• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3

Discussione: Questioni di fiducia

  1. #1
    Camomillaa
    Ospite non registrato

    Questioni di fiducia

    Mi sento tanto quello che si definisce un caso complesso ( personale opinione), e a volte mi piacerebbe che qualcuno mi aiutasse a trovare il bando di una matassa che da sola non riesco a sbrogliare! Qual è il problema? Teoricamente nessuno. Praticamente me ne sento addosso un'infinità.
    Il primo, è la mia difficolta nel vivere un rapporto di coppia sereno. La mia storia è cominciata un anno fa, tra non poche difficoltà. Lui usciva da una storia lunga, e anche abbastanza importante, e credo che nei primi 5 mesi non si sia comportato da fidanzato modello ( ha continuato a sentire la sua ex, anche altre ragazze conosciute prima di me). Inoltre ipotizzo untradimento ( da lui sempre negato), e so che in diverse occasioni ci sono state delle piccole bugie che mi hanno fatto perdere la fiducia in lui. Ma mi sono data del tempo, del tempo per capire se al di là di queste cose ( che ho giustificato attribuendole a un periodo iniziale di confusione...da lui confermato)potesse esserci qualcosa di buono in lui e potessi costruire una storia quale quella che credevo io ( se non avessi scoperto le sue bugie).
    Nel frattempo la nostra storia è cresciuta. So che si sono stati deglis forzi anche da parte sua, che ha riconosciuto una parte dei suoi errori e mi ha aiutato a superare la diffidenza che si era creata. Ammetto di non avergli risparmiato nulla, infatti ho preso a controllare ogni suo movimento, a rinfacciargli le bugie e l'ipotetico tradimento in più occasioni, e so che non dev'essere stato facile sentirsi messo sempre in discussione e reggere una situazione di pressing. Grazie anche a lui sono riuscita a superare quelli che erano dei problemi per me molto gravi.
    Oggi, a distanza di un anno mi chiedo se sono riuscita davvero a superare quelle resistenze. Non ho più addosso la sensazione di sfiducia nei suoi confronti, non ho più bisogno di verificare la veridicità delle sue affermazioni, nè di conoscere i suoi movimenti, eppure...non so perchè ma non riesco a vivere rilassatamente questo rapporto. Apparentemente ora è tutto ok...ma io sento ogni muscolo teso, una sensazione di rigidezza, come se stessi sott'acqua in apnea, e mi rendo conto che mi manca il respiro, mi manca rilassarmi, mi manca la serenità interiore. E soprattutto, ogni volta che lui fa un gesto carino nei mie confronti, come dei fiori inaspettati, delle parole anche piuttosto importanti, io sviluppo una sorta di sensazione di rifiuto verso queste cose. Come se volessi impermeabilizzarmi per non essere toccata...
    Tra l'altro, a breve mi troverò a dover prendere delle decisioni importanti ( ho solo 25 anni...), partire per proseguire la mia carriera, o restare con lui...! Non avrei problemi a rinunciare a tutto per lui...ma questa sensazione che ho addosso mi impedisce di prendere questa decisione a cuor leggero, perchè ho paura...paura che si possano verificare le incomprensioni dei primi mesi e scoprire di aver sbagliato tutto nel concedergli una seconda possibilità.
    Come devo decifrare questa sensazione che mi porto dentro ...e a cui non so dare un volto e un nome?
    Ultima modifica di Camomillaa : 10-02-2009 alle ore 19.43.41

  2. #2
    Partecipante Esperto L'avatar di Special Diamond
    Data registrazione
    29-01-2009
    Messaggi
    251

    Riferimento: Questioni di fiducia

    Ciao camomillaa,
    sai, vivo bene o male la tua stessa esperienza... le ragioni che mi hanno portata ad avere sfiducia sono varie ma alla fine la questione e la problematica è sempre quella. Non sono serena.

    Quando un apersona è stata tradita, ha sofferto è praticamente impossibile riuscire a recuperare e a sentirsi al sicuro e protetta.
    Noi desideriamo superare e sanare certi tradimenti o mancanze del partner spesso perchè pensiamo che dietro al suo comportamento scorretto ci sia anche in parte una nostra colpa. Le donne spesso sono così... si pensa che a volte siamo noi a comportarci in modo da portare il partner a comportarsi scorrettamente e quindi ci chiediamo se gli facciamo mancare qualcosa. Dobbiamo chierci se davvero pensiamo di aver sbagliato noi o semplicemente perchè temiamo di perderlo e ci aggrappiamo a tutto (anche dando la colpa noi stesse) pur di tenerlo con noi.
    Quando questo riaccade però subentra la frustrazione a volte, e la consapevolezza che noi non abbiamo fatto nulla per portare il partner a comportarsi così e quindi cominciamo ad avere questo rifiuto per tutte le azioni positive nei nostri confronti.
    La ferita dentro di noi c'è... rimarrà sempre, ci sembra di aver superato, ma non è così.
    Le nostre paure, i dispiaceri della mancanza di rispetto avuta si mettono solo da parte in un angolo della nostra mente, ci sembrano cancellati, ma appena succede qualcosa di strano eccoli riaffiorare.
    Quando si perde fiducia in una persona è quasi impossibile recuperarla, il timore di un ulteriore dolore rimane ci vuole tempo, molto tempo per poter ricominciare ma ricordiamoci che non sarà mai come all'inizio.

    Rimango a tua disposizione per qualsiasi aiuto.
    Ciao e buona serata

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di Calethiel
    Data registrazione
    19-04-2005
    Residenza
    Roma provincia
    Messaggi
    3,590

    Riferimento: Questioni di fiducia

    In questo forum non è possibile fare diagnosi, se vuoi parlare dei tuoi problemi in termini "generici" c'è la sezione sentimentalmente, che è più adatta.
    Se invece vuoi un consulto più specialistico, c'è il forum salute e benessere psicologico (link in alto a destra)

    Mentre il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito

    Non ti curar di loro, ma guarda oltre e passa

Privacy Policy