• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8
  1. #1
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    27-01-2007
    Residenza
    torino
    Messaggi
    68

    lavoro per triennalisti laureandi....

    Ciao a tutti!!non so se è questa la sezione giusta per la mia domanda ma provo ugualmente..!Io sono quasi al termine della laurea triennale a Torino e mi chiedevo se si volesse lavorare per farsi un pò di esperienza a chi ci si può rivolgere..e invece dopo la laurea triennale cosa si può fare?Vostre esperienze??Grazie mille!!Buona giornata a tutti!

  2. #2
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    19-09-2005
    Messaggi
    380

    Riferimento: lavoro per triennalisti laureandi....

    Citazione Originalmente inviato da psicofriend Visualizza messaggio
    Ciao a tutti!!non so se è questa la sezione giusta per la mia domanda ma provo ugualmente..!Io sono quasi al termine della laurea triennale a Torino e mi chiedevo se si volesse lavorare per farsi un pò di esperienza a chi ci si può rivolgere..e invece dopo la laurea triennale cosa si può fare?Vostre esperienze??Grazie mille!!Buona giornata a tutti!
    Caro Psicofriend,
    per alcuni Tuoi colleghi sn una voce fuori dal coro, per altri,
    che capiscono le mie motivazioni sono uno che vorrebbe un mercato di professionisti di qualità (che mira alla qualità del servizio offerto), cioè "selezionati" dal mercato, come nella maggioranza degli altri paesi europei. Per me ciò che pensano (e che scrivono) gli uni e gli altri è motivo di orgoglio.
    Quindi, a proposito di Europa, la triennale era stata creata per sviluppare due binari di professionalità diverse (triennale e specialistica) che aprisse a lavori diversi, così è in Europa.
    In Italia, <<per non offendere>> e <<creare difficoltà di lavoro>> alle decine di migliaia di specialistici (chiamamoli così) si è voluto creare un'Albo denominandolo Albo B degli Psicologi (alludendo, secondo me, a che fosse chiaramente dal nome un Albo di serie B! Come se chi avesse sostenuto tutti gli esami della triennale fosse uno Psicologo di serie B, compresa anche la qualità degli esami...che, poi, sono cmq gli stessi, per i primi tre anni, che deve aver sostenuto lo Psicologo iscrivendo alla Sezione A dell'Albo!).
    C'è perfino un tirocinio per i triennalisti! Come mai è stato istituito?!
    Conclusione: perchè non dovrebbe esistere un mercato del lavoro per i triennalisti?? Per me deve esistere, altrimenti è una commedia italiana (come credo, in effetti, che sia) per illudere migliaia di giovani che l'Albo di serie A garantirà lavoro per tutti! Mentre dalle testimonianze, non certo mie, di cui alcune disperate, su questo Forum sembrerebbe il contrario.
    Dico solamente: leggiti cosa c'è scritto sulle possibilità di intervento della Laurea triennale che hai concluso e buttati sul Tuo obiettivo, dando per presupposto che è lo sviluppo delle competenze e della qualità del servizio offerto, ciò che può davvero creare una professionalità, come si fa nel tanto condannato <<estero>>.
    C'è già stato chi ha scritto (Carl Marx nel <<Capitale>>) che ci sarebbe stato un <<esercito di manodopera di riserva>> che si sarebbe potuto ben sfruttare in caso di necessità da parte del datore di lavoro: almeno questa parte della sua opera, è stata profetica! Soprattutto guardando al mercato della psicologia in Italia: si sta creando davvero una schiera di <<psicologi di riserva>>. E più aumenta il numero di essi e il livellamento delle competenze (gli operai al tempo del Capitale, avevano tutti le stesse competenze) e più diminuiscono le possibilità d'impiego o...aumentano quelle di sfruttamento.

    In bocca al lupo,
    Ultima modifica di IT_Modeler : 12-09-2009 alle ore 12.20.26
    psi_net

  3. #3
    Partecipante Super Figo L'avatar di ikaro78
    Data registrazione
    06-07-2004
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    1,975

    Riferimento: lavoro per triennalisti laureandi....

    sono uno che vorrebbe un mercato di professionisti di qualità (che mira alla qualità del servizio offerto), cioè "selezionati" dal mercato
    Quindi se tanto mi dà tanto, i panini di Mc Donald sono cibo di qualità, essendo "selezionati" dal mercato...

  4. #4
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    19-09-2005
    Messaggi
    380

    Riferimento: lavoro per triennalisti laureandi....

    Citazione Originalmente inviato da ikaro78 Visualizza messaggio
    Quindi se tanto mi dà tanto, i panini di Mc Donald sono cibo di qualità, essendo "selezionati" dal mercato...
    Ah, ah, ah, Ikaro78,

    mancavano al Forum di OPS le Tue battute esilaranti!
    Evviva lo slow-food! Abbasso McDonald!
    psi_net

  5. #5
    Partecipante Figo
    Data registrazione
    30-11-2008
    Messaggi
    773

    Riferimento: lavoro per triennalisti laureandi....

    come vorrei che esistesse più meritocrazia...più qualità nei servizi....via i fannulloni attaccati alla forma più che alla sostanza!i servizi di pessima qualità dovrebbero "marcire"...e con loro tutti quei professionisti(che siano diplomati o laureati) che pensano solo alla quantità anzichè alla qualità......
    come vorrei che un laureato smettesse di sentirsi così "al sicuro" solo perchè ha la laurea in tasca non avendo un pò di umiltà...
    come vorrei che esistesse un mercato in cui se non dimostri QUOTIDIANAMENTE di essere bravo.....soccombi e puoi rischiare di non esercitare più....invece qui (in Italia) mi sembra debbano succedere cose eclatanti per essere radiato da un albo.......
    e tutta quella "sporcizia" che ci circonda(servizi che fanno dispetti tra loro, colleghi che "si fanno le scarpe", professionisti che parlano male dei loro clienti).......beh.....per questi non vi è nemmeno l'ammonizione!

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: lavoro per triennalisti laureandi....

    Citazione Originalmente inviato da psicofriend Visualizza messaggio
    Ciao a tutti!!non so se è questa la sezione giusta per la mia domanda ma provo ugualmente..!Io sono quasi al termine della laurea triennale a Torino e mi chiedevo se si volesse lavorare per farsi un pò di esperienza a chi ci si può rivolgere..e invece dopo la laurea triennale cosa si può fare?Vostre esperienze??Grazie mille!!Buona giornata a tutti!
    certo che puoi lavorare! Dipende da vari fattori:
    - chi sei? Cioè, quali sono i tuoi interessi, le tue motivazioni, i tuoi obiettivi? Senza prima chiarire tutto ciò, è difficile intraprendere una strada, è come brancolare alla cieca, senza seguire una direzione. Se non si sa verso dove andare, non si arriva da nessuna parte

    - cosa sai fare? Ok, hai una laurea, quindi sai molte cose, ma concretamente cosa sai fare? Infatti per svolgere un lavoro si presuppone che ognuno sappia fare qualcosa, l'azienda restribuisce una prestazione. Quindi fai un bilancio delle tue competenze, non solo legate alla psicologia, o comunque tecniche e specifiche, ma anche trasversali: sai progettare un sito, sai condurre un gruppo, sai promuovere un'attività, sai padroneggiare diversi registri comunicativi, sai gestirti in autonomia, sai lavorare sotto stress, ecc? In questo modo definisci meglio il tuo profilo e si chiarisce dove puoi impiegarti e renderti utile.

    - qual è la tua rete di relazioni? Cioè, quante persone conosci, e in particolare conosci qualcuno che lavora in ambiti psicologi e può introdurti, ocinvolgerti in un progetto, segnalarti delle opportunità? Questo è importante, perché le occasioni di lavoro non vengono quasi mai pubblicate sul giornale, ma circolano informalmente, di persona in persona, quindi è bene crearsi una rete di contatti

    - quali sono i bisogni del tuo territorio? Ad esempio, hai provato a osservae quali "soggetti sociali" vi operano (ccop, associazioni, enti, ecc), e che servizi offrono? Che bisogni ci sono? Questo puoi rilevarlo soltanto tu, parlando con persone, osservando, ecc. Io posso indicarti i bisogni che ci sono nel sud pontino, dove vivo, ma non credo ti interessino, quindi è opportuno monitorare il proprio territorio e capire cosa serve, e soprattutto trovare una mediazione tra cosa serve e cosa puoi offrire

    - hai spirito di iniziativa? Se sì, proponi tu qualcosa di specifico e di utile: rileva un bisogno e prova a rispondere offrendo un servizio (ovviamente non psicologico o clinico, sta a te trovarlo, in base alle tue conoscenze e competenze), organizzando qualcosa, magari insieme ai tuoi colleghi. Unendo le forze è meglio!

    Ultima modifica di ste203xx : 12-09-2009 alle ore 19.16.06

  7. #7
    Partecipante Super Figo L'avatar di ikaro78
    Data registrazione
    06-07-2004
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    1,975

    Riferimento: lavoro per triennalisti laureandi....

    come vorrei che un laureato smettesse di sentirsi così "al sicuro" solo perchè ha la laurea in tasca non avendo un pò di umiltà...
    Secondo te un laureato, in Italia, si sente "al sicuro" perchè ha una laurea in tasca? Ma 'ndo vivi?!

  8. #8
    Partecipante Figo
    Data registrazione
    30-11-2008
    Messaggi
    773

    Riferimento: lavoro per triennalisti laureandi....

    "al sicuro" ossia tranquillo di sapere chissà cosa.......
    ovviamente non mi riferivo al posto di lavoro

Privacy Policy