• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 23
  1. #1
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145

    Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione!

    Ciao a tutti!
    non avete idea di quanto mi senta confusa, stressata, agitata, arrabbiata, nervosa, su di giri, negativa in questi giorni!
    Ho una paura tremenda di fare una figuraccia con la commissione il prossimo giovedì 10 ettembre, cioè il gg della mia laurea!
    La mia tesi si intitola "Demenza e invecchiamento, il ruolo della stimolazione cognitiva."
    Ho paura di aver sbagliato nel titolo il termine "stimolazione cognitiva" e quindi tutto il succo della mia tesi! PANICO!!! per favore qualcuno mi sa dire la relazione e la differenza fra stimolazione cognitiva e riabilitazione cognitiva?
    Ad esempio a un certo punto della mia discussione parlerò della tecnica della ROT (terapia orientamento alla realtà per pazenti con deemnza senile)...è una tecnica di stimolazioNe cognitiva o di riabilitazione cognitiva? Come sono confusa nn avete idea....
    Anche perchè ho scoperto che 6 su 13 prof della mia commissione insegnano materie dl curriculum di riabilitazione e di neuropsicologia...ho una paura ragazzi...per favore aiutatemiiiiiiiiiiiiiii

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Tranquilla hai fatto giusto. Nella demenza non puoi parlare di riabilitazione perchè è un processo degenerativo, e quindi il paziente non potrà mai recuperare le funzioni perse, ma al massimo conservarle il più a lungo possibile stimolandole appunto. Per questo si parla di stimolazione e non riabilitazione.

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    24-08-2009
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    139

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Citazione Originalmente inviato da Tipolina83 Visualizza messaggio
    Ciao a tutti!
    non avete idea di quanto mi senta confusa, stressata, agitata, arrabbiata, nervosa, su di giri, negativa in questi giorni!
    Ho una paura tremenda di fare una figuraccia con la commissione il prossimo giovedì 10 ettembre, cioè il gg della mia laurea!
    La mia tesi si intitola "Demenza e invecchiamento, il ruolo della stimolazione cognitiva."
    Ho paura di aver sbagliato nel titolo il termine "stimolazione cognitiva" e quindi tutto il succo della mia tesi! PANICO!!! per favore qualcuno mi sa dire la relazione e la differenza fra stimolazione cognitiva e riabilitazione cognitiva?
    Ad esempio a un certo punto della mia discussione parlerò della tecnica della ROT (terapia orientamento alla realtà per pazenti con deemnza senile)...è una tecnica di stimolazioNe cognitiva o di riabilitazione cognitiva? Come sono confusa nn avete idea....
    Anche perchè ho scoperto che 6 su 13 prof della mia commissione insegnano materie dl curriculum di riabilitazione e di neuropsicologia...ho una paura ragazzi...per favore aiutatemiiiiiiiiiiiiiii
    Ciao Tipolina: studio anch'io a Pavia e, da quel che dici, direi che sei nel curriculum neuropsicologico - cognitivo...Con chi hai fatto la tesi? Secondo me, se sei con la Bottini, nessuno oserà aprir bocca durante la discussione

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Grazie mille Calathiel! non sai come sto, sono agitatissima..anche perchè mi sento ancora molto indietro rispetto alla presentazione in power point...
    Posso chiederti se la sai, una definizione di stimolazione cognitiva?ne ho una che non mi convince e nel power point vorrei metterne 1 altra....
    Inoltre ...come definiresti la ROT? nel senso...secondo te è una tecnica di stimolazione cognitiva? perchè ti spiego, durante la discussione in seduta di laurea dopo aver spiegato cos'è la stimolaz cognitiva volevo parlare dellla ROT come esempio di stimolaz cognitiva.
    è azzeccato?
    scusa tantissimo del disturbo ma sn davvero fuori in questi giorni. e mi vengono tutti i dubbi possibili...



    PER BARBACARLO
    Ciao, faccio la tesi con Ambrosi...con pace come orrelatore...speriamo bene...ho tanto paura delle domande che mi potranno fare!
    Ultima modifica di Tipolina83 : 05-09-2009 alle ore 10.28.01

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Per favore aiutatemi e rispondete, sono davvero nelle canne, ho paura di fare casini! Vi ringrazio fin da ora!!!!!!

    Oltre al chiedervi una buona definizione di stimolazione cognitiva e a sapere in che categoria di intervento inserireste la ROT (cioè, è un intervento che puù rientrare nella categoria degli interventi di stimolazione cognitiva o no?)
    Volevo chiedervi, scusate davvero le mie 1000 richieste, per quale motivo funziona la stimolazione cognitiva...cioè, perchè aiuta nel ridurre il decremento delle capacità cognitive degli anziani? Può c'entrere il concetto di riserva celebrale o di neuroplasticità? Sono la stessa cosa la riserva celebrale e la neuroplasticità?
    o qst ultimo è un concetto che serve soprattutto per spiegare il recupero elle capacità cognitive di un pz dopo lesione celerale, (trauma cranico ect?)
    Per favore aiutatemi il tempo stringe, fra max 2,3 gg devo consegnare la presentaz power point!
    Grazie

  6. #6
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Allora,l a stimolazione cognitiva è appunto una stimolazione delle risorse cognitive restantie spesso si agisce insegnando al paziente delle strategie di compensazione. Nei pazienti con malattie degenerative (Alzheimer etc) succede spesso che per funzioni cognitive fino ad allora automatizzate, debbano ora impiegara maggiore attenzione (il SAS potremmo dire che viene sovraccaricato). L'insegnamento di strategie compensatorie e/o la stimolazione cognitiva servono per implementare al massimo le funzioni cognitive residue e per diminuire l'intervento del SAS in compiti che dovrebbero rimanere automatizzati.
    E stai tranquillissima!!!!!!!
    In bocca al lupo!!!

  7. #7
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Grazie di cuore!
    scusa posso chiederti cosa è il SAS?e La ROTche tu sappia (terapia di orientamento alla realtà, è 1 attività di stimolazione cognitiva?

  8. #8
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    24-08-2009
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    139

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Citazione Originalmente inviato da pimo_eli Visualizza messaggio
    Allora,l a stimolazione cognitiva è appunto una stimolazione delle risorse cognitive restantie spesso si agisce insegnando al paziente delle strategie di compensazione. Nei pazienti con malattie degenerative (Alzheimer etc) succede spesso che per funzioni cognitive fino ad allora automatizzate, debbano ora impiegara maggiore attenzione (il SAS potremmo dire che viene sovraccaricato). L'insegnamento di strategie compensatorie e/o la stimolazione cognitiva servono per implementare al massimo le funzioni cognitive residue e per diminuire l'intervento del SAS in compiti che dovrebbero rimanere automatizzati.
    E stai tranquillissima!!!!!!!
    In bocca al lupo!!!
    Sì, beh, questa però è una teoria, non credo che tutti siano in totale accordo con questa posizione...

    Per Tipolina: il SAS è il Sistema Attenzionale (o attentivo?) Supervisore. Si tratta di un modello neuropsicologico dell'attenzione proposto da Tim Shallice.

  9. #9
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Shallice sostiene che il Sistema Attentivo Supervisore (SAS) sia un centro presieduto dalla corteccia prefrontale e deputato a dirigere l'attenzione verso i vari passaggi di un compito...èp un po' un "supervisore" dell'attenzione

  10. #10
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Citazione Originalmente inviato da Barbacarlo84 Visualizza messaggio
    Sì, beh, questa però è una teoria, non credo che tutti siano in totale accordo con questa posizione...

    Per Tipolina: il SAS è il Sistema Attenzionale (o attentivo?) Supervisore. Si tratta di un modello neuropsicologico dell'attenzione proposto da Tim Shallice.
    prova a spiegare altre teorie...così magari tipolina può trovare maggiori info

  11. #11
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Grze mille, non so a chi rivolgermi, sono davvero peoccupata e in palla, mi state dando una grande mano!
    vi richiedo la questione della ROT, così se qlc sapesse mi levo qst dubbio importante...la ROT (terapia di orientamento alla realtà) è una tecnica che può rientrare nella categoria degli interventi di stimolazione cognitiva?
    Perchè vorrei parlarne durante la discussione di laurea come esempio di tecnica di stimolaz cognitiva...
    Grazie ancora, non ho parole x la vostra disponibilità!

  12. #12
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Premessa: non conosco il metodo.
    Sono però andata a spulciare qua e là e da quello che ho letto a me sembra sì stimolazione cognitiva! Vai tranquilla e serena!!!
    Mi raccomando, poi facci sapere!!!!

  13. #13
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    24-08-2009
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    139

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Citazione Originalmente inviato da pimo_eli Visualizza messaggio
    prova a spiegare altre teorie...così magari tipolina può trovare maggiori info
    La teoria del "sovraccarico" del SAS è stata proposta per l'AD, ma in altre malattie degenerative non sembra del tutto applicabile (per esempio, malattia di Pick, alcune demenze subcorticali ecc.) o non preminente. Alcuni ipotizzano, anche se si tratta di una posizione poco rappresentata, che il principale danno dell'AD sia Direttamente a carico delle aree frontali, almeno in alcuni casi (ma, ripeto, tale posizione è sempre meno di moda). Il problema principale, comunque, è che il SAS viene "collocato", da Shallice, a livello dei lobi pre - frontali. Tale scelta localizzazionista non è condivisa nè del tutto certa. Alcuni, poi, più che dare importanza al sovraccarico delle capacità attentive, si concentrano maggiormente sul deficit delle specifiche componenti, come la memoria e le capacità spaziali.

    Non sono un esperto di Demenze dunque non so descriverti le recenti teorie interpretative dell'AD. Spero però che quanto ho scritto basti a spiegare che la teoria del carico attentivo deve essere presentata come tale e non come certezza

  14. #14
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di pimo_eli
    Data registrazione
    06-06-2006
    Residenza
    provincia di Varese
    Messaggi
    1,480

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Citazione Originalmente inviato da Barbacarlo84 Visualizza messaggio

    Non sono un esperto di Demenze dunque non so descriverti le recenti teorie interpretative dell'AD. Spero però che quanto ho scritto basti a spiegare che la teoria del carico attentivo deve essere presentata come tale e non come certezza

    Grazie per le aggiunte, comunque penso che tipolina l'avesse capito che è una teoria...d'altra parte di certezze a livello cerebrale ce ne sono davvero poche! E quelle che ci sono, ongi tanto vengono disconfermate dai pazienti stessi :-)

  15. #15
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    24-08-2006
    Messaggi
    1,145

    Riferimento: Il 10 settembre mi laureo, per favore datemi una mano con la discussione

    Grazie non so come ringraziarvi davvero!!!

    Vi chiedo 1 ultimo concetto e poi non vi stresso più...e scusate ancora!

    Vi sembra giusto come concetto dire che la stimolazione cognitiva aiuta il pz demente rallentando il progressivo deterioramento delle sue capacità cognitive perchè fa aumentare i collegamenti sinaptici fra i neuroni?
    Le persone dementi hanno meno neuroni a causa della patologia neurodegenerativa che hanno in corso...però la stimolazione cognitiva li aiuta perchè vengano aumentati cosi i collegamneti sinaptici fra i neuroni "sopravvissuti"...



    Io ho capito questo...secondo voi è giusto??

    Vi dico la verità non ho dato un taglio molto neuropsicologico alla mia tesi...però vorrei sapere almeno le cose base se me le chiedessero dopo la discussione!

    Grazie e certo vi farò sapere

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy