchè in quella che è una scuola di cui hanno pieno diritto dovrebbero continuare a vedere esposto il simbolo della religione praticata solo da alcuni loro
    compagni?
    Perchè pensiamo che la nostra identità sia dis- o confermata dalla presenza di un particolare tipo di simbolo(crocefisso) e non riusciamo a vedere la possibilità di creare altri simboli più adeguati ai nuovi contesti sociali?
    E come mai in Italia, col casino che 'sta a fa 'sto governo , con una riforma della scuola assai discutibile che rischia di essere attuata a colpi di maggioranza e senza nessuna reale informazione a riguardo ci intratteniamo sui
    simboli spaccando in due l'opinione pubblica?
    Il fatto poi che il crocefisso sia un simbolo bellissimo con mille possibili implicazioni di senso è cosa affrontabilissima a scuola in un qualsiasi contesto di studio o di discussione.
    (J.Bruner docet tantissimo su queste faccende secondo me)
    Questa ,ovviamente, è la mia discutibile opinione
    ciao ciao
    ellea
    ---
    ellea

  13. #13
    Originariamente postato da Angelus
    mi è venuta una curiosità...qualcuno sa come funziona negli altri stati europei? diciamo in quegli stati europei che fanno tante pressioni per mettere nella costituzione europea le radici cristiane ecc...ecc....
    Se non ricordo male
    in Francia non si possono esporre per strada o a scuola o in altri luoghi pubblici simboli di culto.
    Almeno così mi aveva anche ricordato un paio d'ore fa un mio conoscente...
    ...but still I am the Cat who walks by himself, and all places are alike to me.

  14. #14
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    Allora: dal punto di vista prettamente legale secondo me và tolto.. se proprio bisogna seguire la legge italiana che dice che il nostro è uno stato laico...
    Dal punto di vista prettamente cattolico sembra ovvio a tutti [mi raccomando leggete bene le mie parole] che, l'avere il Papa nel mezzo del nostro paese sia uguale a dire che siamo tutti cristiani
    Dal punto di vista logico nn fa' una piega la frase che ha detto Fabio Volo a "Il volo del mattino" su Deejay l'altro ieri:
    "Io da piccolo in camera mia avevo un camioncino. Lo tenevo su uno scaffale e sinceramente nn ci giocavo MAI. Un giorno mia madre è arrivata e ha detto "Buttiamolo sto camioncino, tanto nn ci giochi mai!" All'improvviso il camioncino è diventato FONDAMENTALE per me! Ho combattuto con le unghie e con i denti per una cosa che aveva preso importanza tutta insieme.. quando prima nemmeno la guardavo..."
    Insomma: io personalmente andavo dalle suore quindi di crocifissi ne ho visti a bizzeffe.. e nonostante questo mi ritengo DI MOLTO lontano dalla Chiesa
    Ma.. all'atto pratico.. la presenza o meno del crocifisso che cambia? La religione, come tante altre cose imho, è una scelta personale.. se voglio credere credo indipendentemente da quello che è appeso in classe mia....
    Piuttosto mi pare ASSURDO che sia ancora permesso a quel di Smith di aprire bocca! A ragione o a torto lui sta a casa nostra e prima di insultare la religione piu' diffusa dovrebbe pensarci un po'.. se nn altro perchè per avere rispetto bisogna darlo....

  15. #15
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    Originariamente postato da Dreamstalker
    Certo mi preoccupa che non solo i politici ma addirittura il Papa si esprimano pubblicamente su una decisione di un magistrato.. lo trovo semplicemente assurdo
    Beh Dream.. qui dicono i pareri loro cani e porci.. è NORMALE che il Papa dica quello che pensa
    A me fanno ridere le persone intervistate [viva le risposte tanto per dire] che fanno "Ma no.. va levato! Per correttezza bisognerebbe mettere TUTTI I SIMBOLI!!"

    Io ci voglio Quelo!

Pagina 1 di 6 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy