• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1
    Partecipante
    Data registrazione
    02-12-2008
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    34

    consigli per bambino autistico: interazione con i pari

    Ciao a tutti!
    Premetto che sono alle prime armi, ho iniziato da poco a seguire come educatrice di sostegno all’asilo un bimbo di quasi 4 anni (li compie il prossimo mese) con tratti autistici (così è stato diagnosticato). Ha deficit non gravi nelle autonomie personali, nella manualità, nel contatto oculare, e su questi aspetti sto iniziando a lavorare (sul sito iocresco da voi consigliato ho trovato ottime indicazioni).
    Il grosso problema di questo bambino è a livello dell’interazione sociale coi compagni, motivo fondamentale per cui sono stata assunta, ed è proprio rispetto a questo che avrei bisogno di consigli su come comportarmi: appena ci sono i suoi compagni, G. si “butta”letteralmente addosso a loro, li spinge, si intrufola fra loro, e questo senza sosta, alcune volte soffia/sputa verso di loro. Cerco di allontanarlo, anche perché i compagni si lamentano e scoppiano a piangere, ma lui riesce a divincolarsi e ricomincia! Come suggerite di intervenire? Per ragioni organizzative (e per le maestre non proprio disponibilissime) non posso evitare completamente il contatto fra G. e i suoi compagni. Grazie mille a tutti!!

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di Tottola1
    Data registrazione
    23-06-2007
    Residenza
    Nord Italia
    Messaggi
    249

    Riferimento: consigli per bambino autistico: interazione con i pari

    Ciao,immagino che "sul momento" tu non possa fare altro che allontanare fisicamente il bambino dai compagni in modo da non farsi male o farne agli altri.
    A lungo termine potresti però provare a lavorare su questa componente aggressiva come obiettivo primario del tuo intervento: quando facevo tirocinio seguivo un bambino con caratteristiche simili: i bambini autistici concepiscono gli altri più come "cose" che come esseri pensanti e i coetanei, spesso,sono "cose fastidiose"...
    Io seguivo un programma costituito da giochi e attività psicomotorie mirati che aiutavano a controllare e incanalare l'aggressività, favorendone un'espressione verbale piuttosto che fisica, puoi trovare con facilità qualche testo sull'argomento (sul sito della eickson c'è sicuramente qualcosa) ciao ciao

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di Tottola1
    Data registrazione
    23-06-2007
    Residenza
    Nord Italia
    Messaggi
    249

    Riferimento: consigli per bambino autistico: interazione con i pari

    volevo scrivere ERICKSON...

  4. #4
    Partecipante
    Data registrazione
    02-12-2008
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    34

    Riferimento: consigli per bambino autistico: interazione con i pari

    grazie mille per i suggerimenti! domani ho proprio l'incontro con la psicomotricista del bimbo! ne parlerò anche con lei, facendo tesoro di quanto mi hai detto! ciao ciao

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di Tottola1
    Data registrazione
    23-06-2007
    Residenza
    Nord Italia
    Messaggi
    249

    Riferimento: consigli per bambino autistico: interazione con i pari

    Di nulla, ciao ciao

  6. #6
    Partecipante
    Data registrazione
    23-10-2008
    Messaggi
    44

    Riferimento: consigli per bambino autistico: interazione con i pari

    dipende da qual è la funzione di questo comportamento. Ad esempio spinge per ottenere un gioco, per avere attenzione o perchè è infastidito dalla presenza di tante persone insieme. Se lui spinge e tu subito ti avvicini a lui potrebbe utilizzare questo comportamento per catalizzare l'attenzione su di sè. "Io picchio e lei arriva", oppure "picchio e ottengo il gioco".
    Potresti iniziare a lavorare sull'interazione coi parti individuando inizialmente un bambino particolarmente disponibile con in quale iniziare qualche scambio e via via allargare ad un numero sempre maggiore di bambini.

  7. #7

    Riferimento: consigli per bambino autistico: interazione con i pari

    Sì, credo anche io come due parole che individuare la funzione del comportamento sia il primo passo.
    In un paio di casi che visto la funzione era dare il via ad una sequenza relazionale. Si trattava proprio di un comportamento prosociale. In comportamenti di questo del genere mi sembra si esprima la difficoltà ad interpretare le emozioni propria dell'autismo.
    In un caso, così come ha suggerito 2parole, è stato possibile ridurre i comportamenti problematici insegnando dei comportamenti alternativi positivi utili ad instaurare un' interazione.

Privacy Policy