• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1
    Toni
    Ospite non registrato

    «L'ambiente? Che si fo**a...»

    Bush azzera ogni vincolo. La Co2 «non inquina», aziende libere di aumentare le emissioni
    JOHN ANDREW MANISCO
    Come di consuetudine l'amministrazione Bush ha scelto l'inizio di un weekend di festa, quello del Labor Day, per annunciare una decisione controversa e che preferisce non pubblicizzare troppo: d'ora in poi l'anidride carbonica, considerata la sostanza industriale che più contribuisce al riscaldamento del clima mondiale, non è più un inquinante dell'aria. La decisione dell'agenzia per l'ambiente, la Evironmental protection agency (Epa) permetterà all'industria dell'energia di aumentare le proprie emissioni con assoluta impunità. La decisione segue di una settimana un'altra «riforma» della Casa Bianca che legalizza una scappatoia per eludere il Clean air act, la legge approvata dal congresso americano nel lontano 1977. Quella legge imponeva limiti alle emissioni inquinanti provenienti da nuove centrali elettriche. I deputati di allora decisero di concedere un periodo di transizione alle compagnie che gestivano centrali a carbone costruite prima dell'approvazione della legge, permettendo loro di mantenerle in attività a condizione che non le espandessero. Qualsiasi nuovo investimento nelle centrali doveva essere esclusivamente impiegato per la «manutenzione ordinaria». Investimenti negli impianti per aumentare la produzione di energia li sottoponevano automaticamente alle nuove regole sull'emissione di inquinanti, imponendo ai gestori l'introduzione di filtri e altri controlli. La «riforma» della Epa permette ai gestori di questi dinosauri dell'energia di investire fino ad un quinto del valore della centrale senza alcun limite alle emissioni.

    Il cambiamento permette al paese, responsabile di un quarto delle emissioni di ossido di carbonio nel mondo, il 10% più di tutta l'Europa occidentale, e alle sue circa 17.000 antiquate centrali di aumentare le loro emissioni, anche qui, con assoluta impunità, senza cioè dover investire in attrezzature anti inquinamento. Non solo ma la «riforma» non pone limiti di tempo e dunque permette ad un gestore di una centrale elettrica, di una raffineria o industria di ripetere l'investimento più volte a condizione che non superi un quinto del valore dell'impianto.

    Queste sono solo le ultime decisioni prese da un'agenzia per l'ambiente senza direttore. La direttrice dimissionaria ed ex governatore dello Stato del New Jersey, Christine Todd Whitman, è riuscita a eliminare qualsiasi autonomia dell'agenzia nei confronti della Casa Bianca, al punto di sottoporre al vaglio e alla censura della Casa Bianca i rapporti sull'inquinamento dell'aria a Manhattan dopo l'attentato alle Due Torri di New York. La Epa infatti falsificò cinque annunci sulla mancanza di pericolosità dell'aria che respiravano i newyorchesi nei dieci giorni dopo l'attentato. Ogni avviso o precauzione veniva regolarmente censurata dalla Casa Bianca. Secondo l'ammissione di un investigatore interno all'agenzia, «la Casa Bianca convinse la Epa ad aggiungere dichiarazioni rassicuranti e di eliminare quelle che suggerivano cautela». Come ha scritto Jimmy Breslin, decano del giornalismo della Grande mela: «Hanno mentito perché l'Amministrazione voleva che la gente continuasse ad andare a lavorare. Mentirono la prima settimana e quella dopo, e hanno mentito ogni giorno per due anni».

    L'asservimento della Whitman alle esigenze dei finanziatori delle campagne elettorali di Bush non è bastata però a salvarle il posto. Lei se ne va e al suo posto l'Amministrazione ha nominato il Governatore dello Utah Michael Levitt, uno dei governatori più fatatici nel promuovere gli interessi delle compagnie energetiche e inquinanti negli Stati uniti. Quando era governatore, Leavitt diventò noto per non aver alzato un dito contro la U.S. Magnesium, compagnia proprietaria di una miniera situata sul lato occidentale del Great Salt Lake, che vomitava diossina nell'ambiente ed era considerata la compagnia più inquinante degli Stati uniti. Nominarlo capo dell'Epa è un po' come nominare Totò Riina a capo dell'antimafia.

    Poco dopo avere rilassato le regole per l'inquinamento dell'aria, la Casa bianca ha provveduto anche a quelle del suolo: Washington ha deciso di autorizzare la vendita di terreni inquinati dal Pcb (policlorodifenile), una sostanza che veniva utilizzata per i trasformatori e i condensatori elettrici. Anche qui c'entra l'Epa. C'è un memorandum dell'agenzia, infatti, alla base della rivelazione di questo nuovo attentato ambientale da parte del più diffuso quotidiano americano, Usa Today. Anche in questo caso la cosa è stata fatta senza troppa pubblicità: presa il 14 agosto scorso, la decisione non è stata rivelata perché sarebbe «solo» l'interpretazione di una legge esistente, provvedimento questo che non richiede pubblicità. Un solo vincolo, per poter vendere i circa 500 terreni «infettati» dal Pcb (sui circa 1.600 considerati «fortemente inquinati» negli Usa): l'acquirente deve impegnarsi a bonificarli.


    Fonte: Il Manifesto.

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,727
    ...cosa dovevamo aspettarci da un paese che continua a ignorare uno studio indiano sulla coca cola che dimostra presenza di pesticidi nella bevanda in piccole percentuali..
    è inutile: se vogliono che noi ci convinciamo di qualcosa, ci riescono alla perfezione, giusto o sbagliato che sia.


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|

  3. #3
    Toni
    Ospite non registrato
    pesticidi?!???!!

  4. #4
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,727


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|

  5. #5
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,727
    ....ehm...ovviamente nn è l'unica fonte...voglio dire nn è un articoletto beccato per sbaglio..


    OT: ciao toniii


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|

Privacy Policy