• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 14 di 14
  1. #1
    adre1987
    Ospite non registrato

    eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    se un soggetto di 21 anni senza partner, che non presenta problemi fisici, ha frequenti esperienze di questo genere, può essere un fattore psicologico?

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di doctor2009
    Data registrazione
    13-11-2008
    Residenza
    Provincia di Roma
    Messaggi
    6,395

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Beh, se non ha rapporti sessuali e non pratica neanche la masturbazione direi che il fenomeno è fisiologico.
    Ci sarebbe da chiedersi perchè non pratichi almeno la masturbazione: forse motivi religiosi?
    -



    PRESIDENTE DEL CLUB DEL GIALLO!

  3. #3
    adre1987
    Ospite non registrato

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Citazione Originalmente inviato da doctor2009 Visualizza messaggio
    Beh, se non ha rapporti sessuali e non pratica neanche la masturbazione direi che il fenomeno è fisiologico.
    Ci sarebbe da chiedersi perchè non pratichi almeno la masturbazione: forse motivi religiosi?
    bè sinceramente non sò se pratichi la masturbazione... sonceramente è il mio coinqilino e confessa ad una sua amica, anch'ella mia coinquilina, che spessissimo gli accade, però non penso che si sottragga alla famosa pratica, non ne ho la certezza ma non credo che non si masturbi... però non lo sò! io ho pensato che sia un tipo talmente represso, che ha dei forti pensieri e desideri durante il giorno che la notte il suo subconscio, libero di agire, si lasci andare.... vaneggio?

  4. #4
    Partecipante Figo L'avatar di Pandora
    Data registrazione
    21-02-2005
    Residenza
    Roma, nata e vissuta :)
    Messaggi
    906

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    So che esistono persone con una pulsione erotica estremamente pressante che hanno bisogno di scaricarla con una frequenza superiore alla media: un uomo mi ha confessato che, sebbene avesse con la compagna una vita sessuale estremamente gratificante, almeno una volta al giorno si masturbava.
    Può darsi che per il tuo coinquilino la frequenza con cui si masturba è insufficiente a coprire l'intensità del desiderio sessuale e così lo scarica nel sonno.

    Ha mai fatto una visita da un andrologo? Mi viene anche da pensare che possa avere una iperproduzione di liquido seminale e un conseguente accumulo, per cui le polluzioni notturne possono rappresentare un'occasione concreta di espulsione.
    Prima di ricorrere a spiegazioni psicologiche è sempre buona prassi accertare eventuali fattori organici.
    Io andrei da un medico

    Dove c'è la Ragione c'è il dispotismo, dove ci sono le ragioni c'è la libertà.
    (P. Martinetti)

    Giace l'alta Cartago, appena i segni
    dell'alte sue ruine il lito serba.
    Muoiono le città, muoiono i regni
    copre i fasti e le pompe arena et erba...

    (T. Tasso)

    -Membro del Club Del Giallo - tessera n°6-SEGRETARIA DI REDAZIONE

    TUTTO CIO' CHE NON CI UCCIDE CI RENDE PIU' FORTI

  5. #5
    Partecipante Affezionato L'avatar di Gordon Pym
    Data registrazione
    25-01-2007
    Residenza
    Shallowbay
    Messaggi
    110

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Citazione Originalmente inviato da -Pandora- Visualizza messaggio
    Ha mai fatto una visita da un andrologo? Mi viene anche da pensare che possa avere una iperproduzione di liquido seminale e un conseguente accumulo, per cui le polluzioni notturne possono rappresentare un'occasione concreta di espulsione.
    Prima di ricorrere a spiegazioni psicologiche è sempre buona prassi accertare eventuali fattori organici.
    Io andrei da un medico
    Uno ha delle polluzioni notturne e lo mandiamo dall'andrologo?? Allora uno che tossisce lo mandiamo subito dal pneumologo??

    L'accumulo di sperma è una leggenda, mi meraviglia che nel 2008 esistano ancora informazioni così anacronistiche.

    Le polluzioni notturne sono un evento assolutamente fisiologico, essendo in funzione di tanti fattori non si presentano in tutti allo stesso modo, da qui a spedire uno dal medico ne passa, se per lui dovessero diventare un problema, se ne potrebbe di certo riparlare

  6. #6
    Partecipante Figo L'avatar di Pandora
    Data registrazione
    21-02-2005
    Residenza
    Roma, nata e vissuta :)
    Messaggi
    906

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Citazione Originalmente inviato da Gordon Pym Visualizza messaggio
    Uno ha delle polluzioni notturne e lo mandiamo dall'andrologo?? Allora uno che tossisce lo mandiamo subito dal pneumologo??

    L'accumulo di sperma è una leggenda, mi meraviglia che nel 2008 esistano ancora informazioni così anacronistiche.

    Le polluzioni notturne sono un evento assolutamente fisiologico, essendo in funzione di tanti fattori non si presentano in tutti allo stesso modo, da qui a spedire uno dal medico ne passa, se per lui dovessero diventare un problema, se ne potrebbe di certo riparlare
    L'andrologo dovrebbe essere l'equivalente del ginecologo di noi femminucce, dal quale noi si va a fare dei controlli periodici anche in assenza di particolari problemi, non l'uomo nero......

    Dove c'è la Ragione c'è il dispotismo, dove ci sono le ragioni c'è la libertà.
    (P. Martinetti)

    Giace l'alta Cartago, appena i segni
    dell'alte sue ruine il lito serba.
    Muoiono le città, muoiono i regni
    copre i fasti e le pompe arena et erba...

    (T. Tasso)

    -Membro del Club Del Giallo - tessera n°6-SEGRETARIA DI REDAZIONE

    TUTTO CIO' CHE NON CI UCCIDE CI RENDE PIU' FORTI

  7. #7
    Partecipante Affezionato L'avatar di Gordon Pym
    Data registrazione
    25-01-2007
    Residenza
    Shallowbay
    Messaggi
    110

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Sono sicuramente d'accordo per quanto riguarda il ginecologo, ma per i maschietti non è così. Il punto è cosa ci va a fare questo dall'andrologo?

  8. #8
    Postatore Epico L'avatar di doctor2009
    Data registrazione
    13-11-2008
    Residenza
    Provincia di Roma
    Messaggi
    6,395

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    E' sicuramente inutile andare dall'andrologo, anche perchè non vedo cosa potrebbe fare per risolvere quello che, a tutti gli effetti, è un non problema.
    Ripeto: a mio parere il fenomeno dipende dal fatto che il soggetto in questione abbia una scarsa attività sessuale, assoluta o relativa.
    Esistono i casi di polluzione notturna pur in presenza di normale attività sessuale, ma sono abbastanza rari.
    E, comunque, ammesso che ci si trovi davanti ad un caso del genere e si voglia "risolvere" il non-problema, non vedo come si possa fare: a meno di somministrare farmaci per ridurre la libido, l'unico consiglio che si può dare ( beato lui.... ) è quello di intensificare ulteriormente l'attività sessuale cosciente...
    -



    PRESIDENTE DEL CLUB DEL GIALLO!

  9. #9
    Partecipante Figo L'avatar di Pandora
    Data registrazione
    21-02-2005
    Residenza
    Roma, nata e vissuta :)
    Messaggi
    906

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Citazione Originalmente inviato da doctor2009 Visualizza messaggio
    E' sicuramente inutile andare dall'andrologo, anche perchè non vedo cosa potrebbe fare per risolvere quello che, a tutti gli effetti, è un non problema.
    mi sembrava di aver capito che per lui fosse un problema....se il ragazzo in questione si vive male questa situazione considerandola "anomala" non c'è nulla di più rassicurante del parere di una persona autorevole, in questo caso un medico; se per lui non è un problema si tenesse le polluzioni e amen

    Io comunque rimango sempre del parere che una visita di controllo ogni tanto non fa male neanche a voi maschietti

    Dove c'è la Ragione c'è il dispotismo, dove ci sono le ragioni c'è la libertà.
    (P. Martinetti)

    Giace l'alta Cartago, appena i segni
    dell'alte sue ruine il lito serba.
    Muoiono le città, muoiono i regni
    copre i fasti e le pompe arena et erba...

    (T. Tasso)

    -Membro del Club Del Giallo - tessera n°6-SEGRETARIA DI REDAZIONE

    TUTTO CIO' CHE NON CI UCCIDE CI RENDE PIU' FORTI

  10. #10
    Partecipante Affezionato L'avatar di Gordon Pym
    Data registrazione
    25-01-2007
    Residenza
    Shallowbay
    Messaggi
    110

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Citazione Originalmente inviato da -Pandora- Visualizza messaggio
    Io comunque rimango sempre del parere che una visita di controllo ogni tanto non fa male neanche a voi maschietti
    Allora io chiedo perchè dall'andrologo si e dal cardiologo no? E il nefrologo lo lasciamo fuori? l'otorino? Poi già che ci siamo andiamo anche dallo psicologo dal prete e magari anche da un chiromante. Così ce ne stiamo belli tranquilli psicofisicamente e spiritualmente.
    Certo non fa male ma credo che si abbia anche di meglio da fare che passare la vita a farsi dei controlli a meno che uno non sia ipocondriaco...

    Ti do un altro dato, gli ospedali in molti periodi hanno i pronto soccorsi bloccati da persone con il raffreddore o l'influenza, per cui è anche ragionevole utilizzare le strutture e il personale quando serve e non perchè ci va

  11. #11
    Postatore Epico L'avatar di doctor2009
    Data registrazione
    13-11-2008
    Residenza
    Provincia di Roma
    Messaggi
    6,395

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Citazione Originalmente inviato da -Pandora- Visualizza messaggio
    Io comunque rimango sempre del parere che una visita di controllo ogni tanto non fa male neanche a voi maschietti
    Pandora, perdonami se mi permetto: non vorrei che tu facessi confusione tra le figure professionali dell'andrologo e quella dell'urologo.
    L'andrologo è un medico che si occupa dei problemi inerenti la vita sessuale del maschio ( infertilità, impotenza, deviazioni sessuali... ): per definizione, pertanto, se un soggetto NON HA problemi inerenti la sua vita sessuale ( o se, qualora li avesse, non li avvertisse come tali ), non ha alcun senso rivolgersi a lui: che, in effetti, nulla avrebbe da curare se il paziente non ha problemi da riferire.
    Neanche ha senso parlare di prevenzione: non esiste alcun tipo di prevenzione cui un soggetto SANO possa sottoporsi ( ammesso che mai lo farebbe... ) per prevenire eventuali patologie future.
    Discorso completamente diverso è quello che, invece, riguarda l'UROLOGO: qui non solo è consigliabile, ma sarebbe addirittura doveroso per ogni maschio sopra i 50 anni sottoporsi con frequenza almeno biennale a visita urologica perchè un semplicissimo esame ( l'esplorazione rettale ) può servire a fare lo screening di una delle più frequenti patologie maschili ( il carcinoma prostatico ) che, ormai è ben risaputo, se preso in tempo è perfettamente curabile con una percentuale di guarigione definitiva molto buona.
    In questo senso, l'esplorazione rettale da parte dell'UROLOGO assume un significato preventivo assolutamente sovrapponibile al pap test per la donna.
    Proprio le visite di controllo dal ginecologo che sono un abitudine per le donne dovrebbero chiarirti meglio l'equivoco: per le donne non c'è questa distinzione tra il medico specialista delle disfunzioni sessuali e quello delle patologie organiche degli organi sessuali: ambedue queste patologie sono deputate al ginecologo.
    Ma, se ci pensi bene, i controlli periodici delle donne non sono deputati allo studio delle disfunzioni sessuali se non in casi rari, ma in modo pressocchè esclusivo allo screening di patologie organiche ( tumori al seno, al collo dell'utero, alle ovaie.... ): sono in pratica sovrapponibili a quelle che dovrebbero essere, per l'uomo, le visite dall'urologo...
    -



    PRESIDENTE DEL CLUB DEL GIALLO!

  12. #12
    Partecipante Figo L'avatar di Pandora
    Data registrazione
    21-02-2005
    Residenza
    Roma, nata e vissuta :)
    Messaggi
    906

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Citazione Originalmente inviato da doctor2009 Visualizza messaggio
    Pandora, perdonami se mi permetto: non vorrei che tu facessi confusione tra le figure professionali dell'andrologo e quella dell'urologo.
    L'andrologo è un medico che si occupa dei problemi inerenti la vita sessuale del maschio ( infertilità, impotenza, deviazioni sessuali... ): per definizione, pertanto, se un soggetto NON HA problemi inerenti la sua vita sessuale ( o se, qualora li avesse, non li avvertisse come tali ), non ha alcun senso rivolgersi a lui: che, in effetti, nulla avrebbe da curare se il paziente non ha problemi da riferire.
    Neanche ha senso parlare di prevenzione: non esiste alcun tipo di prevenzione cui un soggetto SANO possa sottoporsi ( ammesso che mai lo farebbe... ) per prevenire eventuali patologie future.
    Discorso completamente diverso è quello che, invece, riguarda l'UROLOGO: qui non solo è consigliabile, ma sarebbe addirittura doveroso per ogni maschio sopra i 50 anni sottoporsi con frequenza almeno biennale a visita urologica perchè un semplicissimo esame ( l'esplorazione rettale ) può servire a fare lo screening di una delle più frequenti patologie maschili ( il carcinoma prostatico ) che, ormai è ben risaputo, se preso in tempo è perfettamente curabile con una percentuale di guarigione definitiva molto buona.
    In questo senso, l'esplorazione rettale da parte dell'UROLOGO assume un significato preventivo assolutamente sovrapponibile al pap test per la donna.
    Proprio le visite di controllo dal ginecologo che sono un abitudine per le donne dovrebbero chiarirti meglio l'equivoco: per le donne non c'è questa distinzione tra il medico specialista delle disfunzioni sessuali e quello delle patologie organiche degli organi sessuali: ambedue queste patologie sono deputate al ginecologo.
    Ma, se ci pensi bene, i controlli periodici delle donne non sono deputati allo studio delle disfunzioni sessuali se non in casi rari, ma in modo pressocchè esclusivo allo screening di patologie organiche ( tumori al seno, al collo dell'utero, alle ovaie.... ): sono in pratica sovrapponibili a quelle che dovrebbero essere, per l'uomo, le visite dall'urologo...
    doctor
    conosco la differenza fra le due figure mediche e sono convinta che andare dall'andrologo a fare una visita può diventare un buono strumento di prevenzione: ho letto recentemente che aumentano i casi di infertilità maschile dovuta ad abuso di alcune sostanze (anabolizzanti, stupefacenti, nicotina) o all'esposizione prolungata ad agenti inquinanti. Purtroppo molti uomini se ne rendono conto solo quando il danno è fatto, cioè quando provano a generare figli e non vi riescono.
    Purtroppo un certo tipo di informazione in Italia è pressochè assente nelle scuole, l'educazione sessuale è considerata ancora tabù, per cui l'informazione riguardo a pratiche corrette e salutari arriva solo attraverso il medico.
    Noi femminucce bazzichiamo o abbiamo bazzicato consultori, ma voi maschietti chi vi erudisce?

    Ho un amico che praticava il culturismo a livello agonistico, ha fatto un banale esame del sangue per un controllo routinario e ha scoperto che stava diventando sterile a causa della monnezza che ingurgitava....per foruna se ne è accorto per tempo.
    Ergo, se proprio non volete andare dall'andrologo, un esamino del sangue ogni tanto magari fatevelo!

    Dove c'è la Ragione c'è il dispotismo, dove ci sono le ragioni c'è la libertà.
    (P. Martinetti)

    Giace l'alta Cartago, appena i segni
    dell'alte sue ruine il lito serba.
    Muoiono le città, muoiono i regni
    copre i fasti e le pompe arena et erba...

    (T. Tasso)

    -Membro del Club Del Giallo - tessera n°6-SEGRETARIA DI REDAZIONE

    TUTTO CIO' CHE NON CI UCCIDE CI RENDE PIU' FORTI

  13. #13
    Postatore Epico L'avatar di doctor2009
    Data registrazione
    13-11-2008
    Residenza
    Provincia di Roma
    Messaggi
    6,395

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Citazione Originalmente inviato da -Pandora- Visualizza messaggio
    doctor
    conosco la differenza fra le due figure mediche e sono convinta che andare dall'andrologo a fare una visita può diventare un buono strumento di prevenzione: ho letto recentemente che aumentano i casi di infertilità maschile dovuta ad abuso di alcune sostanze (anabolizzanti, stupefacenti, nicotina) o all'esposizione prolungata ad agenti inquinanti. Purtroppo molti uomini se ne rendono conto solo quando il danno è fatto, cioè quando provano a generare figli e non vi riescono.
    Purtroppo un certo tipo di informazione in Italia è pressochè assente nelle scuole, l'educazione sessuale è considerata ancora tabù, per cui l'informazione riguardo a pratiche corrette e salutari arriva solo attraverso il medico.
    Noi femminucce bazzichiamo o abbiamo bazzicato consultori, ma voi maschietti chi vi erudisce?

    Ho un amico che praticava il culturismo a livello agonistico, ha fatto un banale esame del sangue per un controllo routinario e ha scoperto che stava diventando sterile a causa della monnezza che ingurgitava....per foruna se ne è accorto per tempo.
    Ergo, se proprio non volete andare dall'andrologo, un esamino del sangue ogni tanto magari fatevelo!
    Ti chiedo scusa anzitutto se ti è sembrato inopportuno che ti ricordassi la differenza tra andrologo e urologo: l'ho fatto perchè spesso c'è confusione tra i due ruoli...;
    Perdonami se ti sei sentita offesa, non era mia intenzione....
    Ritornando a noi: è vero ciò che dici, ma non credo che visite routinarie dall'andrologo siano strettamente necessarie...
    Secondo me una maggiore attenzione su questi problemi ( nelle scuole, sui giornali, in tv, nelle famiglie ) sarebbe più che sufficiente a fare una vera prevenzione: molto più che fare visite mediche periodiche di cui, perdonami, continuo a non vedere l'utilità ( e che, comunque, per ragioni di numeri, sarebbero sicuramente meno efficaci di una robusta azione di informazione da parte dei mass media ).
    L'unica cosa su cui sono d'accordo, anzi d'accordissimo, è che i maschi dovrebbero fare uno spermiogramma ( non serve la visita dall'andrologo, può bastare il medico di base a prescriverlo ) di routine, per esempio prima di sposarsi.
    E' assurdo che le coppie perdano anni preziosi nel tentativo di procreare un bambino prima di arrendersi alla necessità di accertare il grado di fertilità ( in fortissimo ribasso negli ultimi anni ) dell'uomo.
    Così come è incomprensibile il fatto che resista ancora il senso di vergogna che prova l'uomo nel sottoporsi a quell'esame, come se la scoperta di una sua eventuale bassa fertilità mettesse a repentaglio la sua "idea" di virilità.
    Ma questo è un problema culturale, per risolvere il quale non servono certo visite mediche....
    -



    PRESIDENTE DEL CLUB DEL GIALLO!

  14. #14
    Partecipante Figo L'avatar di Pandora
    Data registrazione
    21-02-2005
    Residenza
    Roma, nata e vissuta :)
    Messaggi
    906

    Riferimento: eiaculazione notturna, problema fisiolgico o psicologico?

    Citazione Originalmente inviato da doctor2009 Visualizza messaggio
    Ti chiedo scusa anzitutto se ti è sembrato inopportuno che ti ricordassi la differenza tra andrologo e urologo: l'ho fatto perchè spesso c'è confusione tra i due ruoli...;
    Perdonami se ti sei sentita offesa, non era mia intenzione....
    Non c'è nulla da farsi perdonare doctor, non c'era alcunchè di offensivo nelle tue considerazioni

    Dove c'è la Ragione c'è il dispotismo, dove ci sono le ragioni c'è la libertà.
    (P. Martinetti)

    Giace l'alta Cartago, appena i segni
    dell'alte sue ruine il lito serba.
    Muoiono le città, muoiono i regni
    copre i fasti e le pompe arena et erba...

    (T. Tasso)

    -Membro del Club Del Giallo - tessera n°6-SEGRETARIA DI REDAZIONE

    TUTTO CIO' CHE NON CI UCCIDE CI RENDE PIU' FORTI

Privacy Policy