• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 33
  1. #1
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4

    igNobel... ovviamente per la psicologia vinciamo noi italiani...

    03/10/2003
    Gli scienziati italiani trionfano agli Premi Ig-Nobel 2003
    Fonte: Garzanti Libri
    Diversi scienziati italiani hanno vinto quest'anno il Premio Ig-Nobel, il riconoscimento scientifico che prima fa ridere e poi fa pensare.
    Se ancora non sapere che cosa sono gli Ig-Nobel, procuratevi subito La scienza improbabile (pubblicato in Italia da Garzanti), il libro di divulgazione scientifica più divertente di tutti i tempi.
    Qui di seguito un resoconto della esilarante cerimonia di premiazione e l'elenco completo dei vincitori (la Garzanti Libri non è responsabile di quello che si può trovare - o no trovare - seguendo i link...).


    I Premi Ig-Nobel 2003
    Nel corso di una solenne cerimonia, di fronte a oltre 1200 spettatori festanti che si lanciavano aeroplanini di carta, il 2 ottobre al prestigioso Sanders Theatre della Harvard University sono stati assegnati gli Ig-Nobel, i premi scientifici che prima fanno ridere e poi fanno pensare.
    I premiati sono giunti (a loro spese) fino a Cambridge, arrivando spesso da molto lontano (Paesi Bassi, Giappone, Australia, Inghilterra) e hanno ricevuto l’ambito riconoscimento da autentici Premi Nobel: Dudley Herschbach (Chimica '86), William Lipscomb (Chimica '76), Wolfgang Ketterle (Fisica, 2001) e Richard Roberts (Medicina '93).
    Il vincitore del Premio Ig-Nobel per la Pace, l’indiano Lal Bahiri, fondatore dell’Associazione delle Persone Morte, non ha purtroppo potuto presenziare alla cerimonia: pur essendogli stato rilasciato un passaporto per uscire dal proprio paese, non ha potuto ottenere il visto d’ingresso negli Stati Uniti.

    L’evento è promosso annualmente dalla rivista «Annals of Improbable Research» (AIR), che pubblica l’imprescindibile volume La scienza improbabile, pubblicato in Italia da Garzanti Libri. A AIR nell'occasione si associano la Harvard Computer Society, la Harvard-Radcliffe Science Fiction Association e la Harvard-Radcliffe Society of Physics Students.

    Il tema della serata era «Nano»: in una serie di «Nano-conferenze» alcuni noti pensatori hanno illustrato il loro campo di studio prima in 24 (ventiquattro) secondi e poi in 7 (sette) parole. Tra le materie illustrate, chimica, memoria, educazione, genoma…
    Nel corso della serata è inoltre andata in scena in prima mondiale la nano-opera Atomo ed Eva. La commovente storia d’amore tra una atomo d’ossigeno e una bella scienziata è stata interpretata da due cananti lirici, Margot Button e Jason McStoots, e si è conclusa con un gran finale danzato da tutti gli scienziati in scena.
    Anche i vincitori hanno potuto illustrare le loro ricerche, avendo a disposizione un massimo di sessanta (60) secondi.

    Marc Abrahams, gran maestro di cerimonie (nonché responsabile degli «Annals of Improbable Research») ha concluso la serata con il tradizionale augurio: «Se non avete vinto l’Ig-Nobel quest’anno – e soprattutto se l’avete vinto – spero proprio che il prossimo anno abbiate più fortuna».

    L’evento è stato trasmesso in diretta via internet dal sito Annals of Improbable Research.


    ============
    I VINCITORI
    ============

    PREMIO Ig-NOBEL PER L’INGEGNERIA
    A John Paul Stapp (alla memoria), Edward A. Murphy, Jr. (alla memoria) e George Nichols, per aver formulato nel 1949 la Legge di Murphy, il fondamentale principio ingegneristico in base al quale «Se ci sono due o più modi di fare una cosa, e uno di questi modi può portare alla catastrofe, allora qualcuno lo farà» (ovvero: «Se qualcosa può andare storto, lo farà». Vedi «The Fastest Man on Earth», Nick T. Spark, «Annals of Improbable Research», vol. 9, no. 5, Sept/Oct 2003.

    PREMIO Ig-NOBEL PER LA FISICA
    Jack Harvey, John Culvenor, Warren Payne, Steve Cowley, Michael Lawrance, David Stuart e Robyn Williams (Australia), per il loro irresistibile studio «An Analysis of the Forces Required to Drag Sheep over Various Surfaces» («Una analisi delle forze necessarie per trascinare una pecora sui diversi terreni», in «Applied Ergonomics», vol. 33, no. 6, November 2002, pp. 523-31).

    PREMIO Ig-NOBEL PER LA MEDICINA
    Eleanor Maguire, David Gadian, Ingrid Johnsrude, Catriona Good, John Ashburner, Richard Frackowiak e Christopher Frith (University College London), per aver dimostrato che il cervello dei tassisti londinesi è più sviluppato di quello dei loro concittadini (vedi il saggio «Navigation-Related Structural Change In the Hippocampi of Taxi Drivers», in «Proceedings of the National Academy of Sciences», vol. 97, no. 8, April 11, 2000, pp. 4398-403, e le loro successive pubblicazioni).

    PREMIO Ig-NOBEL PER LA PSICOLOGIA
    Gian Vittorio Caprara e Claudio Barbaranelli (Università di Roma La Sapienza) e Philip Zimbardo (Stanford University), per il loro auto saggio «Politicians' Uniquely Simple Personalities» («Le personalità eccezionalmente semplici degli uomini politici», in «Nature», vol. 385, February 1997, p. 493).


    PREMIO Ig-NOBEL PER LA CHIMICA
    Yukio Hirose (Kanazawa University), per la sua analisi chimica di una statua di bronzo collocata nella città di Kanazawa, che non attira i piccioni.

    PREMIO Ig-NOBEL PER LA LETTERATURA
    John Trinkaus (Zicklin School of Business, New York City), per la meticolosa raccolta di dati e per la pubblicazione di oltre 80 articoli assai dettagliati che illustrano le curiosità e le anomalie della vita quotidiana, per esempio qual è la percentuale dei ragazzini che indossano i cappellini da baseball con la visiera all’indietro, qual è la percentuale di pedoni che indossano scarpe sportive bianche rispetto a quelli che le hanno colorate, qual è la percentuale di nuotatori che stanno nella parte più profonda delle piscine, qual è la percentuale di automobilisti che rallentano fin quasi a fermarsi, ma senza fermarsi, a un determinato segnale di «Stop», qual è la percentuale di clienti che in un supermercato sceglie la cassa rapida pur avendo messo nel carrello un numero di oggetti superiore al numero massimo consentito, qual è la percentuale di pendolari che porta con sé una valigetta ventiquattrore, qual è la percentuale di studenti che non mangia i cavolini di Bruxelles.
    Per una bibliografia delle pubblicazioni del Professor Trinkaus, vedi «Trinkaus -- An Informal Look», in «Annals of Improbable Research», vol. 9, no. 3, May/June 2003.

    PREMIO Ig-NOBEL PER L’ECONOMIA
    Karl Schwärzler e lo Stato del Liechtenstein, per aver reso disponibile un’intera nazione per convention aziendali, matrimoni, baz mitzvah e altre celebrazioni.
    Vedi il sito rentastate.

    PREMIO Ig-NOBEL PER LA RICERCA INTERDISCIPLINARE
    Stefano Ghirlanda, Liselotte Jansson e Magnus Enquist (Stockholm University), per il loro imprescindibile studio «Chickens Prefer Beautiful Humans» («I polli preferiscono gli esseri umani belli», in «Human Nature», vol. 13, no. 3, 2002, pp. 383-9).

    PREMIO Ig-NOBEL PER LA PACE
    Lal Bihari, dell’Uttar Pradesh (India), per tre ordini di motivi: in primo luogo per aver condotto un’esistenza attiva e operosa, pur essendo stato dichiarato ufficialmente defunto; secondo, per aver scatenato una vivace campagna postuma contro l’inerzia della burcrazia e l’avidità dei parenti; terzo, per aver fondato l’Associazione delle Persone Morte.

    PREMIO Ig-NOBEL PER LA BIOLOGIA
    C.W. Moeliker (Natuurmuseum Rotterdam, Paesi Bassi), per aver documentato il primo caso ufficiale di necrofilia omosessuale nei paperi nel saggio «The First Case of Homosexual Necrophilia in the Mallard Anas platyrhynchos (Aves: Anatidae)», C.W. Moeliker, Deinsea, vol. 8, 2001, pp. 243-7.
    Sul sito del Natuurmuseum è possibile esaminare una interessante documentazione fotografica.

    --

    font http://www.garzantilibri.it/default....ews&NEWSID=257

  2. #2
    Iggy
    Ospite non registrato
    Andiamone fieri...

  3. #3
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    Tra l'altro Caprara è quello STRO che mi ha bocciata 2 volte a personalita'.. ormai conosco quel suo maledetto libro a memoria ma quest'anno avra' qualcos'altro su cui piangere sopra

  4. #4
    Iggy
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da Haruka
    Tra l'altro Caprara è quello STRO che mi ha bocciata 2 volte a personalita'.. ormai conosco quel suo maledetto libro a memoria ma quest'anno avra' qualcos'altro su cui piangere sopra
    Che ti ha fatto studiare, la personalità ecezionalmente semplice degli uomini politici?

  5. #5
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    no "psicologia della personalita'"
    Di Gian Vittorio Caprara e Francesco Totti

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    Originariamente postato da Haruka
    Tra l'altro Caprara è quello STRO che mi ha bocciata 2 volte a personalita'.. ormai conosco quel suo maledetto libro a memoria ma quest'anno avra' qualcos'altro su cui piangere sopra
    taci Ilaria taci che io ho avuto Caprara in ben due esami (e anch'io mi sono studiata "Psicologia della personalità") e ogni volta che lo sento parlare voglio un traduttore simultaneo perchè non sa mettere insieme due frasi di senso compiuto in logica sequenza tra loro ...ricordo ancora con orrore la prima lezione che ho avuto con lui ha esordito dicendo "Ragazzi... come spiegare le emozioni??? Ecco... voi salite su un autobus... vedete un uomo.... e non vi emozionate... poi salite su un altro autobus... vedete un uomo nudo... e lì vi emozionate!!!!!"

    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  7. #7
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    Chiara allora nn sono solo io
    Grazie al cielo pensavo di essere l'unica a nn capirlo

  8. #8
    Iggy
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da arwen
    Insensibile!

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    Originariamente postato da Haruka
    Chiara allora nn sono solo io
    Grazie al cielo pensavo di essere l'unica a nn capirlo
    ma no ma no non fare così è lui che soffre di qualche disturbo nel pensiero non meglio precisato altrimenti non si spiega perchè in qualunque università che vada non trovi uno studente che abbia capito cosa insegna ...credo di aver riletto i primi capitoli di "Psicologia della personalità" almeno 5-6 volte e giuro che non ti saprei ripetere nemmeno un concetto di quel libro
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  10. #10
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    Originariamente postato da Iggy
    Insensibile!
    mmmmm forse hai ragione adesso che mi ci fai pensare Caprara potrebbe pure essere un alieno dal quoziente intellettivo superiore che parla un linguaggio troppo evoluto per le nostre povere menti terrestri :sola:

    .......ma va làààààààà
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  11. #11
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    Originariamente postato da arwen
    ma no ma no non fare così è lui che soffre di qualche disturbo nel pensiero non meglio precisato altrimenti non si spiega perchè in qualunque università che vada non trovi uno studente che abbia capito cosa insegna ...credo di aver riletto i primi capitoli di "Psicologia della personalità" almeno 5-6 volte e giuro che non ti saprei ripetere nemmeno un concetto di quel libro
    idem io ho studiato tutto alla perfezione l'esame pareva fatto su un altro libro nn m'era mai successo
    Ti giuro è stato l'esame dove ci sono rimasta piu' male

    Ma a voi ha fatto le "fasce" di voto?

  12. #12
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    Originariamente postato da Haruka
    Ma a voi ha fatto le "fasce" di voto?
    no questa diavoleria per fortuna ce l'ha risparmiata ...cosa sono le fasce di voto?????
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  13. #13
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739

    Re: igNobel... ovviamente per la psicologia vinciamo noi italiani...

    Originariamente postato da Haruka
    PREMIO Ig-NOBEL PER LA BIOLOGIA
    C.W. Moeliker (Natuurmuseum Rotterdam, Paesi Bassi), per aver documentato il primo caso ufficiale di necrofilia omosessuale nei paperi nel saggio «The First Case of Homosexual Necrophilia in the Mallard Anas platyrhynchos (Aves: Anatidae)», C.W. Moeliker, Deinsea, vol. 8, 2001, pp. 243-7.
    Sul sito del Natuurmuseum è possibile esaminare una interessante documentazione fotografica.
    dio mio
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  14. #14
    SuperManu
    Ospite non registrato
    Adesso mi spiego perchè studiando con il libro di Barbarelli ancora non sono riuscita a superare psicometria

  15. #15
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    Originariamente postato da arwen
    no questa diavoleria per fortuna ce l'ha risparmiata ...cosa sono le fasce di voto?????
    il sabato successivo all'esame, Caprara si presenta in aula magna
    ci guarda con aria sorridente
    e fa
    "ragazzi: il compito è andato bene a tantissima gente"
    *folla che esulta*
    "Per questo abbiamo deciso di fare diverse fasce di voto"
    *folla perplessa*
    "Chi nn sbaglia nulla -> 30"
    *folla che annuisce con aria ovvia [da una parte sento mormorare "ce manca solo che nun me danno 30 se nn sbaglio nulla "]*
    "Chi ne sbaglia una -> 28"
    *mormorii sommessi ["ma ho capito bene?"]*
    "Chi ne sbaglia due -> 24"
    *mormorii sempre piu' numerosi ["no ma dai sta scherzando!"]*
    "Chi ne sbaglia tre -> 18"
    *urlatti sparsi e increduli ["MA MA MA?"]*
    "Chi ne sbaglia piu' di tre BOCCIATO perche' un vero psicologo nn puo' sbagliare piu' di tre domande di personalita'"
    *urla vere e proprie con minacce poco velate di morte violenta ["MA CHE STRONZO TESTA DI LI MORTA bestemmioni vari"]

    ...

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo

Privacy Policy