• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3

Discussione: Morsa da una "pantera"

  1. #1

    Morsa da una "pantera"

    Questa notte ho fatto un sogno decisamente angosciante...

    Mi trovavo con mia sorella nel bar di un mio amico,e stavamo mangiando un gelato che però avevamo comprato in un altro bar.Per non far offendere il mio amico,ordino una granita al limone(anche se poi ci arriva una limonata).Questo bar si trova su una spiaggia.Il tempo è nuvoloso però la spiaggia è piena di gente(al contrario del bar,dove ci troviamo solo io mia sorella,il mio amico e il padre del mio amico che lavora con lui).Ad un tratto entra una mia compagna di corso nel bar e si siede al tavolo con me e mia sorella.Io accetto mal volentieri la cosa,però non protesto.La mia compagna di corso dice che fuori tutti stanno giocando con una specie di giostra gonfiabile che si trova sulla riva(la riesco a vedere dalla finestra).Io non voglio andarci,invece mia sorella si e tenta di convincermi.Io alla fine cedo e le dico che l'avrei accompagnata,così mi alzo per pagare le due granite(limonate) e il mio amico protesta perchè afferma che i gelati li abbiamo presi da lui.Il padre però conferma la mia versione e lui cede.Poi,mi viene in mente che abbiamo dimenticato delle borse nel bar dove avevamo comprato i gelati e così dico a mia sorella di aspettarmi e che sare un attimo andata a riprenderle.Così mi avvio verso il bar precedente (che si trovava sulla stessa strada)e prendo le borse;al ritorno però non vedo più il bar del mio amico e proseguo fino alla fine della strada.Noto una specie di mercatino ortofrutticolo,la cui merce è esposta in delle casse che si trovano a ridosso di una discesa,alla fine del quale si trova il negozio vero e proprio.E' buio.A questo punto noto quello che io nel sogno definisco un cane,ma che in realtà aveva le dimensioni di una pantera e le sembianze di un gatto blu scurissimo,quasi nero.Io all'inizio cerco di avvicinarmi al negozio e noto che il "cane" mi guarda minaccioso.Poi cerco di andarmene ma continua a seguirmi.Così decido di rimanere immobile ma non riuscivo a riamanere ferma,è come se pee la paura muovessi il mio corpo.Così,vedendolo avvicinarsi verso di me,comincio a correre per rifuggiarmi nel negozio,ed è a questo punto che l'animale mi addenta conficcando i suoi denti nella mano e nel polso.Provo dolore,ma dopo che l'animale ha allentato la presa mi guardo la mano addentata e noto che non sanguina,ci sono solo pochi puntini,segno di una pressione.Approfitto del momento per scappare nel negozio e rifugiarmici.Nel sogno do per scontato che i padroni dell'animale siano i proprietari del negozio (un uomo e una donna sposati)e gli dico che devono subito portarmi all'ospedale,altrimenti li avrei denunciati.Invece di portarmi all'ospedale,la donna mi porta nella sua abitazione,ovvero tutto il palazzo di cui il negozio è soltanto il piano terra.Saliamo(non ricordo nè come nè dove) e lei mi mette in un letto e mi disinfetta la ferita.Sto lì diverse ore a riposo,fin quando non mi sono ripresa.Poi,mi torna in mente mia sorella,che sicuramente era preoccupata.Così chiedo alla donna il permesso di fare una telefonata,e lei mi risponde che il telefono è sopra alla tv,ma non c'è.Così salgo all'ultimo piano(non so come ma sapevo che lì c'era un'altra tv).Il palazzo era enorme e i piani sembravano infiniti.Non so come,arrivo però subito all'ultimo piano,dove c'è il marito della donna,che mi dice che neanche lì c'è il telefono.Così comincio a pensare che per qualche motivo non vogliono farmi andare via di lì.Cerco il telefono per tutta la casa;lo trovo su una scrivania,seminascosto;stavo per digitare il numero di cellulare di mia sorella ma all'improvviso il telefono squilla.Era mia sorella.Le racconto dell'accaduto e mi scuso.Lei non era nè arrabiata,nè triste,nè preoccupata,anzi,mi dice con tono allegro che mi ha aspettato per ore.Ad un tratto le chiedo come aveva fatto a sapere che ero lì e come conoscesse quel numero di telefono.Lei mi risponde che degli uomini gliel'avevano detto.E a questo punto capisco che io in realtà ero morta.

    Qualcuno ha un idea sul possibile significato?
    Grazie in anticipo

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di Hermes Ankh
    Data registrazione
    24-05-2008
    Messaggi
    1,805
    Blog Entries
    7

    Riferimento: Morsa da una "pantera"

    Citazione Originalmente inviato da sognatrice89 Visualizza messaggio
    Questa notte ho fatto un sogno decisamente angosciante...

    Mi trovavo con mia sorella nel bar di un mio amico,e stavamo mangiando un gelato che però avevamo comprato in un altro bar.Per non far offendere il mio amico,ordino una granita al limone(anche se poi ci arriva una limonata).Questo bar si trova su una spiaggia.Il tempo è nuvoloso però la spiaggia è piena di gente(al contrario del bar,dove ci troviamo solo io mia sorella,il mio amico e il padre del mio amico che lavora con lui).Ad un tratto entra una mia compagna di corso nel bar e si siede al tavolo con me e mia sorella.Io accetto mal volentieri la cosa,però non protesto.La mia compagna di corso dice che fuori tutti stanno giocando con una specie di giostra gonfiabile che si trova sulla riva(la riesco a vedere dalla finestra).Io non voglio andarci,invece mia sorella si e tenta di convincermi.Io alla fine cedo e le dico che l'avrei accompagnata,così mi alzo per pagare le due granite(limonate) e il mio amico protesta perchè afferma che i gelati li abbiamo presi da lui.Il padre però conferma la mia versione e lui cede.Poi,mi viene in mente che abbiamo dimenticato delle borse nel bar dove avevamo comprato i gelati e così dico a mia sorella di aspettarmi e che sare un attimo andata a riprenderle.Così mi avvio verso il bar precedente (che si trovava sulla stessa strada)e prendo le borse;al ritorno però non vedo più il bar del mio amico e proseguo fino alla fine della strada.Noto una specie di mercatino ortofrutticolo,la cui merce è esposta in delle casse che si trovano a ridosso di una discesa,alla fine del quale si trova il negozio vero e proprio.E' buio.A questo punto noto quello che io nel sogno definisco un cane,ma che in realtà aveva le dimensioni di una pantera e le sembianze di un gatto blu scurissimo,quasi nero.Io all'inizio cerco di avvicinarmi al negozio e noto che il "cane" mi guarda minaccioso.Poi cerco di andarmene ma continua a seguirmi.Così decido di rimanere immobile ma non riuscivo a riamanere ferma,è come se pee la paura muovessi il mio corpo.Così,vedendolo avvicinarsi verso di me,comincio a correre per rifuggiarmi nel negozio,ed è a questo punto che l'animale mi addenta conficcando i suoi denti nella mano e nel polso.Provo dolore,ma dopo che l'animale ha allentato la presa mi guardo la mano addentata e noto che non sanguina,ci sono solo pochi puntini,segno di una pressione.Approfitto del momento per scappare nel negozio e rifugiarmici.Nel sogno do per scontato che i padroni dell'animale siano i proprietari del negozio (un uomo e una donna sposati)e gli dico che devono subito portarmi all'ospedale,altrimenti li avrei denunciati.Invece di portarmi all'ospedale,la donna mi porta nella sua abitazione,ovvero tutto il palazzo di cui il negozio è soltanto il piano terra.Saliamo(non ricordo nè come nè dove) e lei mi mette in un letto e mi disinfetta la ferita.Sto lì diverse ore a riposo,fin quando non mi sono ripresa.Poi,mi torna in mente mia sorella,che sicuramente era preoccupata.Così chiedo alla donna il permesso di fare una telefonata,e lei mi risponde che il telefono è sopra alla tv,ma non c'è.Così salgo all'ultimo piano(non so come ma sapevo che lì c'era un'altra tv).Il palazzo era enorme e i piani sembravano infiniti.Non so come,arrivo però subito all'ultimo piano,dove c'è il marito della donna,che mi dice che neanche lì c'è il telefono.Così comincio a pensare che per qualche motivo non vogliono farmi andare via di lì.Cerco il telefono per tutta la casa;lo trovo su una scrivania,seminascosto;stavo per digitare il numero di cellulare di mia sorella ma all'improvviso il telefono squilla.Era mia sorella.Le racconto dell'accaduto e mi scuso.Lei non era nè arrabiata,nè triste,nè preoccupata,anzi,mi dice con tono allegro che mi ha aspettato per ore.Ad un tratto le chiedo come aveva fatto a sapere che ero lì e come conoscesse quel numero di telefono.Lei mi risponde che degli uomini gliel'avevano detto.E a questo punto capisco che io in realtà ero morta.

    Qualcuno ha un idea sul possibile significato?
    Grazie in anticipo

    Ciao, sognatrice, il sogno che hai postato può essere letto (senza avere ulteriori elementi a disposizione, oltre quello che hai scritto) in almeno due modi diversi.

    La scelta fra l'uno e l'altro puoi farla solo tu, perché richiede di approfondire aspetti di esperienza sensibile, che andrebbero molto oltre quello che è consentito in un forum.

    La prima chiave interpretativa implica che in te, in questa fase della tua esperienza affettiva, ci sia un'ambivalenza fra il rimanere legati al ricordo di un legame passato (rappresentato, nel sogno da te stessa, dai tuoi timori e dallo stato di shock in cui sembri trovarti) e l'esigenza di nuove esperienze e avventure (raffigurata in tua sorella che, ovviamente, rappresenta, nel sogno, una tua istanza interna).

    La seconda chiave interpretativa dà per scontato che, in qualche modo, hai rielaborato la situazione di “rottura” e stai, attualmente, vivendo un dissidio interno (rappresentato, nel sogno, dalla contrapposizione di modalità di affronto della vita fra te e tua sorella) rispetto a vivere esperienze (sessuali ?) occasionali con persone per le quali sai di non nutrire un affetto profondo.
    Ovviamente, se non ti trovi in questa ultima situazione, puoi prendere tranquillamente in considerazione solo la prima chiave interpretativa.

    Detto questo, prima di sviluppare i nuclei delle due diverse interpretazioni possibili, esplicito il significato generale di alcuni simboli.

    Il “bar” è un luogo di incontri occasionali, in genere non stabili né profondi. Si presta bene, quindi, a rappresentare rapporti (anche sessuali) occasionali e non stabili.

    Il “gelato” (dolce, ma freddo) esprime bene il piacere istintivo (sessuale, in primo luogo), ma non gli aspetti affettivi del rapporto (è freddo; e la granita ancora di più...).

    Il “negozio” non ha un senso per se stesso, ma per quello che contiene e che vi viene venduto.
    Se si capisce bene, nel negozio del tuo sogno (che, poi, si rivela una vera e propria casa) si vende della frutta (è alla fine di un mercatino di frutta).
    La “frutta”, simbolicamente, rappresenta l'espressione piena delle proprie capacità, da cui si può trarre gioia e nutrimento per iniziare un nuovo ciclo di esperienza.

    La “giostra” ha a che fare con il divertimento lieve e spensierato (cogliere le occasioni, anche sessuali, senza porsi troppi problemi).

    La “borsa “ha a che fare, simbolicamente, con il nascondere agli altri i propri valori (le cose che contano per noi). Nel sogno, la borsa è stata dimenticata nel “bar” in cui avete comprato il “gelato”.

    L'“ospedale “(in cui vorresti essere portata) rappresenta la possibilità di alleviare la sofferenza (sia fisica, sia psicologica).

    Il “telefono”, ovviamente, ha a che fare, simbolicamente, con la possibilità di comunicare.
    Nel tuo sogno sembrano esserci due parti di te (raffigurate da te stessa e da tua sorella) che vanno ciascuna per la propria strada, senza riuscire a comunicare fra loro e a definire una strategia comune.
    Tua sorella è la parte di te più propensa ad essere “lieve”, a cogliere le occasioni senza porsi problemi.
    La parte raffigurata da te stessa è, invece, molto più problematica e, comunque, con sembra capace di vivere tranquillamente (lievemente) rapporti (sessuali) semplicemente occasionali.

    L' “animale” che incontri è, simbolicamente, un mix di esigenza di fedeltà a se stessi (cane), di sensualità femminile (pantera) e di sensibilità acuta, ma anche di seduttività (gatto).
    Nel sogno, probabilmente, sta a significare gli aspetti istintivi e sensuali dell'esperienza personale.
    Oppure sta a sottolineare il dissidio interiore fra diverse tendenze: quella alla “fedeltà” (verso se stessi, i propri valori e il proprio passato) rappresentata dal cane, quella dell'espressione della propria istintualità sensuale (rappresentata dalla pantera), quella della seduttività (gatto).


    PRIMA CHIAVE INTERPRETATIVA
    Il sogno, in questa possibile interpretazione (che, intuitivamente, mi verrebbe da preferire, rispetto alla seconda), esprime un dissidio interiore fra una parte di te che non si è ancora “ripresa”, non ha ancora rielaborato la batosta affettiva di qualche mese fa (se ben ricordo, da un precedente sogno) e una parte di te (raffigurata, nel sogno, da tua sorella) che vuole divertirsi, prendendo le cose con leggerezza (è lei che vuole andare dove c'è la giostra, ad esempio).

    L'opportunità di incontri occasionali, non troppo impegnativi, non manca (frequenti due bar, nel sogno).
    Probabilmente, la parte di te più lieve si è lasciata andare, in qualche occasione (il gelato ha spesso, nei sogni, una valenza sessuale), ma la parte più “razionale” e legata ai valori e al passato non ha vissuto bene la cosa.
    Di qui il vissuto di aver fatto una cosa che non si doveva fare (mangiando il gelato preso in un bar diverso da quello del tuo amico... sarebbe interessante anche sapere che rapporto c'è con questo amico...); di qui, la preoccupazione per aver lasciato la propria borsa nel bar, cioè, di essersi lasciata andare, in qualche modo, mettendo i propri valori (le proprie cose intime, racchiuse nella borsa) alla mercé di persone non affidabili; di qui, infine, le resistenze ad andare dove c'è la giostra.

    In questa chiave interpretativa, le esigenze contraddittorie interiori sono rappresentate (oltre che dalla distinzione fra te e tua sorella) anche dallo strano animale che assomma in sé la simbologia del cane, della pantera e del gatto.
    Queste tendenze contraddittorie e, sembra, non equilibrate ti producono un “blocco” che non ti consente di seguire il desiderio di leggerezza di tua sorella (cioè della parte di te raffigurata da tua sorella), ma neppure di realizzarti pienamente in termini ideali (come vorrebbe la parte raffigurata da te stessa).
    Tu sei attirata dal mercatino di frutta. Cioè, metaforicamente, stai cercando energia e nutrimento per esprimere le tue capacità (sia sul piano affettivo, sia su quello più generale).
    La contraddizione interna, raffigurata dall'animale (che è un cane, quindi, rappresenta la fedeltà a se stessi e alla propria storia, ma è grande come una pantera, che raffigura l'istintività sensuale femminile, e assomiglia a un gatto, che può rappresentare sia l'acutezza sensoriale, sia la seduttività femminile), blocca l'espressione delle tue capacità.
    Ciò è rappresentato, simbolicamente, dall'animale che ti azzanna il polso e la mano.
    Nella simbologia vibrazionale, il polso e la mano hanno a che fare con la capacità di realizzarsi, attraverso l'utilizzo concreto delle proprie capacità, nelle diverse situazioni della vita.
    E' per questo senso di blocco (che non può essere superato, ovviamente, attraverso rapporti occasionali) che richiedi le cure delle figure che rappresentano, forse, la matrice femminile e maschile della tua personalità.

    Questi tuoi vissuti, però, non sono in sintonia con le esigenze di una parte di te che si identifica con la sorella del sogno.
    Infatti, non riesci a contattarla, perché non trovi il telefono (tutto questo, si svolge dentro la casa in cui sei finita, che rappresenta, comunque, l'interiorità, ma che tu sembri non riconoscere, o non voler riconoscere, nelle sue tendenze contraddittorie).

    Quando, finalmente, ti contatta lei (la sorella), hai l'impressione di essere morta.
    Il morire ha sempre a che fare con la trasformazione.
    Solo integrando le contraddizioni (cioè morendo all'unilateralità degli opposti) si procede verso un nuovo ciclo evolutivo (che è sempre la “morte” del vecchio).

    In questa interpretazione, probabilmente, il riconoscere che sei “morta” non è negativo, ma la premessa del cambiamento ulteriore.


    SECONDA CHIAVE INTERPRETATIVA
    Il sogno, in questa seconda possibilità interpretativa (teoricamente possibile, ma sulla quale scommetterei di meno), esprime il dissidio fra una parte di te che si vuole divertire, senza rapporti troppo impegnativi (raffigurata da tua sorella) e una parte consistente di te (raffigurata, nel sogno, da te stessa) che, invece, ha delle remore culturali e delle resistenze etico-morali.
    Di qui, il senso di colpa per il gelato preso in un bar e mangiato in un altro; di qui la preoccupazione per la borsa (che contiene i tuoi valori e le tue cose intime) alla mercé di tutti in un bar; di qui lo shock derivato, forse, dal trovarti, non troppo convinta, in situazioni sessualmente impegnative (in questo caso la bestia che assale può essere interpretata come l'urgenza degli istinti); di qui il bisogno di essere curata, perché non ti senti a posto, e la situazione temporanea di quasi spaesamento e di non comunicazione con l'altra parte di te (ti trovi in una casa che non riconosci, senza poter telefonare alla tua sorella, cioè senza riuscire a sintetizzare le diverse tue istanze interiori).
    E' come se tu (la parte rappresentata, nel sogno, da te stessa) non riuscissi a renderti conto come una parte di te ti possa aver condotta ad espressioni (sessuali?) che la tua razionalità e la tua etica non approvano, perché occasionali e superficiali.

    Quando si ristabiliscono i contatti (per merito di tua sorella, che ti riporta alla realtà), tu hai la sensazione di essere morta.

    In questo caso, cosa possa significare “morta” puoi scoprirlo solo tu (ma, nel contesto di questa interpretazione, può anche assumere un significato negativo di “sentirsi morta” dentro, oltre a quello positivo, di cui ho parlato sopra, collegato alla sintesi e riunione degli opposti, come presupposto di ogni evoluzione).



    Vedi tu se queste riflessioni possono esserti, in qualche modo, di aiuto.


    "L'onda non riesce a prendere
    il fiore che galleggia:
    quando cerca di raggiungerlo
    lo allontana"

    (Rabindranath Tagore)

  3. #3

    Riferimento: Morsa da una "pantera"

    Ciao Hermes,
    Noto con piacere che pur non sapendo altro oltre al sogno hai davvero centrato ciò che sto vivendo in questo periodo.

    Mi ritrovo molto nella prima interpretazione e,paradossalmente,anche un poco nella seconda.è vero che attualmente non voglio rapporti impegnativi dal punto di vista affettivo,probabilmente proprio perchè non ho superato la "batosta" e ho molta paura di soffrire ancora;tendo anche a desiderare e contemporaneamente a rifuggere rapporti non impegnativi dal punto di vista affettivo nonostante,come hai intuito,le occasioni si sono presentate ed ero tentata dal lasciarmi andare(per inciso,l'amico a cui faccio riferimento nel sogno era un mio amico di infanzia che poi nell'adolescenza si è trasformato in una sorta di spasimante,ma non c'è mai stato niente di più di un rapporto amichevole).E questo conflitto di pensieri ha occupato la mia mente per giorni.

    Il blocco c'è davvero(non solo per quel che riguarda le relazioni),e anche le tendenze contraddittorie.Queste ultime purtroppo non si limitano solo ai pensieri,poichè,a causa della tremenda confusione in cui mi trovo,ho anche dei comportamenti terribilmente contraddittori.Credo che la frutta intesa come energia e nutrmento siano i miei numerosi tentativi (per ora vani) e il desiderio (forse per questo ne sono attratta) di superare il blocco.
    Mi convince molto l'interpretazione secondo cui i padroni del negozio sono in realtà parti di me(componente maschile e femminile),infatti non a caso chiedo a loro di essere portata all'ospedale(dici che questo simboleggia la possibilità di alleviare le sofferenze...non a caso lo chiedo a parti di me,poichè sono io stessa in questo periodo a procurarmi sofferenze e danni sia fisici che psichici) e identifico loo come padroni della bestia in quanto sono sempre io a creare questo blocco.
    Infine,la morte...come dici tu può essere interpretata sia in senso negativo che in senso positivo...e qui non saprei davvero,perchè stress e comportamenti decisamente audistruttivi mi porterebbero a pensare la prima...però dall'altra parte c'è la seria volontà di voltare pagina.

    Grazie di cuore Hermes

    buona notte

Privacy Policy