• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6
  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di Tottola1
    Data registrazione
    23-06-2007
    Residenza
    Nord Italia
    Messaggi
    249

    Un dubbio professionale-dislessia

    Salve a tutti, sono una psicologa evolutiva abilitata e iscritta all'Albo,in attesa di tempi migliori, però, lavoro in un servizio pomeridiano per bambini, dove svolgo essenzialmente attività educative.

    Nell'occuparmi dell'aiutare i bambini a svolgere i compiti scolastici, mi sono resa conto che uno di loro, che frequenta la prima elementare, presenta particolari difficoltà nell'apprendimento della lettura, che mi fanno seriamente pensare al rischio di dislessia, ritengo quindi che possa essere oppurtuno che venga sottoposto ad un esame specifico:sappiamo infatti come una individuazione quanto più precoce di un disturbo dell'apprendimento possa essere predittiva di una migiore evoluzione del problema.

    Dal canto suo l'insegnante (lo so dai genitori stessi)è convinto che il bambino sia pigro e svogliato e prima o poi imparerà...

    La mia domanda è questa:posso, nella mia posizione, segnalare ai genitori le difficoltà riscontrate e la mia convinzione circa la necessità di una valutazione specialistica?
    Grazie a chi mi risponderà

  2. #2
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743

    Riferimento: Un dubbio professionale-dislessia

    Puoi parlare ai genitori delle difficoltà che hai riscontrato mentre svolgevi il tuo lavoro di assistenza ai compiti, chiedendo se anche loro le abbiano riscontrate e cosa ne pensi l'insegnante.
    Se ti rispondono "dice che è pigro e svogliato" rispondigli "non ha ipotizzato la possibilità di DSA? Perchè secondo me potrebbe essere UNA DELLE POSSIBILITA', a quest'età i ritmi di apprendimento sono piuttosto individuali e quindi vedendo queste difficoltà possiamo solo fare ipotesi: qualora si trattasse di DSA, che ripeto è solo un'ipotesi, sarebbe però meglio saperlo al più presto per evitare inutili frustrazioni a voi e al bambino e iniziare un trattamento che aiuti il bambino ad esprimere le sue possibilità.
    Forse un incontro con uno specialista in DSA potrebbe aiutarci a capire qualcosa ed eventualmente escludere o confermare quest'ipotesi".

    Secondo me, un intervento di questo genere, senza bisogno di dirgli "no, perchè sa io sono una psicologa e mi sembra che..." evita sia di uscire dal ruolo, sia di preoccuparli eccessivamente (non tutti conoscono la dislessia e potrebbero pensare chissà cosa), sia di evitare brutte figure qualora poi non emergesse nulla in quest'area...
    Vimae

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di Tottola1
    Data registrazione
    23-06-2007
    Residenza
    Nord Italia
    Messaggi
    249

    Riferimento: Un dubbio professionale-dislessia

    Citazione Originalmente inviato da Vimae Visualizza messaggio
    Puoi parlare ai genitori delle difficoltà che hai riscontrato mentre svolgevi il tuo lavoro di assistenza ai compiti, chiedendo se anche loro le abbiano riscontrate e cosa ne pensi l'insegnante.
    Se ti rispondono "dice che è pigro e svogliato" rispondigli "non ha ipotizzato la possibilità di DSA? Perchè secondo me potrebbe essere UNA DELLE POSSIBILITA', a quest'età i ritmi di apprendimento sono piuttosto individuali e quindi vedendo queste difficoltà possiamo solo fare ipotesi: qualora si trattasse di DSA, che ripeto è solo un'ipotesi, sarebbe però meglio saperlo al più presto per evitare inutili frustrazioni a voi e al bambino e iniziare un trattamento che aiuti il bambino ad esprimere le sue possibilità.
    Forse un incontro con uno specialista in DSA potrebbe aiutarci a capire qualcosa ed eventualmente escludere o confermare quest'ipotesi".

    Secondo me, un intervento di questo genere, senza bisogno di dirgli "no, perchè sa io sono una psicologa e mi sembra che..." evita sia di uscire dal ruolo, sia di preoccuparli eccessivamente (non tutti conoscono la dislessia e potrebbero pensare chissà cosa), sia di evitare brutte figure qualora poi non emergesse nulla in quest'area...
    Sì, in effetti volevo proprio evitare un intervento del tipo "..sa sono una psicologa e mi sembra che.." Grazie, seguirò il tuo consiglio

  4. #4
    Partecipante Esperto L'avatar di LePleiadi
    Data registrazione
    21-11-2006
    Messaggi
    324

    Riferimento: Un dubbio professionale-dislessia

    Secondo me se il bimbo fa la prima (ha iniziato da pochi mesi la scuola giusto?) è relativamente normale che abbia difficoltà, non tutti leggono nello stesso modo.
    Errori di inversione es.leggere la per al sono frequenti in prima, conta che poi non sei a fine prima ma solo a metà anno.
    Io lo terrei ossevato senza inviarlo subito da qualcuno, eventualmente prenderei nota di altri parametri come capacità attentive, capacità di esprimersi in modo corretto.

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di Tottola1
    Data registrazione
    23-06-2007
    Residenza
    Nord Italia
    Messaggi
    249

    Riferimento: Un dubbio professionale-dislessia

    Citazione Originalmente inviato da LePleiadi Visualizza messaggio
    Secondo me se il bimbo fa la prima (ha iniziato da pochi mesi la scuola giusto?) è relativamente normale che abbia difficoltà, non tutti leggono nello stesso modo.
    Errori di inversione es.leggere la per al sono frequenti in prima, conta che poi non sei a fine prima ma solo a metà anno.
    Io lo terrei ossevato senza inviarlo subito da qualcuno, eventualmente prenderei nota di altri parametri come capacità attentive, capacità di esprimersi in modo corretto.
    Ciao, è quello che sto in effetti facendo e proprio da qui i miei sospetti..non entro nello specifico, ma mi sembra che siano presenti segnali che a metà prima elementare possano essere ritenuti indicativi, quantomeno di una situazione di rischio,calcola poi che il bambino in questione ha frequentato una scuola per l'infanzia privata dove già dall'anno scorso hanno incominciato ad avviarlo alla lettura.

    Comunque, a parte questo, a mio parere la situazione andrebbe monitorata, certo senza pressioni sul bambino o sulla famiglia e a scopo precauzionale

  6. #6
    Partecipante Super Esperto L'avatar di Brisa
    Data registrazione
    23-03-2004
    Messaggi
    528

    Riferimento: Un dubbio professionale-dislessia

    Ottimo consiglio, Vimae!

    Secondo me dovresti monitorarlo ancora un po', poi se questi segnali fossero ancora presenti puoi parlare con i genitori e iniziare a metter loro la pulce nell'orecchio; è vero che magari è solo un po' in ritardo rispetto agli altri bambini, però anche in questo caso in intervento che miri a metterlo alla pari con gli altri non può che fargli bene.

Privacy Policy