• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 5 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 61
  1. #1
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,727

    ninna-nanna, favoletta o sonniferi con la pala???

    ...qualcuno ricorda il testo della (eventuale) ninna-nanna che era capace di zittirvi istantaneamente??? oppure qual era la favola che usavano per mettervi fuori uso?
    ...io il motivo della mia ninna-nanna non l'ho mai dimenticato: era dolcissimo:



    ...Ninna-nanna mamma tienimi con te,
    nel tuo letto grande solo per un pò
    ninna-nanna mamma io t'incanterò
    e se ti addormenti
    mi addormenteròòòò...

    di favole invece non me ne raccontavano...ho cominciato a leggermele da sola fin dalla più tenera età...inutile dire che la mia preferita è ALICE...capolavoro!


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|

  2. #2
    Ospite non registrato
    Niente ninna nanna, tutti stonati nella famiglia Parodi.
    Ma tante favole lette dalla mamma e tante altre recitate a memoria, e tramandate a voce, dalla nonna.

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    come ninna nanna mio padre mi cantava "La guerra di Piero" di De Andrè e "Sapore di sale" di Gino Paoli

    di favole non me ne raccontavano però ai miei tempi in edicola vendevano una raccolta di favole che si chiamava "C'era una volta" , erano fascicoli illustrati e le cassette con la voce che leggeva la favola ... ecco, i miei mi mettevano su quella e io crollavo come una pera ... e pensare che i fascicoli ce li ho ancora sono fatti davvero bene
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  4. #4
    di solito bastava l'ingiunzione di dormire appena spenta la luce alle otto e mezza di sera però ricordo che il sabato sera, mio padre, a volte, cantava a me e a mia sorella le canzoni degli alpini (ricordo in particolare quella che credo si chiami qualcosa tipo "Il testamento del Capitano", piangevo in silenzio tutte le volte che la cantava ).
    Le favole le raccontavo io a mia sorella di solito inventandole
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  5. #5
    Originariamente postato da arwen
    ai miei tempi in edicola vendevano una raccolta di favole che si chiamava "C'era una volta" , erano fascicoli illustrati e le cassette con la voce che leggeva la favola
    Io avevo i dischi c'era la canzoncina all'inizio e alla fine anche...
    a mille ce n'è
    nel mio cuore di fiabe da narrar..


    ho imparato a leggere con quei dischi il mio preferito era quello del gatto con gli stivali
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  6. #6
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    Originariamente postato da Mia_Wallace
    Io avevo i dischi c'era la canzoncina all'inizio e alla fine anche...
    a mille ce n'è
    nel mio cuore di fiabe da narrar..


    ho imparato a leggere con quei dischi il mio preferito era quello del gatto con gli stivali
    PURE IO LE AVEVO
    che spettacolo

  7. #7
    mmm...non mi ricordo...mi ricordo solo che avevo una nonna soprannominata "Nonna nanà" perché ci cantava delle ninna-nanne con la sua accento Calabrese... ma non mi ricordo nulla...



    Favole? Cappuccetto Rosso mi piaceva parecchio ed era la più gettonata quando mia madre doveva farmi addormentare!

  8. #8
    evaluna^
    Ospite non registrato
    Le canzoni usate da mio padre come ninna nanna sono celebri, ma soprattutto le sue passeggiate notturne in giro per il salotto con me in braccio che non volevo dormire, avanti e in dietro per ore e ore, al buio. Mi cantava "La guerra di Piero" e "Marinella" e un'altra che non so cosa sia che diceva "...e non verranno i briganti con i lunghi coltelli...".
    Invece mia mamma me ne cantava alcune più classiche: la mia preferita faceva:
    "fa la nanna piccin,
    chiudi il ciglio al riposo,
    fra ghirlande di fior
    che allontanano il mal.
    Dormi e sogna l'amor
    che a svegliarti verrà"

    Per quanto riguarda le favole invece, il mio libro preferito era "Il libro delle bestie stregate" (le cui illustrazioni ho postato nel thread d'immagini aperto da Iggy) e la preferita in assoluto era "Biondina Cervabianca e Miciotto" . La cosa comica è che è una storia talmente luuuuuuuuuuuuuunga che quando esordivo dicendo a mia madre "mi leggi Biondina???" le pigliava un colpo .
    Che bei ricordi!! Grazie ALITA

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    Originariamente postato da evaluna^
    "Marinella"
    è vero anche mio padre me la cantava
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  10. #10
    Originariamente postato da arwen
    è vero anche mio padre me la cantava
    Marinella...che canzone allegra...

  11. #11
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    Originariamente postato da psicoivan83
    Marinella...che canzone allegra...
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  12. #12
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    Trovata per intero

    A mille ce n'è
    nel mio cuore di fiabe da narrar.
    Venite con me
    nel mio mondo fatato per sognar...
    Non serve l'ombrello,
    il cappottino rosso o la cartella bella
    per venir con me...
    basta un po' di fantasia e di bontà (e di bontà).


  13. #13
    Originariamente postato da arwen
    Si fa per scherzare!!!

    Però dai...ad un/una bambino/a cantare Marinella non é proprio il massimo...

  14. #14
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    Originariamente postato da psicoivan83
    Si fa per scherzare!!!

    Però dai...ad un/una bambino/a cantare Marinella non é proprio il massimo...
    beh, l'effetto però lo raggiungeva ... poi ero troppo piccola per capirla a me importava che mio padre cantasse
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  15. #15
    evaluna^
    Ospite non registrato
    Beh "La guerra di Piero" non è che fosse molto più allegra in effetti ...diventavo tristissima ad immaginare quel campo di papaveri e l'uomo con la divisa di un altro colore.
    Però che ti devo dì Ivan, ora il ricordo mi riempie di tenerezza e penso che per Chiara sia lo stesso .

Pagina 1 di 5 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy