• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2
  1. #1

    The Dream of the White Horse...

    Ciao amici tutti

    sono nuovo qui, ho letto con interesse dei sogni e della loro interpretazione, così mi sono detto "provaci" :-) spero che questo mio sogno sia per voi interessante al punto da spingervi a darmi qualche commento, che mi interesserebbe moltissimo.


    Ero in un altro tempo, nel passato. E' tardo pomeriggio/quasi crepuscolo di un giorno d'inverno, e nel corso del sogno si fa via via sempre più notte; nonostante ciò ci si vede bene, come se ci fosse una gran luna splendente, che però non ricordo di aver visto nel sogno. Venivo a piedi da Terni e andavo verso Spoleto (dove vivo); la strada lungo la quale mi trovavo era quella che nella realtà è la SS 3 Flaminia, una statale a due corsie che attraversa tortuosamente i monti dell'Umbria meridionale, solo che era diversa, molto più stretta, era poco più di un sentiero, non asfaltata, e coperta da tanta neve (ma non stava nevicando), tutto era bianco. Per me era normalissimo il fatto che stessi tornando a piedi da Terni a Spoleto, come se le macchine non esistessero ed io fossi un viandante d'altri tempi.

    C'è ancora luce quando da una curva di fronte a me esce e mi si fa incontro un cavallo bianco, ahimé azzoppato (zampa anteriore sinistra). Il cavallo mi incuteva un po' di timore e, parandomisi davanti, non mi faceva procedere oltre; decido di scivolare a destra, sotto il ciglio della strada, per superarlo e continuare il cammino. In realtà io non stavo camminando, ma mi aggrappavo al costone sotto la strada con le mani; il costone non era però fatto di terra, era invece un infinito, morbido tessuto al quale io mi aggrappavo procedendo in avanti in maniera molto agile... Ma il cavallo indietreggiava e mi stava quindi sempre sopra, vagamente minaccioso.

    Ad un certo punto, il cavallo sopra mi "sbrocca", spicca un salto allucinante, nitrendo mi passa sopra e va a cadere lontanissimo, duecento metri più in là, nella piana bianchissima sottostante, proprio mentre scorgo delle casupole di un paesino. A questo punto intanto è piena notte, anche se come dicevo ci si vedeva molto bene per via della luce lunare diffusa. Mi getto a terra e corro verso le case, per cercare soccorso per il cavallo, e quando sono ormai a ridosso di queste case, un profilo di una testa di uomo fa capolino da dietro un vetro di finestra; non c'è luce che proviene da quella finestra, e il profilo che intravedo è solo un profilo nero, indistinguibile; mi fa toc toc al vetro dal di dentro, nel sogno percepivo che volevamo parlare del cavallo; nello stesso momento sento in lontananza voci di gente che era andata a vedere il cavallo, qualcuno che grida "dai, finiscilo che ormai è spacciato" o qualcosa del genere, alla fine sento uno sparo, capisco che il cavallo è morto e mi sveglio.

    Ho vissuto tutto il sogno senza angoscia, anche se quel cavallo zoppo mi preoccupava, un po' perché vagamente minaccioso nei miei confronti, e un po' per lui; nel lasso di tempo da quando ha fatto quel volo e quando poi l'hanno ucciso, mi sono progressivamente sempre più preoccupato. Ma mi sono veramente reso conto della tristezza della vicenda solo quando mi sono svegliato. Questo sogno è di due anni fa.

    Recentemente, qualche mese fa, ho di nuovo sognato il cavallo bianco, non più ferito; si trovava in un luogo impossibile, all'interno della Rocca di Spoleto, in alto sui colonnati del piano superiore, certamente inaccessibili ad un cavallo; mi puntava, era nervoso e sembrava volermi venire incontro, era sempre vagamente minaccioso; scale e muretti gli impedivano comunque di farsi troppo vicino a me, che ero circondato da altra gente, alcuni consapevoli, altri inconsapevoli della strana presenza del cavallo bianco.

    Ringrazio in anticipo chiunque vorrà darmi una sua impressione su tutto ciò!

    Ciao a tutti :-)

  2. #2
    Partecipante
    Data registrazione
    12-09-2009
    Messaggi
    39

    Riferimento: The Dream of the White Horse...

    Ciao a tutti. Sono quasi nuovo del forum, e scrivo su questa stnza per la prima volta.
    Non ho sono un professionista, ho cercato un regolamento per capire se solo chi ha un titolo può commentare o dare consigli, ma non ne ho trovato.
    Tento perciò di dare la mia opinione, scusandomi se non devo, e pregando in ogni caso gli admin, e moderatori di rimuovere il mio commento se inopportuno.

    Vengo al sogno. Cercherò di essere sintetico e generico, proprio perchè non ho gli strumenti per un qualsivoglia parere professionale, tentando di limitarmi ad un suggerimento di interpretazione.

    Il sogno mi fa pensare ad un messaggio che riguarda qualcosa (il cavallo) lasciato nel passato. Un qualcosa che voleva correre e andare lontano (un sogno?) ma che è rimasto azzoppato, e che è poi stato finito senza pietà.

    Tuttavia il cavallo è ancora la. E' minaccioso, o almeno cos' ti sembra, ma è ancora vivo e rinchiuso in una rocca dove è limitato da muri e persone che non gli permettono di avvicinartisi.

    mia personalissima idea per interpretarlo...

    Spero ti sia d'aiuto..

Privacy Policy