• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 13 di 13

Discussione: Il forum è morto

  1. #1
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di semplificatore
    Data registrazione
    29-08-2007
    Residenza
    Altrove
    Messaggi
    1,076
    Blog Entries
    1

    Il forum è morto

    Il forum è morto.
    Purtroppo è così.

    Nessuno che scrive.
    Nessuno che legge.
    Tutti in attesa, forse, di una strage o un disastro aereo da commentare (eventualmente io preferisco gli episodi di autocombustione e/o di epidemie fulminanti tipo Ebola).

    Studenti!!!
    Embè???
    Ma niente niente niente???

    Ma mi fate scrivere sempre a me e a zio Gargamella?

    Dai
    Orsù
    Levate le mani dalle vostre patte miserabili e scrivete cose fantastiche.

    Vi aspetto con ansia.

    ho detto

    ps: se proprio volete cambiare forum ce n'è uno in questo sobrio sito in cui sono cattivissimi:
    Papersera.net - Il mondo dei fumetti Disney
    "......c'è chi un giorno invece ha sofferto / e allora ha detto: io parto
    / ma dove vado se parto? / sempre ammesso che parto: ciao! ....
    "
    (da "E la vita e la vita" di Cochi e Renato, 1974)


    Clicca qui e godi con le foto di Semplificatore su Flickr

    http://it.youtube.com/user/accrocchio70

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711

    Riferimento: Il forum è morto

    Credo che dipenda dal fatto che molti argomenti sono stati molto discussi nelle scorse settimane. Per alcuni, come per esempio quello sulla depenalizzazione dell'omosessualità, la discussione è abbastanza esaurita. Per me è meglio che piuttosto che ripetere in eterno le stesse cose si chiuda naturalemnte una discussione.
    Magari ne approfittiamo per riprendere fiato. E io ne approfitto per capire bene come moderare!
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

  3. #3
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di semplificatore
    Data registrazione
    29-08-2007
    Residenza
    Altrove
    Messaggi
    1,076
    Blog Entries
    1

    Riferimento: Il forum è morto

    Citazione Originalmente inviato da Antopsi Visualizza messaggio
    . E io ne approfitto per capire bene come moderare!

    Bè è semplice: bannali tutti !!!
    "......c'è chi un giorno invece ha sofferto / e allora ha detto: io parto
    / ma dove vado se parto? / sempre ammesso che parto: ciao! ....
    "
    (da "E la vita e la vita" di Cochi e Renato, 1974)


    Clicca qui e godi con le foto di Semplificatore su Flickr

    http://it.youtube.com/user/accrocchio70

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di Arte1misia
    Data registrazione
    29-06-2007
    Residenza
    Trieste
    Messaggi
    7,818

    Riferimento: Il forum è morto

    Citazione Originalmente inviato da semplificatore Visualizza messaggio
    Il forum è morto.
    Purtroppo è così.

    Nessuno che scrive.
    Nessuno che legge.
    Tutti in attesa, forse, di una strage o un disastro aereo da commentare (eventualmente io preferisco gli episodi di autocombustione e/o di epidemie fulminanti tipo Ebola).

    Studenti!!!
    Embè???
    Ma niente niente niente???

    Ma mi fate scrivere sempre a me e a zio Gargamella?

    Dai
    Orsù
    Levate le mani dalle vostre patte miserabili e scrivete cose fantastiche.

    Vi aspetto con ansia.

    ho detto

    ps: se proprio volete cambiare forum ce n'è uno in questo sobrio sito in cui sono cattivissimi:
    Papersera.net - Il mondo dei fumetti Disney
    periodo di esami...
    Nicoletta
    Odio essere bipolare. È fantastico!
    via largofactotum su tumblr

    su anobii http://www.anobii.com/nicoletta/books

    La forza non viene dal vigore fisico. Viene da una volontà indomabile.
    M. Gandhi
    Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
    M. K. Gandhi



    >>>>>la mia playlist<<<<<

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di ziogargamella
    Data registrazione
    07-11-2007
    Residenza
    milano
    Messaggi
    1,390

    Riferimento: Il forum è morto

    Citazione Originalmente inviato da semplificatore Visualizza messaggio
    Il
    Ma mi fate scrivere sempre a me e a zio Gargamella?
    ricordati il secondo comandamento prima che una saetta di piombi sul deretano

  6. #6
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di ziogargamella
    Data registrazione
    07-11-2007
    Residenza
    milano
    Messaggi
    1,390

    Riferimento: Il forum è morto

    Citazione Originalmente inviato da Arte1misia Visualizza messaggio
    periodo di esami...
    ma studi ancora?

  7. #7
    Postatore Compulsivo L'avatar di Tania1979
    Data registrazione
    19-01-2007
    Residenza
    Sicilia
    Messaggi
    3,032

    Riferimento: Il forum è morto

    basta che manco io e il forum muore

  8. #8
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Il forum è morto

    forse perchè quando si parla di politica avviene quel fenomeno che in Psiocologia Sociale viene definito "polarizzazione", cioè ognuno si arrocca sulle proprie posizioni, estremizza le proprie idee, e alla fine si viene bannati. A & C è una fabbrica di ban.

  9. #9
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281

    Riferimento: Il forum è morto

    beh, vediamo se questo lo rianima:

    LA CRISI SI CURA CON LA SFIDUCIA di G.P.
    Abbiamo ormai capito come i governi, le istituzioni finanziarie, i grandi organismi internazionali,
    intendano attraversare la tempesta finanziaria in costante peggioramento. Il prossimo G20 di Londra
    dovrebbe confermare il nostro atroce presentimento.
    Si tratta, per lo più, almeno secondo il loro unanime punto di vista, di gettare il cuore oltre
    l’ostacolo della crisi economica mondiale facendo prevalere il buon umore. Quest’ultimo, oltre ad
    essere l’ultimo rifugio per gli incapaci, viene declinato sotto molteplici forme emozionali: un
    recupero di fiducia degli attori economico-sociali dopo il tradimento dei principi di mercato da parte
    di qualche isolato truffatore, quell’irrinunciabile surplus di speranza per evitare che le circostanze
    avverse prendano il sopravvento, la propositività indomabile di tutti quegli uomini di buona volontà
    mercatista che vedono lontano, ben oltre il cielo plumbeo che è già sulla testa dell’impotente
    comune mortale.
    Non c’è da meravigliarsi perché, com’è noto, dai secoli dei secoli, il capitalismo è l’ultimo
    orizzonte dell’umanità, il punto di non ritorno delle società umane oltre il quale v’è solo la barbarie
    o, ancor peggio, come incubo ricorrente, il comunismo livellatore degli spiriti, (il che è più o meno
    la stessa cosa della barbarie).
    Insomma vi è stata storia ma adesso non può più essercene.
    Chi comanda e prende decisioni è sempre pieno di aspettative rosee, soprattutto per sé stesso. Se poi
    le cose non dovessero volgere al meglio, basta infondere, nei miscredenti che si fanno distrarre dai
    prosaici morsi della “fame salariale”, gli stessi impulsi ottimistici che corroborano il capitalista.
    Andate e consumate, non c’è nulla di cui preoccuparsi, disse il sazio al digiuno….
    E’ la vecchia storia dei buoni sentimenti con la quale coprire l’inadeguatezza dei modelli economici
    che più danno esiti confortanti (perché palesemente accomodati) e più risultano distanti dalla realtà.
    Eppure, la modellizzazione, secondo un ben diverso orientamento scientifico, dovrebbe servire a
    dare una lettura semplificata della stessa realtà, astraendo da tutti quegli aspetti meno rilevanti che
    perturbano la comprensione dei fenomeni indagati.
    Qui siamo invece all’assurdo che ad essere astratta è la realtà tout court, mentre l’elemento
    accidentale diviene il vero oggetto dell’indagine.
    Sarà che la situazione è davvero così eccezionale da non poter essere studiata con il materiale a
    disposizione ma chi sovrappone (surrettiziamente) il piano psicologico a quello “materiale”, ha tutta
    l’intenzione di prenderci per i fondelli. Come dice La Grassa, questi giochi finanziari ripetuti, tanto
    al rialzo che al ribasso, servono solo a “tosare” le pecore, ovvero piccoli e medi risparmiatori, i
    quali cadono facilmente nella rete dei movimenti dei grandi investitori perché traditi dalla speranza
    di poter recuperare qualcosa dopo aver perso molto, se non tutto. Ma è come andare in mare aperto
    con una zattera.
    Ovviamente, ci si mettono in tanti per convincerci che la colpa è anche un po’ nostra che ci
    facciamo intimorire, senza ragione, dal primo insignificante smottamento sistemico. Ci vuole
    maggiore temerarietà, un po’ di rischio (il tema preferito dai romanzieri e dai predicatori liberisti
    che, all’occorrenza, amano fondare le loro analisi sugli aspetti psicologici e sulle doti dello spirito),
    perché solo chi risica rosica.
    Il fatto è che quando loro rischiano hanno sempre le spalle ben coperte, non dalla manina virtuosa
    del mercato, ma dallo Stato Pantalone, parsimonioso con i deboli e troppo prodigo con i forti.
    A noi italiani, deboli tra i deboli, queste storielle sulla fiducia vengono raccontate con molta più
    enfasi proprio perché siamo già con la “melma” (per non dire altro) fino al collo. Per esempio, ci
    vien detto che il nostro Paese è immune dai rischi in quanto:
    • Le nostre banche sono serie e non giocano d’azzardo
    • Il nostro tessuto produttivo, composto da PMI, permette di resistere meglio alle conseguenze
    sociali della crisi
    E’ ovvio che si tratta di sciocchezze che reggono sol perché siamo appena nella coda del ciclone.
    Appena la crisi si manifesterà in tutta la sua virulenza constateremo come il nostro Sistema-Paese
    sarà più incapace di reagire di qualunque altro e impareremo sulla nostra pelle quel che significa
    sostituire l’azione politica seria con la “speranza” e la “fiducia”. Occorrerebbero ben altri
    provvedimenti e un diverso approccio ai problemi della debacle economico-finanziaria per uscirne
    con le ossa meno rotte.
    Ma non pensiate che da questa ideologia consolatoria siano immuni gli stessi dominanti. I più scaltri
    certo ne approfittano per gabbare il resto dei falsi fratelli, però gli ingenui non mancano nemmeno
    tra gli stessi capitalisti. Ecco come si è espresso il Presidente di Mediaset Confalonieri, di fronte alla
    comunità finanziaria che applaudiva: “Abbiate fiducia. Investite in fiducia. Al di là di ogni
    intervento governativo, infatti, la spinta primaria per la ripresa nasce dal basso, dall’economia reale,
    da chi lavora e vuole dare un futuro al proprio lavoro”. Se la spinta nasce dal basso e non dalle
    decisioni coraggiose dei vertici politici, vuol dire che si è già deciso di non fare altro. Si naviga a
    vista.
    La mia idea per uscire dalla crisi va allora in controtendenza: abbiate sfiducia, investite in massima
    sfiducia verso questi decisori che vogliono fotterci. Prima li cacciamo a pedate e meglio sarà per
    noi.

    Buona vita

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  10. #10
    Postatore Epico L'avatar di Arte1misia
    Data registrazione
    29-06-2007
    Residenza
    Trieste
    Messaggi
    7,818

    Riferimento: Il forum è morto

    Citazione Originalmente inviato da ziogargamella Visualizza messaggio
    ma studi ancora?
    Eh si. Ho ripreso nel 2005 e chissà quando mi passa...
    Nicoletta
    Odio essere bipolare. È fantastico!
    via largofactotum su tumblr

    su anobii http://www.anobii.com/nicoletta/books

    La forza non viene dal vigore fisico. Viene da una volontà indomabile.
    M. Gandhi
    Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
    M. K. Gandhi



    >>>>>la mia playlist<<<<<

  11. #11
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di semplificatore
    Data registrazione
    29-08-2007
    Residenza
    Altrove
    Messaggi
    1,076
    Blog Entries
    1

    Riferimento: Il forum è morto

    Citazione Originalmente inviato da Johnny Visualizza messaggio
    forse perchè quando si parla di politica avviene quel fenomeno che in Psiocologia Sociale viene definito "polarizzazione", cioè ognuno si arrocca sulle proprie posizioni, estremizza le proprie idee, e alla fine si viene bannati. A & C è una fabbrica di ban.
    Oh no no no...la fabbrica di ban è ben altra...

    Prima o poi parlerò di curriculum e di carriere....
    E così si concluderà forse, anche il secondo ciclo di semplificatore!!!
    "......c'è chi un giorno invece ha sofferto / e allora ha detto: io parto
    / ma dove vado se parto? / sempre ammesso che parto: ciao! ....
    "
    (da "E la vita e la vita" di Cochi e Renato, 1974)


    Clicca qui e godi con le foto di Semplificatore su Flickr

    http://it.youtube.com/user/accrocchio70

  12. #12
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di semplificatore
    Data registrazione
    29-08-2007
    Residenza
    Altrove
    Messaggi
    1,076
    Blog Entries
    1

    Riferimento: Il forum è morto

    Citazione Originalmente inviato da willy61 Visualizza messaggio
    beh, vediamo se questo lo rianima:

    E’ la vecchia storia dei buoni sentimenti con la quale coprire l’inadeguatezza dei modelli economici
    che più danno esiti confortanti (perché palesemente accomodati) e più risultano distanti dalla realtà.

    Effettivamente il modello capitalista o post capitalista ha distrutto il mondo.
    Peraltro anche il modello socialista non ha funzionato.

    Ne parlerò spero con calma.

    Ora ho il risotto !!!
    "......c'è chi un giorno invece ha sofferto / e allora ha detto: io parto
    / ma dove vado se parto? / sempre ammesso che parto: ciao! ....
    "
    (da "E la vita e la vita" di Cochi e Renato, 1974)


    Clicca qui e godi con le foto di Semplificatore su Flickr

    http://it.youtube.com/user/accrocchio70

  13. #13
    Partecipante Esperto L'avatar di r.chavo74
    Data registrazione
    03-02-2009
    Messaggi
    318

    Riferimento: Il forum è morto

    Citazione Originalmente inviato da Arte1misia Visualizza messaggio
    periodo di esami...
    IDEM....
    Ma spero di riprendermi presto.....

Privacy Policy