• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 13 di 13

Discussione: Questioni di fiducia

  1. #1
    Camomillaa
    Ospite non registrato

    Questioni di fiducia

    Mi sento tanto quello che si definisce un caso complesso ( personale opinione), e a volte mi piacerebbe che qualcuno mi aiutasse a trovare il bando di una matassa che da sola non riesco a sbrogliare! Qual è il problema? Teoricamente nessuno. Praticamente me ne sento addosso un'infinità.
    Il primo, è la mia difficolta nel vivere un rapporto di coppia sereno. La mia storia è cominciata un anno fa, tra non poche difficoltà. Lui usciva da una storia lunga, e anche abbastanza importante, e credo che nei primi 5 mesi non si sia comportato da fidanzato modello ( ha continuato a sentire la sua ex, anche altre ragazze conosciute prima di me). Inoltre ipotizzo untradimento ( da lui sempre negato), e so che in diverse occasioni ci sono state delle piccole bugie che mi hanno fatto perdere la fiducia in lui. Ma mi sono data del tempo, del tempo per capire se al di là di queste cose ( che ho giustificato attribuendole a un periodo iniziale di confusione...da lui confermato)potesse esserci qualcosa di buono in lui e potessi costruire una storia quale quella che credevo io ( se non avessi scoperto le sue bugie).
    Nel frattempo la nostra storia è cresciuta. So che si sono stati deglis forzi anche da parte sua, che ha riconosciuto una parte dei suoi errori e mi ha aiutato a superare la diffidenza che si era creata. Ammetto di non avergli risparmiato nulla, infatti ho preso a controllare ogni suo movimento, a rinfacciargli le bugie e l'ipotetico tradimento in più occasioni, e so che non dev'essere stato facile sentirsi messo sempre in discussione e reggere una situazione di pressing. Grazie anche a lui sono riuscita a superare quelli che erano dei problemi per me molto gravi.
    Oggi, a distanza di un anno mi chiedo se sono riuscita davvero a superare quelle resistenze. Non ho più addosso la sensazione di sfiducia nei suoi confronti, non ho più bisogno di verificare la veridicità delle sue affermazioni, nè di conoscere i suoi movimenti, eppure...non so perchè ma non riesco a vivere rilassatamente questo rapporto. Apparentemente ora è tutto ok...ma io sento ogni muscolo teso, una sensazione di rigidezza, come se stessi sott'acqua in apnea, e mi rendo conto che mi manca il respiro, mi manca rilassarmi, mi manca la serenità interiore. E soprattutto, ogni volta che lui fa un gesto carino nei mie confronti, come dei fiori inaspettati, delle parole anche piuttosto importanti, io sviluppo una sorta di sensazione di rifiuto verso queste cose. Come se volessi impermeabilizzarmi per non essere toccata...
    Tra l'altro, a breve mi troverò a dover prendere delle decisioni importanti ( ho solo 25 anni...), partire per proseguire la mia carriera, o restare con lui...! Non avrei problemi a rinunciare a tutto per lui...ma questa sensazione che ho addosso mi impedisce di prendere questa decisione a cuor leggero, perchè ho paura...paura che si possano verificare le incomprensioni dei primi mesi e scoprire di aver sbagliato tutto nel concedergli una seconda possibilità.
    Come devo decifrare questa sensazione che mi porto dentro ...e a cui non so dare un volto e un nome?

  2. #2

    That's what I am
    L'avatar di saruccia84
    Data registrazione
    07-12-2007
    Residenza
    palermo
    Messaggi
    5,550

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Beh...non so dare una risposta alle tue domande....
    L'unica cosa che posso dirti è che se non riesci a stare serena effettivamente qualcosa non va...se riguarda te, lui o voi, io non lo so....però vivere in questo modo una storia...sempre sul "chi va là"...secondo me non equivale a viverla veramente....
    A volte le nostre sensazioni sono giuste...
    a volte dovremmo ascoltarci di più perchè dentro di noi la risposta giusta l'abbiamo....
    a volte bisogna cogliere i segnali che il nostro corpo, mente e cuore ci mandano....
    Non sono proprio nessuno per dirti cosa fare....Posso solo consigliarti di ascoltarti....
    Comportamenti non consentiti!!!ogni argomento un thread!!!!


    Tieni sempre presente che la tua ferma convinzione di riuscire è più importante di qualsiasi altra cosa. (Abraham Lincoln)
    Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo. (anonimo)





  3. #3
    Partecipante Super Esperto L'avatar di AliseysMcKintos
    Data registrazione
    02-12-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    575

    Riferimento: Questioni di fiducia

    C'è stata una cosa che mi ha colpita nel tuo scritto, una frase: "Ma mi sono data del tempo, del tempo per capire se al di là di queste cose ( che ho giustificato attribuendole a un periodo iniziale di confusione...da lui confermato)potesse esserci qualcosa di buono in lui e potessi costruire una storia quale quella che credevo io ( se non avessi scoperto le sue bugie)."
    Personalmente credo che in una storia d'Amore ( Specifico, perchè come sappiamo bene, le storie possono essere anche.. d'altro, per chi le gradisce ) non debba crederci solo un membro della coppia. Tu credevi in qualcosa, lui risentiva la sua ex: già questo preludio, a mio parere, non prospettava nulla di buono.
    Purtroppo hai fatto una cosa che in molti fanno, che io stessa in passato ho fatto: giustificare, spremersi fino all'ultima goccia per cercare una spiegazione qualsiasi che servirà soltanto per tamponare una mancanza ( che a conti fatti c'è ) e per evitare di guardare in faccia la realtà, perchè troppo difficile. La confusione iniziale è una di queste; se si è confusi, non si inizia una storia, perchè ai miei occhi si compie un danno, un'offesa a se stessi e alla persona che si ha vicino.

    Io credo che tu debba guardare con sguardo obiettivo - per quanto difficile - alla tua situazione, ma soprattutto alle ultime sensazioni da te descritte: amare non è un'azione, amare è un'identità.
    Poniamo due eventuali persone, tali Paolo e Francesca. Si amano: in quel momento loro non sono più lui Paolo e lei Francesca, sono il loro Amore.. come identità, appunto. E l'Amore non permette sconti, ripensamenti o giustificazioni.

    Credo che la mia risposta alla tua domanda sia facilmente intuibile: segui i tuoi sogni e non una storia che, da quanto leggo, ti porta addirittura ad aver paura, quando dovrebbe darti emozioni ben diverse.

    Un abbraccio.
    Se un uomo non tiene il passo con i compagni, forse questo accade perchè ode un diverso tamburo. Lasciatelo camminare secondo la musica che sente, quale che sia il suo ritmo o per quanto sia lontana. ~ Henry David Thoreau.

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di LovelyGirl
    Data registrazione
    15-01-2008
    Messaggi
    5,239

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Mi sento tanto quello che si definisce un caso complesso ( personale opinione), e a volte mi piacerebbe che qualcuno mi aiutasse a trovare il bando di una matassa che da sola non riesco a sbrogliare! Qual è il problema? Teoricamente nessuno. Praticamente me ne sento addosso un'infinità.
    Mi rivedo molto in queste tue parole...
    So che non ti è d'aiuto,ma almeno ti sentirai un pò meno sola.

    mi sono data del tempo, del tempo per capire se al di là di queste cose ( che ho giustificato attribuendole a un periodo iniziale di confusione...da lui confermato)potesse esserci qualcosa di buono in lui e potessi costruire una storia quale quella che credevo io ( se non avessi scoperto le sue bugie).
    Secondo me sei stata già fin troppo brava a superare queste cose perchè,anche se si trattava dell'inizio del vostro rapporto per una donna di solito è difficile accettare e superare certe situazioni (o almeno per me è così)...
    Da questo capisco che eri già innamorata di lui e il fatto che sei andata oltre per cercare di capire le sue motivazioni è una cosa positiva,indice di maturità e voglia di capirlo fino in fondo...

    Nel frattempo la nostra storia è cresciuta. So che si sono stati deglis forzi anche da parte sua, che ha riconosciuto una parte dei suoi errori e mi ha aiutato a superare la diffidenza che si era creata.
    Forse questo significa che lui con il tempo ha capito che sei più importante tu della sua ex o delle altre...
    Già il fatto che dici che ti ha aiutata significa che forse è pentito...e vuole dimostrartelo.

    Ammetto di non avergli risparmiato nulla, infatti ho preso a controllare ogni suo movimento, a rinfacciargli le bugie e l'ipotetico tradimento in più occasioni, e so che non dev'essere stato facile sentirsi messo sempre in discussione e reggere una situazione di pressing.
    Bè...questa è una fase che ho attraversato anche io,per motivi diversi dai tuoi...e ti assicuro che in certi casi è una reazione di difesa inevitabile...perciò se ora dici che questa fase è passata non rimproverarti...perchè magari lui si è sentito pressato...ma tu?Come stavi tu?

    Oggi, a distanza di un anno mi chiedo se sono riuscita davvero a superare quelle resistenze. ogni volta che lui fa un gesto carino nei mie confronti, come dei fiori inaspettati, delle parole anche piuttosto importanti, io sviluppo una sorta di sensazione di rifiuto verso queste cose. Come se volessi impermeabilizzarmi per non essere toccata...
    Secondo me il fatto che ti chiedi ancora se hai superato davvero tutto è già una risposta...
    Non credo che tu l'abbia fatto...ma credo che vorresti farlo...perciò,sempre a mio parere,potresti superare i tuoi momenti di dubbi...

    Come devo decifrare questa sensazione che mi porto dentro ...e a cui non so dare un volto e un nome?
    Ti consiglio di parlarne anche con lui di questa cosa se non l'hai già fatto...
    Magari può capirti e un solo suo sguardo,una sola sua parola potrà illuminarti e farti capire cos'è più forte in te...Se l'amore o i punti interrogativi...
    E se sono di più i punti interrogativi...bè...credo che solo lui possa toglierli...
    Scusa se mi sono dilungata un pò...ma ci tenevo ad esprimere una mia opinione il più completa possibile.
    Ti auguro di trovare la strada migliore per te...ma soprattutto ti consiglio di seguire il cuore...
    Buona fortuna
    "Hai fatto tutta quella strada per arrivare fin qui,e ti è toccato partire bambina;con una piccola valigia di cartone che hai cominciato a riempire.
    Due foglie di quella radura che non c'era già più,rossetti finti ed un astuccio di gemme...e la valigia ha cominciato a pesare:dovevi ancora partire...
    E gli occhi han preso il colore del cielo a furia di guardarlo,e con quegli occhi ciò che vedevi nessuno può saperlo..." -Ligabue-



    Regolamento Opsonline

  5. #5
    Partecipante Esperto L'avatar di Special Diamond
    Data registrazione
    29-01-2009
    Messaggi
    251

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Ciao, ti rimetto la mia risposta che ti avevo dato quando avevi inserito la discussione nel forum sbagliato.
    Per i moderatori: gliela copio nel caso in non l'avesse letta.

    SE TI PUO SERVIRE ECCOLA

    Ciao camomillaa,
    sai, vivo bene o male la tua stessa esperienza... le ragioni che mi hanno portata ad avere sfiducia sono varie ma alla fine la questione e la problematica è sempre quella. Non sono serena.

    Quando un apersona è stata tradita, ha sofferto è praticamente impossibile riuscire a recuperare e a sentirsi al sicuro e protetta.
    Noi desideriamo superare e sanare certi tradimenti o mancanze del partner spesso perchè pensiamo che dietro al suo comportamento scorretto ci sia anche in parte una nostra colpa. Le donne spesso sono così... si pensa che a volte siamo noi a comportarci in modo da portare il partner a comportarsi scorrettamente e quindi ci chiediamo se gli facciamo mancare qualcosa. Dobbiamo chierci se davvero pensiamo di aver sbagliato noi o semplicemente perchè temiamo di perderlo e ci aggrappiamo a tutto (anche dando la colpa noi stesse) pur di tenerlo con noi.
    Quando questo riaccade però subentra la frustrazione a volte, e la consapevolezza che noi non abbiamo fatto nulla per portare il partner a comportarsi così e quindi cominciamo ad avere questo rifiuto per tutte le azioni positive nei nostri confronti.
    La ferita dentro di noi c'è... rimarrà sempre, ci sembra di aver superato, ma non è così.
    Le nostre paure, i dispiaceri della mancanza di rispetto avuta si mettono solo da parte in un angolo della nostra mente, ci sembrano cancellati, ma appena succede qualcosa di strano eccoli riaffiorare.
    Quando si perde fiducia in una persona è quasi impossibile recuperarla, il timore di un ulteriore dolore rimane ci vuole tempo, molto tempo per poter ricominciare ma ricordiamoci che non sarà mai come all'inizio.

    Rimango a tua disposizione per qualsiasi aiuto.
    Ciao e buona serata

  6. #6
    Camomillaa
    Ospite non registrato

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Grazie!
    Forse c'è qualcosa di vero in ogni cosa che ognuno di voi ha scritto.
    Ne ho parlato con lui, certo , lo sa bene che ho questo "problema", ma forse non gli ha dato il giusto peso. Lui mi dice che sono una persona troppo cerebrale...che passo troppo tempo a costruire castelli in aria e a farmi del male per cose che non esistono; che dovrei spegnere il cervello ogni tanto e rilassarmi ( forse un po' è vero)...

  7. #7
    Partecipante Super Esperto L'avatar di AliseysMcKintos
    Data registrazione
    02-12-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    575

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Citazione Originalmente inviato da Camomillaa Visualizza messaggio
    che dovrei spegnere il cervello ogni tanto e rilassarmi ( forse un po' è vero)...
    Io credo che spegnere il cervello è una delle cose peggiori che potresti fare
    Se un uomo non tiene il passo con i compagni, forse questo accade perchè ode un diverso tamburo. Lasciatelo camminare secondo la musica che sente, quale che sia il suo ritmo o per quanto sia lontana. ~ Henry David Thoreau.

  8. #8
    Partecipante Esperto L'avatar di Special Diamond
    Data registrazione
    29-01-2009
    Messaggi
    251

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Citazione Originalmente inviato da Camomillaa Visualizza messaggio
    Grazie!
    Forse c'è qualcosa di vero in ogni cosa che ognuno di voi ha scritto.
    Ne ho parlato con lui, certo , lo sa bene che ho questo "problema", ma forse non gli ha dato il giusto peso. Lui mi dice che sono una persona troppo cerebrale...che passo troppo tempo a costruire castelli in aria e a farmi del male per cose che non esistono; che dovrei spegnere il cervello ogni tanto e rilassarmi ( forse un po' è vero)...

    Non devi reprimere te stessa cercando di comportarti come non sei. Peggioreresti solo il tuo umore, ti sentiresti non tranquilla. Sii sempre te stessa, e che ogni tanto si debba staccare la spina..questo è vero ma l'importante è che lo fai per te stessa per dare tregua ai tuooi pensieri non per gli altri che come vedi non sempre ci capiscono e ci considerano troppo cerebrali

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di Special Diamond
    Data registrazione
    29-01-2009
    Messaggi
    251

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Citazione Originalmente inviato da AliseysMcKintos Visualizza messaggio
    Io credo che spegnere il cervello è una delle cose peggiori che potresti fare
    Infatti... darsi tregua a tirare un sospiro staccare la spina un secondo si puo ma solo se ci si sente di farlo altrimenti si è da primcipio. Ma dobbiamo farlo solo in parte perchè non è scollegando il cervello che i problemi si risolvono. Una volta ricollegato sono di nuovi li

  10. #10
    Partecipante Super Esperto L'avatar di AliseysMcKintos
    Data registrazione
    02-12-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    575

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Citazione Originalmente inviato da Special Diamond Visualizza messaggio
    Infatti... darsi tregua a tirare un sospiro staccare la spina un secondo si puo ma solo se ci si sente di farlo altrimenti si è da primcipio. Ma dobbiamo farlo solo in parte perchè non è scollegando il cervello che i problemi si risolvono. Una volta ricollegato sono di nuovi li
    Esatto.
    E poi chi lo dice che staccare la spina debba necessariamente significare spegnere il cervello?
    C'è già troppa gente coi cervelli spenti, ecco perchè stiamo andando a.. scatafascio!
    Se un uomo non tiene il passo con i compagni, forse questo accade perchè ode un diverso tamburo. Lasciatelo camminare secondo la musica che sente, quale che sia il suo ritmo o per quanto sia lontana. ~ Henry David Thoreau.

  11. #11
    Partecipante Esperto L'avatar di Special Diamond
    Data registrazione
    29-01-2009
    Messaggi
    251

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Citazione Originalmente inviato da AliseysMcKintos Visualizza messaggio
    Esatto.
    E poi chi lo dice che staccare la spina debba necessariamente significare spegnere il cervello?
    C'è già troppa gente coi cervelli spenti, ecco perchè stiamo andando a.. scatafascio!
    Intelligentissima constatazione. bisogna allentare le emozioni e riflettere a mente tranquilla.
    AliseysMcKintos, leggere il tuo commento mi ha dato aria fresca: qualcuno di sano c'è ancora!

  12. #12
    Partecipante Super Esperto L'avatar di AliseysMcKintos
    Data registrazione
    02-12-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    575

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Citazione Originalmente inviato da Special Diamond Visualizza messaggio
    Intelligentissima constatazione. bisogna allentare le emozioni e riflettere a mente tranquilla.
    AliseysMcKintos, leggere il tuo commento mi ha dato aria fresca: qualcuno di sano c'è ancora!
    Cavoli, grazie! Mi lusinghi
    Se un uomo non tiene il passo con i compagni, forse questo accade perchè ode un diverso tamburo. Lasciatelo camminare secondo la musica che sente, quale che sia il suo ritmo o per quanto sia lontana. ~ Henry David Thoreau.

  13. #13
    Partecipante Esperto L'avatar di Special Diamond
    Data registrazione
    29-01-2009
    Messaggi
    251

    Riferimento: Questioni di fiducia

    è la verità!!

Privacy Policy