• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4

Discussione: confusione

  1. #1
    gina3chic
    Ospite non registrato

    confusione

    Ho una relazione molto seria da tre anni, conviviamo e facciamo progetti per il futuro prossimo e non. inizialmente ci sono stati diversi problemi legati a mancanza di chiarezza e alla non chiusura definitiva con la ragazza precedente da parte di lui.
    ne è conseguito una forte insicurezza e gelosia da parte mia.
    Il sesso inizialmente era l'ultimo dei nostri problemi: anzi. Mi sento di dire che lui sia stata la prima persona con cui io mi sia lasciata realmente andare ed abbia imparato ad apprezzare e ad amare quell'aspetto del rapporto. In passato avevo avuto storie di poco valore, con persone di cui non mi fidavo realmente e ho sempre vissuto la fisicità come un atto dovuto se si è in "coppia".Ma con lui mi sono aperta, ho smesso di provare dolore e ho cominciato a desiderarlo e a cercarlo io, al punto che il famoso mal di testa non era mai invocato da me, ma talvolta da lui.
    lentamente l'attrazione che provavo per lui si è affievolita: le ragioni possono essere moltecipli: infiniti litigi, separazioni sempre volute da lui per cui soffrivo molto, presenza costante della ex, scoperta di una sua consistente visione di materiale porno e dulcis in fundo un lungo periodo di rifiuto sessuale da parte sua nei miei confronti.
    L'apice si è toccato con la scoperta del tradimento da parte sua con la ex.
    Per amore, paura e cocciutaggine forse (avevo creduto sin dall'inizio in questa storia con tutte le mie forze) ho cercato di capire e perdonare. Fondamentalmente il "legame" con lei era un modo per valersi su di me, che possiedo una personalità molto forte e talvolta schiacciante, ho provato a ingoiare e perdonare ma...
    Ma ora odio il sesso. Amo lui, ancora, mi diverto ancora con lui, mi piace il nostro stare assieme e il suo nuovo approccio con l'affettività -prima della scoperta era molto freddo e trattenuto- ma non sento più l'impulso: quando abbiamo rapporti (minimo sindacale di 1-2volte settimana) finisco per apprezzare, ma inizialmente devo sforzarmi.
    In più ultimamente mi capita di sognare altre persone con cui ho approcci fisici, nei sogni provo di nuovo "istinti" e attrazioni, ma purtroppo lui nn ne fa mai parte.
    mi sento terribilmente in colpa perchè so che lui mi ama moltissimo e mi sembra in qualche modo di tradirlo o mentirgli.
    Non so davvero che pesci pigliare ma vorrei tornare quella che ero all'inizio: pazza di lui e sempre alla ricerca del suo corpo :-)

    C'è qualche esperto tra di voi che mi possa aiutare?

  2. #2
    Neofita L'avatar di Piccolapupi
    Data registrazione
    27-02-2005
    Residenza
    Latina
    Messaggi
    1

    Riferimento: confusione

    Ciao Gina,

    Allora, vediamo se ho capito:
    Dici : “..vorrei tornare quella che ero all'inizio: pazza di lui e sempre alla ricerca del suo corpo”.
    Ma dici anche che:
    “In passato avevo avuto storie di poco valore, con persone di cui non mi fidavo realmente e ho sempre vissuto la fisicità come un atto dovuto se si è in "coppia"
    e con lui dopo le difficoltà iniziali, sei riuscita a lasciarti andare hai imparato ad apprezzare il sesso.
    “Per amore, paura e cocciutaggine forse (avevo creduto sin dall'inizio in questa storia con tutte le mie forze)…ho cercato di capire e perdonare”, le vicende vissute nel mezzo: separazioni, litigi, rifiuti , fino all’apice (e io mi chiederei l’apice di cosa?, cosa è arrivato al limite?) fino a che, “lentamente l'attrazione che provavo per lui si è affievolita”, “Ho provato ad ingoiare e perdonare ma…”

    Questo arrivare all’apice e questo ma non vanno trascurati, parlano dei tuoi bisogni, delle tue esigenze per rimanere aperta, disponibile a lasciarti andare.

    Ed ora “nei sogni provo di nuovo "istinti" e attrazioni, ma purtroppo lui nn ne fa mai parte”.

    Se vuoi che il sesso sia per te spontaneo e senza forzature o obblighi sindacali J,
    bè, non ti sforzare, ascoltati, ascolta i tuoi bisogni, ascolta il tuo corpo, fidati del tuo corpo,
    e se vivessi il tuo corpo come un tuo alleato?
    I sogni, è giusto che siano liberi, come è giusta ogni cosa che provi, dal momento che la provi! Anzi potresti prendere qualcosa in più da loro: in quei sogni in cui provi desiderio, cosa ti trasmette l’altra persona? cosa ti attira, cosa ti piace? Forse, è proprio quello di cui hai bisogno.

    Se vorrai scrivere ancora sarò lieta di risponderti.

    Cari saluti e Auguri di Buona Pasqua

    Dott.ssa Patrizia Ottocento
    Psicologa
    Iscrizione Ordine Psicologi del Lazio n. 15830

  3. #3
    gina3chic
    Ospite non registrato

    Riferimento: confusione

    Grazie Mille Patrizia per avermi risposto,
    in effetti lo spunto che mi offri, ovvero il vedere i sogni come degli spunti e non come delle colpe mi è piuttosto di conforto.
    Vedere il mio corpo come un alleato invece mi risulta più difficile, in quanto è spesso quello ad ostacolarmi, come se non volesse assecondare le mie volontà o le mie scelte.
    Ad ogni modo la paura maggiore è quella di non riuscire a superare il tradimento e a far sì che avveleni il mio rapporto in modo definitivo.

  4. #4
    Moderatore Salute Benessere
    Data registrazione
    09-04-2009
    Messaggi
    5

    Riferimento: confusione

    Ciao Gina, (sono sempre Patrizia, ho cambiato nickname)

    Visto che ti ha colpito positivamente riprendo la frase:
    “I sogni, è giusto che siano liberi, come è giusta ogni cosa che provi, dal momento che la provi!”

    e aggiungo che non solo i sogni sono liberi ed esenti da colpe, ma anche i sentimenti e le reazioni del tuo corpo.

    Dici che pensare al tuo corpo come un alleato ti risulta difficile, e in effetti hai ragione, messa così sembra che bisogna allearsi con..il nemico! : )

    Quando dici : “è spesso quello ad ostacolarmi, come se non volesse assecondare le mie volontà o le mie scelte”,in effetti un pò nemico è..: ) ma il tuo corpo, sei tu.

    Provando a far finta che davvero il tuo corpo sia altro da te che sia di fronte a te e voglia parlare con te….Prova a immaginare un dialogo con lui. Cosa ti sta dicendo?

    In base a quello che hai scritto a me viene un dialogo simile a questo:
    TU: “vorrei tornare quella che ero all'inizio: pazza di lui e sempre alla ricerca del suo corpo..”
    mentre il TUO CORPO risponde. “io non so se riesco a superare il tradimento e a fidarmi di nuovo, non so se riesco a lasciarmi di nuovo andare come una volta, sono arrivato all’apice, ora voglio darmi del tempo per riacquistare fiducia, per provare di nuovo “ istinti “ e “attrazioni” spontaneamente, liberamente e senza paura di venir ferito e ho bisogno di tempo per questo…”
    TU:”ma sei fai così il mio rapporto finirà definitivamente…”
    LUI: “si, ma io vorrei…… Come continueresti il dialogo con lui? Cosa direbbe? E cosa gli risponderesti.

    Un caro saluto : )

    Dott.ssa Patrizia Ottocento
    Psicologa
    Iscrizione Ordine Psicologi del Lazio n. 15830

Privacy Policy