• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    Postatore OGM L'avatar di !!!Psiche!!!
    Data registrazione
    06-06-2008
    Residenza
    Massa
    Messaggi
    4,289

    Coinvolgere/stimolare a fare i compiti

    Ciao a tutti,
    vi espongo il mio attuale "problema", sperando di trovare qualche utile consiglio.
    Faccio "ripetizioni" a una bambina di 9 anni: la parola ripetizioni è tra virgolette perchè più che farle ripetizioni (di cui non ha affatto bisogno) le sto accanto mentre fa i compiti e tento di stimolarla a farli. è una bambina molto dotata: apprende molto velocemente. Il problema è che i compiti l'annoiano: sono cose che sa fare e dopo 10 minuti inizia a chiacchierare e a distogliere la sua attenzione da quello che sta facendo.
    L'ho vista solo 2 volte e non ho ancora trovato un metodo ottimale per evitare che si distragga, ho provato con dei rinforzi positivi, ma nulla (con quelli negativi si chiude a riccio -oltretutto son quelli che usano i suoi-, quindi deduco sia meglio evitare). Ho provato a fare una sorta di gara, cronometrandola; perfino a scambiare i ruoli: io facevo i compiti e lei me li correggeva, ma nulla...

    Ho avuto altre esperienze di ripetizioni, ma a ragazzi più grandi: 14 anni circa, ma stavolta mi trovo proprio spiazzata.

    Faccio un quadro generale su quello che ho capito ora della piccola:
    -è una bambina molto intelligente, probabilmente più della media (mentre parla usa termini aulici, assorbe ogni nuova informazione come una spugna, probabilmente anche perchè i suoi sono medici)
    -ciliegina sulla torta è molto furba e testarda (se dice che una cosa non vuole farla, non la fa, nemmeno sotto tortura)
    -la sua pagella è più che soddisfacente (tutti 9 e 10), ma fa solo l'indispensabile
    -se non la incuriosisci, non si fa coinvolgere
    -odia matematica (guardacaso la materia che deve fare con me) e adora scienze (sa cose sugli animali che normalmente bambini di 9 anni -ma direi anche ragazzi di 15- non sanno)
    -si affeziona molto facilmente
    -vive in una famiglia molto agiata (e quindi non le manca nulla)
    -è stata adottata (non so se lo sa, però) e quindi è ipercoccolata (i suoi lavorano parecchio, ma ogni momento libero è per la bambina)

    Consigli? Io per ora non sono riuscita a trovare il metodo adatto (riesco a farle fare 6 pagine di esercizi di matematica in un'ora e mezza, quando potrebbe farne benissimo 10 in un'ora)... Mi sento un pò spiazzata: 2 anni di psicologia non sono nulla, ma non riesco proprio a capire come prenderla...
    "Lavora, come se non avessi bisogno dei soldi;
    Ama, come se nessuno ti abbia mai ferito;
    Balla, come se nessuno ti stesse guardando;
    Canta, come se nessuno ti stesse sentendo;
    Vivi, come se il Paradiso fosse sulla Terra"



  2. #2

    Riferimento: Coinvolgere/stimolare a fare i compiti

    Cara psiche, mi sembra che stai facendo un ottimo lavoro, hai visto la bambina solo due volte e già hai fatto un analisi della situazione e ti se posta questo obiettivo. Sul realizzarlo datti tempo.

    Potresti provare ad esempio a suddividere molto chiaramente i momenti di lavoro dai momenti di pausa chiedendo (anche con un po' di decisione) che nei momenti di lavoro non si distragga e non ti parli. Questo può essere molto difficile però credo che sia molto importante che impari a concentrarsi per periodi di tempo anche lunghi. Potresti cominciare con blocchi di lavoro brevi per poi allungarli sempre di più. Il momento di pausa dovrebbe servire da rinforzo positivo. Forse è più facile e naturale almeno all'inizio misurare i blocchi in esercizi piuttosto che in minuti.
    Buon lavoro

  3. #3
    Partecipante Esperto L'avatar di paolahydra
    Data registrazione
    29-08-2008
    Residenza
    Valpolcevera
    Messaggi
    318

    Riferimento: Coinvolgere/stimolare a fare i compiti

    Cara Psiche,
    non proverò neanche a darti un consiglio da psicologa, perché non lo sono e anzi sono solo all'inizio del percorso di studi...
    Però proverò a darti un consiglio da amante della matematica... Credo che la matematica sia in grado di incuriosire e affascinare tanto quanto le scienze se presentata bene. Se invece la si confina alla mera ripetizione di esercizi può diventare estremamente noiosa. Se la bambina ha bisogno di essere stimolata e incuriosita, prova a cambiare tipologia di esercizi. Ora non ho ben presente cosa facciano di matematica a 9 anni, ma immagino che tu le possa insegnare dei trucchetti per svolgere mentalmente le operazioni, ad esempio sfruttandone le proprietà (che ricordo come cose bruttissime da imparare a quell'età, ma estremamente divertenti da usare), oppure potresti insegnarle a visualizzare mentalmente i numeri se non lo fa già...
    In poche parole insegnale a divertirsi a giocare col pensiero quando deve risolvere gli esercizi...
    Immagino che il corso di sviluppo cognitivo possa essere d'aiuto... ma alzo le mani! Non l'ho ancora seguito!
    ·
    "A queste mie parole si è alzato e mi ha guardato negli occhi. Era un gioco, quello, che conoscevo bene. Mi divertivo spesso a farlo con Emanuele o Celeste e per lo più loro voltavano per primi gli occhi. Anche il prete conosceva bene quel gioco, l'ho subito capito: il suo sguardo non tremava. E neppure la sua voce ha tremato quando mi ha detto: «Non hai dunque nessuna speranza e vivi pensando che morirai tutt'intiero?». «Sì», gli ho risposto." Albert Camus, Lo straniero.

Privacy Policy