• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 28
  1. #1

    Differenza tra seconda e terza prova

    Ma in sostanza......
    qual'è la differenza tra la seconda e terza prova?? a me sembrano molto simili, nel senso, sono entrambi progetti..qualcuno saprebbe dirmi quali sono le differenze di impostazione che bisogna adottare? Thanx

  2. #2
    Partecipante Assiduo L'avatar di balubina
    Data registrazione
    17-04-2008
    Residenza
    pordenone
    Messaggi
    164

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    Citazione Originalmente inviato da invisibile Visualizza messaggio
    Ma in sostanza......
    qual'è la differenza tra la seconda e terza prova?? a me sembrano molto simili, nel senso, sono entrambi progetti..qualcuno saprebbe dirmi quali sono le differenze di impostazione che bisogna adottare? Thanx

    ciao caro/a invisibile
    io credo che qualcuno ti abbia spiegato male le cose...
    la seconda e la terza prova sono completamente diverse dato che una prevede di affrontare un caso clinico, in genere chiedono ipotesi psicodiagnostiche e di trattamento, e l'altra prevede la formulazione di un progetto a livello sociale-comunitario...anzi la cosa secondo poco agevole è che sono lo stesso giorno a distanza di poco tempo l'una dall'altra e quindi richiedono un riasseto mentale velocissimo, il che non è il massimo soprattutto il giorno dopo la prima prova...però si fa!
    spero di esserti stata utile!
    ciao!

  3. #3

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    cioè se ho capito bene....nella seconda (il caso) è utile indicare fasi, metodologie e strumenti per così dire "standard" tipiche per affrontare un certo tipo di situazione...nella terza (il progetto) sta un pò alla tua capacità ideativa, che però può anche basarsi sull'applicazione di un caso o no??!!! esempio: se in un caso (2° prova) mi viene chiesto di fare una valutazione del potenziale e nella terza, per assurdo, un progetto sullo stesso argomento.....lo svolgimento sarebbe uguale!!!!! solo che nella terza prova si hanno informazioni in meno perchè non è un caso, appunto....mi sono spiegato malissimo!!Grazie ciao!!

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di balubina
    Data registrazione
    17-04-2008
    Residenza
    pordenone
    Messaggi
    164

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    Citazione Originalmente inviato da invisibile Visualizza messaggio
    cioè se ho capito bene....nella seconda (il caso) è utile indicare fasi, metodologie e strumenti per così dire "standard" tipiche per affrontare un certo tipo di situazione...nella terza (il progetto) sta un pò alla tua capacità ideativa, che però può anche basarsi sull'applicazione di un caso o no??!!! esempio: se in un caso (2° prova) mi viene chiesto di fare una valutazione del potenziale e nella terza, per assurdo, un progetto sullo stesso argomento.....lo svolgimento sarebbe uguale!!!!! solo che nella terza prova si hanno informazioni in meno perchè non è un caso, appunto....mi sono spiegato malissimo!!Grazie ciao!!
    no no no no! se ho capito bene quello che intendi mi sa che non mi sono spiegata io...allora, intanto ti consiglio di vedere le vecchie tracce perchè è sicuramente il modo migliore per farsi un'idea...nel frattempo ti dico che in nessun caso ti è permessa la creatività! nel caso clinico devi basarti sul dsm IV e dimostrare la capacità di ragionare su quello che c'è scritto sul tema d'esame per rispondere alle domande, in genere devi ipotizzare una o più diagnosi senza dare sentenze definitive e proporre possibili percorsi di trattamento e/o ulteriore approfondimento. Nel caso del progetto bisogna che ti prendi un libro tipo "il progetto in psicologia" di eugenio rollo che ti spiega come si fa e credimi è tutt'altro che creativo...anzi devi essere super preciso e dimostrare competenze in campo! poi io sono del clinico quindi mi baso su quello per la seconda prova però ho dato una veloce letta anche alle prove degli altri indirizzi e più o meno è così, credimi guardati le vecchie tracce...ciao!

  5. #5
    Matricola
    Data registrazione
    27-10-2008
    Messaggi
    21

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    Citazione Originalmente inviato da invisibile Visualizza messaggio
    cioè se ho capito bene....nella seconda (il caso) è utile indicare fasi, metodologie e strumenti per così dire "standard" tipiche per affrontare un certo tipo di situazione...nella terza (il progetto) sta un pò alla tua capacità ideativa, che però può anche basarsi sull'applicazione di un caso o no??!!! esempio: se in un caso (2° prova) mi viene chiesto di fare una valutazione del potenziale e nella terza, per assurdo, un progetto sullo stesso argomento.....lo svolgimento sarebbe uguale!!!!! solo che nella terza prova si hanno informazioni in meno perchè non è un caso, appunto....mi sono spiegato malissimo!!Grazie ciao!!
    Buongiorno Invisibile,
    mi permetto di darti una ulteriore risposta oltre a quella, già esauriente, di Balubina sperando di essere utile.
    La seconda prova prevede la lettura di un caso clinico da manuale es.:
    << G. 30 anni, si presenta al colloquio da solo sotto consiglio del medico di base. Sostiene di essersi presentato dal medico curante a causa di alcune escoriazioni sanguinolente alle mani che gli impediscono di svolgere le proprie mansioni lavorative. G. si presenta vestito di tutto punto perfettamente pulito ed ordinato e èporta dei guanti nonostante la stagione calda... Ecc.>>
    A questo punto la richiesta è quella di analizzare il caso clinico secondo uno dei manuali di diagnosi e assessment a tua scelta, tendenzialmente il DSM-IV-R è il più utilizzato, fare una tua diagnosi contestualizzandola e motivandola con gli elementi forniti nel testo. Successivamente ti viene richiesto di fornire una tua proposta sul possibile trattamento cui sottoporre il soggetto, in questo caso ti consiglio di vedere il testo: "ABC della psicopatologia" di Falabella.
    Per quanto riguarda la terza prova, invece, la faccenda è ben diversa.
    Ti verrà proposta una situazione di tipo socio comunitaria es:
    << Nell'istituto di scuola media Galileo Galilei si è verificata la presenza di ragazzi aggressivi-violenti nei confronti dei gruppi di ragazzi più giovani. Proporre un progetto di tipo preventivo circa il problema di bullismo nei giovani.>>
    La richiesta in questo caso è di produrre un progetto di intervento/prevenzione costituito da:
    - introduzione al problema (in questo caso si tratta di un problema di bullismo nella scuola, fare una breve analisi del problema sostenuta da delle teorie di riferimento)
    - finalità del progetto (che cosa si intende ottenere all'interno della scuola con il proprio progetto)
    - obiettivi che si vogliono raggiungere (obiettivi specifici da raggiungere come per esempio la realizzazione di uno sportello di ascolto all'inteerno della scuola)
    - tempi e fasi di progettazione (il progetto può essere realizzato in tempi più o meno lunghi, 6 mesi, 1 anno, dipende dal tipo di progetto stesso; circa le fasi, si tratta dei passaggi specifici da effettuare per ottenere la realizzazione dei tuoi obiettivi)
    - metodi e strumenti che si intendono utilizzare (esempio lo sportello, degli incontri di sensibilizzazione con gli studenti, o con i genitori)
    - valutazione e verifica del progetto perchè sia effettivamente utile ai fini del problema (all'inizio , a metà ed alla fine della realizzazione del tuo progetto è utile individuare dei metodi che valutino l'effettivo risultato del progetto stesso)
    - costi (costi monetari effettivi del tuo progetto)
    Per uno studio approfondito ed esauriente circa la terza prova concordo con Balubina sul testo di Rollo che trovo molto utile e ben formulato.
    Spero di esserti stata utile, in bocca al lupo e buono studio!
    Ultima modifica di pinkvale : 07-04-2009 alle ore 10.46.54

  6. #6

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    Grazie mille!!!!!

  7. #7
    Matricola
    Data registrazione
    27-10-2008
    Messaggi
    21

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    Nessun problema!
    Se dovessi avere qualche altro dubbio, chiedi pure!

  8. #8

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    ciao anche io vorrei avere delle delucidazioni se è possibile; nella seconda prova se uno non dovesse scegliere di fare il caso clinico ma decidesse di svolgere la prova di sviluppo, l'intervento dobbiamo proporlo secondo un ottica progettuale (obiettivi metodi strumenti, costi ecc) o in maniera organica? non ho capito molto bene....

  9. #9
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    18-06-2009
    Messaggi
    103

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    io volevo chiedere una cosa molto piu pratica per la terza prova.. ma i costi del personale ed eventualmente della logistica, dove posso trovarli ? sul rollo non ho trovato delle retribuzioni standard e dedurle dai progetti è troppo opinabile in quanto in uno ad es. lo psichiatra prende 50 nell'altro 80 quindi non saprei come fare
    /thanks a lot

  10. #10

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    ciao è stato anche per me un problema, ma ho visto proprio adesso l'sms di una ragazza che ha seguito un corso e i tutor gli hanno detto che non occorre mettere gli importi poichè giustamente non li possiamo sapere con precisione, ma magari mettiamo la voce costi poichè in un vero progetto occorre farlo e sappiamo che esiste

  11. #11
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    Citazione Originalmente inviato da valypsy:) Visualizza messaggio
    ciao anche io vorrei avere delle delucidazioni se è possibile; nella seconda prova se uno non dovesse scegliere di fare il caso clinico ma decidesse di svolgere la prova di sviluppo, l'intervento dobbiamo proporlo secondo un ottica progettuale (obiettivi metodi strumenti, costi ecc) o in maniera organica? non ho capito molto bene....
    no no....non in maniera progettuale....sempre sceondo lo stesso schema:

    riferiemnto al DSM (o altro manuale per disturbi..)
    ipootesi diagnostiche (prendendo spunto dai diversi elementi scritti nel caso....tpipo età, comparsa e durata dei sintomi.......)
    diagnosi differenziale (per poter escludere altri disturbi ed arrivare ad un ipotesi diagnostica corretta..)

    terapia: in base all'ipotesi diagnostica scrivere un tipo di terapia consiogliata: tipo dist comportamnento(ipotesi diagnostica): la terapia potrebbe prevedere terapia cognitivo cmportamentale 8rinforzo, modellaggio, shaping...) + centri per aggrebìgazione (per cercare di inserire in bb in un gruppo ) + attivazione rete sociale 8tramite servizi sociali)..+ parent trainig!


    per i costi (DEL PRGETTO; NON CASO!), io avevo messo così:
    per psicologi, medici, neuropsichiatri..un amedia di 30-35 euro all'ora!
    per educatori, mediatori, facilitatori..... media di 20-25 eiuro all'ora!
    poi avevo inserito varie voci: materiale didattico, videoregistratore (forniti dall'ente!), locazione di stanza per corso di formazione.... (ma senza inserire gli importi!)
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  12. #12
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    30-10-2008
    Residenza
    TRIESTE
    Messaggi
    273

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    Citazione Originalmente inviato da MEMOLEMEMOLE Visualizza messaggio
    per i costi (DEL PRGETTO; NON CASO!), io avevo messo così:
    per psicologi, medici, neuropsichiatri..un amedia di 30-35 euro all'ora!
    per educatori, mediatori, facilitatori..... media di 20-25 eiuro all'ora!
    poi avevo inserito varie voci: materiale didattico, videoregistratore (forniti dall'ente!), locazione di stanza per corso di formazione.... (ma senza inserire gli importi!)
    Una domada: 30-35/h per psicologi, medici ecc non è poco????....se afferiscono ad un servizio pubblico non serve mettere gli importi (sono stipendiati mensilmente) es: progetto di un consultorio sulla comunità (committente è l'azienda sanitari che li retribuisce secondo CCNL), solo se utilizzo operatori esterni indicherò l'importo se nò che senso ha???.....è logica come cosa o no?? ..potrebbe essere che sto impazzendo io eh, l'ho messo in preventivo :-P

  13. #13
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    si è poco ma .....a roma ci hanno tartassato con questa cosa e ci hanno consigliato di non esagerare con i costi...soprattutto perchè...(alemno x sviluppo) i progetti li andiamo a proporre di soltio nelle scuiole...e le scuole non hanno fondi, quindoi un progetto fatto bene è (secodno loro) un progetto che tenga conto anche di questo....

    i costi...vengono sempre richiesti..almeno a roma.....
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  14. #14

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    grazieeeeeee incrociamo le dita

  15. #15
    Neofita
    Data registrazione
    05-09-2007
    Residenza
    provincia di Udine
    Messaggi
    12

    Riferimento: Differenza tra seconda e terza prova

    Ciao a tutti! chissà perchè la stragrande maggioranza dei post e delle risposte che trovo mi sembra facciano unicamente riferimento all'indirizzo clinico. Esempio: io sono di lavoro......qualcuno mi spiega quindi la seconda e terza prova come devono essere svolte? il caso e il progetto... (non parlate di caso clinico perchè non è il mio caso essendo io di lavoro) :-) grazie!!!

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy