• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8
  1. #1
    gattainnamorata
    Ospite non registrato

    Spero in un sostegno :-)

    salve a tutti,sono appena entrata in quetso forum e spero di trovare un pò di conforto e confronto ,magari qualcuno sta vivendo una situazione simile .
    Riassumendo sono sposata da 3 anni .Due anni fa ho avuto un aborto spontaneo e contemporaneamente mio marito ha dovuto subire un delicatissimo intervento.
    Inutile dire il doppio dolore che ho provato..per la perdita del bambino che avevamo tanto desiderato e per la paura di perdere anche mio marito.
    Mi sono dedicata totalmente a lui perche sentivo che era la cosa giusta da fare.
    Ho dovuto farmi forza e mettere da parte il dolore dell'aborto ,quello lo avrei affrontato in un secondo momento,quello che importava in quel momento era fare forza a mio marito,c'eravamo noi in quel momento e dovevamo farci forza a vicenda.
    Dopo che il peggio è passato ecco che sono crollata.
    Sono uscita svuotata di tutte le energie e dopo poco ,sul lavoro,ho conosciuto un altro.
    Mi sono lasciata andare perche sentivo il bisogno di prendermi un pò di pace e serenità.
    Non mi sentivo neanche un pò in colpa verso mio marito,perche gli avevo dedicato tutta me stessa e adesso volevo tornare a vivere.
    E la passione che provavo con l'altro era la conferma che potevo ancora tornare a sorridere.
    Adesso sono passati due anni dall'aborto ed è un anno e mezzo che la storia con l'altro continua .
    Non riesco ad uscire da questa trappola.Non sono piu serena come un tempo vorrei troncare questa assurda relazione che non mi porta a niente ,solo dolore sensi di colpa e mi ha fatto perdere la dignità.
    ma non ci riesco perche è come una droga.
    Vorrei tanto avere un figlio perche penso sempre a quello che potrebbe essere ora il mio bambino e ancora piango.
    E penso che se fosse nato, adesso non sarei qui a parlare di uno stronzo egoista e prepotente che mi ha usata e ha rovinato il mio matrimonio.
    Grazie .

  2. #2
    Ghiotto patato ಠ_ಠ L'avatar di Biz
    Data registrazione
    16-10-2004
    Residenza
    Topadilegnopoli
    Messaggi
    23,702

    Riferimento: Spero in un sostegno :-)

    Ciao, ho spostato il tuo thread qui in maniera da dargli più visibilità
    "Guardatemi, signori...sono un uomo di sessant'anni e ho il corpo di un ragazzino.Ce l'ho in frigo."
    This is a blog
    This is not a link.

  3. #3
    gattainnamorata
    Ospite non registrato

    Riferimento: Spero in un sostegno :-)

    Citazione Originalmente inviato da Biz Visualizza messaggio
    Ciao, ho spostato il tuo thread qui in maniera da dargli più visibilità
    grazie mille:-)

  4. #4
    Partecipante L'avatar di Ivanillich
    Data registrazione
    11-11-2005
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    50

    Riferimento: Spero in un sostegno :-)

    Cara gattainnamorata,
    penso che tu abbia passato davvero dei brutti momenti e ti sia dovuta sobbarcare di numerose angosce, rilevanti e contemporanee. Sarebbe stato duro affrontarle per chiunque.

    Su questo penso che la comprensione del prossimo (in questo caso io che ti leggo) sia totale ed incondizionata.

    Poi...

    Per come arriva a me la vicenda dell'amante, sembra che tu l'abbia incontrato nel momento peggiore per te come una sorta di rifugio e contenitore emotivo.
    Su queste premesse, tutto consegue...

    Non mi sembra un caso che nel finale della tua email, ritorni al desiderio di maternità crudelmente frustrato dall'aborto spontaneo, evento questo che probabilmente è rimasto "impigliato" dentro e che non è stato possibile ancora superare per te. Con evidenti cnseguenze a catena su tutto il resto della tua vita.
    Inutile però ristagnare in una sorta di recriminazione verso il fato ("se fosse andata diversamente, non starei a questo punto..."). Forse occorre riprendere in mano il filo del tuo percorso. Che dici?

    Un caro saluto
    Luigi D'Elia Psicologo Psicoterapeuta Gruppoanalista
    Iscrizione Ordine Psicologi Lazio n° 5254 del 11/03/1994

  5. #5
    Partecipante Super Esperto L'avatar di Lucio Regazzo
    Data registrazione
    16-08-2008
    Messaggi
    644

    Riferimento: Spero in un sostegno :-)

    Cara gattainnamorata,
    da quel che leggo, mi sembra che ci sia una mancata elaborazione del lutto (aborto), forse dovuto a una manovra di evitamento ( nuovo partner).
    Il suggerimento che mi sento di darti é di ripartire, come ha suggerito il collega nel precedente Post, dal bisogno di maternità.
    In alternativa, di rivolgerti ad un professionista esperto nell'elaborazione del lutto (ne trovi):
    Ciao e in bocca ad una nuova gravidanza!!!!
    Lucio
    Lucio Demetrio Regazzo

  6. #6
    gattainnamorata
    Ospite non registrato

    Riferimento: Spero in un sostegno :-)

    Vi ringrazio ancora per tutti i vostri suggerimenti.
    Avete ragione nel dire che dovrei ripartire e cominciare ad elaborare il lutto e quindi pensare ad una nuova gravidanza.
    e credetemi è quello che spero succeda ogni mese...
    Ma nonostante la mia storia con l'altro sa distruttiva non riesco a superarla..a lasciarlo andare.
    è questo che ora mi fa star male..
    E nonostante ,dopo più di un anno,le cose siano effettivamente cambiate io mi ritrovo ancora a pensare a quello che mi ha dato appena ci siamo conosciuti.
    Sono rimasta aggrappata al LUI di un anno fa..a quello che mi ha fatto provare e non riesco o non voglio dimenticare.
    Ma questo è chiaro che mi fa star male perche lui non è più quello di un tempo..tutto è cambiato ..è diventato egoista e pieno di se...Correggetemi se sbaglio nel dire che la prima cosa che dovrei fare per ripartire sarebbe quella di chiudere definitivamente con lui.
    Non ho mai sofferto cosi per un uomo.
    e a volte vorrei non averlo mai incontrato:-(

  7. #7
    gattainnamorata
    Ospite non registrato

    Riferimento: Spero in un sostegno :-)

    eccomi di nuovo.
    ho deciso che parlerò con uno specialista.
    ho già preso un appuntamento per dopo le feste e non vedo l'ora.
    avevo promesso a me stessa che non l'avrei ricercato ma per l'ennesima volta ho ceduto di nuovo..l'idea dell'avvicinarsi delle feste e il conseguente "distacco forzato" da lui mi ha mandato in crisi cosi mi sono fatta viva prima del tempo che mi ero data.
    ma non è cambiato niente..
    ancora una volta mi ha trattata male.Le passioni possono finire e io non riesco a capire perche mi ostino a voler portare avanti qualcosa che non c'è più!
    ma devo fare qualcosa per me stessa prima di tutto e se servirà prenderò anche il distacco da mio marito.

    Lui continua a non capire "dove stà il problema"
    "non ci manca niente e non capisco perche devi crearti tutti questi problemi"
    Questo è quello che sa dire..ma non gliene faccio una colpa e lo capisco.
    Non riesco nemmeno io a stare con me stessa ,come possono farlo gli altri?

  8. #8
    Matricola
    Data registrazione
    03-05-2007
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    25

    Riferimento: Spero in un sostegno :-)

    Salve, sono Francesco Montefinese, iscritto a questo forum. Non posso collegarmi spesso al forum per impegni di tempo e lavoro.
    Ho appena letto la sua esperienza di stress - direi - visti i due eventi che si sono succeduti immediatamente uno dopo l'altro.

    Dalla tua prima esposisizone del disagio, credo di poterle dire che le relazioni con piu' partner sono fisiologiche anche all'interno di una relazione piu' stabile con un uomo o una donna. E' parte integrante della natura umana.

    Spesso prendiamo le distanze da quest'ultima per poi costruire storie e giustificazioni dei nostri comportamenti e delle nostre emozioni.

    Nonostante cio' quanto lei racconta è indubbiamente doloroso per lei.
    puo' scrivermi se lo desidera ala mia personale mail: francescomontefinese1@yahoo.it
    dr.Francesco Montefinese
    Psicologo,Psicoterapeuta, Giudice Onorario Trib. Minorenni di Roma,Counsellor, Arte-terapeuta, Ippoterapeuta
    www.naturaemente.net

Privacy Policy