• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    Beecharmer
    Ospite non registrato

    Terrificante e lungo sogno PULP

    Vado con mia madre da mia zia C. che abita in campagna. Là c'è anche la mia cucinetta M. e un'altra zia L. Appena arivate là, io inizio a giocare con M. e mia madre e le mie zie mi dicono che sarebbero andate tutte e tre in paese a fare la spesa. Io protesto perchè vorrei che almeno una restasse con me e M. Non lo dico ma ho paura di rimanere sola perchè ho paura dei ladri [paura che ho sempre un po' avuto fin da piccola e inoltre la casa di C. è un po' isolata]. Ma loro se ne vanno indifferenti alle mie proteste.
    Ad un certo punto, mentre sto giocando con M., guardo fuori dalla porta a vetri dell'ingresso e vedo che si sta avvicinando un vecchio, molto magro e vestito di stracci. Ho paura e immediatamente chiudo la porta a vetri. Quando lui arriva davanti alla porta, che io penso con sollievo di aver chiuso in tempo, mi dice che ha fame e che è da tanti giorni che non mangia. Io vorrei dargli qualcosa da mangiare ma ho paura che nel momento in cui apro la porta per dargli il pane lui entri, ci derubi e ci faccia del male.
    Mentre sto pensando a questo, scopro con orrore di aver chiuso solo un lato della porta [non chiedetemi com'è fatta sta porta perchè non l'ho capito neanch'io!] e che il vecchio sta entrando dall'altro lato. Cerco di spingerlo fuori, ma nonostante la magrezza lui è troppo forte e riesce ad entrare. Allora indietreggio e prendo un coltello che trovo sul tavolo.
    In quel momento mi accorgo che nella stanza non c'è più solo M., ma ci sono anche mio fratello e tanti altri miei cucini, più o meno piccoli. Urlo a mio fratello di chiamare la polizia e ai miei cucini di andare al piano di sopra e di chiudersi in camera e loro, con mio sollievo, ubbidiscono.
    Il vecchio intanto rimane fermo e guarda a trati me e a tratti mio fratello che sta telefonando. Io gli dico che se non se ne va subito per lui sono guai perchè di lì a poco sarebbe arrivata la polizia, ma mio fratello è zitto, non dice niente al telefono ed io capisco che non gli sta rispondendo nessuno e che non c'è nessun poliziotto che può venirci ad aiutare. Dentro di me mi arrabbio tantissimo con lui perchè non fa finta di parlare con la polizia e non fa capire al vecchio che è spacciato se continua a stare lì.
    Ma il vecchio capisce la situazione, si mette a ridere e afferra un coltello più lungo del mio e incomincia ad avvicinarsi a me. Io riesco a schivare i suoi colpi, ma la paura quasi mi paralizza. Poi trovo un altro coltello, ancora più grande del suo e riesco a disarmarlo.
    Ad un tratto, mentre lui è lì di fronte a me disarmato ma ancora minaccioso, arrivano tutti i miei cugini che iniziano a girare intorno a noi divertiti. Io urlo loro di tornare sù perchè ho paura di colpirli con il coltello e perchè ho paura che il vecchio li afferri e minacci di ucciderli. A volte prova a prenderli allungando le braccia, ma loro sono più svelti [nel sogno sono tutti più piccoli di me] e scappano in tempo.
    Il vecchio....... no, non è più un vecchio. A questo punto del sogno diventa una vecchia. La vecchia non si arrende, mi viene incontro, cerca di schivare i miei colpi, ma a volte non ci riesce ed io la taglio. Le provoco delle ferite profonde ma [per fortuna] non esce il sangue [un po' come nei cartoni animati]. Continuo a colpirla perchè lei non smette di avvicinarsi minacciosa a me e ai miei cugini e finalmente, ad un certo punto, ormai piena di tagli [lo so, non è bello da leggere, ma figuratevi sognarla!] si ferma e il suo corpo magro comincia a vacillare. I miei cugini la afferrano e la fanno coricare per terra con le mani dietro alla schiena. Lei fa ancora un po' di resistenza ed io sono arrabbiata perchè non abbiamo neanche un paio di manette da metterle per farla stare ferma ma soprattutto sono preoccupata che non esca sangue dai suoi tagli perchè, penso, non potrei sopportarlo.
    Resiste ancora un po' con i miei cugini che cercano di tenerla ferma e poi muore.
    Ed io mi sveglio.


    Pulp..... molto pulp...... pure troppo! sebbene alla fine non ci sia stato nè sangue nè m....

    Angosciante...... e terrificante.

  2. #2
    evaluna^
    Ospite non registrato

    Re: Terrificante e lungo sogno PULP

    Ciao carissima Beecharmer, finalmente un tuo sogno, non immagini quanto sia contenta che tu abbia deciso finalmente di raccontarcelo


    Originariamente postato da Beecharmer
    Ma il vecchio capisce la situazione, si mette a ridere e afferra un coltello più lungo del mio e incomincia ad avvicinarsi a me. Io riesco a schivare i suoi colpi, ma la paura quasi mi paralizza. Poi trovo un altro coltello, ancora più grande del suo e riesco a disarmarlo.


    Ad un tratto, mentre lui è lì di fronte a me disarmato ma ancora minaccioso, arrivano tutti i miei cugini che iniziano a girare intorno a noi divertiti. Io urlo loro di tornare sù perchè ho paura di colpirli con il coltello e perchè ho paura che il vecchio li afferri e minacci di ucciderli.
    non so perchè ma questi due passaggi mi hanno colpito più degli altri...prima c'è un'escalation di armi via via più efficaci (ma contro CHI o COSA combatti?? )...poi tu hai paura di far del male ai tuo cugini nonostante in realtà li stia effettivamente salvando ...non saprei, solo delle "impressioni"


    ti viene in mente qualche episodio che abbia potuto risvegliare e far finire nel tuo sogno quella
    paura che ho sempre un po' avuto fin da piccola
    ??

  3. #3
    Beecharmer
    Ospite non registrato
    Ciao Evaluna,
    sapevo che saresti stata la prima ad aiutarmi a capire

    La paura di far male ai miei cugini deriva dal fatto che mentre io uso il coltello come una spada per cercare di difendere me e loro dal vecchio, loro mi corrono davanti, dietro, di fianco, da tutte le parti e c'è il rischio che io colpisca loro.
    Contro cosa combatto? Non lo so, ma il fatto di trovare sempre armi più grandi ed efficaci di quelle del "nemico" può indicare una grande paura di rimanere disarmata di fronte al pericolo. E' un po' una tendenza che ho, di essere sempre un po' sulla difensiva e non abbassare la guardia. Però non so se c'è un chi o un cosa contro cui sto combattendo.
    La paura dei ladri, sebbene non sia mai diventata una fobia, è sempre stata presente nella mia vita infantile così come la paura dei buio. A volte andavo a letto e immaginavo che al risveglio i miei genitori non ci sarebbero più stati, rubati dai ladri. Cosa impossibile visto che abitavo al quarto piano di un condominio, con una porta blindata a proteggerci. Ora abitiamo in una casetta su due piani, volendo molto più esposta sebbene non isolata e non abbiamo mai avuto problemi, ma quella paura ogni tanto ritorna e mi capita di pensare se tutte le porte e le finestre sono chiuse. Però non so perchè sia emerso nel sogno. In realtà mi è capitato più volte di pensare che la casa di mia zia C. non sia molto sicura. E' una villa in campagna. Ci sono altre case nei dintorni, ma staccate e volendo non sarebbe difficile arrivarci senza farsi sentire. Hanno i cani, ma nessun tipo di allarme. Più volte ho pensato che quella casa è bellissima ma poco sicura.
    Però perchè un sogno così angosciante?!?! Spero di poterne raccontare uno bello un giorno!!!

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di alea
    Data registrazione
    11-04-2002
    Residenza
    torino
    Messaggi
    1,253
    ciao beech
    ecco cosa ho pensato, ricostruito, immaginato .. leggendo il tuo sogno:
    nella prima parte del sogno solo presenze femminili e a quanto sembra di tre diverse generazioni (tua madre e le zie, tu, la cuginetta)
    Poi il vecchio/vecchia forse a rappresentare la quarta generazione .. presenze maschili ???
    tuo fratello ( che a questo punto immagino più giovane di te) ed i tuoi cuginetti.
    Poi l'aggressione, sembra che il "vecchio" diventi aggressivo/minaccioso/pericoloso solo quando TU rifiuti di aiutarlo (nutrirlo ecc) a ben vedere l'emozione, la coloritura affettiva predominante è il tuo essere arrabbiata, indispettita a tratti furente ... tanto che sembra che accorgendoti della tua carica aggressiva ti poni il limite di "ferire" (i colpi col coltello) ma senza far sanguinare de-potenziando la carica aggressiva con lo stratagemma onirico di eliminare il SANGUE ...
    "Il Signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice nè cela, ma accenna" Eraclito

  5. #5
    Beecharmer
    Ospite non registrato
    Ciao Alea,
    grazie anche della tua puntualità e delle tue riflessioni che, dolorosamente, sono diventate le mie. E' vero, tutto quello che dici. Sono fondamentalmente e profondamente ARRABBIATA praticamente con tutte le figure che compaiono nel mio sogno. Proprio a partire da mia madre (la prima persona che compare). E' chiaro che non è una rabbia forte o almeno non è esplicita altrimenti non avrebbe necessità di trovarsi uno spazio nell'unico (o quasi) luogo in cui le censure cadono o vacillano. E' dentro di me questa rabbia e se ci penso riesco anche a darle un nome e una motivazione. Però quello che mi sconvolge maggiormente in questo sogno è il vecchio o meglio la vecchia. E' vero come dici che sono rappresentate quattro generazioni: la mia cuginetta è l'ultima nata del "parentado", poi ci siamo io, i miei cugini (troppi e troppo piccoli rispetto alla realtà) e mio fratello (che è più grande di me e nel sogno ciò è rispettato). Poi ci sono mia madre e le mie zie e infine c'è questo vecchio, che non riesco ad associare a nessuno, che si trasforma poi in una vecchia, così somigliante a mia nonna che ho omesso questo particolare perchè mi sconvolgeva troppo. Ed è questa parte del sogno che mi fa paura. Io voglio bene a mia nonna (come a tutte le altre persone del sogno) e non sopporto l'idea di averla trattata così nel sogno. Cosa significa questo? E' una persona anziana e vivendo con noi ce ne occupiamo quotidianamente. Fa scappare la pazienza a volte perchè la testa ormai è quella che è e in più è molto dura! ma anche nel sogno, quando colpisco, non c'è rabbia ma PAURA. Con tutti gli altri sono a tratti arrabbiata. Del vecchio/vecchia ho paura. Perchè? Mia nonna è la persona più buona che esista al mondo e mi vuole un gran bene. Perchè allora ho paura? Potrei forse avere paura di ciò che rappresenta? Ossia, della vecchiaia? Potrebbe essere questo, secondo te?

Privacy Policy