• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8

Discussione: Casi clinici

  1. #1
    Neofita L'avatar di valetatina83
    Data registrazione
    13-04-2008
    Residenza
    Canicattì
    Messaggi
    13

    Casi clinici

    Salve a tutti,
    mi chiedevo da dove state studiando i casi clinici per la 2°prova?
    Grazie...

  2. #2
    Partecipante Affezionato L'avatar di silvia-tt
    Data registrazione
    24-02-2008
    Residenza
    Ferrara
    Messaggi
    81

    Riferimento: Casi clinici

    Citazione Originalmente inviato da valetatina83 Visualizza messaggio
    Salve a tutti,
    mi chiedevo da dove state studiando i casi clinici per la 2°prova?
    Grazie...
    Ciao Vale! Io per la seconda prova sto usando il libro "ABC della Psicopatologia" della Falabella, integro qualcosa con il DSM, prendo i test dal libro "I test di Personalità" di Sanavio e Sica e da "Le Scale CBA" di Sanavio. I trattamenti invece da "Mente e Comportamento" di Galeazzi e Meazzini.
    Gli ultimi tre testi li avevo usati per un'esame e mi stanno tornando molto utili, però usano un approccio esclusivamente cognitivo-comportamentale. Nel caso tu voglia usare un approccio dinamico avevo letto dell'esistenza di un libro scritto dalla Lis ma non so il titolo, cmq anche l'ABC è utile per quest'approccio, anche se molto sintetico.

    Per esercitarmi poi ho preso anche il DSM-CASI CLINICI, che riporta un sacco di casi con le ipotesi diagnostiche e diagnosi differenziali fatte dagli autori.

    Spero di esserti stata utile! Buono studio!

  3. #3
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Casi clinici

    fondamentalmente uso anch'io qeui libri (falabella e DSM). Per i trattamenti già c'è qualcosa sul falabella, in più probabilmente darò una letta al Cionini "Psicoterapie" ma solo perché ce l'ho già.

    Comunque sentivo, da studenti che conosco, che per il NUOVO ordinamento nella 2da prova non chiedono più di proporre l'ipotesi di trattamento (in quanto cè già la prova del progetto): a voi risulta o è una bufala? Bisognerebbe dare un'occhiata alle tracce uscite negli ultimi tempi per vedere se chiedono la chiedono

  4. #4
    Partecipante Affezionato L'avatar di silvia-tt
    Data registrazione
    24-02-2008
    Residenza
    Ferrara
    Messaggi
    81

    Riferimento: Casi clinici

    Citazione Originalmente inviato da Johnny Visualizza messaggio
    fondamentalmente uso anch'io qeui libri (falabella e DSM). Per i trattamenti già c'è qualcosa sul falabella, in più probabilmente darò una letta al Cionini "Psicoterapie" ma solo perché ce l'ho già.

    Comunque sentivo, da studenti che conosco, che per il NUOVO ordinamento nella 2da prova non chiedono più di proporre l'ipotesi di trattamento (in quanto cè già la prova del progetto): a voi risulta o è una bufala? Bisognerebbe dare un'occhiata alle tracce uscite negli ultimi tempi per vedere se chiedono la chiedono
    Johnny per rispondere alla tua domanda ho fatto il grande errore di andarmi a vedere le tracce dal 2005 al 2008...dato che non sono ancora molto preparata su tutti i disturbi mi ha messo un'angoscia leggere dei casi in cui mi pareva che ci potessero stare 2 o 3 ipotesi diagnostiche diverse...

    Cmq rispetto alla tua domanda...non saprei perchè chiedono i trattamenti nelle tracce del 2005, 2006 e poi in quella di novembre 2008, quando già c'era la prova del progetto.

    Cmq io non l'ho mai sentita questa cosa...tra l'altro le attività che si usano in un progetto il più delle volte non sono veri e propri trattamenti. Il trattamento psicoterapeutico è un'altra cosa...

    Però tutto è possibile...io nell'incertezza una guardatina ai trattamenti me la dò lo stesso!

  5. #5
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Casi clinici

    Citazione Originalmente inviato da silvia-tt Visualizza messaggio
    Johnny per rispondere alla tua domanda ho fatto il grande errore di andarmi a vedere le tracce dal 2005 al 2008...dato che non sono ancora molto preparata su tutti i disturbi mi ha messo un'angoscia leggere dei casi in cui mi pareva che ci potessero stare 2 o 3 ipotesi diagnostiche diverse...
    non volevo angosciarti cmq sicuramente nei casi clinici ci potrebbero stare 2 o 3 ipotesi, infatti si a la diagnosi differenziale

    sulla questione "trattamento" direi che è da approfondire

  6. #6
    Partecipante Affezionato L'avatar di silvia-tt
    Data registrazione
    24-02-2008
    Residenza
    Ferrara
    Messaggi
    81

    Riferimento: Casi clinici

    Citazione Originalmente inviato da Johnny Visualizza messaggio
    non volevo angosciarti cmq sicuramente nei casi clinici ci potrebbero stare 2 o 3 ipotesi, infatti si a la diagnosi differenziale
    A proposito di diagnosi differenziale...come si fa? Hai trovato dei testi in cui spieghino una specie di procedura da seguire? Nel DSM fanno un elenco di altri disturbi con cui non va confusa la diagnosi che stiamo facendo ma nel concreto non capisco come devo fare. Dobbiamo imparare a memoria questi elenchi? Ho le idee un po' confuse...

  7. #7
    Partecipante Assiduo L'avatar di givemehope
    Data registrazione
    15-06-2008
    Messaggi
    145

    Riferimento: Casi clinici

    Citazione Originalmente inviato da silvia-tt Visualizza messaggio
    A proposito di diagnosi differenziale...come si fa? Hai trovato dei testi in cui spieghino una specie di procedura da seguire? Nel DSM fanno un elenco di altri disturbi con cui non va confusa la diagnosi che stiamo facendo ma nel concreto non capisco come devo fare. Dobbiamo imparare a memoria questi elenchi? Ho le idee un po' confuse...
    Ciao ragazzi, riguardo al caso clinico, anch'io avrei parecchi dubbi.
    La diagnosi differenziale andrebbe condotta basandocisi sui criteri diagnostici dei disturbi tra i quali vi è il dubbio. Qualcosa è scritta anche sul DSM-IV, come dicevi tu, Silvia.
    Ma voi come intendete procedere? Imparerete a memoria i criteri diagnostici per ciascun disturbo e le diagnosi differenziali? Oh mio Dio, io non credo di farcela!!!
    In questo periodo sto provando a svolgere dei casi, e qualcosa la ricordo, ma non riesco a ricordare proprio tutti i criteri!
    Come si fa?

  8. #8
    Partecipante Affezionato L'avatar di silvia-tt
    Data registrazione
    24-02-2008
    Residenza
    Ferrara
    Messaggi
    81

    Riferimento: Casi clinici

    Citazione Originalmente inviato da givemehope Visualizza messaggio
    Ciao ragazzi, riguardo al caso clinico, anch'io avrei parecchi dubbi.
    La diagnosi differenziale andrebbe condotta basandocisi sui criteri diagnostici dei disturbi tra i quali vi è il dubbio. Qualcosa è scritta anche sul DSM-IV, come dicevi tu, Silvia.
    Ma voi come intendete procedere? Imparerete a memoria i criteri diagnostici per ciascun disturbo e le diagnosi differenziali? Oh mio Dio, io non credo di farcela!!!
    In questo periodo sto provando a svolgere dei casi, e qualcosa la ricordo, ma non riesco a ricordare proprio tutti i criteri!
    Come si fa?
    Ciao! Io sto preparando una sorta di schemino per ogni disturbo, tipo: criteri, approfondimenti diagnostici, test e trattamento...anche se ormai questi schemini mi stanno uscendo dagli occhi...

    I criteri dunque proverò a studiarmeli, anche se credo studierò bene solo quelli che conosco meno e che mi creano confusione, come i disturbi di personalità, somatoformi, dissociativi, della sfera sessuale.

    Le diagnosi differenziali invece non ne ho idea...stavo pensando che per quelle forse basta sapere bene i criteri e poi verranno automaticamente ma ciò non mi rassicura molto. Avrei bisogno di casi svolti per vedere concretamente come si fa. Sul DSM-CASI CLINICI ci sono casi svolti ma mi sembrano così strani...non so come spiegarmi: le tracce sono difficili e le diagnosi sono le più disparate, non quelle classiche che affronta anche il Falabella. Mi creano più confusione che altro.

    Ma tu stai già provando a svolgere i casi? Che brava...vorrei essere avanti quanto te!

Privacy Policy