• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1

    Fase genitale vissuta in assenza di genitori

    Salve
    Studiando Freud al liceo mi sono venute alcune idee in testa riguardo mia ragazza:

    Durante la fase genitale non era presente la madre ( la figura con cui competere), quindi non è avvenuta la sublimazione, identificazione con la figura femminile; non vengono trasmessi i valori femminili.
    Al posto del padre c'è il nonno, che picchia la bambina e ,forse, abusa di lei.
    Come nasce superego?
    Com'è la sua natura in questa persona?
    L'istinto viene rivolto verso l'esterno (l'istinto sociale), però la bambina subisce violenze e maltrattamenti anche fuori dalla famiglia da parte dei ragazzi del qurtiere.

    Cosa potrebbero comportare queste anomalie?

    La mia ragazza è ancora vergine e si blocca nell'intimità, anche se dice di essere innamorata di me.

    Vorrei avere il vostro consiglio su come mi devo comportare.
    Grazie

  2. #2
    L'avatar di federicale
    Data registrazione
    28-03-2006
    Residenza
    Roma - Formia (LT)
    Messaggi
    47

    Riferimento: Fase genitale vissuta in assenza di genitori

    Ciao 207dehcysp,
    mi colpisce lo sforzo che compi nel cercare di ricondurre la problematica che riporti, ad articolate spiegazioni teoriche.
    Tralasciamo per un attimo Freud.
    Concentriamoci invece sul fatto che la tua ragazza non ha ancora avuto un rapporto sessuale completo. Probabilmente questo è il fattore principale del suo blocco, assimilabile alla paura dell'ignoto o anche alla paura di deludere le aspettative del partner o di compiere un atto indegno.
    Tutte possibilità, ipotesi tanto affrettate quanto prive di fondamenta laddove non sia possibile una conoscenza più profonda del caso: per esempio quanti anni ha la tua ragazza, quanti anni anni hai tu, da quanto tempo state insieme, che cosa significa blocco nell'intimità, cosa rappresenta il sesso per voi, per lei, per te, ecc.
    Tuttavia una considerazione indiscutibile è possibile e vede la sessualità come una questione di coppia, che può essere esplorata esclusivamente in tale contesto, non singolarmente. Tale processo necessita di dialogo, confronto, scambio reciproco, confidenza. Questo l'obiettivo da realizzare!
    Laddove tutto ciò risulti essere difficoltoso la soluzione può risiedere nella richiesta di aiuto ad un professionista in grado di offire un costruttivo supporto e valide indicazioni...ma certamente le teorie lette ingenuamente non si rivelano utili e spesso allontanano di molto la soluzione.
    Ti faccio il mio più grande in bocca al lupo.
    Torna a trovarci!

    A presto!
    Dott.ssa Federica Letizia
    Psicologa - Esperta in Counseling Psicologico
    Iscrizione Ordine Psicologi del Lazio n. 14552



  3. #3

    Riferimento: Fase genitale vissuta in assenza di genitori

    Grazie per la risposta!

    Paura dell'ignoto, paura di deludere le aspettative del partner o di compiere un atto indegno sn tutte presenti. La mia ragazza ha 23 anni, io - 24. Siamo insieme da quasi un anno, ma lei abita lontano, quindi nn ci vediamo spesso. Si blocca nell'intimità nel senso che mi ferma a un certo punto e cambia improvvisamente l'umore, si chiude. Il nostro rapporto è basato sull'amore e nn sul sesso, quindi ho tanta pazienza. Cerco sempre il dialogo, il confronto e la condivisione delle cose, pensieri, pareri ecc. , ma spesso lei si chiude dentro di sé e rifiuta il dialogo improvvisamente cambiando l'umore, se qualcosa nn va bene: potrebbe essere una semplice gelosia o mancanza di affetto da parte mia. Ci vuole tanto tempo e pazienza per riaprire il dialogo con lei.

    Cmq ero interessato anke allo sviluppo della patologia secondo la teoria di Freud o simili xkè mi incuriosisce questo approccio teorico alla realtà=)

  4. #4
    Partecipante Affezionato L'avatar di scorpiona
    Data registrazione
    10-07-2007
    Residenza
    nel catanese
    Messaggi
    103

    Riferimento: Fase genitale vissuta in assenza di genitori

    Ciao amico! Se vuoi un consiglio, come ti ha detto Federica, anke se ti incuriosisce, per ora lascia perdere Freud. Cerca di stare vicino alla tua ragazza, falle sentire quanto tieni a lei e vedrai che pian piano si aprirà a un proficuo dialogo. da lì magari finalmente riuscirà a fare l'amore con te... Ricorda che ciacuno ha i propri valori e le proprie idee in merito a un argomento tanto delicato qual'è la verginità, quindi non avere fretta Buona fortuna!
    “Ti criticheranno sempre,
    parleranno male di te
    e sarà difficile che
    incontri qualcuno
    al quale tu possa andare
    bene come sei.
    Quindi vivi come credi,
    fai quello che ti dice il cuore
    la vita è come un’opera di teatro
    che non ha prove iniziali.
    Canta, ridi, balla, ama
    e vivi intensamente ogni
    momento della tua vita
    prima che cali il sipario
    e l’opera finisca senza applausi. ”

Privacy Policy