• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 12 di 12
  1. #1
    Margarette
    Ospite non registrato

    Relazioni professionali e amichevoli: quale confine per lo psicoterapeuta?

    Ciao a tutti!
    Cosa ne pensate di uno/una psicoterapeuta che ha relazioni professionali e amichevoli, quasi allo stesso tempo, con tre persone adulte e amiche che si frequentano, diventando quindi una banca-dati di tre vite vicine, collegate ma non da parentela... ?

    Cosa ne pensate della stessa persona, lo/la psicoterapeuta, che esterna i contenuti di un incontro formale alle persone coinvolte nei contenuti stessi, nell'arco di 6 ore o meno?

    Non anticipo il mio pensiero per non influenzare i vs punti di vista.
    Mag

  2. #2
    Partecipante Super Esperto L'avatar di Lucio Regazzo
    Data registrazione
    16-08-2008
    Messaggi
    644

    Riferimento: Cosa ne pensate?

    Citazione Originalmente inviato da Margarette Visualizza messaggio
    Ciao a tutti!
    Cosa ne pensate di uno/una psicoterapeuta che ha relazioni professionali e amichevoli, quasi allo stesso tempo, con tre persone adulte e amiche che si frequentano, diventando quindi una banca-dati di tre vite vicine, collegate ma non da parentela... ?

    Cosa ne pensate della stessa persona, lo/la psicoterapeuta, che esterna i contenuti di un incontro formale alle persone coinvolte nei contenuti stessi, nell'arco di 6 ore o meno?

    Non anticipo il mio pensiero per non influenzare i vs punti di vista.
    Mag
    Quello che affermi é grave: non penso nulla, se non che andrebbe fata una segnalazione all'Ordine.
    Ciao. Lucio
    Lucio Demetrio Regazzo

  3. #3
    Partecipante Super Figo L'avatar di ikaro78
    Data registrazione
    06-07-2004
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    1,975

    Riferimento: Cosa ne pensate?

    Ciao a tutti!
    Cosa ne pensate di uno/una psicoterapeuta che ha relazioni professionali e amichevoli, quasi allo stesso tempo, con tre persone adulte e amiche che si frequentano, diventando quindi una banca-dati di tre vite vicine, collegate ma non da parentela... ?
    Non ho ben capito: questa persona è psicoterapeuta e amico di tre persone amiche e spiffera agli altri i contenuti delle sedute? E' così?

  4. #4
    Margarette
    Ospite non registrato

    Riferimento: Cosa ne pensate?

    esattamente!

  5. #5
    Margarette
    Ospite non registrato

    Riferimento: Cosa ne pensate?

    Citazione Originalmente inviato da Lucio Regazzo Visualizza messaggio
    Quello che affermi é grave: non penso nulla, se non che andrebbe fata una segnalazione all'Ordine.
    Ciao. Lucio
    Ciao Lucio,
    concordo con te ma l'episodio e' accaduto tre anni fa e, anche se chi l'ha subito non dimentica, anzi, non credo possa essere utile fare una segnalazione ora (?)
    Grazie per avermi dato il tuo pensiero.
    Mag

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di peste1987
    Data registrazione
    09-02-2008
    Residenza
    Tra le stelle e la strada (Milano City)
    Messaggi
    3,373
    Blog Entries
    216

    Riferimento: Relazioni professionali e amichevoli: quale confine per lo psicoterapeut

    Posso dire la mia?

    A volte è utile sapere le cose degli altri.
    Me l'hanno sempre detto.
    E' solo un confronto, per capire che non si è soli.
    Che io ho dei problemi, e gli altri ne hanno altri. Non sono l'unica al mondo che soffre, ecco.
    Quindi, magari lo faceva in buona fede.
    Io creo sogni, voi li uccidete

    -----------------------

  7. #7
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Relazioni professionali e amichevoli: quale confine per lo psicoterapeut

    codice deontologico degli psicologi italiani

    Articolo 11
    Lo psicologo è strettamente tenuto al segreto professionale. Pertanto non rivela notizie, fatti o informazioni apprese in ragione del suo rapporto professionale, né informa circa le prestazioni professionali effettuate o programmate, a meno che non ricorrano le ipotesi previste dagli articoli seguenti


    Documento senza titolo

  8. #8
    Partecipante Super Figo L'avatar di francesca63
    Data registrazione
    13-06-2007
    Residenza
    Sicilia
    Messaggi
    1,509

    Riferimento: Relazioni professionali e amichevoli: quale confine per lo psicoterapeut

    Citazione Originalmente inviato da Johnny Visualizza messaggio
    codice deontologico degli psicologi italiani

    Articolo 11
    Lo psicologo è strettamente tenuto al segreto professionale. Pertanto non rivela notizie, fatti o informazioni apprese in ragione del suo rapporto professionale, né informa circa le prestazioni professionali effettuate o programmate, a meno che non ricorrano le ipotesi previste dagli articoli seguenti


    Documento senza titolo
    Ciao Johnny, leggendo il thread e questo tuo post ho fatto una "libera associazione"....
    Capisco di essere ot, ma aprire un 3d solo per una perplessità mi sembra superfluo.

    La mia è una provocazione.

    Mi sono letta il regolamento del forum di OPS dove si dice che è vietato scambiarsi numeri privati e altro. Vi chiedo che senso ha questa regola se poi i partecipanti, che sono in maggioranza studenti, si conoscono bene e frequentano anche nei raduni?

    Nei MP, mi sembra incomprensibile il fatto che gli esperti si barricano, come uno psicoterapeuta reale, in una posizione di mistero.
    Giustissimo non offrire mai consigli, pareri o diagnosi su problemi inerenti le terapie personali, ma se si scambiano due chiacchiere amichevoli, che male c'è a parlare del lavoro o della loro vita, con sincerità e apertura? Poi, come si fa a capire chi sono i veri esperti se dicono tutti o quasi che ancora non esercitano. A volte si crea una situazine in cui non si capisce se comunichi con un amico o con un analista che vuole propinare solo spiegazioni teoriche e con cui è impossibile instaurare un rapporto autentico virtuale.
    La mia è solo una curiosità.
    Grazie e ciao
    Ultima modifica di francesca63 : 13-01-2009 alle ore 09.42.25
    FRANCESCA

    Potranno tagliare tutti i fiori ma non fermeranno mai la primavera....(P. Neruda)

  9. #9
    Partecipante Super Figo L'avatar di ikaro78
    Data registrazione
    06-07-2004
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    1,975

    Riferimento: Relazioni professionali e amichevoli: quale confine per lo psicoterapeut

    Nei MP, mi sembra incomprensibile il fatto che gli esperti si barricano, come uno psicoterapeuta reale, in una posizione di mistero.
    Giustissimo non offrire mai consigli, pareri o diagnosi su problemi inerenti le terapie personali, ma se si scambiano due chiacchiere amichevoli, che male c'è a parlare del lavoro o della loro vita, con sincerità e apertura? Poi, come si fa a capire chi sono i veri esperti se dicono tutti o quasi che ancora non esercitano. A volte si crea una situazine in cui non si capisce se comunichi con un amico o con un analista che vuole propinare solo spiegazioni teoriche e con cui è impossibile instaurare un rapporto autentico virtuale.
    La mia è solo una curiosità.
    "Rapporto autentico virtuale" sembra un ossimoro, forse l'equivoco sta tutto qui. Sul forum non si parla, si scrive e non è detto che tutti vogliano fare amicizia e parlare della loro vita privata (, anche se magari hanno piacere a scrivere nelle discussioni e nei messaggi privati, quel tanto che vogliono e possono, ...

    Saluti,
    ikaro

  10. #10
    Partecipante Super Figo L'avatar di francesca63
    Data registrazione
    13-06-2007
    Residenza
    Sicilia
    Messaggi
    1,509

    Riferimento: Relazioni professionali e amichevoli: quale confine per lo psicoterapeut

    Citazione Originalmente inviato da ikaro78 Visualizza messaggio
    "Rapporto autentico virtuale" sembra un ossimoro, forse l'equivoco sta tutto qui. Sul forum non si parla, si scrive e non è detto che tutti vogliano fare amicizia e parlare della loro vita privata (, anche se magari hanno piacere a scrivere nelle discussioni e nei messaggi privati, quel tanto che vogliono e possono, ...

    Saluti,
    ikaro
    Come al solito tu sei abilissimo ad aggirare le domande.
    "Amicizia autentica virtuale" : per me non è un ossimoro. Si ci può aprire di più ed essere più se stessi se l'interlocutore rimane un nick name e un avatar. Per me proprio la situazione virtuale induce. se si intuisce di avere l'interlocutore adatto e fa piacere, a scrivere tutto quello che salta in mente.
    E' quel possono che mi lascia perplessa.....
    Ciao
    FRANCESCA

    Potranno tagliare tutti i fiori ma non fermeranno mai la primavera....(P. Neruda)

  11. #11
    Partecipante Super Figo L'avatar di ikaro78
    Data registrazione
    06-07-2004
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    1,975

    Riferimento: Relazioni professionali e amichevoli: quale confine per lo psicoterapeut

    Come al solito tu sei abilissimo ad aggirare le domande.
    No, cara... io non aggiro le domande, rispondo sempre alle domande, forse non come vorresti tu (ma questo è un altro discorso...)! In ogni caso, credo davvero che uno scrive quel che vuole e può, in fondo non cerchiamo tutti la stessa cosa, o sì?

    Saluti,
    ikaro

  12. #12
    Partecipante Super Figo L'avatar di francesca63
    Data registrazione
    13-06-2007
    Residenza
    Sicilia
    Messaggi
    1,509

    Riferimento: Relazioni professionali e amichevoli: quale confine per lo psicoterapeut

    Citazione Originalmente inviato da ikaro78 Visualizza messaggio
    No, cara... io non aggiro le domande, rispondo sempre alle domande, forse non come vorresti tu (ma questo è un altro discorso...)! In ogni caso, credo davvero che uno scrive quel che vuole e può, in fondo non cerchiamo tutti la stessa cosa, o sì?

    Saluti,
    ikaro
    Ma cosa si potrebbe cercare?
    Solo un confronto più sincero e autentico. Da parecchio tempo ho smesso di cercare di cambiare il mondo
    Bye
    Ultima modifica di francesca63 : 14-01-2009 alle ore 14.15.16
    FRANCESCA

    Potranno tagliare tutti i fiori ma non fermeranno mai la primavera....(P. Neruda)

Privacy Policy