• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    29-07-2004
    Residenza
    bergamo
    Messaggi
    201

    Dopo l'abilitazione: pensare a trovar un lavoro o ad una scuola di specializzazione?

    Ciao a tutti, approfittando della competenza e esperienza che ho trovato in questo forum volevo porre una questione abbastanza pratica, da cui non riesco a venirne fuori se non attraverso un consiglio di chi è più avanti di me in questo lungo e affascinante percorso che è quello per diventare psicoteraputa....

    Mi sono appena abilitata, e avevo intenzione di mettermi subito a cercare un lavoro nel mio campo (psicologa difficile, educatrice più probabile). Lavoro già un po' come educatrice ma solo a chiamata, ovvero quando serve alla cooperativa, mentre ora volevo trovare un lavoro un po' più stabile e dunque un'entrata più fissa...
    Ho sempre pensato di fare la scuola di specializzazione (perchè in futuro vorrei fare la psicoterapeuta), ma in assenza di risorse economiche, ho sempre pensato di rimandarla a tempi migliori: tuttavia circa 10 giorni la mia cara nonna mi dice di voler contribuire in maniera sostanziosa alla mia scuola di specializzazione e anche i miei si offrono di darmi un aiutino...La notizia per me è fantastica, ma poi inizio a informarmi sulla scuola (centro milanese di terapia della famiglia di Boscolo e Cecchin) e scopro che la scuola è il lunedi e il sabato (io credevo che la maggior parte delle scuole fosse il sabato e la domenica).
    Le iscrizioni per iniziare a gennaio 2010 terminano a metà settembre 2009, per cui la mia scelta deve essere rapida per non perdere l'anno: il mio dubbio è quello se iscrivermi subito o rimandare all'anno prossimo, considerando la mia attuale situazione personale.... Ora vi chiarisco:

    premetto che convivo da quasi 2 anni con il mio ragazzo, abbiamo comprato una casa e un mutuo da pagare: per fortuna lui ha un contratto a tempo indeterminato e fino ad ora con grossi sacrifici, abbiamo vissuto con il suo solo stipendio e qualche mia piccolissima entrata...
    Ho parlato con il mio ragazzo, di questa bella possibilità che mi si è prospettata della scuola, e pur essendo felice per me, teme che essendo la scuola anche il lunedi (non tutti ma ogni 15 giorni), le possibilità lavorative mie anche come educatrice, si riducano ulteriormente. Anche a me è venuto il dubbio che se mi capitasse un colloquio come educatrice per un CAG, o per le ADM o un'assistenza educativa, il fatto di non poter lavorare il lunedi possa costituire un criterio di esclusione....Qualcuno mi ha detto invece che le cooperative sono flessibili, che ci si può mettere d'accordo, ma credo anche che forse ci si possa mettere d'accordo quando già ti conoscono e non al primo colloquio!!!!!
    Per cui la mia preoccupazione è che se inizio la scuola subito mi trovo a dover svolgere solo lavori a chiamata tipo supplente assistente educativa, baby sitter senza avere uno straccio di contratto a tempo determinato almeno per un anno, che mi consenta un'entrata fissa... D'altro canto se non inizio subito la scuola e poi quest'anno non trovo nessun lavoro nel sociale relativamente stabile, poi mi mangio le mani per aver perso un anno per la scuola (dura 4 anni e io già ne ho 28)...Scusate se sono un po' contorta....

    Voi cosa ne pensate? Cosa fareste? Meglio iniziare subito la scuola o rimandare di un anno per farsi un'idea del mercato del lavoro???

    Voi sapete se è possibile svolgere ADM o assistenze educative o lavorare come educatrice con contratti a tempo determinato, solo per qualche giorno la settimana (così da tenermi libero il lunedi e un altro eventuale giorno per il tirocinio) e non per tutti i giorni della settimana??

    GRAZIE MILLE A TUTTI, questo forum per me è SEMPRE stato davvero utile....

    Maria
    mary

  2. #2
    Partecipante
    Data registrazione
    07-06-2007
    Residenza
    (VR)
    Messaggi
    52

    Riferimento: Dopo l'abilitazione: pensare a trovar un lavoro o ad una scuola di speci

    ciao

    io sono in una situazione simile alla tua, e mi sono posta circa gli stessi quesiti

    E la mia risposta è stata: inizia la scuola, non rimandare oltre, perchè è un titolo fondamentale per trovare lavoro nel nostro ambito, e non è che nell'ipotetico anno di attesa ti si apriranno magiche porte (almeno che tu non compia scelte molto differenti dalle attuali).

    Certo ti viene da pensare: ma gli X euro che spendo annualmente per la scuola, sebbene non li tolga di tasca al bilancio "familiare", nemmeno ce li aggiungo se compio questa scelta "egoistica". Beh, fondamentale è il parere del partner, ma anche la concreta possibilità di vivere con un solo stipendio, e se niente niente ci si riesce, sei fortunata a poter scegliere

    Per le occasioni di lavoro in meno. Quante volte fino ad ora rinunciare ad una chiamata di lunedì ti ha precluso futuri lavori? E poi mal che vada la frequenza obbligatoria è del 75% di solito, potrai rinunciare a qualche lunedì, ammesso che ne valga la pena

    Spero di esserti stata utile!

    Cristina

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    29-07-2004
    Residenza
    bergamo
    Messaggi
    201

    Riferimento: Dopo l'abilitazione: pensare a trovar un lavoro o ad una scuola di speci

    Grazie criccicri,
    per il tuo sostegno...Alla fine ho deciso di iscrivermi, ed approfittare di questa bella possibilità che mi si è presentata, ed anche il mio partner mi è venuto incontro, dicendomi che è disposto ancora a qualche sacrificio....
    Ieri ho inviato la documentazione (le iscrizioni erano fino al 31 agosto), e avrò il colloquio di selezione i primi di settembre, speriamo!!!!

    Cmq hai ragione tu, la frequenza obbligatoria è del 75% , per cui per un lavoro potrei approfittare anche di questa possibilità...Cmq mi sembra di aver capito che esistono incarichi di 15 ore la settimana nel campo del sociale, che se anche non permettono un gran stipendio almeno ti consentono di lavorare nel tuo campo e al max integrare con altri lavoretti saltuari....

    E' dura, ma i sogni richiedono sacrifici....In bocca al lupo per tutto quello che farai!!!!

    Maria
    mary

  4. #4
    Matricola L'avatar di northstar
    Data registrazione
    29-09-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    26

    Riferimento: Dopo l'abilitazione: pensare a trovar un lavoro o ad una scuola di speci

    Ciao Maria!
    Rispondo con un po' di ritardo, ma l'argomento mi sta a cuore perchè capisco i tuoi dubbi...
    Secondo me però non ti devi preoccupare, non sento quasi mai (purtroppo..) di lavori da educatore rigorosamente tutti i giorni o 40 ore a settimana, secondo me due lunedì al mese te li puoi tranquillamente gestire.
    Io devo pagarmi la scuola, mi partono più di 400 euro al mese quindi non penso neanche a uscire di casa (meno male che non sono fidanzata, a questo punto! ), ma secondo me se la tua famiglia ti aiuta riesci tranquillamente a fare tutto e anche a contribuire al tuo menage di coppia.
    Calcola solo, nella ricerca di lavoro, che dovrai dedicare delle ore anche al tirocinio della scuola (io lavoro 40 ore e non so come fare ).
    In bocca al lupo per tutto!!
    Ciao
    "Copriti bene se ti senti fredda, hai la pressione bassa nell'anima..."

  5. #5
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    29-07-2004
    Residenza
    bergamo
    Messaggi
    201

    Riferimento: Dopo l'abilitazione: pensare a trovar un lavoro o ad una scuola di speci

    Cio northstar, grazie per la tua risposta e per le tue rassicurazioni....Ti faccio davvero i complimenti per la scelta coraggiosa che hai fatto nonostante i grandi sacrifici e credo che sei riuscita ad arrivare fino a qua troverai anche un modo per gestire il tirocinio e lavoro...

    Io ho fatto il colloquio per la scuola e aspetto a giorni la risposta ma sono un po' pessimista perchè le richieste sono state davvero tante rispetto ai posti
    e alcuni criteri non li soddisfo, per cui vedremo...

    Intanto grazie e un grosso in bocca la lupo!!!!
    Maria
    mary

Privacy Policy