• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 28

Discussione: rifiuto di bere acqua

  1. #1
    Partecipante Figo L'avatar di valex82
    Data registrazione
    23-10-2004
    Residenza
    roma
    Messaggi
    914

    rifiuto di bere acqua

    Ho conosciuto una persona che non riesce assolutamente a bere acqua, e mi chiedo cosa ci sia dietro questo rifiuto, che mi colpisce moltissimo per il valore simbolico che l'acqua ha, oltre al fatto che l'acqua sia un elemento fondamentale per la vita.

    Qualcuno di voi conosce qualche spiegazione psicologica possibile? e come si potrebbe aiutare una persona che ha questa difficoltà?

  2. #2

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Premesso che un spiegazione psicologica non puoi conoscerla ma solo spararla a c...
    Io direi che ha costruito questo sintomo nell'infanzia nel rapporto con i suoi genitori quando rifiutare di bere acqua prendeva corpo in una dinamica di potere con le figure parentali.
    Direi che il sintomo è insorto verso i 5-6 anni nei confronti di una madre ansiosa, intrusiva e insicura. Padre, probabilmente, poco presente disinteressato.
    La persona in questione è un maschio, tendenzialmente razionale, si è rivolto verso degli studi scientifici o comunque una professione tecnica.

    Ci ho preso?

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Citazione Originalmente inviato da curumullo Visualizza messaggio
    Premesso che un spiegazione psicologica non puoi conoscerla ma solo spararla a c...
    Io direi che ha costruito questo sintomo nell'infanzia nel rapporto con i suoi genitori quando rifiutare di bere acqua prendeva corpo in una dinamica di potere con le figure parentali.
    Direi che il sintomo è insorto verso i 5-6 anni nei confronti di una madre ansiosa, intrusiva e insicura. Padre, probabilmente, poco presente disinteressato.
    La persona in questione è un maschio, tendenzialmente razionale, si è rivolto verso degli studi scientifici o comunque una professione tecnica.

    Ci ho preso?
    Su quali teorie ti basi?

  4. #4
    Partecipante Figo L'avatar di valex82
    Data registrazione
    23-10-2004
    Residenza
    roma
    Messaggi
    914

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Citazione Originalmente inviato da curumullo Visualizza messaggio
    Premesso che un spiegazione psicologica non puoi conoscerla ma solo spararla a c...
    Io direi che ha costruito questo sintomo nell'infanzia nel rapporto con i suoi genitori quando rifiutare di bere acqua prendeva corpo in una dinamica di potere con le figure parentali.
    Direi che il sintomo è insorto verso i 5-6 anni nei confronti di una madre ansiosa, intrusiva e insicura. Padre, probabilmente, poco presente disinteressato.
    La persona in questione è un maschio, tendenzialmente razionale, si è rivolto verso degli studi scientifici o comunque una professione tecnica.

    Ci ho preso?
    guarda che non è un indovinello...e non avevo alcuna intenzione di esortarvi a fare diagnosi o sparare ipotesi a c... come dici tu...

    volevo solo sapere se magari vi era capitato qualche caso del genere, o se avete letto qualcosa in proposito.

  5. #5
    Ghiotto patato ಠ_ಠ L'avatar di Biz
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Topadilegnopoli
    Messaggi
    23,702

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Citazione Originalmente inviato da curumullo Visualizza messaggio
    Premesso che un spiegazione psicologica non puoi conoscerla ma solo spararla a c...
    Io direi che ha costruito questo sintomo nell'infanzia nel rapporto con i suoi genitori quando rifiutare di bere acqua prendeva corpo in una dinamica di potere con le figure parentali.
    Direi che il sintomo è insorto verso i 5-6 anni nei confronti di una madre ansiosa, intrusiva e insicura. Padre, probabilmente, poco presente disinteressato.
    La persona in questione è un maschio, tendenzialmente razionale, si è rivolto verso degli studi scientifici o comunque una professione tecnica.

    Ci ho preso?
    Dove siamo a indovina chi?
    Evita diagnosi psicologiche basate sul nulla per cortesia.
    Tra l'altro nessuno psicologo, psicologo in erba, iscritto al primo anno di psicologia o stregone si lancerebbe in una cosa del genere, il che mi fa pensare che il tuo intervento sia di trolling bello e buono.
    Il prossimo intervento di questo tipo verrà sanzionato in maniera pesante, perchè veramente si scredita quella che è l'analisi psicologica.
    Non replicare a questo messaggio perchè nulla può giustificare quello che hai scritto, e cerca di dare un'altra occhiata al regolamento.
    "Guardatemi, signori...sono un uomo di sessant'anni e ho il corpo di un ragazzino.Ce l'ho in frigo."
    This is a blog
    This is not a link.

  6. #6

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Ragazzi, penso che lo spirito del mio post sia stato frainteso.

    Dicendo "le spiegazioni psicologiche non si conoscono si possono solo sparare a c..." intendevo premettere alla spiegazione successiva la mia posizione epistemologica.
    Io credo che i comportamenti possano essere spiegati solo a posteriori attraverso una razionalizzazione. Inoltre credo che uno stesso comportamento possa avere diverse motivazioni e quindi diverse spiegazioni. Tuttavia questo non ci impedisce, come vorrebbero alcuni, di proporre delle spiegazioni che siano in accordo con i fatti.
    Insomma un discorso abbastanza lungo e complesso che per quel che serviva ho sintetizzato con il famigerato motto.

    Venendo alla spiegazione. Su che teorie mi baso?

    Io direi che ha costruito questo sintomo nell'infanzia nel rapporto con i suoi genitori quando rifiutare di bere acqua prendeva corpo in una dinamica di potere con le figure parentali.
    Dico questo perchè penso che un sintomo del genere data la sua estensione e inflessibilità appartenga ad un primo strato di socializzazione, quindi alla famiglia di origine (se è stato allevato in famiglia ovviamente). Che sia un sintomo familiare lo denuncerebbe anche la sfera personale in cui si localizza. Il cibo è terreno di interazione in famiglia da bambini soprattutto.
    Molto spesso sul cibo si articolano diversi conflitti, nel senso che si generano e che vi si esprimono allo stesso tempo. In questo caso sembra riguardare la dinamica del potere, sembra essere un movimento controdipendente. Qui sto pensando a quale significato interattivo possa assumere il rifiuto dell'acqua e che dinamica relazionale possa innescare. Ci vedo un aspetto manipolatorio insomma. Ci vedo anche un certa dose di impulsività.

    Direi che il sintomo è insorto verso i 5-6 anni nei confronti di una madre ansiosa, intrusiva e insicura. Padre, probabilmente, poco presente disinteressato.
    Qui penso a chi c'è dall'altra parte, chi è che costruisce l'altra metà del sintomo e lo sorregge in qualche modo. Voglio dire con me non funzionerebbe. E allora chi c'è? C'è una madre su cui la leva fa presa. Ha un elemento di debolezza. Poi mi chiedo che cosa rende necessario il sintomo? Ci vedo un elemento protettivo, identitario, immagino una madre intrusiva appunto, un accudimento pressante.

    La persona in questione è un maschio, tendenzialmente razionale, si è rivolto verso degli studi scientifici o comunque una professione tecnica.
    Dico che è un maschio perchè penso che se il conflitto si posiziona sul cibo il conflitto è con la madre.
    Razionale, ovviamente, perchè un sintomo di questa portata indica un blocco emotivo e un'inclinazione al controllo che è probabile abbia portato a favorire l'attività intellettuale.
    Ma, ho dimenticato, estroverso.

    Non ci ho preso, va beh. Voleva essere soltanto un tentativo, un condividere delle impressioni.

  7. #7
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Citazione Originalmente inviato da valex82 Visualizza messaggio
    Ho conosciuto una persona che non riesce assolutamente a bere acqua,
    e come fa a campare? se non bevi per una settimana (anche meno) di solito ci lasci le penne
    Ultima modifica di Johnny : 20-05-2009 alle ore 22.20.59

  8. #8
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Ciao Vale, non è possibile indicare tout court il preciso significato psicologico di quel comportamento, si scadrebbe in un determinismo causale insulso e per fortuna abbandonato da molto tempo. Bisogna avere molte più info sulla persona (età, iter evolutivo, famiglia, socialità, ecc..), se ci sono altre manifestazioni, da quando è sorto quel comportamento, come si inserisce con gli altri, quali gli eventi di vita concomitanti, quali sono i pro e quali i contro nel metterlo in atto (relativamente a sè ed alle sue relazioni significative), ecc..insomma il significato si costruisce congiungendo i vari puntini del disegno, altrimenti si avrebbe il famigerato letto di Procuste!
    Ultima modifica di GIUNONE : 20-05-2009 alle ore 23.00.34

  9. #9
    Partecipante Super Figo L'avatar di ikaro78
    Data registrazione
    06-07-2004
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    1,975

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Dico che è un maschio perchè penso che se il conflitto si posiziona sul cibo il conflitto è con la madre.
    Perchè, solo un maschio ha un conflitto con la madre?

  10. #10

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Citazione Originalmente inviato da ikaro78 Visualizza messaggio
    Perchè, solo un maschio ha un conflitto con la madre?
    No certo. Ma come interazione mi sembra molto complementare, mi riesce più facile immaginare due persone di sesso opposto giocare a questo gioco.

    Quello che giustamente Johnny mette in luce io me lo ero spiegato pensando che il tipo beve soltanto bibite anche se ovviamente anche queste contengono acqua.
    Certo potrebbe anche essere diverso. Ho letto, mi sembra giusto riportarlo, di una tipa che aveva una specie di allergia all'acqua.Purtroppo era la notizia su un quotidiano e non ne so di più.

  11. #11
    Partecipante Figo L'avatar di valex82
    Data registrazione
    23-10-2004
    Residenza
    roma
    Messaggi
    914

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Citazione Originalmente inviato da GIUNONE Visualizza messaggio
    Ciao Vale, non è possibile indicare tout court il preciso significato psicologico di quel comportamento, si scadrebbe in un determinismo causale insulso e per fortuna abbandonato da molto tempo. Bisogna avere molte più info sulla persona (età, iter evolutivo, famiglia, socialità, ecc..), se ci sono altre manifestazioni, da quando è sorto quel comportamento, come si inserisce con gli altri, quali gli eventi di vita concomitanti, quali sono i pro e quali i contro nel metterlo in atto (relativamente a sè ed alle sue relazioni significative), ecc..insomma il significato si costruisce congiungendo i vari puntini del disegno, altrimenti si avrebbe il famigerato letto di Procuste!
    sì infatti sono assolutamente d'accordo con te...è che questa cosa un pò mi spiazza, allora ho cercato di trovare una scorciatoia nelle varie teorie psicologiche...magari qualcuno prima di me poteva aver studiato una cosa del genere...



    e comunque si tratta di una donna

  12. #12
    Partecipante Esperto L'avatar di Patrizia67
    Data registrazione
    14-03-2009
    Messaggi
    395

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Magari è solo perchè gli piace il vino...



    E come dargli torto.. l'acqua fa venire le ranocchie allo stomaco

    Scherzo ovviamente, questa discussione è molto interessante.


    Ciao.

  13. #13

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Faccio notare che a parte le risposte sprezzanti, le valutazioni negative, le provocazioni e le minacce seguiti al mio post nessuno a portato un contributo valido alla discussione.

    Il motivo, lasciatemi avanzare almeno questa spiegazione, è del relativismo che dilaga fra gli psicologi. Relativismo che dilaga come un'epidemia e ammutolisce lo psicologo o lo appiattisce sulla banalità.
    Si tratta solo di un sintomo, il male, la sua causa è paradossalmente un sostanzialismo inconscio nei riguardi delle entità mentali.
    Fra l'incudine e il martello lo psicologo si rifugia nella fede incondizionata nelle credenze del soggetto. Una cattiva fenomenologia che gli fa credere che ciò che dice la persona di se stessa è sempre vero.

  14. #14
    Partecipante Super Figo L'avatar di ikaro78
    Data registrazione
    06-07-2004
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    1,975

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Faccio notare che a parte le risposte sprezzanti, le valutazioni negative, le provocazioni e le minacce seguiti al mio post nessuno a portato un contributo valido alla discussione. Il motivo, lasciatemi avanzare almeno questa spiegazione, è del relativismo che dilaga fra gli psicologi. Relativismo che dilaga come un'epidemia e ammutolisce lo psicologo o lo appiattisce sulla banalità. Si tratta solo di un sintomo, il male, la sua causa è paradossalmente un sostanzialismo inconscio nei riguardi delle entità mentali.
    Fra l'incudine e il martello lo psicologo si rifugia nella fede incondizionata nelle credenze del soggetto. Una cattiva fenomenologia che gli fa credere che ciò che dice la persona di se stessa è sempre vero.
    Sono d'accordo con curumullo (chi l'avrebbe mai detto? ), alla fine la sua premessa salvava l'interpretazione successiva, certamente selvaggia, ma che altro si può fare ad una richiesta di spiegazione psicologica di una manciata di parole?!? O si tace o si spara a c...., ma se uno dice sto sparando a c.... che problema c'è?

    Saluti,
    ikaro

  15. #15
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: rifiuto di bere acqua

    Il relativismo lo vedo proprio in chi "spara" una risposta pseudopsi basandosi sulla ignoranza (= non conosenza) del caso, pensando anche di azzeccare e senza basarsi su alcunchè di scientifico (dicasi teoria e tecniche). Non ho replicato perche preferisco seguire il consiglio di Biz che è stato già esaustivo.
    Pensa a quallo che hai scritto:
    disturbo alimentare=problema con la mamma=è uomo.
    Hai mai studiato qualcosa sui disturbi alimentari?Anche solo la casistica!
    Non parrebbe.
    Il relativismo è in chi placa la sua ansia attraverso il letto di Procuste.
    Lo conosci? Penso di si.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy