• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6
  1. #1
    Partecipante Super Esperto L'avatar di CHIARA09
    Data registrazione
    28-02-2007
    Messaggi
    609

    InfoSCUOLA SPEC. TRANSAZIONALE PERFORMAT PISA

    ciao a tutti, devo scegliere la scuola di spec.
    c'è qualcuno che la frequenta o che può darmi info?
    com'è?
    sono bravi?
    che giorni è?
    quanto costa?
    grazie

  2. #2
    Partecipante Super Esperto L'avatar di CHIARA09
    Data registrazione
    28-02-2007
    Messaggi
    609

    Riferimento: InfoSCUOLA SPEC. TRANSAZIONALE PERFORMAT PISA

    nessuno la conosce?

  3. #3
    Partecipante Super Esperto L'avatar di CHIARA09
    Data registrazione
    28-02-2007
    Messaggi
    609

    Riferimento: InfoSCUOLA SPEC. TRANSAZIONALE PERFORMAT PISA

    ???????????????

  4. #4

    Riferimento: InfoSCUOLA SPEC. TRANSAZIONALE PERFORMAT PISA

    Ciao Chiara,
    io la frequento.. sono al 3° anno! è molto valida sia come indirizzo sia come corpo docenti.. facciamo lavori di supervisioni intervallati da terapia didattica di gruppo e ovviamente lezioni d'aula in cui la teoria è integrata a simulazioni (il più delle volte su casi clinici reali.. lavoriamo già quasi tutti in ambito clinico). L'approccio Analitico Transazionale è poco conosciuto all'università di Firenze, dove ho fatto Psicologia.. La scuola ne recupera la tradizione psicodinamica aggiornata ai moderni autori (bowlby, khout, kernberg per intendersi)..

  5. #5

    Re: Riferimento: InfoSCUOLA SPEC. TRANSAZIONALE PERFORMAT PISA

    ciao andreamarconcin ho letto che frequenti la scuola performat..potrei avere delle informazioni circa il loro modello di riferimento? io vorrei iscrivermi a ct,hanno aperto la sede quest'anno ho conosciuto con Sisalli che mi è sembrato un bravissimo professionista.

    allora io ho capito che la scuola deriva da un modello psicoanalitico, ma poi se ne distacca..precisamente in che senso? che tipo di setting utilizzano? che riscontri trova con le varie tipologie di utenti, voglio dire è più o meno adatta a particolari problematiche? si lavora sul QUI ED ORA o si definisce una psicoterapia del profondo? il disturbo come viene spiegato?
    forse troppe domande...ti prego di scusarmi per questo pero' ci tengo al parere di chi già la frequenta! grazie mille!

  6. #6

    Riferimento: InfoSCUOLA SPEC. TRANSAZIONALE PERFORMAT PISA

    Cara Maggilla
    per correttezza ed etica professionale ti dico che lavoro a PerFormat da diversi anni ed ho personalmente lavorato al progetto di riconoscimento della Scuola presentata al Ministero, sia per quella di Pisa che per quella di Catania. Quindi cercherò di risponderti in maniera più oggettiva possibile alle domande che poni. Tuttavia sono anche studente al terzo anno in quanto psicologo laureato a Firenze. Lascio a te decidere quanto il mio parere ti possa aiutare.
    Dunque, intanto hai conosciuto il grande Sisalli! (qui in Toscana lo chiamiamo "Il Sisa" !!)
    É un ottimo docente,molto preparato sui contenuti della psicoterapia analitico transazionale e allo stesso tempo molto attento sui processi di gruppo. É molto stimato nel panorama A.T. e penso che sarà un ottimo coordinatore della scuola di CT. Rispetto alle domande che mi chiedi, sono molto interessanti .. alcune di queste potrebbero aprire interi forum di dibattito! Proverò a risp per quanto posso..
    Il setting della terapia A.T. é sia individuale che di gruppo. Berne, il fondatore della scuola, psichiatra e profondo conoscitore della psicoanalisi, ha fatto molta esperienza nella terapia di gruppo (ai tempi della seconda guerra mondiale conduceva i gruppi per l'esercito) e molte delle sue riflessioni sono tuttora valide e oggetto di studio. La scuola insegna in primi anni il lavoro nel setting individuale. Si concentra sul gruppo più nel secondo biennio.
    Rispetto al lavoro sul qui e ora o sul profondo dipende dal contratto che si stabilisce con il paziente. Se le tematiche che porta possono essere affrontate in un percorso di counseling e la sua richiesta è Adulta (A) ovviamente l'intervento non sarà di terapia, potrà essere psicoeducazionale o cognitivo ( lavoro sulla comunicazione e sull'individuazione dei conflitti ("impasse" di primo grado, spiegazione delle dinamiche in cui incorre più frequentemente, i "giochi") Diversamente se il disagio é più profondo, il contratto sarà stipulato per una ristrutturazione profonda e il lavoro verrà condotto nei termini di una deconfusione del Bambino (B).
    La patologia é spiegata nei termini psicodinamici letta secondo il modello GAB. Su questo aspetto non riuscirò a fartene un riassunto anche per non rischiare di sviluppare un discorso troppo superficiale.. Comunque ti consiglio l'ottimo libro di Berne (Analisi Transazionale e Psicoterapia e A che gioco giochiamo) oppure quelli di Novellino (vincitore del premio internazionale Berne Awards e collega di Gaetano, fanno da molti anni supervisione insieme "Psicoanalisi Transazionale" "L'approccio clinico all'Analisi Transazionale")
    Dal punto di vista personale la mia scelta si è orientata su questa Scuola sia perché ho avuto modo di conoscere lo spessore teorico e professionale dei docenti sia perché la dimensione relazionale (sarà perché aspetto fondante dell'A.T.) è tenuta in grande considerazione sia nel clima che si respira che negli incontri di supervisione che di terapia didattica di gruppo.
    Anche io nella scelta della Scuola ho ricercato il più possibile i confronti con gli altri (anche se la maggior parte degli amici a cui chiedevo delle loro Scuole si trovava bene al di là del paradigma teorico di riferimento, il che non faceva altro che aumentare la mia indecisione..) Quello che per me è stato risolutore fu la conoscenza diretta dei docenti, come ti accennavo, e la sensazione di fiducia che mi avevano lasciato.
    Ti ringrazio di avermi dato modo di presentarti la mia esperienza nella scelta e ti auguro una buona prosecuzione in questo passaggio importante
    Andrea

Privacy Policy