• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di briseide
    Data registrazione
    06-03-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    234

    Ad un certo punto, i genitori...

    Ad un certo punto, i genitori non amano più averci tra i piedi! Mi spiego meglio: per esperienza personale e parlando con varie persone, ho notato che le discussioni a casa tra genitori e figli grandi, che hanno ormai finito di studiare, ma che purtroppo ancora non lavorano, nè si sono creati ancora famiglia a parte, sono discussioni che hanno una matrice unica e cioè il fatto che i genitori è come se cominciassero a nutrire un pò di "insofferenza" nei confronti dei loro "bamboccioni". Non so se c'è una forma di invidia da parte loro per il fatto che alla nostra età già si erano sposati e sicuramente erano già entrati a far parte del mondo del lavoro, quindi erano già stracarichi di responsabilità), non so se si tratta di una motivazione inconscia (di chissà quale natura) o se vogliono vedersi fondamentalmente liberi e non vogliono più avere quell'obbligo nei nostri confronti...quei pensieri e quelle preoccupazioni...insomma si sono scocciati! Fatto è che ogni scusa è buona per litigare a casa mia ed ogni momento è buono per ricordarmi che se non ci sto bene me ne posso pure andare, cosa che prima non accadeva. A me dispiace, ma vorrei conoscere i vostri pareri e e le vostre esperienze a riguardo...

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724

    Riferimento: Ad un certo punto, i genitori...

    Secondo me quella che tu vedi come insofferenza (e anche io la percepisco come tale a volte specie perchè in effetti mi sento in colpa) è solo preoccupazione... la voglia di vederci sistemati, il timore che non lo saremo mai (non per colpa nostra o almeno non del tutto).

    Poi vabbè io vivo fuori casa quindi non è questione di avermi tra i piedi ma di dovermi mantenere... in fondo però sono loro stessi a non volere che io lavori (temono -giustamente- che non mi laureerei mai più), e comunque non potrei farlo perchè studio università+conservatorio e non ho il tempo materiale, se non per dare qualche ripetizione qua e la... però questa situazione è pesante!

    In ogni caso, anche loro si sono sposati tardi (30 mia mamma, 34 mio babbo) e lavoravano da poco...
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di ele crisa
    Data registrazione
    21-05-2007
    Residenza
    cagliari
    Messaggi
    1,431

    Riferimento: Ad un certo punto, i genitori...

    davvero interessante questo treadh....condivido tutto ciò che hai scritto..io purtroppo non ho mai avuto un buon rapporto e da sempre ho notato la loro insofferenza..ora che ormai sono grande ancora di più....il mio consiglio è quello di provare a parlare con loro...sempre che sia possibile..nel caso non lo sia sappi che ti capisco davvero prova a vedere se c'è davvero la speranza di un dialogo...anche perchè magari adesso vorrebbero che tu te ne andassi...ma quando sei in procinto di andartene(come sto facendo io) cambiano atteggiamento nei tuoi confronti...buffo eee??
    non dubitate che un piccolo gruppo di cittadini determinati e risoluti possa cambiare il mondo!!(Margareth Mead)cerco un medico...per il mio pc!!!
    ele

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di briseide
    Data registrazione
    06-03-2005
    Residenza
    napoli
    Messaggi
    234

    Riferimento: Ad un certo punto, i genitori...

    Purtroppo non vado ancora via da casa, perchè, pur essendo fidanzata da qualche anno, non c'è ancora intenzione di matrimonio, nè di convivenza da parte di entrambi...dunque mi tocca stare con loro ancora! Certo non vorrei sentirmi costretta a fare passi dei quali non sono sicura per il semplice (ma non sottovalutabile) motivo che i miei genitori si sono rotti di tenermi con loro. Cmq ne risento di questa situazione in quanto sono figlia unica e tutte le "gioie e dolori" ricadono su di me, ne parliamo ma in fondo vengo sempre colpevolizzata io nelle discussioni: sono io che ho sbalzi d'umore, sono io che voglio imporre regole in una casa che non è mia, sono io che non comprendo, sono io che aiuto...

  5. #5
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724

    Riferimento: Ad un certo punto, i genitori...

    Anche io figlia unica per cui ti capisco! non capisco invece chi pensa che noi siamo fortunate, perchè secondo me abbiamo una sfiga senza pari!!
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  6. #6
    Partecipante Affezionato L'avatar di cocca1982
    Data registrazione
    20-12-2007
    Messaggi
    110

    Riferimento: Ad un certo punto, i genitori...

    indubbiamente è perchè vogliono vederti sistemata...anche con me hanno fatto così e ora che sto per andarmene mi trattano male perchè sto per abbandonarlI! insomma come fai fai...è sempre una cosa negativa per loro...
    il fatto è che in loro vive un'ambiguità....da una parte sanno che la loro età avanza e forse sotto sotto vorrebbero che il tempo tornasse indietro...a quando eravamo piccoli e ' di loro proprietà'...iniziano a provare la sindrome del nido vuoto...
    e dall'altra sono consapevoli che iniziamo ad essere grandicelli...loro all'età nostra erano già sistemati...e vorrebbero quindi vederci realizzati e indipendenti per potersi sentire loro stessi di non aver fallito come genitori...e per vederci felici!

    p.s. direi che quest'ambiguità è altamente stressante per noi figli.....

  7. #7
    Partecipante Figo L'avatar di superfabio
    Data registrazione
    23-04-2009
    Residenza
    Milano provincia
    Messaggi
    814

    Riferimento: Ad un certo punto, i genitori...

    Citazione Originalmente inviato da Ember Visualizza messaggio
    Secondo me quella che tu vedi come insofferenza (e anche io la percepisco come tale a volte specie perchè in effetti mi sento in colpa) è solo preoccupazione... la voglia di vederci sistemati, il timore che non lo saremo mai (non per colpa nostra o almeno non del tutto).

    Poi vabbè io vivo fuori casa quindi non è questione di avermi tra i piedi ma di dovermi mantenere... in fondo però sono loro stessi a non volere che io lavori (temono -giustamente- che non mi laureerei mai più), e comunque non potrei farlo perchè studio università+conservatorio e non ho il tempo materiale, se non per dare qualche ripetizione qua e la... però questa situazione è pesante!

    In ogni caso, anche loro si sono sposati tardi (30 mia mamma, 34 mio babbo) e lavoravano da poco...
    Quoto quoto
    ...e così, guardando l’altro, l’uomo vedeva sé stesso, e odiava...
    (da LA VIA, IL VIAGGIO E LE LACRIME PERSE)

Privacy Policy