• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 17

Discussione: ma in pratica....?

  1. #1
    Partecipante Affezionato L'avatar di valery
    Data registrazione
    03-05-2007
    Residenza
    messina
    Messaggi
    106

    ma in pratica....?

    Saaaalve....
    oggi vi sottopongo un quesito un pò strano, ma che davvero certe volte mi suscita qualche dubbio..
    sono molto contenta e soddisfatta del percorso universitario che ho intrapreso: il mio interesse è nato quando al liceo ho cominciato a fare filosofia. la psicologia ha antichissime radici in questa, anche se poi si è ovviamente separata. complice un'attitudine particolare all'ascolto e all'introspezione, ho deciso di iscrivermi a questo Corso di Lurea. Mi sono però resa conto nell'arco di tre anni (sto terminando il terzo) che tra il dire e il fare c'è di mezzo molto più che il mare..
    spesso ho il timore di non saper mettere in pratica ciò che sto imparando; ancora non ho fatto il tirocinio, quindi forse potrò sperimentare lì le mie capacità( anche se sull'argomento tirocinio ci sarebbe un'altra discussione da fare, peraltro già presente nel sito). ammetto che a volte mi prende l'ansia di non saper dire le cose giuste al momento giusto(lasciamo perdere mancanza di autostima o autoefficacia, che non siamo in terapia)..ma la domanda è: sono l'unica a cui nella propria carriera universitaria sono venute queste paure, oppure deriva da un'esperienza che ancora mi manca?
    ..Child Roland to the Dark Tower came..


    [/URL]

  2. #2
    Partecipante Esperto L'avatar di SunnySunny
    Data registrazione
    07-05-2009
    Messaggi
    288

    Riferimento: ma in pratica....?

    Allora io non faccio psicologia, però a me sono venuti altri dubbi, tipo è veramente quello che voglio e che mi renderà felice o meglio una facoltà più "artistica" es. pittura moda che mi porta a un lavoro che diventa poi un hobby? boh

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di Alesxandra
    Data registrazione
    07-02-2005
    Messaggi
    10,618
    Blog Entries
    4

    Riferimento: ma in pratica....?

    Con la triennale non si è psicologi. In realtà, visto il basso livello di gran parte delle facoltà italiane di psicologia, nemmeno dopo gli altri due anni di specialistica si è psicologi. E' normalissima la tua sensazione di non saper fare nulla, perchè effettivamente è così. Mi dispiace se sono dura, ma è l'amara realtà. E aggiungo che io, psicologa abilitata con diversi tirocini alle spalle, tutt'ora non mi sento pronta alla professione, per la quale serve davvero tanta pratica (anche rischiando di fare il volontariato senza essere retribuiti) e una buona scuola di specializzazione.

  4. #4
    Super Postatore Spaziale L'avatar di Lepre*marzolina
    Data registrazione
    04-10-2005
    Residenza
    nei peggiori bar di caracas...
    Messaggi
    2,886

    Riferimento: ma in pratica....?

    Citazione Originalmente inviato da valery... Visualizza messaggio
    Saaaalve....
    oggi vi sottopongo un quesito un pò strano, ma che davvero certe volte mi suscita qualche dubbio..
    sono molto contenta e soddisfatta del percorso universitario che ho intrapreso: il mio interesse è nato quando al liceo ho cominciato a fare filosofia. la psicologia ha antichissime radici in questa, anche se poi si è ovviamente separata. complice un'attitudine particolare all'ascolto e all'introspezione, ho deciso di iscrivermi a questo Corso di Lurea. Mi sono però resa conto nell'arco di tre anni (sto terminando il terzo) che tra il dire e il fare c'è di mezzo molto più che il mare..
    spesso ho il timore di non saper mettere in pratica ciò che sto imparando; ancora non ho fatto il tirocinio, quindi forse potrò sperimentare lì le mie capacità( anche se sull'argomento tirocinio ci sarebbe un'altra discussione da fare, peraltro già presente nel sito). ammetto che a volte mi prende l'ansia di non saper dire le cose giuste al momento giusto(lasciamo perdere mancanza di autostima o autoefficacia, che non siamo in terapia)..ma la domanda è: sono l'unica a cui nella propria carriera universitaria sono venute queste paure, oppure deriva da un'esperienza che ancora mi manca?
    io sono laureata alla specialistica ma la prima cosa che ho pensato appena iniziato il tirocinio post lauream è stata "io non so niente"

    ed in effetti è la verità...le conoscenze che acquisisci all'università sono prettamente teoriche e sono utili in quanto base per "farti le ossa" con la pratica.
    sai sui libri sembra tutto facile, i pazienti sono pazienti modello a cui dici la "frase giusta al momento giusto" ed è fatta....nella realtà le cose sono molto diverse...è ovvio che serve la pratica ma vedrai che una volta che ti troverai immersa nelle situazioni piano piano riuscirai a destreggiarti (ovviamente devi sempre mettere in conto che "ti stai formando" quindi bisogna sempre essere "umili" e pronti ad osservare ed imparare )

    ma avere un pò di paura è normale....io la sera prima del mio primo colloquio con un adolescente non ho dormito per l'ansia
    Ultima modifica di Lepre*marzolina : 18-06-2009 alle ore 22.00.38
    dove c'è gusto non c'è perdenza

    ho sempre amato il mio prossimo...finchè era poco....



    Questo è il mio pesciolino numero 641 in una vita costellata di pesciolini rossi. I miei genitori mi comprarono il primo per insegnarmi cosa significasse amare e prendersi cura di una creatura vivente del Signore. 640 pesci dopo, l'unica cosa che ho imparato è che tutto quello che ami morirà
    C.P.



    E' cosi' difficile divertirsi di questi tempi, anche sorridere fa male alla faccia

  5. #5
    Postatore Epico L'avatar di doctor2009
    Data registrazione
    13-11-2008
    Residenza
    Provincia di Roma
    Messaggi
    6,395

    Riferimento: ma in pratica....?

    Citazione Originalmente inviato da valery... Visualizza messaggio
    Saaaalve....
    oggi vi sottopongo un quesito un pò strano, ma che davvero certe volte mi suscita qualche dubbio..
    sono molto contenta e soddisfatta del percorso universitario che ho intrapreso: il mio interesse è nato quando al liceo ho cominciato a fare filosofia. la psicologia ha antichissime radici in questa, anche se poi si è ovviamente separata. complice un'attitudine particolare all'ascolto e all'introspezione, ho deciso di iscrivermi a questo Corso di Lurea. Mi sono però resa conto nell'arco di tre anni (sto terminando il terzo) che tra il dire e il fare c'è di mezzo molto più che il mare..
    spesso ho il timore di non saper mettere in pratica ciò che sto imparando; ancora non ho fatto il tirocinio, quindi forse potrò sperimentare lì le mie capacità( anche se sull'argomento tirocinio ci sarebbe un'altra discussione da fare, peraltro già presente nel sito). ammetto che a volte mi prende l'ansia di non saper dire le cose giuste al momento giusto(lasciamo perdere mancanza di autostima o autoefficacia, che non siamo in terapia)..ma la domanda è: sono l'unica a cui nella propria carriera universitaria sono venute queste paure, oppure deriva da un'esperienza che ancora mi manca?
    Le tue paure sono comuni a tutti coloro che intraprendono degli studi universitari che portano ad essere "abilitati" a svolgere una professione..
    Io sono un medico e ti posso assicurare che quando ho dovuto fare la mia prima endovena ho sudato freddo...
    Si "guarisce" da questa crisi solo buttandosi, osando e facendo tanta pratica. E tanti errori: quelli, dallo subito per scontato, ci saranno e tanti nella tua vita professionale...
    Non devi lasciarti abbattere da questa constatazione, però: i tuoi errori, e le meditazioni che farai su di essi, sono l'insegnamento più prezioso che avrai a disposizione, meglio di cento libri....
    -



    PRESIDENTE DEL CLUB DEL GIALLO!

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di michael sniper
    Data registrazione
    08-05-2008
    Residenza
    Selargius
    Messaggi
    8,608

    Riferimento: ma in pratica....?

    Citazione Originalmente inviato da valery... Visualizza messaggio
    Saaaalve....
    oggi vi sottopongo un quesito un pò strano, ma che davvero certe volte mi suscita qualche dubbio..
    sono molto contenta e soddisfatta del percorso universitario che ho intrapreso: il mio interesse è nato quando al liceo ho cominciato a fare filosofia. la psicologia ha antichissime radici in questa, anche se poi si è ovviamente separata. complice un'attitudine particolare all'ascolto e all'introspezione, ho deciso di iscrivermi a questo Corso di Lurea. Mi sono però resa conto nell'arco di tre anni (sto terminando il terzo) che tra il dire e il fare c'è di mezzo molto più che il mare..
    spesso ho il timore di non saper mettere in pratica ciò che sto imparando; ancora non ho fatto il tirocinio, quindi forse potrò sperimentare lì le mie capacità( anche se sull'argomento tirocinio ci sarebbe un'altra discussione da fare, peraltro già presente nel sito). ammetto che a volte mi prende l'ansia di non saper dire le cose giuste al momento giusto(lasciamo perdere mancanza di autostima o autoefficacia, che non siamo in terapia)..ma la domanda è: sono l'unica a cui nella propria carriera universitaria sono venute queste paure, oppure deriva da un'esperienza che ancora mi manca?
    Non sei affatto l'unica; è una paura anche mia e, da quanto sto leggendo nel thread, anche di molti altri.
    Se qualcuno/a conosce donne in gravidanza, dal sesto mese compreso in poi, della provincia di Cagliari, è gentilmente pregato/a e invitato/a a contattarmi tramite messaggio privato. Grazie mille a tutti

  7. #7
    Partecipante Affezionato L'avatar di valery
    Data registrazione
    03-05-2007
    Residenza
    messina
    Messaggi
    106

    Riferimento: ma in pratica....?

    Citazione Originalmente inviato da Alesxandra Visualizza messaggio
    Con la triennale non si è psicologi. In realtà, visto il basso livello di gran parte delle facoltà italiane di psicologia, nemmeno dopo gli altri due anni di specialistica si è psicologi. E' normalissima la tua sensazione di non saper fare nulla, perchè effettivamente è così. Mi dispiace se sono dura, ma è l'amara realtà. E aggiungo che io, psicologa abilitata con diversi tirocini alle spalle, tutt'ora non mi sento pronta alla professione, per la quale serve davvero tanta pratica (anche rischiando di fare il volontariato senza essere retribuiti) e una buona scuola di specializzazione.
    certo, so che alla triennale non si è psicologi, ma le minime cose che richiedono in ambito lavorativo bisognerebbe saperle fare. come ho detto non so se le saprò fare, ma non è detto che non le sappia fare..ma a quanto leggo serve moooolta pratica...
    ..Child Roland to the Dark Tower came..


    [/URL]

  8. #8
    Partecipante Affezionato L'avatar di valery
    Data registrazione
    03-05-2007
    Residenza
    messina
    Messaggi
    106

    Riferimento: ma in pratica....?

    vi dico la verità, mi avete rincuorata un pò...sapere di non essere l'unica ad aver avuto questi dubbi mi fa sentire meno "non pronta".
    ma a questo punto la domanda che vi rigiro è: questa insicurezza è dovuta alle università dove c'è poca pratica e molta teoria, oppure alla poca esperienza che ci viene offerta?( o altro ovviamente)
    quale dovrebbe essere l'università che ti prepara ad affrontare il mondo del lavoro?tutte dovrebbero farlo, ma a quanto sento non sempre è così..
    ..Child Roland to the Dark Tower came..


    [/URL]

  9. #9
    Ghiotto patato ಠ_ಠ L'avatar di Biz
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Topadilegnopoli
    Messaggi
    23,702

    Riferimento: ma in pratica....?

    Citazione Originalmente inviato da valery... Visualizza messaggio
    certo, so che alla triennale non si è psicologi, ma le minime cose che richiedono in ambito lavorativo bisognerebbe saperle fare. come ho detto non so se le saprò fare, ma non è detto che non le sappia fare..ma a quanto leggo serve moooolta pratica...
    Guarda, dipende molto da cosa intendi per "minime cose"
    Solo con il lavoro si impara il mestiere, ed è il grande limite dell'università italiana ancora centrata troppo sul "sapere" e totalmente dimentica del saper fare e saper essere
    "Guardatemi, signori...sono un uomo di sessant'anni e ho il corpo di un ragazzino.Ce l'ho in frigo."
    This is a blog
    This is not a link.

  10. #10
    Super Postatore Spaziale L'avatar di Lepre*marzolina
    Data registrazione
    04-10-2005
    Residenza
    nei peggiori bar di caracas...
    Messaggi
    2,886

    Riferimento: ma in pratica....?

    Citazione Originalmente inviato da valery... Visualizza messaggio
    ma a questo punto la domanda che vi rigiro è: questa insicurezza è dovuta alle università dove c'è poca pratica e molta teoria, oppure alla poca esperienza che ci viene offerta?( o altro ovviamente)
    quale dovrebbe essere l'università che ti prepara ad affrontare il mondo del lavoro?tutte dovrebbero farlo, ma a quanto sento non sempre è così..
    scusa ma questa insicurezza è ovvia ed è anche giusta...immaginati se i neolaureati uscissero convinti di saper (e di poter) fare tutto ....
    è giusto sentirsi "impreparati" perchè di fatto lo si è.
    personalmente credo che sia normale che i corsi di laurea siano "molto teorici" perchè ti presentano i vari ambiti...poi una volta scelto il tuo ambito (ed avendo buone basi teoriche) bisogna mettere in conto di fare moooolta pratica. (magari se fosse pagata, invece che gratis ma questo è un altro discorso )
    non so se mi sono spiegata...è come quando fai una torta, devi saper leggere la ricetta (conoscere le unità di misura,sapere a che servono gli ingredienti e come si usa il forno) ma, ovviamente, è solo con la pratica che riuscirai a farla venire bene...ma sono utili entrambe le conoscenze.
    (so che l'esempio della torta è idiota ma è il primo che mi è venuto in mente )
    dove c'è gusto non c'è perdenza

    ho sempre amato il mio prossimo...finchè era poco....



    Questo è il mio pesciolino numero 641 in una vita costellata di pesciolini rossi. I miei genitori mi comprarono il primo per insegnarmi cosa significasse amare e prendersi cura di una creatura vivente del Signore. 640 pesci dopo, l'unica cosa che ho imparato è che tutto quello che ami morirà
    C.P.



    E' cosi' difficile divertirsi di questi tempi, anche sorridere fa male alla faccia

  11. #11
    Partecipante Affezionato L'avatar di valery
    Data registrazione
    03-05-2007
    Residenza
    messina
    Messaggi
    106

    Riferimento: ma in pratica....?

    Per Biz: hai ragione, ho usato una parola inesatta . non sono minime, volevo dire adeguate a quello che mi richiedono. ogni giorno mi vengono date (così come a tutti gli altri) molte conoscenze teoriche, "cosa si potrebbe fare se..", "in questo caso noi abbiamo fatto", ecc..ma chi mi assicura che quando mi troverò di fronte un caso particolare saprò come comportarmi?"io ho detto" e "io ho fatto" non setvono più a molto..
    credo che siano problemi che (come vedo) un pò tutti si sono fatti, ma quando capita a te, ti sembra difficile uscirne..

    Per Lepre*marzolina:anzi mi piace molto l'esempio della torta
    si è vero quello che dici, non ho mai pensato che si nasca "imparati".però la prima volta ci sarà sempre e mi rendo conto che anche se c'è la teoria, la pratica è un'altra cosa. la pratica però non è fatta solo di standard, ma anche di idee nuove..e come la mettiamo qui?credo che la cosa più difficile sia proprio trovare il modo di affrontare situazioni sempre diverse e complicate. credo molto nella creatività dei mezzi che usiamo..

    come vedete sono molto tranquilla, non mi sto strappando i capelli, ma dato che questi dubbi (come mi insegnate) sono legittimi, mi fa piacere conoscere la vostra opinione. E' vero, Biz, che ancora l'università( e anche la scuola secondo me) pecca sul saper fare..quello che mi domando è perchè non cercano di correre ai ripari.so bene che è difficile, ma non sono poche le persone che hanno un pezzo di carta attaccato al muro ma che in pratica non sanno far nulla, o coloro che si "parcheggiano"..
    ..Child Roland to the Dark Tower came..


    [/URL]

  12. #12
    Ghiotto patato ಠ_ಠ L'avatar di Biz
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Topadilegnopoli
    Messaggi
    23,702

    Riferimento: ma in pratica....?

    Citazione Originalmente inviato da valery... Visualizza messaggio
    E' vero, Biz, che ancora l'università( e anche la scuola secondo me) pecca sul saper fare..quello che mi domando è perchè non cercano di correre ai ripari.so bene che è difficile, ma non sono poche le persone che hanno un pezzo di carta attaccato al muro ma che in pratica non sanno far nulla, o coloro che si "parcheggiano"..
    Perchè servirebbe una rivoluzione del modello universitario che taglierebbe molti posti universitari di professori cattedratici, mettendo al loro posto professionisti esterni (consulenti) e quindi èimprobabile che venga fatta, perchè si guarda all'immediato (i posti di lavoro) senza pensare a lungo tempo
    "Guardatemi, signori...sono un uomo di sessant'anni e ho il corpo di un ragazzino.Ce l'ho in frigo."
    This is a blog
    This is not a link.

  13. #13
    Partecipante Affezionato L'avatar di valery
    Data registrazione
    03-05-2007
    Residenza
    messina
    Messaggi
    106

    Riferimento: ma in pratica....?

    e quindi stai dicendo indirettamente che i professori di ruolo sono meno preparati?per questo ci vorrebero i consulenti..?
    ..Child Roland to the Dark Tower came..


    [/URL]

  14. #14
    Ghiotto patato ಠ_ಠ L'avatar di Biz
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Topadilegnopoli
    Messaggi
    23,702

    Riferimento: ma in pratica....?

    Sto dicendo che i professori di ruolo sono il sapere dell'università (non tutti, ma la maggior parte).
    Quindi, se l'università vuole essere orientata a trasmettere solo conoscenze, va bene secondo me, abbiamo ottimi professori e ben preparati nei loro campi, da invidiare.
    Ma se si vuole fare un salto di qualità passando al fare, per insegnare il lavoro serve gente che il lavoro da psicologo lo faccia sul campo, per quel che mi riguarda. Il sapere, ad una certa età, lo si può imparare da soli (non è così alle superiori ma anche nei primi anni -due a mio avviso - di università, perchè serve qualcuno che ti guidi) leggendo e documentandosi.
    "Guardatemi, signori...sono un uomo di sessant'anni e ho il corpo di un ragazzino.Ce l'ho in frigo."
    This is a blog
    This is not a link.

  15. #15
    Partecipante Esperto L'avatar di TheDreamer23
    Data registrazione
    22-01-2007
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    421

    Riferimento: ma in pratica....?

    Non ho letto ancora tutta la roba che ci sta dopo il primo post e prob ripeterò qualcosa di già scritto da qualcun altro.
    Cmq certo che è normale, specie se sei a primo anno non hai ancora la minima idea di cosa ancora dovrai studiarti, poi considera che sarai veramente una psicologa solo dopo i cinque anni (triennale più magistrale), a cui devi aggiungere la scuola di specializzazione se vuoi fare psicoterapia.
    non scoraggiarti, specie se ami questa disciplina, il percorso è lungo è vero ma le soddisfazioni non mancano, come dice Caretti in psicologia non si finisce mai di imparare.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy