• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 19
  1. #1

    Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    Ciao a tutti, avrei bisogno di qualche dritta.... spero che qualcuno mi sappia aiutare!!
    Sono psicologa ma attualmente non lavoro come libero professionista.
    Mi è stata proposta una collaborazione come libero professionista non di carattere psicologico ma educativo. Vorrei quindi aprire la partita iva. Ma ho un dubbio: dato che non farei prestazioni psicologiche devo ugualmente versare in contributi all’Enpap oppure li devo versare all’Inps?
    Nel caso in cui dovessi versarli all’Inps, cosa devo fare se nei prossimi mesi mi dovesse capitare di effettuare, come libero professionista, delle prestazioni psicologiche? Dovrò versare sia all’Imps che all’Enpap??
    Pongo un ulteriore quesito: poiché possiedo anche un contratto d’assunzione con un’azienda, vi è un regime contabile preferenziale? Ovvero, c’è la possibilità di non sommare i due redditi?
    Grazie mille x qualsiasi suggerimento!!
    Federica

  2. #2
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    Io aprirei la P.IVA come psicologa tanto poi le prestazioni fatte come educatrice le puoi convertire sull'ENPAP così ti trovi già un gruzzoletto per la tua pensione futura da psicologa
    il silenzio è pace, è serenità. A.G.

  3. #3
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    A quanto ammonterebbe il compenso?
    Perchè se si sta sotto i 5.000 euro secondo me non conviene aprire p.IVA (anche per l'ENPAP ci sono, se non sbaglio, dei versamenti fissi che vanno fatti a prescindere da quanto guadagni e quindi si rischia di dover versare una sproporzione...).
    Sotto i 5.000 euro fai una ricevuta di prestazione occasionale con ritenuta d'acconto.
    Se la cifra è fra i 5.000 e i 10.000 valuta: quanto più si avvicina ai 5.000 tanto più evita la p.IVA se puoi.
    Vimae

  4. #4

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    Citazione Originalmente inviato da tanatoss Visualizza messaggio
    Io aprirei la P.IVA come psicologa tanto poi le prestazioni fatte come educatrice le puoi convertire sull'ENPAP così ti trovi già un gruzzoletto per la tua pensione futura da psicologa

    ....mmm come faccio a convertire le prestazioni educative? ho letto sul sito dell'enpap alcune prestazioni psicologiche soggette a copertura previdenziale dall'ente..... quelle educative nn sono comprese ovviamente...

  5. #5

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    [QUOTE=Vimae;2131026]A quanto ammonterebbe il compenso?
    Perchè se si sta sotto i 5.000 euro secondo me non conviene aprire p.IVA (anche per l'ENPAP ci sono, se non sbaglio, dei versamenti fissi che vanno fatti a prescindere da quanto guadagni e quindi si rischia di dover versare una sproporzione...).
    Sotto i 5.000 euro fai una ricevuta di prestazione occasionale con ritenuta d'acconto.
    Se la cifra è fra i 5.000 e i 10.000 valuta: quanto più si avvicina ai 5.000 tanto più evita la p.IVA se puoi.[/QUOT

    grazie!

  6. #6
    Partecipante Veramente Figo
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    liguria
    Messaggi
    1,277

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    Citazione Originalmente inviato da aciredef Visualizza messaggio
    ....mmm come faccio a convertire le prestazioni educative? ho letto sul sito dell'enpap alcune prestazioni psicologiche soggette a copertura previdenziale dall'ente..... quelle educative nn sono comprese ovviamente...
    e invece è passata una circolare un po di mesi fa a noi iscritti che le fa aggiungere contatta l'enpap
    il silenzio è pace, è serenità. A.G.

  7. #7
    Neofita
    Data registrazione
    03-11-2009
    Residenza
    Padova
    Messaggi
    12

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    Citazione Originalmente inviato da aciredef Visualizza messaggio
    Ciao a tutti, avrei bisogno di qualche dritta.... spero che qualcuno mi sappia aiutare!!
    Sono psicologa ma attualmente non lavoro come libero professionista.
    Mi è stata proposta una collaborazione come libero professionista non di carattere psicologico ma educativo. Vorrei quindi aprire la partita iva. Ma ho un dubbio: dato che non farei prestazioni psicologiche devo ugualmente versare in contributi all’Enpap oppure li devo versare all’Inps?
    Nel caso in cui dovessi versarli all’Inps, cosa devo fare se nei prossimi mesi mi dovesse capitare di effettuare, come libero professionista, delle prestazioni psicologiche? Dovrò versare sia all’Imps che all’Enpap??
    Pongo un ulteriore quesito: poiché possiedo anche un contratto d’assunzione con un’azienda, vi è un regime contabile preferenziale? Ovvero, c’è la possibilità di non sommare i due redditi?
    Grazie mille x qualsiasi suggerimento!!
    Federica
    Aprendo partita IVA puoi aderire al regime delle Nuove Iniziative Produttive (10% di sostitutiva IRPEF) o al regime dei Minimi (20%) sui soli redditi professionali.

    Invece se effettui tre, quattro prestazioni all'anno puoi emettere ricevuta per prestazione occasionale (i compensi si cumuleranno agli altri tuoi redditi per cui sicuramente pagherai di più dei regimi agevolati), superati i 5.000 euro annui ti dovrai iscrivere alla gestione separata INPS (17% se sei dipendente full time almeno 26 ore settimanali, altrimenti 25,72%); 1/3 dei contributi li pagherai tu, 2/3 il committente.

    Saluti


    Studio Daniele Trolese
    Consulenza aziendale, tributaria, finanziamenti agevolati, contabilità anche on line
    daniele.trolese@alice.it
    Ultima modifica di StudioPadova : 10-11-2009 alle ore 14.23.50

  8. #8
    Partecipante Assiduo L'avatar di luciamaria
    Data registrazione
    16-01-2008
    Residenza
    roma
    Messaggi
    207

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    Citazione Originalmente inviato da StudioPadova Visualizza messaggio
    Aprendo partita IVA puoi aderire al regime delle Nuove Iniziative Produttive (20% di sostitutiva IRPEF) o al regime dei Minimi (20%) sui soli redditi professionali.

    Invece se effettui tre, quattro prestazioni all'anno puoi emettere ricevuta per prestazione occasionale (i compensi si cumuleranno agli altri tuoi redditi per cui sicuramente pagherai di più dei regimi agevolati), superati i 5.000 euro annui ti dovrai iscrivere alla gestione separata INPS (17% se sei dipendente full time almeno 26 ore settimanali, altrimenti 25,72%); 1/3 dei contributi li pagherai tu, 2/3 il committente.

    Saluti


    Studio Daniele Trolese
    Consulenza aziendale, tributaria, finanziamenti agevolati, contabilità anche on line
    daniele.trolese@alice.it
    Ciao, considerando la tua gentilezza nel darci delle dritte in un campo, almeno per me, un tantino sconosciuto, ne approfitterei per rivolgerti un quesito:
    -sono dipendente pubblico (insegnante elementare) e sono psicologa
    -all'ordine mi è stato riferito che i due lavori si possono conciliare, ma non mi è tanto chiaro come...
    Il fatto è che non ho un'attività avviata e, facendo due conti, si tratterebbe di un esiguo arrotondamento dello stipendio considerando che farei consulenze 4 pomeriggi al mese (e non è detto che ci siano sempre i clienti).
    Se non apro partita iva ho qualche alternativa?

    Ti ringrazio tanto, almeno del tempo perso a leggere questo messaggio.
    lucia

  9. #9

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    vorrei provare a dare il mio contributo alla tua richiesta.
    innanzitutto ti consiglio di farti due conti: nn è un problema l'apertura della p.i., ma devi calcolare che di quello che percepirai dovrai togliere il 2%+il minimo enpap 10%+ un altro 10% se effettuerai un ragime di tipo agevolato(paghi solo il 10% di tasse invece che il20%, per tre anni, l'aspetto poco conveniente del regime agevolato è che "scarichi" meno cose come L'enpap appunto) o il 20% se apri p.i. con regime normale.
    tutto ciò che fatturi come libera professionista va poi dichiarato come reddito all'enpap anche se il tuo ruolo nn è da psicologa. ciò che ti consiglio è farti seguire da un commercialista attento! ce ne sono in giro e nemmeno troppo costosi; altri delirano, ma questo è un altro problema! spero di essere stata chiara ed utile per te, niente allarmismi, ma mi raccomando attenzione. in bocca al lupo!

  10. #10

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    un'altra informazione che vorrei dare se nn ne sei già a conoscenza è che , se sei iscritta all'ordine, hai diritto ad una consulenza gratuita con il loro commercialista. ricordati però hai la possibilità(così è stato per me 3 anni fa') di fare solo tre domande, quindi preparati prima!
    ciao

  11. #11
    Postatore OGM L'avatar di chiocciolina4
    Data registrazione
    12-04-2005
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    4,820

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    avevo aperto un thread ma nessuno mi ha risposto, forse voi qui siete più informati: l'appuntamento col consulente fiscale dell'ordine (per chiedere informazioni) si paga? questa cosa delle tre domande non la sapevo, quando mi hanno dato il numero del consulente non mi hanno specificato se era a pagamento o gratis. Ho urgenza di avere questa info, grazie.

    Un vero amico ti pugnala sempre di fronte. (O. Wilde)

    Perchè per un uomo la psicoanalisi dura meno? Non c'è bisogno di regredire all'infanzia.

    Non sono cattiva, è che mi disegnano così...! -->

    Membro del Club del Giallo e addetta all'ufficio promozione e marketing - Tessera n° 2
    (Guardiana radar del gruppo insieme a RosaDiMaggio )

    Vieni a trovarci al social group!

  12. #12
    Partecipante Affezionato L'avatar di yoshimitsu
    Data registrazione
    15-01-2009
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    66

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    Citazione Originalmente inviato da chiocciolina4 Visualizza messaggio
    avevo aperto un thread ma nessuno mi ha risposto, forse voi qui siete più informati: l'appuntamento col consulente fiscale dell'ordine (per chiedere informazioni) si paga? questa cosa delle tre domande non la sapevo, quando mi hanno dato il numero del consulente non mi hanno specificato se era a pagamento o gratis. Ho urgenza di avere questa info, grazie.
    La prima consulenza è gratuita, quelle successive si pagano, per prenotarne una devi telefonare all'ordine a cui appartieni (io parlo per quanto riguarda l'ordine del Lazio).

    Ciao
    Ultima modifica di yoshimitsu : 06-11-2009 alle ore 16.06.14

  13. #13
    Partecipante Assiduo L'avatar di luciamaria
    Data registrazione
    16-01-2008
    Residenza
    roma
    Messaggi
    207

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    Citazione Originalmente inviato da asia**** Visualizza messaggio
    un'altra informazione che vorrei dare se nn ne sei già a conoscenza è che , se sei iscritta all'ordine, hai diritto ad una consulenza gratuita con il loro commercialista. ricordati però hai la possibilità(così è stato per me 3 anni fa') di fare solo tre domande, quindi preparati prima!
    ciao
    Ti ringrazio delle info...all'ordine sono andata e il consulente è stato gentile, ma ha chiaramente fatto capire che in quella sede vengono date infarinature generali anche se precise. Così, dal quadro che mi ha dipinto, sembravo decisa ad aprire partita iva, poi ho fatto questi conti e, ovviamente ci sto ripensando. Andrò sicuramente dal commercialista, ma nel frattempo mi fa piacere scambiare opinioni con persone che hanno già fatto la mia scelta in altri momenti... Di fatti sto cercando chi fattura senza partita iva pur avendo un altro lavoro.
    Sei stata gentilissima.
    Lucia

  14. #14

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    è un piacere essere stata di qualche utilità! :-)
    ciao

  15. #15
    Neofita
    Data registrazione
    03-11-2009
    Residenza
    Padova
    Messaggi
    12

    Riferimento: Partita Iva.... tanti dubbi!!!!

    Ciao rispondo solo ora causa influenza...
    Dato che al vostro ordine sono tirchi nel rispondere ai vostri quesiti, potrei farlo io a cadenza regolare; dopodiché se qualcuno è interessato alla tenuta di contabilità, dichiarativi e consulenza segnalo che per gli utenti opsonline se minimi o nuove iniziative la mia tariffa è 600 euro onnicomprensiva (nota bene SE PRESENTATE UN NUOVO CLIENTE SCONTO DEL 25%).

    Veniamo al quesito:
    1) La normativa sul Pubblico Impiego e il CCNL permette ai docenti la libera professione.
    2) Quattro sedute per 12 mesi portano ad una cinquantina di sedute: troppe nel caso di contestazione da parte dell'Agenzia delle Entrate se emetti ricevuta per prestazione occasionale e comunque pagheresti circa il 40% sui compensi più il 17% di contributi alla gestione separata se superi i 5.000 euro.

    Se apri partita Iva:
    puoi dedurre una serie di costi pc, auto, telefono, cellulare,...

    Sui soli redditi professionali applicherai:
    Nuove Iniziative Produttive sostitutiva IRPEF 10%
    Minimi sostitutiva IRPEF 20%
    ENPAP: dal momento che sei anche insegnante, pagherai 390 euro con compensi fino a 3.900 euro (se hai meno di 35 anni pagherai il 10% senza minimale), se i compensi saranno superiori a 3.900 in entrambi i casi pagherai il 10% senza minimale.
    Verserai inoltre il 2% che in precedenza ti sarai fatta pagare dal cliente.


    Tieni presente comunque che tali contributi andranno a rimpinguare la tua pensione...

    Spero di esser stato chiaro,
    in bocca al lupo


    Studio Daniele Trolese
    Consulenza aziendale, tributaria, finanziamenti agevolati, contabilità anche on line
    daniele.trolese@alice.it
    Ultima modifica di StudioPadova : 10-11-2009 alle ore 18.19.12

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy