• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 29
  1. #1
    Partecipante
    Data registrazione
    06-09-2009
    Messaggi
    32

    consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neuroscienze e neurop

    Salve! studio filosofia, sono prossima alla laurea,e ho sempre avuto una grande passione per le neuroscienze, aumentata esponenzialmente dopo aver seguito corsi inerenti all'argomento. ho deciso di intraprendere un porcorso di studi molto particolare, ne sono consapevole quindi conseguita la laurea triennale in filosofia vorrei iscrivermi ad un'ulteriore triennale in neuropsicologia o psicologia cognitiva e poi iscrivermi ad una specialistica in neuroscienze cognitive(il mio sogno sarebbe al san raffaele)o comunque sempre in neuropsicologia, ma non ho le idee moto chiare sul percorso da seguire! gli ambiti di studio da me scelti sono questi, il problema sta nel costruire per l'appunto un percorso preciso! avete consigli? grazie!

  2. #2

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Beh impresa ardua fare 3 anni adesso e poi cominciare l'iter classico. Sicuramente ti consiglio di iscriverti subito all'albo dei triennalisti una volta presa al triennale di psicologia perchè puoi cominciare a fare piccole cose a livello lavorativo, poi in contemporanea cerca qualche corso da fare, per es. Napoli comincerà un corso di alta formazione aperto anche ai non psicologi che sembra molto completo, la mia amica è logopedista e lavora e adesso si è iscritta contemporaneamente alla triennale in psicologia e a questo corso in modo da abbreviare i tempi tecnici.
    comunque in bocca al lupo1 qualunque sia la tua scelta sei coraggiosa ma la tenacia porta sempre risultati!!

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    24-08-2009
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    139

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Citazione Originalmente inviato da CRYFORTHEMOON Visualizza messaggio
    Salve! studio filosofia, sono prossima alla laurea,e ho sempre avuto una grande passione per le neuroscienze, aumentata esponenzialmente dopo aver seguito corsi inerenti all'argomento. ho deciso di intraprendere un porcorso di studi molto particolare, ne sono consapevole quindi conseguita la laurea triennale in filosofia vorrei iscrivermi ad un'ulteriore triennale in neuropsicologia o psicologia cognitiva e poi iscrivermi ad una specialistica in neuroscienze cognitive(il mio sogno sarebbe al san raffaele)o comunque sempre in neuropsicologia, ma non ho le idee moto chiare sul percorso da seguire! gli ambiti di studio da me scelti sono questi, il problema sta nel costruire per l'appunto un percorso preciso! avete consigli? grazie!
    Ciao! Capiti a fagiolo: ho un amico che si è trovato in una situazione molto molto simile alla tua; laurea triennale in Filosofia e grande passione, sbocciata in itinere, per le scienze cognitive e per le neuroscienze. Dopo la triennale in Filosofia, si è iscritto direttamente alla specialistica in Neuroscienze Cognitive al S. Raffaele. Ovviamente aveva alcuni debiti da saldare (nulla di veramente drammatico, però: tutti gli esami - debiti non contavano come voto, ma come idoneità. Dunque era sufficiente prendere un voto pari o superiore a 18). Potresti provare anche tu, così eviti di farti un'altra triennale. Tra l'altro, se posso permettermi, avere persone che si occupino attivamente di neuroscienze cognitive avendo anche una solida formazione filosofica rappresenta un obiettivo importante della formazione dei ricercatori in questo campo. Dunque, brava, non mollare!

  4. #4
    Partecipante
    Data registrazione
    06-09-2009
    Messaggi
    32

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    GRAZIE PER LE RISPOSTE!!! carlo84 dopo aver letto dell'esperienza del tuo amico mi sento moto confortata! se posso chiedere dove ha studito filosofia?
    grazie mille!

  5. #5
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    24-08-2009
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    139

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Ha fatto la triennale di Filosofia a Pavia. Si è laureato con una tesi in Filosofia della Mente, nello specifico su Searle.
    Io e lui abbiamo discusso molto su tante questioni inerenti le scienze cognitive, e spesso mi sono reso conto che avere solide nozioni di Logica e Fenomenologia spesso gli consentiva di approcciare con spirito critico argomenti che, a livello formale, non aveva mai studiato. Un'arma concettuale decisamente invidiabile e desiderabile.

  6. #6
    Partecipante
    Data registrazione
    06-09-2009
    Messaggi
    32

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Citazione Originalmente inviato da Barbacarlo84 Visualizza messaggio
    Ha fatto la triennale di Filosofia a Pavia. Si è laureato con una tesi in Filosofia della Mente, nello specifico su Searle.
    Io e lui abbiamo discusso molto su tante questioni inerenti le scienze cognitive, e spesso mi sono reso conto che avere solide nozioni di Logica e Fenomenologia spesso gli consentiva di approcciare con spirito critico argomenti che, a livello formale, non aveva mai studiato. Un'arma concettuale decisamente invidiabile e desiderabile.
    anche io sto preparando la tesi sulla filosofia della mente(paul churchland e l'eliminativismo materialistico). io in tre anni,aldilà degli esami ovviamente, ho studiato personalmente e con l'aiuto del mio professore di scienze cognitive numerosi testi, dai cult a quelli più sconosciuti, di neuroscienze,psicologia cognitiva, neurologia, neurofisiologia ecc. poi per poter cotruire su questi argomenti un solido background concettuale ho passato in rassegna tutta la bibliografia di filosofia della mente ed empirismo logico
    tuttavia ho molte perplessità sul mio futuro! ovvero se dovessi riuscire a rientrare al san raffaele, una volta conseguita la specialistica che figura professionale incarnerei non essendo laureata ad esempio in psicologia cognitiva? io sono consapevole di avere una preprazione forte che va al di la di quella filosofica ma comunque a livello di titoli conseguiti sarei solo un ibrido! poi da quanto ho sempre sentito dire intraprendendo un percorso del genere(filosofia più neuroscienze al sr) il mio unico futuro sarbbe la ricerca e accedere ai dottorati è molto difficile uff a volte mi sento molto sfiduciata! sotto un certo punto di vista mi pento di non aver fatto quello che avrei voluto, ovvero la neurologa! infatti ora voglio tentare a tutti i costi di sudiare quanto posso il cervello!

  7. #7
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    24-08-2009
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    139

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Citazione Originalmente inviato da CRYFORTHEMOON
    anche io sto preparando la tesi sulla filosofia della mente(paul churchland e l'eliminativismo materialistico). io in tre anni,aldilà degli esami ovviamente, ho studiato personalmente e con l'aiuto del mio professore di scienze cognitive numerosi testi, dai cult a quelli più sconosciuti, di neuroscienze,psicologia cognitiva, neurologia, neurofisiologia ecc. poi per poter cotruire su questi argomenti un solido background concettuale ho passato in rassegna tutta la bibliografia di filosofia della mente ed empirismo logico
    ...Ammiro davvero persone che sanno fare cose di questo genere. Brava, sul serio, apprezzo moltissimo questo genere di curiosità ed impegno! Magari tutti gli Psicologi facessero come fai tu

    Citazione Originalmente inviato da CRYFORTHEMOON
    tuttavia ho molte perplessità sul mio futuro! ovvero se dovessi riuscire a rientrare al san raffaele, una volta conseguita la specialistica che figura professionale incarnerei non essendo laureata ad esempio in psicologia cognitiva? io sono consapevole di avere una preprazione forte che va al di la di quella filosofica ma comunque a livello di titoli conseguiti sarei solo un ibrido! poi da quanto ho sempre sentito dire intraprendendo un percorso del genere(filosofia più neuroscienze al sr) il mio unico futuro sarbbe la ricerca e accedere ai dottorati è molto difficile uff a volte mi sento molto sfiduciata! sotto un certo punto di vista mi pento di non aver fatto quello che avrei voluto, ovvero la neurologa! infatti ora voglio tentare a tutti i costi di sudiare quanto posso il cervello!
    In realtà, Credo - ripeto, credo - che la laurea specialistica al S. raffaele possa permetterti di tentare l'iscrizione all'albo degli Psicologi. Non ne sono però certo, come ti dicevo.
    Indipendentemente da questo, hai ragione: non c'è, ora come ora, molto spazio per le figure "ibride", qui in Italia (non ce n'è nemmeno per gli Psicologi "puri", figurati te!). In effetti, il tipo di percorso che hai scelto sembra tagliato su misura per la ricerca...obiettivo arduo, concordo anche su questo. Se posso permettermi un consiglio, ti suggerirei, ora che sei, se non ho capito male, quasi alla fine della triennale, di pensare seriamente a cosa fare dopo. Magari una laurea in Medicina è un po' lunga, però ci sono altre lauree, più professionalizzanti e più brevi. altrimenti, penso che sia onesto dire che il tipo di percorso che ti interessa non ha, concretamente, molti addentellati lavorativi, a meno che tu non voglia andare all'estero. Penso che tutto dipenda da quanto sei disposta a rischiare, a metterti in gioco e...banalmente, dal tipo di disponibilità economica che hai

  8. #8
    Partecipante
    Data registrazione
    06-09-2009
    Messaggi
    32

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    ti ringrazio per i consigli! io sono una persona determinata e non mi spaventa intraprendere percorsi di studio più complicati anche perchè studiare mi piace cmq tra poco si vedrà! io sarei tentata di iniziare un'altra triennale e poi fare la specialistica,magari a padova o a roma. certo vorrà dire che finirò di studiare completamente a 27 anni ma per me non è un problema, nel frattempo comincerò ad inserirmi lavorando magari come volontaria. il mio sogno sarebbe lavorare in un centro per bambini malati, autistici, epilettici ecc ecco perchè vorrei intraprendere un percorso in neuropsicologia in realtà vorrei proprio aprirlo con altre due ragazze(una studia psicologia dello sviluppo, è al primo anno e anche lei prima si è laureata in filosofia , e l'altra scienze della formzione) per garantirgli un'assistenza molto ampia. con loro due ho lavorato molte volte in case famiglia e centri per anziani e ho notato cose sconvolgenti! in alcune case famiglia i bambini malati erano completamente ABBANDONATI A LORO STESSI, c'erano alcuni autistici che non venivano neppure presi in consderazione nè minimamente coinvolti nelle attività e inoltre venivano continuamente derisi dai coetanei e nessuno faceva niente. ecco da allora ci è venuta questa idea, in me si è rafforzata ancora di più la passione per la neuropsicologia e quindi è questo che vorrei fare, garantire assistenza continua e competente a questi bambini dalle terapie ai giochi, dall'inserimento graduale nella società allo sviluppo delle capacitò che hanno. la mia è una grande passione e credo che le cose se fatte con il cuore possano andare a buon fine^_^
    Ultima modifica di CRYFORTHEMOON : 07-10-2009 alle ore 13.13.56

  9. #9
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    24-08-2009
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    139

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Come ti dicevo, il tuo è un fine nobile, condiviso da molte persone, in questa zona Ancora più nobile, a mio avviso, è voler arrivare a ciò passando attraverso uno studio serio e critico della neuropsicologia. Poche persone lo fanno davvero, secondo me. Tuttavia, il tipo di lavoro che interessa a te è difficile da fare qui in Italia. Per lo meno, in modo retribuito - e di qualcosa bisogna pur vivere! -. Ed è anche tristemente vero che altre categorie professionali, meno competenti, hanno maggiori possibilità di fare proprio questo genere di mestiere. Tutto questo per dire cosa? la faccio breve: se DAVVERO, dopo la laurea in Filosofia, hai voglia di imbarcarti in un'altra triennale...beh, non fare Psicologia. Non si tratta, ora come ora, di un buon investimento lavorativo. Condivido, in parte, il tuo discorso sulla passione e l'interesse...ma qui, in questo paese, la passione e l'interesse - come del resto l'intelligenza e la competenza - non sempre vengono valorizzati come dovrebbero. E' anche per questo che ti suggerisco, se proprio vuoi avere in mano il titolo di "Psicologa", di tentare la Specialistica del S. raffaele. Un'altra triennale non te la suggerisco davvero, non in questa materia. Tra l'altro, penso che ne rimarresti, tutto sommato, delusa.
    Naturalmente le opinioni di un estraneo su un Forum valgono quel che valgono. Però, davvero, informati bene, cerca di parlare direttamente con docenti e studenti di questa materia e fatti un'idea...la Psicologia italiana - e anche la Neuropsicologia - al momento rende poco, sotto molti aspetti.

  10. #10
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Citazione Originalmente inviato da CRYFORTHEMOON Visualizza messaggio
    il mio sogno sarebbe lavorare in un centro per bambini malati, autistici, epilettici ecc ecco perchè vorrei intraprendere un percorso in neuropsicologia in realtà vorrei proprio aprirlo con altre due ragazze(una studia psicologia dello sviluppo, è al primo anno e anche lei prima si è laureata in filosofia , e l'altra scienze della formzione) per garantirgli un'assistenza molto ampia. con loro due ho lavorato molte volte in case famiglia e centri per anziani e ho notato cose sconvolgenti! in alcune case famiglia i bambini malati erano completamente ABBANDONATI A LORO STESSI, c'erano alcuni autistici che non venivano neppure presi in consderazione nè minimamente coinvolti nelle attività e inoltre venivano continuamente derisi dai coetanei e nessuno faceva niente. ecco da allora ci è venuta questa idea, in me si è rafforzata ancora di più la passione per la neuropsicologia e quindi è questo che vorrei fare, garantire assistenza continua e competente a questi bambini dalle terapie ai giochi, dall'inserimento graduale nella società allo sviluppo delle capacitò che hanno. la mia è una grande passione e credo che le cose se fatte con il cuore possano andare a buon fine^_^
    Da quello che leggo, non riesco però a capire se ti sia interessata maggiormente ad una professione come la neuropsicologia dell'età evolutiva o più ad un aspetto educativo in questi pazienti.
    Personalmente ti converrebbe informarti maggiormente su entrambi gli aspetti e parlare anche con persone che già lavorano nell'ambito con entrambi i ruoli professionali e poi decidere.
    Dai tuoi discorsi,ma magari mi sbaglio, percepisco maggiormente un inclinazione al campo educativo. (che è un bellissimo campo se ci si è portati!)

    Buona giornata

  11. #11
    Partecipante
    Data registrazione
    06-09-2009
    Messaggi
    32

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Citazione Originalmente inviato da pimo_eli Visualizza messaggio
    Da quello che leggo, non riesco però a capire se ti sia interessata maggiormente ad una professione come la neuropsicologia dell'età evolutiva o più ad un aspetto educativo in questi pazienti.
    Personalmente ti converrebbe informarti maggiormente su entrambi gli aspetti e parlare anche con persone che già lavorano nell'ambito con entrambi i ruoli professionali e poi decidere.
    Dai tuoi discorsi,ma magari mi sbaglio, percepisco maggiormente un inclinazione al campo educativo. (che è un bellissimo campo se ci si è portati!)

    Buona giornata
    sono interessata all'aspetto neuropsicologico non a quelo educativo, cmq ho ancora qualche tempo per decidere cosa fare

  12. #12
    Super Postatore Spaziale L'avatar di simoncino
    Data registrazione
    07-09-2005
    Messaggi
    2,672

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Citazione Originalmente inviato da CRYFORTHEMOON Visualizza messaggio
    sono interessata all'aspetto neuropsicologico non a quelo educativo, cmq ho ancora qualche tempo per decidere cosa fare
    guarda la psicologia, soprattutto quella cognitiva è un mondo nuovo che ha poco a che vedere con la filosofia..Parliamo di una facoltà umanistica in confronto con una scientifica. L'unica cosa, a mio avviso, è quella di iniziare con una triennale in psicologia (magari scegliendo l'indirizzo cognitivo) e continuare con la specialistica ad indirizzo cognitivo o neuroscienze. Se non sbaglio, mi sembra di aver letto che sei di Pavia. Penso che la facoltà di psicologia sia ottima...

    se hai altri dubbi chiedi pure
    SE impedirò ad un cuore di spezzarsi....allora potrò dire di non essere vissuto invano

    Io sono solo un povero cadetto di Guascogna
    però non la sopporto la gente che non sogna

    la paura è il coraggio di dire io ho sempre tentato

    fare un altro round quando pensi di non farcela...è una cosa che può cambiarti al vita


    Cameron: Che ne pensi del sesso?
    House: Beh, potrebbe essere complicato, lavoriamo insieme, io sono più vecchio, però magari ti piace...
    Cameron: Dicevo che forse ha la neurosifilide!
    House: Eh! Bella copertura

  13. #13
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    24-08-2009
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    139

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Citazione Originalmente inviato da simoncino
    guarda la psicologia, soprattutto quella cognitiva è un mondo nuovo che ha poco a che vedere con la filosofia..
    Mi sembra una affermazione un po' affrettata!

    Citazione Originalmente inviato da simoncino
    Parliamo di una facoltà umanistica in confronto con una scientifica.
    Scientifica Psicologia? Beh, a mio avviso, diciamo che ci sta provando...ma ce n'è di strada...

    Citazione Originalmente inviato da simoncino
    L'unica cosa, a mio avviso, è quella di iniziare con una triennale in psicologia (magari scegliendo l'indirizzo cognitivo) e continuare con la specialistica ad indirizzo cognitivo o neuroscienze. Se non sbaglio, mi sembra di aver letto che sei di Pavia. Penso che la facoltà di psicologia sia ottima...
    Se vuole andare al S. Raffaele, come si diceva poco sopra, non è necessario fare una triennale, può fare direttamente la Specialistica, penso che poi possa iscriversi all'albo. Sarebbe meglio appurare prima questa eventualità.
    Circa la "facoltà" di Psicologia di Pavia...eh, insomma! "Ottima" è molto lusinghiero

  14. #14
    Super Postatore Spaziale L'avatar di simoncino
    Data registrazione
    07-09-2005
    Messaggi
    2,672

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Citazione Originalmente inviato da Barbacarlo84 Visualizza messaggio
    Mi sembra una affermazione un po' affrettata!



    Scientifica Psicologia? Beh, a mio avviso, diciamo che ci sta provando...ma ce n'è di strada...



    Se vuole andare al S. Raffaele, come si diceva poco sopra, non è necessario fare una triennale, può fare direttamente la Specialistica, penso che poi possa iscriversi all'albo. Sarebbe meglio appurare prima questa eventualità.
    Circa la "facoltà" di Psicologia di Pavia...eh, insomma! "Ottima" è molto lusinghiero


    lo dici tu che non è scientifica....non basarti su quello che viene insegnato nella maggior parte delle università... io non riesco a non vedere la scientificità della psicologia, soprattutto per ciò che concerne le neuroscienze e la psicobiologia..ma potrei anche citare la psiconeuroendocrinologia o la psiconeuroimmunologia (PNEI)...se non è scientifico questo. La psicologia non è solo dinamica..

    per il resto non vedo come una triennale in filosofia possa permettere ad un individuo di iscriversi ad una specialistica.. ora non conosco le materie di psicologia che si fanno in una triennale di filosofia, ma passare da una facoltà umanistica ad una scientifica..secondo me ce ne passa...
    Ultima modifica di simoncino : 13-10-2009 alle ore 14.09.03
    SE impedirò ad un cuore di spezzarsi....allora potrò dire di non essere vissuto invano

    Io sono solo un povero cadetto di Guascogna
    però non la sopporto la gente che non sogna

    la paura è il coraggio di dire io ho sempre tentato

    fare un altro round quando pensi di non farcela...è una cosa che può cambiarti al vita


    Cameron: Che ne pensi del sesso?
    House: Beh, potrebbe essere complicato, lavoriamo insieme, io sono più vecchio, però magari ti piace...
    Cameron: Dicevo che forse ha la neurosifilide!
    House: Eh! Bella copertura

  15. #15
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    24-08-2009
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    139

    Riferimento: consiglio importante su pecorso di studi, psicologia cognitiva, neurosci

    Citazione Originalmente inviato da simoncino
    lo dici tu che non è scientifica....
    Certo, è solo una mia opinione

    Citazione Originalmente inviato da simoncino
    non basarti su quello che viene insegnato nella maggior parte delle università...
    Mi baso su quello che viene insegnato nel corso di laurea in Psicologia (Neuropsicologico - Cognitivo) di Pavia e sulle mie personali letture. Direi soprattutto su quest'ultime

    Citazione Originalmente inviato da simoncino
    io non riesco a non vedere la scientificità della psicologia, soprattutto per ciò che concerne le neuroscienze e la psicobiologia..ma potrei anche citare la psiconeuroendocrinologia o la psiconeuroimmunologia (PNEI)...se non è scientifico questo. La psicologia non è solo dinamica..
    Sì, so che la Psicologia non è solo dinamica. Anzi, è certamente la branca che conosco meno.
    Secondo me, la Psicologia non può definirsi interamente scientifica perchè deveb ancora fare i conti con un sacco di costrutti e problemi con non sono assolutamente "traducibili" in termini scientifici rigorosi. Anzi, nemmeno approssimativi. Alcuni illustri esempi sono il concetto di "intenzionalità", "coscienza", "volontà", "motivazione", "esperienza". Nessuna nranca delle neuroscienze, della Psicologia, o quant'altro ha, fino ad ora, Spiegato che cosa siano, in termini scientifici, questi "fenomeni". Non si sa nemmeno che cosa sia la "mente": ci sono moltissime teorie, molte delle quali indimostrabili, o quasi. Per lo studio della percezione cosciente, per esempio, la neurofenomenologia (Varela, Gallagher, Freeman e molti altri) sta facendo sforzi enormi per cercare di rendere maggiormente analizzabili in termini scientifici i resoconti soggettivi...ma si è solo agli inizi.
    Dunque, tutt'al più, io direi che la Psicologia sfrutta profiquamente il metodo scientifico...ma, ora come, non penso la si possa definire una scienza a tutti gli effetti. E naturalmente, non vi è accordo sul fatto che lo possa diventare in modo completo, e se sì, come.
    Al limite, io penso si possa parlare di soft science

    Citazione Originalmente inviato da simoncino
    per il resto non vedo come una triennale in filosofia possa permettere ad un individuo di iscriversi ad una specialistica.. ora non conosco le materie di psicologia che si fanno in una triennale di filosofia, ma passare da una facoltà umanistica ad una scientifica..secondo me ce ne passa...
    Non ho fatto una triennale in Filosofia, dunque non so risponderti. So però per certo che al S. Raffaele si può accedere ad una specialistica in Neuroscienze Cognitive avendo la triennale di Filosofia (e qualche debito formativo).
    Tra l'altro, vorrei sottolineare che mediamente - con alcune variazioni su tema - a Psicologia non vengono insegnate le discipline base di un qualsiasi corso di laurea scientifico.
    Per esempio:
    1) Biologia e Genetica non impegna più di un esame
    2) Non si fa Chimica
    3) Non si fa Fisica
    4) Non si fa Matematica (fatta eccezione, e nemmeno dappertutto, per qualche rudimento di algebra lineare per poter poi fare statistica)

    Certo, se uno sceglie un certo tipo di percorso farà cenni di neurobiologia, neuroanatomia e neurofisiologia. Ma giusto quello che possiamo fare con le scarse basi scientifiche che ci ritroviamo (per esempio, la Fisiologia odierna si basa moltissimo su modelli matematici, che noi non potremmo capire. Ad un livello meno astratto, una competenza basilare di Chimica sarebbe necessaria. Ma non abbiamo nemmeno quella, dunque siamo altamente vincolati.)

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy