• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 9 di 9
  1. #1
    Jennifer13
    Ospite non registrato

    Giunti ad un traguardo neanche ci arrivi e diventa un ricordo...

    Ciao a tutti, vorrei raccontare la mia esperienza e ricevere le vostre opionioni.
    Premetto che trattandosi di un anno e mezzo di esperienze i fatti da raccontare sono tantissimi ma cercherò di essere sintetica e raccontare le cose principali.
    Conosco questa persona su internet in un momento triste della mia vita, si instaura un'amicizia anche se i punti di unione sono tanti e la sintonia è alta. Inizialmente è lui ad essere più preso, anche perchè io ai tempi ero fidanzata e avevo subito chiarito che non volevo andare aoltre l'amicizia. Dunque lui decide di allontanarsi, dicendo che non è giusto che io rovini la mia vita per un fantasma che si è innamorato di me. Dopo pochi giorni si riavvicina dicendo di aver capito che non poteva perdere la persona più vera della sua vita. Per farla breve si va avanti con continui tira e molla finchè un giorno arrabbiata gli telefono ma comunque con nessuna aspettativa, pensavo che quella sarebbe stata la resa dei conti. Invece poi è lui che mi ricerca, ci si sente di tanto in tanto per avere notizie dell'altro, insomma senza aspettative. Dopo qualche mese mi confida che da 5 anni vive una brutta situazione familiare, il padre è malato e tutti si appoggiano a lui per trovare sostegno, ed è per questo che mi fa capire non vuole coinvolgere le persone nella sua vita e nei suoi problemi. Durante l'estate ci si sente più spesso e si ricrea quella sorta di legame virtuale, mi fa capire che mi ama e che quando sarebbe venuto nella mia città per un evento di lavoro gli avrebbe fatto piacere vedermi. Un paio di settimane prima dell'evento mi dice che non può vedermi, che non se la sente, che se io diventassi più reale di quello che sono mi congelerei e che non lo vedrò mai. Stiamo un pò senza sentirci, poi riprende a contattarmi ogni tanto per due chiacchiere, anche se la sintonia pian piano riprende a sentirsi sempre più forte. Una sera mi confessa che si pente ogni giorno di avermi persa ma è giusto che venga trattata come merito da persone migliori di lui, che lui ha dato dimostrazione di essere una persona poco equilibrata cambiando idea da un giorno all'altro. Che non ha mai smesso di volermi bene e fa intendere benissimo di amarmi ma me lo dirà guardandomi negli occhi, visto che i sogni sono fatti per essere realizzati e che la speranza di realizzarli non muore mai. Dice anche che tende a perdere occasioni bellissime e ad allontanare le persone quando queste diventano davvero importanti, ha paura di amare e soprattutto di essere amato. Vorrebbe me ma sa che non può avermi, perchè se non cambia non vuole che io stia al fianco di una brutta persona. Diciamo che dopo questo discorso piano piano si ritorna a quel legame virtuale, lui mi sembra molto più intenzionato di prima a costruire un legame serio, anche perchè ora non sono più fidanzata. Ci sono però dei segnali che avrei dovuto cogliere ed interpretare da subito, invece solo ora che penso e ripenso li colgo: il suo modo di esprimersi al condizionale e il suo modo di pensare alla nostra relazione parlando al futuro. Poi un giorno visto che comunque si era già parlato di una situazione simile e che mi aveva fatto capire gli avrebbe fatto piacere e comunque anche da parte mia il bisogno di una prova del 9, parto senza dire nulla e vado nella sua città. Quando lo chiamo e glielo dico è sorpreso e contento e mi raggiunge subito. In poche parole passiamo una serata stupenda, ben oltre le mie aspettative, sapendo che comunque lui aveva problemi a legare con le persone, non volevo fargli alcuna pressione. Invece è lui che mi sorprende, appena mi vede mi stringe forte e mi bacia, siamo stati insieme fino alle 5 del mattino, ritrovo in lui la dolcezza di quella persona come l'ho sempre conosciuta, mi dice guardandomi negli occhi cose stupende, mi dice che da oggi per noi era finita la chat e iniziava la vita reale. Quando arriva l'ora di salutarci è visibilmente triste e avrebbe sperato che io rimanessi nella sua città da un'amica comune, che voleva restare ancora ma la sua condizione familiare non gli permette di allontanarsi per troppo tempo, io allora gli dico che non ci sono problemi, potevamo vederci ancora, al che lui mi dice non possiamo, dobbiamo. Ci salutiamo e dopo pochi minuti mi invia un sms con scritto "ti voglio bene". Il giorno dopo altri messaggi dolci in cui diceva che mi voleva e che è stato bellissimo stare insieme. La sera mi invia la buonanotte. Il giorno dopo gliela invio io e non risponde. Il giorno dopo mi preoccupo e gli scrivo ancora ma da come scrive capisco tutto. In effetti la sera stessa mi dice che è giù e sono 3 giorni che pensa e che non è pronto ad una relazione, che i suoi pensieri e i suoi problemi sono solo suoi e che non vuole che nessuno ne faccia parte. Poi mi dice che ha capito che mi ha solo sfruttata per stare bene e per non pensare ai suoi problemi e l'ha capito quando eravamo insieme e le cose si erano spinte un pò oltre e lui è andato in bianco. Io insistevo parecchio per cercare di spronarlo e fargli capire che non può rinunciare così a ciò che gli capita. Mi dice che vuole dedicarsi al padre perchè non l'ha mai considerato se non da quando si è ammalato e che non vuole abbandonarlo adesso. (Nel periodo precedente si era già confidato con me dicendo che non reggeva più questa situazione e che sperava in cambiamenti reali nel bene o nel male, perchè con questa false veità non riusciva più ad andare avanti.) Mi dice che si è riavvicinato a me perchè il padre stava morendo e che pensava di potersi ricostruire una vita. La situazione degenera, io mi arrabbio e quindi lui diventa sempre più duro, mi dice che non mi ama e che non mi vuole e di stargli lontano, che non ci sarà mai niente tra noi e che non funzionerà.Che l'amore è una cosa che ha provato in passato e non vuole più provare, e che vuole eliminare tutti i sentimenti, alchè gli chiedo se ha avuto una brutta delusione e dice che non mi riguarda, quindi capisco che la risposta è si.
    Il giorno dopo, straziata mi confido con mia madre e mi dice che ho sbagliato a pressarlo, così gli invio un messaggio di scuse.
    Lui da quel momento mi ignora completamente, anche se non mi ha eliminato dai suoi contatti, qualche giorno fa ho letto nel messaggio personale che è malato e così istintivamente ho sentito che dovevo scrivergli. Senza nemmeno un ciao, gli dico che anchio sono malata e gli auguro buona guarigione. Poteva non rispondermi oppure rispondermi con un secco grazie, invece è stato abbastanza normale, anche se poi non mi ha più risposto e nemmeno salutato.
    Ora, io so per certo che non mi ha raccontato storie sulla questione del padre e sul fatto che non sta con nessuna da anni, sarò scema ma istintivamente dentro sento che non mi ha preso in giro e che lo fa davvero per non coinvolgermi nei suoi problemi, anche se allo stesso tempo credo che abbia un blocco mentale e che abbia bisogno di aiuto...una persona non può un giorno prima volerti e dirtelo in faccia e il giorno dopo non volerti più. Anche perchè se avesse voluto prendermi in giro e usarmi lo avrebbe fatto molto prima o quando io ero la non credo che sarebbe andato in bianco ma avrebbe sfruttato la situazione.
    Ora lui mi ignora e io ci sto male...gli ho detto che per lui ci sarò sempre e che se un giorno potrà risolvere i suoi problemi e se vorrà avremmo la nostra occasione...vorrei dirgli tante cose, vorrei dirgli che ho sbagliato ad andare la e che non volevo pressarlo, che abbiamo sbagliato entrambi a farci coinvolgere senza certezze, che avrei dovuto cogliere il senso dei suoi messaggi...ma tanto non mi ascolterebbe. In cuor mio spero davvero che possa risolvere i suoi problemi e che possa tornare a vivere serenamente e che magari un giorno il destino ci riunirà perchè comunque i legami sono troppi, sembriamo proprio fatti apposta per stare insieme. Lui non merita tutto ciò è una brava persona nonostante il suo comportamento, di ragazzi *** ne ho conosciuti tanti ma l'istinto mi dice che lui con me non lo è mai stato.
    Grazie per avermi ascoltato, spero di non avervi annoiato con il mio lungo racconto e spero di ricevere le vostre risposte, anche se qualcuno ha avuto esperienze simili.
    Grazie a tutti, buona serata.

  2. #2

    That's what I am
    L'avatar di saruccia84
    Data registrazione
    07-12-2007
    Residenza
    palermo
    Messaggi
    5,550

    Riferimento: Giunti ad un traguardo neanche ci arrivi e diventa un ricordo...

    Citazione Originalmente inviato da Jennifer13 Visualizza messaggio
    ...una persona non può un giorno prima volerti e dirtelo in faccia e il giorno dopo non volerti più.
    Beh...sai...purtroppo invece capita...credo anche più spesso di quanto si pensi....
    Non so dirti il perchè...non so se è perchè si idelizza troppo qualcosa e quando la si ottiene si capisce che non la si vuole e che non è come si era pensato....
    Ad ogni modo....ci sarebbero tante cose da dire....le sfaccettature sono tante e nessuno detiene la "verità"....però...non ho capito bene cosa vuoi sapere.... solo un'opinione sul suo comportamento?
    Ultima modifica di saruccia84 : 13-01-2009 alle ore 23.18.29
    Comportamenti non consentiti!!!ogni argomento un thread!!!!


    Tieni sempre presente che la tua ferma convinzione di riuscire è più importante di qualsiasi altra cosa. (Abraham Lincoln)
    Non è vero che i giorni di pioggia sono i più brutti, sono gli unici in cui puoi camminare a testa alta anche se stai piangendo. (anonimo)





  3. #3
    Jennifer13
    Ospite non registrato

    Riferimento: Giunti ad un traguardo neanche ci arrivi e diventa un ricordo...

    Ciao Saruccia e grazie per la risposta.
    Beh si un opinione generale sulla situazione, sul suo comportamento. Gliel'ho anche chiesto se il problema fosse che forse non ero come si aspettava nella realtà ma lui mi ha detto che se così fosse stato me l'avrebbe detto subito... Boh non so nemmeno io che pensare, che fare e cosa aspettarmi, so solo che in questo momento mi sento in un tunnel senza via d'uscita...

  4. #4
    tipete
    Ospite non registrato

    Riferimento: Giunti ad un traguardo neanche ci arrivi e diventa un ricordo...

    Ciau jennifer ho letto tutta la tua storia tutta d'un fiato.Per esperienza personale ti posso dire che quando ci sono blocchi paure cosi evidenti o storie personali che in qualche modo non ti fanno vivere o comunque lasciano segni l'amore e la pazienza dell'altro purtroppo non bastano,è lui che deve trovare le energie per risolvere e stare bene,prima di tutto stare bene lui..E conosco anche quel scacciare le persone,il non volerle coinvolgere nel tuo dolore,nella tua sofferenza..che non è uno scarso interesse..
    Purtroppo non so consigliarti,puoi provare la strada dell'amicizia e stargli vicino cosi.perche è un rapporto un po meno impegnativo,dove l'altro non si snte di dover dare troppo di suo,di non deludere..e avere pazienza e sperare che un giorno chissa...ma non è facile,lo so

  5. #5
    Jennifer13
    Ospite non registrato

    Riferimento: Giunti ad un traguardo neanche ci arrivi e diventa un ricordo...

    Ciao Tipete grazie per la risposta. Lo so non è facile, anch'io vorrei almeno mantenere l'amicizia o comunque almeno un dialogo, per sentirlo più vicino, questo suo modo di ignorarmi mi ferisce a morte, perchè so che con altre persone comunica e io mi sento esclusa, scartata, come se avessi fatto chissà cosa Ho letto che la tua è esperienza personale, se ti va ne possiamo parlare magari in privato, mi piacerebbe scambiare un pò di opinioni con persone che hanno avuto esperienze simili alle mie, e in ogni caso hai ragione, non si può fare niente, deve convincersi da solo. Un bacione e grazie mille!

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di Alesxandra
    Data registrazione
    07-02-2005
    Messaggi
    10,618
    Blog Entries
    4

    Riferimento: Giunti ad un traguardo neanche ci arrivi e diventa un ricordo...

    Ciao Jennifer, ho letto tutta d'un fiato la tua storia. Alcune situazioni da te descritte mi sono estremamente familiari, per questo mi sento di diriti due parole, che non sono consigli ma solo riflessioni.....premettendo che naturalmente ogni situazione è a sè stante.
    Quando si vive la malattia cronica di un genitore, tutte le energie vengono assorbite da quell'evento, e di sicuro è il momento meno opportuno per cominciare una storia o anche solo per conoscere persone nuove. C'è chi ha le idee più chiare e nonostante le difficoltà riesce a farlo, c'è chi invece non riesce. Io credo che finchè la situazione familiare di questo ragazzo non si sarà stabilizzata, lui non riuscirà a fare chiarezza sui suoi sentimenti, quali che siano, quindi se davvero tieni a lui, devi avere la pazienza di aspettarlo, facendogli sapere che comunque ci sei, non lo pressi, sei disponibile in qualunque momento lui voglia.
    Riguardo la delusione d'amore che lui ha vissuto in passato, credo che comunque sia un ostacolo meno forte rispetto a quello delle difficoltà familiari. E' capitato a tutti di aver sofferto per amore, e se è vero che i tempi per superare una delusione sono soggettivi, è pur vero anche che in casi normali la cosa passa, si affievolisce, e si è pronti per altre sorprese ed esperienze. Quindi non preoccuparti di questo.
    Infine....anch'io ho avuto la tua stessa esperienza di conoscere una persona nel virtuale e poi di incontrarla dal vivo, mentre ero in una situazione personale difficile, e posso garantirti che se si vuole "quella" persona, alla fine si fa la scelta più giusta. Può volerci molto tempo, vista la situazione in cui si trova questo ragazzo che hai conosciuto....ma ripeto, se davvero senti che è una persona per te, aspettala.

  7. #7
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di semplificatore
    Data registrazione
    29-08-2007
    Residenza
    Altrove
    Messaggi
    1,076
    Blog Entries
    1

    Riferimento: Giunti ad un traguardo neanche ci arrivi e diventa un ricordo...

    Per leggere il tuo intervento ho dovuto fare copia incolla su word e applicare per DUE volte la funzione di "sunto automatico"
    E' venuto fuori quanto segue:
    .

    Inizialmente è lui ad essere più preso, anche perchè io ai tempi ero fidanzata e avevo subito chiarito che non volevo andare oltre l'amicizia. In poche parole passiamo una serata stupenda, ben oltre le mie aspettative, sapendo che comunque lui aveva problemi a legare con le persone, non volevo fargli alcuna pressione. vorrei dirgli tante cose, vorrei dirgli che ho sbagliato ad andare la e che non volevo pressarlo, che abbiamo sbagliato entrambi a farci coinvolgere senza certezze, che avrei dovuto cogliere il senso dei suoi messaggi...

    Più o meno è lo stesso, no?

    Con simpatia
    "......c'è chi un giorno invece ha sofferto / e allora ha detto: io parto
    / ma dove vado se parto? / sempre ammesso che parto: ciao! ....
    "
    (da "E la vita e la vita" di Cochi e Renato, 1974)


    Clicca qui e godi con le foto di Semplificatore su Flickr

    http://it.youtube.com/user/accrocchio70

  8. #8
    Jennifer13
    Ospite non registrato

    Riferimento: Giunti ad un traguardo neanche ci arrivi e diventa un ricordo...

    Ciao alesxandra, grazie mille davvero per il tuo intervento, mi da coraggio sapere che altre persone hanno vissuto esperienze simili alle mie, sai a volte non so davvero cosa pensare, se realmente abbia un blocco e lo faccia per me e non coinvolgermi o se non gliene importa niente. In ogni caso io fin'ora ho cercato di rispettare la sua decisione e non gli sto scrivendo anche se è molto difficile, gli ho scritto solo un giorno perchè era malato ma questione di un paio di frasi. Solo che il fatto che lui non mi cerchi un pò mi abbatte, nel senso, mi fa pensare che non senta la mia mancanza e che non gli interessi parlarmi. Secondo te, magari tra un pò di tempo dovrei provare a contattarlo, magari chiedendogli come sta? Oppure peggioro la situazione? Ho paura che non sentendomi mai si dimentichi di me

    Semplificatore...mmm sinceramente no, per me quel sunto non è lo stesso, anzi quello che ho scritto io per me è un sunto, perchè ho tralasciato molti dettagli mettendo solo le cose principali...purtroppo 1 anno e mezzo è difficile da sintetizzare e in quelle poche righe del tuo sunto penso che non si capirebbe nemmeno niente della questione.

  9. #9
    Jennifer13
    Ospite non registrato

    Riferimento: Giunti ad un traguardo neanche ci arrivi e diventa un ricordo...

    Qualche sera fa mi ha scritto lui di sua spontanea volontà! Nulla di che, abbiamo parlato poco e siamo rimasti sul vago, non gli ho fatto nessun tipo di domanda personale e dopo un pò l'ho salutato dicendo che andavo a dormire. Beh almeno è un passo, sono un pò più sollevata...

Privacy Policy