• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8
  1. #1
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    31-10-2007
    Messaggi
    212

    dopo la laurea triennale..

    ciao ragazzi..la laurea triennale è vicina e i dubbi si fanno sempre più forti..un dottorando durante una lezione lo scorso anno ci fece vedere come (corso psicologia delle organizzazioni)fosse possibile trasferirsi ad altri classi di corsi di laurea naturalmente con il riconoscimento di alcuni debiti..qualcuno conosce persone che dopo la laurea triennale hanno cambiato direzione, per esempio spostandosi non so verso sociologia o scienze della comunicazione?quanti problemi hanno avuto con il riconoscimento dei crediti?

  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: dopo la laurea triennale..

    No non conosco nessuno anche perche' da quest'anno si sono semplificati i passaggi ..prima era quasi impossibile... Ora ivece pare che un minimo venga per legge riconosciuto.. Ad ogni modo non trovo molto il senso di passare da psicologia del lavoro a sociologia o scienze della comunicazione se non in una delusione delle attese del proprio corso di studi...o sbaglio?

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    31-10-2007
    Messaggi
    212

    Riferimento: dopo la laurea triennale..

    direi di si..duccio parlerei ore e ore di questo argomento sino ad annoiarti..la psicologia è una passione..te ne rendi conto quando la studi..non basta l'università, è necessaria una formazione continua e incessante, senza tregua, per poi..vabè..basta con questi discorsi..si comunque penso di fare la domanda al corso di marketing o di scienze della comunicazione..sto aspettando la risposta del dottor mancini per avere qualche delucidazione!!ps.sull'odoardi ti ho risposto..

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di GIANMA88
    Data registrazione
    17-12-2007
    Residenza
    Firenze, ma sono lucano
    Messaggi
    340

    Riferimento: dopo la laurea triennale..

    Con il Majer, all'inizio del corso di quest'anno, si è discusso -dati alla mano, anche se non recentissimi- sugli stereotipi più diffusi relativi agli psicologi (ad esempio sul fatto che saremmo in troppi e disoccupati) e per noi del corso di lavoro le prospettive lavorative sono abbastanza confortanti...solo le lauree in ingegneria, matematica e poco altro si dimostrano davvero "forti"...

    p.s: la mia cmq è una semplice riflessione
    la memoria del passato aggredisce il mio stato
    ho ragioni per restare in ebbrezza totale

    (Bluvertigo)

  5. #5
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: dopo la laurea triennale..

    Si gianma... il Majer vi da una visione un po' troppo ottimista... Diciamo che l'ambito del lavoro... rispetto agli altri ha qualche chance in piu'... ma dire che le prospettive sono confortanti... vuol dire essere molto ottimisti... diciamo che necessitiamo di un paio di anni fra tirocinio, master, specializzazioni ulteriori...per essere veramente spendibili nel mondo del lavoro...

  6. #6
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    31-10-2007
    Messaggi
    212

    Riferimento: dopo la laurea triennale..

    caro gianma..il mayer è uno di quelli che continua a dire in giro che siamo in pochi!!i professori che devono dire..non tutti si fanno scrupoli..addirittura che dovremmo essere ancora di più!ma cosa?per favore!è un mercato in realtà saturo da anni e che in un caso su x(non mi pronuncio sull'incognita) riescono a trovare sbocchi soddisfacenti. mi fanno ridere ancora i professori che fanno disinformazione su questo, e che spingono ancora tanti neodiplomati a scegliere psicologia. il numero chiuso dovrebbe essere abbattuto a favore di un numero chiusissimo può essere vero che la psicologia del lavoro è una branca in continua evoluzione, ma come giustamente odoardi ha detto uno su 100 avrà un posto fisso su 100 in azienda come psicologo del lavoro, il resto farà consulenza!e con questi chiarori non mi sembrano grandi prospettive...

  7. #7
    Partecipante Esperto L'avatar di GIANMA88
    Data registrazione
    17-12-2007
    Residenza
    Firenze, ma sono lucano
    Messaggi
    340

    Riferimento: dopo la laurea triennale..

    Dal discorso del Majer e non solo(ricordo, ad esempio, quel che ha detto un assistente del Marocci) si deduce che la richiesta di psicologia non manca...il problema è che manca un'adeguata cultura da parte delle aziende...posizioni che potremmo occupare noi sono infatti affidate a laureati in giurisprudenza,scienze politiche,ecc...non tutti potranno fare gli avvocati o i diplomatici e si adatteranno, ad esempio, a lavorare nella gestione delle risorse umane di un'azienda
    la memoria del passato aggredisce il mio stato
    ho ragioni per restare in ebbrezza totale

    (Bluvertigo)

  8. #8
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: dopo la laurea triennale..

    Infatti...per tutti questi motivi...lo psicologo dopo che ha fatto corsi di formazione...master dove ha aumentato anche competenze di tipo economico e giuridico che mancano alla sua formazione..hanno molte piu' possibilita'... ma ci vogliono due tre anni di formazione ulteriore...con stage a 300 euro al mese... master... corsi.... Insomma poi magari trovi anche.... ma ci vuole uno sforzo in piu'...

Privacy Policy