• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 14 di 14
  1. #1

    Chiesa e omosessualità (Forse se n'era gia' parlato in altre occasioni..)

    Se avete visto i telegiornali oggi, avrete probabilmente notato le dichiarazioni del cardinale Ratzinger, che ha amabilmente ribadito la posizione della Chiesa

    http://www.corriere.it/Primo_Piano/C...o/31/gay.shtml

    Al di là delle questioni di fede, che mi toccano fino a un certo punto, trovo che sia preoccupante il tentativo di ingerenza, o quantomeno il giudizio, espresso nei confronti delle politiche sociali di Stati laici e sovrani.

    Aggiungerei, per soprammercato, che in buona parte del mondo, specie in Africa e in Asia, le relazioni omosessuali sono punibili con reclusioni pesanti o pene corporali fino alla morte. E' vero che soltanto sessanta anni fa Turing veniva imprigionato per lo stesso motivo, ma la speranza è che nei diritti civili si vada avanti anzichè indietro
    [ecco e con questo mi sono svegliato da un letargo di mesi ]
    Ultima modifica di Dreamstalker : 31-07-2003 alle ore 21.22.18
    ...but still I am the Cat who walks by himself, and all places are alike to me.

  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,727
    ...mi sfugge una cosa! dopo aver scatenato questa enorme questione, il vaticano come fa ad affermare così candidamente che la chiesa accoglie comunque gli omosessuali (casti) con rispetto ed affetto?!?
    ...è come abbandonare un cagnolino sul lato di un'autostrada e affermare di volergli bene comunque...
    ...che rabbia!


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|

  3. #3
    Angelus
    Ospite non registrato
    A me la cosa che appunto preoccupa non è la posizione della chiesa, che in quanto religione, "può dire quello che le pare", nel senso che poi sono i singoli individui a scegliere se aderire o no a una fede, quello che mi preoccupa è il tentativo di ingerenza, anche "minaccioso" (ho sentito alla radio che sono state usate espressioni come "peccato" e "danno per il retto sviluppo della società") nella sovranità laica dello stato, tanto che ad un certo punto si dice di non affidare agli omosessuali i minori perchè sarebbe contro la carta dei diritti del bambino delle Nazioni unite!!

  4. #4
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,727
    ...esatto angelus...sono pienamente d'accordo...dopo lo stato di polizia, ci mancava anche il peso del vaticano a controllare ulteriormente le nostre vite...
    In ogni caso, pur volendo mettere da parte questa posizione della chiesa, neanche il governo si decide a mettere sul tavolo di discussione le unioni civili...due persone che convivono, che decidono di non sposarsi nn godono di nessun diritto. Nel contesto di una unione civile, ad esempio, se uno dei partner subisce un grave incidente e bisogna decidere per una qualche operazione d'urgenza, l'altra persona non ha nessuna facoltà di decisione, non è ritenuta in nessun modo riconducibile alla persona con cui magari convive da tipo 10 anni. Per nn parlare delle questioni di eredità o cose del genere.
    Il nostro è un paese che sta cercando di imitare soltanto i lati peggiori degli altri paesi europei, quando dovrebbe interessarsi più ad imitare sentimenti come la tolleranza e la comprensione.


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|

  5. #5
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    Io trovo ridicolo solo che i rappresentanti di una religione che predica l'amore e l'uguaglianza si permettano di dare giudizi cosi' pesanti..

    Io personalmente trovo che ognuno debba essere libero di scegliere il meglio per sè stesso e per la propria felicita', sempre nel rispetto altrui..

    Per il discorso dell'adozione il discorso si fa diverso.. io nn studio sviluppo ma credo che affermare categoricamente

    "«l'assenza della bipolarità sessuale crea ostacoli allo sviluppo normale dei bambini eventualmente inseriti all'interno di queste unioni» poiché vengono privati dell'esperienza «della maternità e della paternità» continua il documento. Non solo. «Tale pratica sarebbe gravemente immorale e si porrebbe in aperta contraddizione con il principio, riconosciuto anche dalla Convenzione internazionale dell'Onu sui diritti dei bambini, secondo il quale l'interesse superiore da tutelare in ogni caso è quello del bambino, la parte più debole e indifesa». "

    sia indice di superficialita' se nn correlato da studi scientifici SERI...
    A pelle mi viene da dire che un bambino verrebbe su "sbilanciato" ... poi penso a tutti quei mostri eterosessuali che violentano, picchiano, abusano e mi viene da pensare che il vero schifo nn sia nell'omosessualita'.... come pare vogliano far credere a noi ...

    Just my 2 cents..

  6. #6
    Angelus
    Ospite non registrato
    sai haru, io non voglio entrare nell'ambito religioso della faccenda, nel senso, che a te (come a me, che però sono cresciuto con una mamma cattolicissima e con un padre mezzo protestante e mezzo votato alle religioni orientali) sembra una cosa assurda che una religione che predica amore e uguaglianza, dando poi giudizi così pesanti, ma se ne parli con un cattolico "vero", ti darà le sue buone motivazioni del perchè segue i precetti cattolici. La questione "grave" non è questa secondo me. La questione GRAVISSIMA è che si redige un documento che non è rivolto ai fedeli, ma al mondo intero (quindi anche a chi è laico o di altra fede) per dire a chi governa di non fare leggi che permettano l'unione omosessuale.
    Io penso che in quanto "religione" il cattolicesimo (come tutte le altre ovviamente) sia ben libera di dire "quella che le pare", ci sono appunto i fedeli, che in pratica sono quelli d'accordo con quanto si dice, e "gli infedeli" (inteso in quelli con altri credo o laici) che non sono d'accordo con le regole dettate da questa o quella religione e liberamente decidono di non aderirvi. E fin qua la questione è semplice.
    La faccenda diventa grave se io, omosessuale italiano laico, devo subire una legge voluta dal vaticano. Questa è la vera ingiustizia e la cosa che mi lascia scandalizzato.
    Riguardo alla faccenda delle adozioni, se sia giusto farle o meno neanche io ho una posizione netta, ma semplicemente perchè non ne ho letto abbastanza, però di certo dire che se passa una legge del genere si va contro la carta dei diritti del bambino dell'unione europea mi sembra quasi quasi quando si apparavano i gay e i pedofili (cosa che facevano dove io facevo volontariato ) e ora capisco pure perchè ci tenevano tanto a dire nella costituzione europea che "si riconoscon le radici cristiane dell'europa" che poi a me pareva pure una bella cazz perchè in europa ci sono pure paesi come la turchia, la russia stessa, che non è che sprizzano cattolici da tutti i pori...
    in breve, io resto scandalizzato dall'idea che in quanto laico debba subire una legge (o una "mancata-legge") che non ha nessuna supposizione nè scientifica nè sociologica seria.
    solo questo (ma come al solito ho scritto uno sproloquio... chiedo perdono )

  7. #7
    Angelus
    Ospite non registrato
    il punto non è (questa volta sarò chiaro e conciso! )
    la chiesa e l'omosessualità
    la chiesa può dire quello che vuole sull'omosessualità, in quanto religione, e se uno non è d'accordo non la segue.
    il punto è
    la chiesa (o la religione, perchè ci sono altri stati, come alcuni islamici) che si immischia nella sovranità dello stato.
    questo è il vero problema.
    (e sono stato chiaro e conciso )

  8. #8
    L'avatar di laura81
    Data registrazione
    11-10-2002
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    2,594
    Innanzitutto un bentornato a Dreamstalker!
    Credo che sia ovvio e scontato il pensiero cattolico nei confronti dell'omosessualità... e pur non condividendolo, devo prendere atto che - come dice Angelus - la Chiesa è libera di prendere la propria posizione... tuttavia non trovo che sia un così grave problema l'ingerenza nello Stato della Chiesa... perchè in fin dei conti c'è sempre stata e non è detto che abbia necessariamente un peso significativo, almeno per quanto riguarda i Paesi occidentali!
    Lo dimostra, ad esempio, la posizione assunta dalla Chiesa nei confronti del conflitto contro l'Iraq... la Chiesa non era certo favorevole, eppure non mi pare che quest'ingerenza abbia sortito alcun effetto!
    Tornando al tema principale del thread, ritengo che gli omosessuali debbano avere gli stessi diritti degli eterosessuali, ma mi sembra logico che non si debba prendere alla leggera una decisione come quella dell'adozione dei bambini da parte di coppie omosessuali... attenzione, non sto dicendo che sia sbagliato a priori, ma semplicemente ritengo che sia giusto analizzare più a fondo la questione, poichè l'affidamento di un bambino non è argomento da trattare con leggerezza e superficialità... sia per quanto riguarda le coppie eterosessuali, che per quelle omosessuali!
    "Non è bello ciò che è bellico ma è bello ciò che è pace!" *aniki docet*

    There are 10 kinds of people in the world; those that understand binary and those that don't.

    ... dai diamanti non nasce niente
    dal letame nascono i fior... (F. De Andrè)



  9. #9
    Giurato di Miss & Mister OPs L'avatar di Parsifal
    Data registrazione
    04-03-2002
    Residenza
    Nel buio vicino alle porte di Tannoiser
    Messaggi
    2,719
    Cercherò di prendere le parti della Chiesa;non condivido completamente le sue posizioni,ma in parte le capisco.
    Intanto è vero che lo sviluppo di un bambino è favorito dalla presenz<a di un genitore uomo e di un genitore donna:Ciò non vuol dire che 2 donne o 2 uomini sarebbero incapaci di essere validi genitori,ma che dovendo scegliere,la presenza di una coppia eterosessuale è prefereibile(slmeno secondo la psicoanalisi).Perchè non considerare questo elemento?Se una coppia eterosessuale di persone poverissime,che vivono in una casa piccola e sporca e sono senza lavoro,per fare un esempio,volessero adottare un figlio glielo darebbero?Credo di no,per il bene del figlio,giustamente,non perchè sia una colpa essere poveri.E se la coppia che vuole adottare fossde vecchia?anche in questo caso non sarebbe accettata la loro richiesta;anche se essere vecchi non è una colpa.
    Più in generale è vero che la Chiesa ha un atteggiamento poco chiaro verso gli omosessuali;sono in peccato,però verso di loro c'è umana comprensione in pratica.Non è però così incomprensibile secondo me;sono in peccato e quindi la Chiesa non può accettare di ammetterli al matrimonio (che è un rito sacro);d'altra parte di fronte a Dio hanno lo stesso valore delle altre persone essendo suoi figli,perciò meritano lo stesso affetto degli altri.
    Gli uomini hanno un bisogno fortissimo del sacro,è giusto che alcuni momenti della loro vita siano basati esclusivamente su riti sacri che non hanno motivazioni razionali,per quanto possa essere doloroso;se non fosse così le persone soffrirebbero ancora di più;perchè tra il matrimonio e la convivenza c'è differenza?non c'è un motivo pratico,nè razionale;ma gli uomini ne hanno bisogno.
    A questo punto non è sbagliato che la Chiesa cerchi di far accettare le sue idee agli stati;se non prevalgoo le sue idee se ne impongno altre più irragionevoli e basate sul nulla.
    Perchè esiste l'aborto?in base a che cosa si stabilisce che l'embrione o il feto fino a una certa età siano materia non vivente e poi che inizino a vivere?
    In base al risultato di un referendum; e in che modo un referendum può stabilire con giustizia e non solo per legge chi può vivere e chi no?
    In uno stato si impone nelle scelte non il bene comune o la giustizia,ma l' idea del gruppo più forte.Le idee della Chiesa sono generalemente tra le meno peggio.

    Sono stato poco chiaro,ma sono stanchissimo e ho sonno

  10. #10
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4
    Angelus, trovo che questo sia uno dei post piu' belli che tu abbia scritto e lo condivido in pieno

    Nn avevo capito il discorso dell'associazione stato-chiesa ed effettivamente è molto grave....

    Io mi ritengo credente ma il mio "distacco" dalla Chiesa a volte dipende proprio da queste uscite un po' estremiste alle quali si obbliga la gente ad aderire se è cristiana...
    Nn è giusto: io posso credere nel mio Dio e pensare che gli omosessuali siano persone normali.. ma con gusti sessuali diversi dai miei..!

    Credo che la Chiesa dovrebbe un po' "aggiornarsi" e nn solo addestrando le suore a suonare la chitarra, ma capendo che i tempi cambiano, che la gente ha bisogno di cose diverse e che bisogna evolvere sempre nel rispetto reciproco e nell'amore che è alla base della nostra religione...

    Cose tipo "passate delle vacanze caste e pure" [si al divertimento ma poco sesso dice il Papa] e ultima ma nn ultima questa cosa sugli omosessuali sono segni di retaggi vecchi dai quali ormai la Chiesa dovrebbe imparare a sganciarsi..

    Ormai come te movi fai peccato dovrebbero fare differenza tra peccato e peccato Io credo che amarsi nn sia mai peccato siano coinvolte donne con donne o uomini con uomini...

    Ma dal punto di vista politico che hanno detto?

  11. #11
    Beh ecco
    Io ho aperto il discorso proprio con "al di là delle questioni di fede" Se il cristianesimo ha certi dettami, i credenti dovrebbero uniformarvisi. E' una fede, non qualcosa sul quale ragionare...
    Per fortuna qui e lì ci sono persone diverse, anche preti, che accettano l'omosessualità o la bisessualità allo stesso modo dell'eterosessualità (argh, ripetuta la stessa radice 3 volte in 10 parole), ma per quello che fanno rischiano problemi e sono sicuramente malvisti dalla gerarchia ecclesiastica.

    Il problema, come ha scritto angelus, è che la chiesa faccia un comunicato del genere, per bocca del portavoce ufficiale (ovvero con la massima autorità) invitando gli stati a fare passi indietro su materie difficili e delicate da trattare, e sulle quali non si dovrebbe andare indietro, per questioni di civiltà, con parole tutt'altro che morbide o vaghe.
    ...but still I am the Cat who walks by himself, and all places are alike to me.

  12. #12
    L'avatar di laura81
    Data registrazione
    11-10-2002
    Residenza
    Pavia
    Messaggi
    2,594
    Originariamente postato da Parsifal
    A questo punto non è sbagliato che la Chiesa cerchi di far accettare le sue idee agli stati;se non prevalgoo le sue idee se ne impongno altre più irragionevoli e basate sul nulla.
    Perchè esiste l'aborto?in base a che cosa si stabilisce che l'embrione o il feto fino a una certa età siano materia non vivente e poi che inizino a vivere?
    In base al risultato di un referendum; e in che modo un referendum può stabilire con giustizia e non solo per legge chi può vivere e chi no?
    In uno stato si impone nelle scelte non il bene comune o la giustizia,ma l' idea del gruppo più forte.Le idee della Chiesa sono generalemente tra le meno peggio.
    Pienamente d'accordo con te!
    "Non è bello ciò che è bellico ma è bello ciò che è pace!" *aniki docet*

    There are 10 kinds of people in the world; those that understand binary and those that don't.

    ... dai diamanti non nasce niente
    dal letame nascono i fior... (F. De Andrè)



  13. #13
    Partecipante Super Figo L'avatar di alita
    Data registrazione
    04-06-2003
    Residenza
    roma
    Messaggi
    1,727
    <<Bari, alcuni sconosciuti hanno fatto irruzione nella sede dell'associazione e picchiato selvaggiamente Michele Bellomo
    Aggredito segretario Arcigay
    da oggi non aveva più la scorta
    Interviene il Viminale: "Prorogata la protezione"


    Michele Bellomo

    BARI - Il presidente dell'Arcigay di Bari, Michele Bellomo, è stato vittima di un brutale pestaggio oggi pomeriggio , mentre era al lavoro, da solo, negli uffici dell'associazione nella sede dei Ds del capoluogo pugliese. Sconosciuti lo hanno aggredito, sbattendogli più volte la testa sulla scrivania, poi sono fuggiti. Bellomo al momento si trova in stato confusionale presso il Policlinico di Bari, dove è stato condotto dopo l'aggressione e sottoposto a esami clinici: la prognosi è di dieci giorni per sospetto trauma cranico.

    Bellomo ha dichiarato all'agenzia Ansa: "Ho visto solo due ombre che hanno cominciato a sbattermi la testa sulla tastiera del computer, fino a quando non ho perso i sensi. Nonostante le botte ricevute, non lascerò Bari perché non è con la violenza che si fermano le grandi lotte".

    Fra gli organizzatori del Gay Pride di Bari, che si è svolto lo scorso 7 luglio, Bellomo, da tempo, era vittima di minacce ed intimidazioni: a dicembre gli era stato garantito un servizio di scorta, rimosso, tuttavia, proprio oggi, "contro la sua volontà", come precisa una nota dell'Arcigay. Un episodio che ha provocato l'indignazione e la protesta di numerosi esponenti della politica e che ha spinto poi, in serata, il ministero dell'Interno a prorogare le misure di protezione per il presidente dell'associazione della città pugliese.

    "L'aggressione dimostra le condizioni di insicurezza in cui è stata irresponsabilmente lasciata una persona già bersaglio di intimidazioni e violenze". Così il presidente dei Ds alla Camera, Luciano Violante, ha commentato l'accaduto, giudicando "francamente inaccettabile" che Bellomo sia stato lasciato privo di qualsiasi forma di tutela"



    Lo scorso dicembre, scritte minacciose erano comparse vicino all'abitazione del presidente dell'Arcigay di Bari, e un gruppo di presunti esponenti neofascisti aveva inscenato una manifestazione sotto la sede di una radio locale, nella quale Bellomo stava rilasciando un'intervista.

    "Un brutto giorno per la democrazia" ha commentato il presidente nazionale dell'Arcigay, Sergio Lo Giudice, che in un comunicato ha chiesto al questore di Bari "com'è stato possibile che, nonostante i proclamati controlli sugli ambienti estremisti, gli aggressori abbiano potuto agire indisturbati". E a poche ore dall'episodio, l'ufficio di gabinetto della questura di Bari aveva precisato che la scorta era stata rimossa perché "il Gay pride si è concluso" e "non vi erano motivi di proroga", aggiungendo, fra l'altro, che nella sede dove era avvenuta l'aggressione non vi erano "segni di disordine".

    A Bellomo sono giunti messaggi di solidarietà da parte della Cgil ("Episodio di estrema gravità"), della segreteria nazionale dei Ds ("Brutale clima di intimidazione verso chi si batte per i diritti fondamentali"), dai Comunisti italiani ("Squadrismo vigliacco"), e da Rifondazione comunista ("Violenza fascista"). Poi, come detto, in serata, il ministero dell'Interno ha comunicato all'Ufficio territoriale del governo di Bari la proroga della protezione personale.>> (repubblica, 1 agosto)

    nota: grassetto mio.

    -Come volevasi dimostrare le affermazioni così dure del vaticano hanno incoraggiato coloro che ,sentendosi forti di un governo di destra, nn aspettano altro che un via.


    C'è come un dolore nella stanza,
    ed è superato in parte:
    ma vince il peso degli oggetti,
    il loro significare peso e perdita.
    |Amelia Rosselli|

    Charlotte - Vorrei poter dormire -
    | Lost in Translation|

  14. #14
    Ospite non registrato
    La chiesa cattolica ha sempre influenzato la politica italiana su questioni sociali e morali, nonchè per difendere i propri privilegi. Ma oggi, pur avendo sempre una notevole influenza, ha perduto molto del suo potere. E queste notizie sono solo colpi di coda di una gerarchia ormai in agonia.

    Se da un lato sono contento perchè ciò costituisce una premessa per una società più libertaria, laica ed evoluta, dall'altro sono molto preoccupato, poichè non vedo una reale sostituzione della morale cristiana, con forti principi laici di uguaglianza, solidarietà e rispetto, che spesso rimangono solo delle belle parole inattuate sulla nostra Costituzione.

    Ho paura che senza determinati paletti morali (o il manganello per alcuni), pur irragionevoli, scomodi e bigotti, all'italiano medio non resterebbe altro che votarsi all'edonismo più sfrenato e al più totale menefreghismo verso i propri simili. Sappiamo bene che per i più lo Stato significa solo diritti e diritti, e nessun dovere civico.
    Dopotutto, come qualcuno ha detto prima in questo thread, la morale cristiana attualmente è tra le meno peggio.

Privacy Policy