• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1
    GuerrieraDrums
    Ospite non registrato

    Vi prego aiutatemi,non capisco più nulla...

    Due ragazzi stanno insieme.
    Entrambi gelosissimi
    Lei i primi mesi fa la tr**a con altri (ma solo a parole )
    In lui nasce una sorta di paura collegata ai comportamenti di lei,e per sfogarla inizia a masturbarsi pensando alla sua lei a letto con altri.Gode,viene subito,nonostante dentro gli faccia male e poi pianga.
    Quando loro due sono a letto assieme,lui inizia a chiedere alla sua lei di raccontargli "storie di lei con altri" per farlo eccitare,e come lei parla (cose inventate con uomini visti per strada,ecc...) lui si sente venire subito (sempre stando malissimo) e questa cosa gli viene appena vede che la sua lei dà anche solo una minima attenzione a qualcuno all'infuori di lui,o anche se lei guarda un altro (per qualsiasi motivo,non è che lo guarda perchè le piaccia... )

    ...come si potrebbe spiegare il comportamento di lui secondo voi?
    Cosa deve fare lei (a cui il tutto fa soffrire moltissimo perchè si sente sminuita)?

  2. #2
    simonapsy
    Ospite non registrato

    Riferimento: Vi prego aiutatemi,non capisco più nulla...

    voyerismo???

  3. #3
    Partecipante Affezionato L'avatar di Gordon Pym
    Data registrazione
    25-01-2007
    Residenza
    Shallowbay
    Messaggi
    110

    Riferimento: Vi prego aiutatemi,non capisco più nulla...

    La gelosia è un potente afrodisiaco, però è decisamente pericolosa da usare, specie se una coppia non è rodata. Andrebbe diluita con un po' del suo contrario...

  4. #4

    Riferimento: Vi prego aiutatemi,non capisco più nulla...

    Citazione Originalmente inviato da GuerrieraDrums Visualizza messaggio
    Due ragazzi stanno insieme.
    Entrambi gelosissimi
    Lei i primi mesi fa la tr**a con altri (ma solo a parole )
    In lui nasce una sorta di paura collegata ai comportamenti di lei,e per sfogarla inizia a masturbarsi pensando alla sua lei a letto con altri.Gode,viene subito,nonostante dentro gli faccia male e poi pianga.
    Quando loro due sono a letto assieme,lui inizia a chiedere alla sua lei di raccontargli "storie di lei con altri" per farlo eccitare,e come lei parla (cose inventate con uomini visti per strada,ecc...) lui si sente venire subito (sempre stando malissimo) e questa cosa gli viene appena vede che la sua lei dà anche solo una minima attenzione a qualcuno all'infuori di lui,o anche se lei guarda un altro (per qualsiasi motivo,non è che lo guarda perchè le piaccia... )

    ...come si potrebbe spiegare il comportamento di lui secondo voi?
    Cosa deve fare lei (a cui il tutto fa soffrire moltissimo perchè si sente sminuita)?

    Il comportamento del fanciullo si spiega in modo fin troppo chiaro.
    Egli è quello che in America chiamano "cuckold", cioè, l'uomo che gode nel vedere, immaginare, sentire la propria donna alle prese con uno o più altri uomini, civettando con loro o anche facendoci sesso completo.

    Mi pare d'intuire, leggendo fra le righe, che il soggetto in questione sia molto giovane o, comunque, sicuramente sotto i 30 anni di età.
    In questo caso, al momento, sta attraversando quello che definirei il classico "periodo di transizione".
    Per spiegarmi meglio, il ragazzo in questo momento è stupito e molto addolorato delle sensazioni che sta provando e che mai avrebbe voluto provare.
    Non capisce come sia possibile che, proprio lui, così geloso e (forse) innamorato della propria partner, possa arrivare addirittura al massimo godimento per un qualcosa che razionalmente detesta con tutto se stesso.
    Ma non ci dovrebbero essere problemi.
    Il più delle volte, col passare degli anni arriva piena coscienza di ciò che si è, quindi, s'impara a gestire la situazione, a farsene una ragione, fino a prendere completamente "visione" di questa piccola e, perchè no, piacevole perversione che, probabilmente, ci ha già "condannato" a soddisfazioni sessuali più intensi rispetto alla media.

    Riguardo alla presunta sofferenza che, sembra, si alterni e si sommi a prorompenti orgasmi, nessuna paura: il cuckold (che può essere in ognuno di noi maschietti, anche se non se siamo ancora coscienti) nasce proprio dal violento contrasto fra un acuto sentimento e una intensa sensazione, cioè, gelosia vs eccitazione.

    Cosa deve fare lei?
    Non posso dirlo. Il campo in questione è molto delicato.
    Credo, se decide di affrontare questa "avventura", debba innanzitutto accettare la perversione del ragazzo, agevolarla (con i giusti compromessi) e, soprattutto capire (o anche imparare) se una situazione del genere può alla fine piacere anche a lei. Perchè, se non è così, forse è meglio troncare immediatamente.

    Vorrei puntualizzare un aspetto molto importante:
    la partner dell'uomo cuckold non deve mai cadere nell'errore di fare l'equazione "mi spinge verso altri uomini, quindi non mi ama"... errore madornale! Lui, al contrario, non potrebbe mettere in atto certi "giochetti" stando con una donna a cui non tiene moltissimo, anzi, spessissimo, tutto ciò è possibile solo se il cuckold (che nel 99% dei casi è fedelissimo) è innamorato follemente della partner.
    Sembra un paradosso, ma è così.

    Concludo dicendo che, tutto ciò che ho scritto, è il frutto di dati, situazioni, esperienze recuperati qua e là, su un argomento che mi ha sempre molto incuriosito. Niente di più. Per cui, da prendere per quello per quello che è.

Privacy Policy