• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1

    Analisi transazionale: cosa e'?

    Come da suggerimento ricevuto apro un topic sull'analisi transazionale, sperando che non vada deserto.

    Come qualcuno sapra' l'analisi transazionale e' una teoria delle mente, scaturita dall'intuito di Berne, psicoanalista freudiano.

    Fedele alla sua ottica pragmatica, di stampo anglosassone, ha escogitato un sistema molto semplice ed accattivante per descrivere i rapporti umani, ma anche il rapporto con se stessi, nel dialogo interiore che ognuno di noi mantiene.

    Al suo lavoro si sono poi aggiunti altri autori, che hanno proseguito nella messa a punto di un valido strumento analitico, finalizzato ad ogni aspetto del vivere, sia esso fisiologico che patologico.

    Non ultimo l'aspetto umano, che parte dal presupposto che, sia in fornitore che il fruitore, siano sullo stesso piano, cioe' ok.

    Infatti, a questo proposito, la metodica viene insegnata ed appresa anche dall'utente, che in tal modo si sente partecipe, su un piano di parita', con l'operatore.

    Chi vuole apportare esperienze, curiosita', critiche, domande e risposte su questo argomento mi trovera' disponibile all'ascolto ed al confronto.

    Vi ringrazio.

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di Johnny
    Data registrazione
    10-04-2005
    Messaggi
    9,991

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    sinceramente non capisco il senso di qeusto thread.
    Vuoi sapere qualcosa a riguardo dell'AT? Sarebbe preoccupante visto tu già la usi con i cuoi clienti in qualità di counselor filosofico (così si evince da altri post in altri thread...non mi esprimo sui dubbi che ho riguardo il suo uso corretto, fra l'altro).
    Vuoi insegnare ad altri utenti cosa è l'AT? Sarebbe inutile visto che la maggior parte degli utenti del forum sono psicologi-psicoterpeuti o studenti di psicologia e si presume che l'AT la conoscano meglio di te in quanto studiata in corsi unersitarti o post-universitari.


    E poi non capisco il linguaggio, cosa significa che l'AT è una "teoria della mente" "scaturita" da Berne? E' scaturita per emanazione?

    Inoltre, da quel che mi risulta, l'AT è una teoria "semplice" solamente nel linguaggio, non nella sua applicazione.
    Ultima modifica di Johnny : 07-11-2008 alle ore 08.55.04

  3. #3
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    17-10-2007
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    79

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Citazione Originalmente inviato da oscarmoreno Visualizza messaggio
    Come da suggerimento ricevuto apro un topic sull'analisi transazionale, sperando che non vada deserto.

    Come qualcuno sapra' l'analisi transazionale e' una teoria delle mente, scaturita dall'intuito di Berne, psicoanalista freudiano.

    Fedele alla sua ottica pragmatica, di stampo anglosassone, ha escogitato un sistema molto semplice ed accattivante per descrivere i rapporti umani, ma anche il rapporto con se stessi, nel dialogo interiore che ognuno di noi mantiene.

    Al suo lavoro si sono poi aggiunti altri autori, che hanno proseguito nella messa a punto di un valido strumento analitico, finalizzato ad ogni aspetto del vivere, sia esso fisiologico che patologico.

    Non ultimo l'aspetto umano, che parte dal presupposto che, sia in fornitore che il fruitore, siano sullo stesso piano, cioe' ok.

    Infatti, a questo proposito, la metodica viene insegnata ed appresa anche dall'utente, che in tal modo si sente partecipe, su un piano di parita', con l'operatore.

    Chi vuole apportare esperienze, curiosita', critiche, domande e risposte su questo argomento mi trovera' disponibile all'ascolto ed al confronto.

    Vi ringrazio.
    Oscar, ma "a che gioco giochiamo" ?!

    N.B. Personalmente non appartengo alla categoria, di cui parla -ras-, degli "studenti-psicologi-psicoterapeuti" che sull' AT ne sa più di te..
    ..ma condivido le sue stesse perplessità: è talmente SEMPLICE 'sta teoria e 'sta tecnica psicoterapeutica da poter essere utilizzata con successo anche da "profani" del settore?!
    No, perchè eventualmente c'ho un cuginetto che da grande vuole fare lo psicoterapeuta.. magari gli sconsiglio di iscriversi a psicologia e gli presto un paio di libri di Berne già da subito.. così comincia a guadagnarsi qualcosina pure lui!!
    Ultima modifica di sergio.def : 07-11-2008 alle ore 11.13.10
    Sergio

  4. #4

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    ma ci siete solo voi quattro su questo forum?

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di luigi '84
    Data registrazione
    25-03-2008
    Residenza
    Lecce
    Messaggi
    1,011

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Sinceramente non capisco dove si vuole arrivare con questi interventi di cattivo gusto.
    Ma è una questione personale fra voi e oscar??
    Perchè non può fare le domande che ritiene opportune?
    Perchè non può cercare un confronto?
    A me son sembrate domande legittime e chiaramente impostate laddove i vostri interventi sono al limite dell'insulto.
    Ognuno percorre le strade che vuole (e magari percorrendole si imbatte in sentieri che deviano e allargano la prospettiva iniziale) ma se a qualcuno questo sembra inaccettabile che abbandoni la discussione da subito e lasci spazio e diritto ad altri di confrontarsi.

    Saluti,
    Luigi

    ps.nemmeno io condivido i percorsi e alcune idee che sono state esposte qui e altrove da oscar ma trovo veramente poco carino trattare i dubbi e gli interessi di una persona alla stregua di fandonie.
    Ultima modifica di luigi '84 : 07-11-2008 alle ore 13.09.10

  6. #6
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    17-10-2007
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    79

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Citazione Originalmente inviato da luigi '84 Visualizza messaggio
    Sinceramente non capisco dove si vuole arrivare con questi interventi di cattivo gusto.
    Ma è una questione personale fra voi e oscar??
    Perchè non può fare le domande che ritiene opportune?
    Perchè non può cercare un confronto?
    A me son sembrate domande legittime e chiaramente impostate laddove i vostri interventi sono al limite dell'insulto.
    Ognuno percorre le strade che vuole (e magari percorrendole si imbatte in sentieri che deviano e allargano la prospettiva iniziale) ma se a qualcuno questo sembra inaccettabile che abbandoni la discussione da subito e lasci spazio e diritto ad altri di confrontarsi.

    Saluti,
    Luigi

    ps.nemmeno io condivido i percorsi e alcune idee che sono state esposte qui e altrove da oscar ma trovo veramente poco carino trattare i dubbi e gli interessi di una persona alla stregua di fandonie.
    Ciao Luigi,
    voglio cogliere il tuo intervento come un invito al confronto e in questa direzione seguirlo, senza fomentare ulteriori polemiche (cosa che ammetto di aver fatto).
    Non è legittimo porre delle domande e cercare il confronto, E' PIU' CHE LEGITTIMO!!
    In tal senso, sono pienamente d'accordo con te.
    Però permettimi di entrare nel merito degli interventi di oscar e di farti notare cose che forse ti sono sfuggite: non mi pare che egli stia cercando un confronto per allargare i suoi orizzonti conoscitivi (cosa che sarebbe peraltro ammirevole), ho letto più i suoi interventi quali espressione di vedere legittimato un suo operato tramite il "dialgogo" con figure afferenti alle professioni psicologiche/sanitarie..
    ..prima di affermare che non è questa la sua intenzione, invito io te a leggere con attenzione quanto ha scritto in questo 3d e in un altro dal titolo "T.A. e GruppoAnalisi" (mi pare) della stessa sezione "PSICOTERAPIE" (appunto!!).
    Riassumendo le sue dichiarazioni: "ho fatto dei corsi di T.A. e ne metto in pratica le tecniche, disinteressandomi all'inutile (secondo lui) conseguimento delle relative abilitazioni professionali".
    Mi si chiede di rimanere impassibile di fronte a tali dichiarazioni? Mi spiace, non posso!
    Non è per insistere su argomentazioni "antipatiche", ma solo perchè mi pare che qui non siano tenute nella DOVUTA considerazione: per esercitare delle tecniche psicoterapiche (di analisi transizionale, così come qualunque altre) esiste un preciso percorso formativo con relativa Abilitazione professionale, molto ben regolamentato (Dura Lex).. altrimenti si parla di ESERCIZIO ABUSIVO della professione.. non si scappa!
    Possiamo poi discutere su quanto questi percorsi siano realmente formativi e che competenze forniscano a chi deve esercitare la professione.
    Possiamo discutere delle capacità personali che si mettono in gioco in una professione del genere, che certamente esulano dal percorso didattico (ma non da quello personale.. almeno secondo me).
    Possiamo persino disquisire sulla leicità di tale regolamentazione, apportando fondate argomentazioni (secondo il mio pensiero infatti essa non garantisce che tutte le offerte formative siano ugualmente "spendibili" nella professione).
    Ma finchè le cose stanno come stanno, non possiamo permettere che chiunque (non solo oscarmoreno) faccia di testa propria, seguendo le "sue" teorie in proposito, disinteressandosi puranche degli aspetti legali (sebbene quelli relativi all'acuisizione di competenze siano preminenti!!).
    Sarebbe come se io andassi a rubare sostenendo che la legge che lo vieta è inutile e inopportuna e non fa altro che riempire oltremodo le carceri.. sono "libero" di farlo, ma sarò comunque soggetto a quelle leggi, e pertanto processato nel merito e condannato qualora si accertasse la mia infrazione.
    Concordo infine con te che quello contro Oscar pare essere un "accanimento" personale e di questo - sinceramente - mi scuso con lui, ma il problema è ben più generale e riguarda la collocazione professionale degli operatori del counselling, che non sapendo - prima loro stessi - in quale ambito di intervento collocarsi, fanno un pò di testa loro e segueno pertanto la "richiesta", che è sempre (o il più delle volte) mossa da disagio, sofferenza e desiderio di cambiamento.
    Non credo sia questo il giusto modo di intendere la questione.
    Credo - e qui cerco di essere costruttivo e non distruttivo - che tali figure debbano trovare spazio d'azione nella CONSULENZA vera e propria, relativa alle proprie conoscenze, alle proprie competenze, ai propri strumenti acquisiti.
    Per spiegarmi meglio, riprendendo esempi che mi sembra di aver già portato: se avrò problemi di natura fiscale, mi rivolgerò al "consulente fiscale" per sapere come muovermi nel merito; se avrò conflitti coniugali che stanno portando ad una separazione, con i relativi aspetti legali, processuali ed economici, mi rivolgerò al "consulente familiare" (non confondiamolo infatti con un terapeuta sistemico-familiare cortesemente); se avrò problemi o dubbi circa la mia coscienza o fede, chiederò ausilio ad un prete.. quanto all'ambito del counseling filosofico illuminatemi voi filosofi, che "dovreste" sapere meglio di me cosa siete e POTETE fare!
    Quanto a Oscarmoreno - e concludo - condivido con te il fatto che almeno lui stia cercando un confronto e un dialogo (e forse non si può dire altrimenti di altri suoi colleghi) e questo è apprezzabile soprattutto nella misura in cui il vostro intervento sicuramente è CONTIGUO a questioni ANCHE squisitamente psicologiche (è questo il motivo, a mio modo di vedere, per cui nella formazione del counselor esistono materie di tal natura.. non altro!!!!).. ciò nondimeno però mi si può dire che, sulla base di questa considerazione, devo lasciar correre affermazioni che reputo pretenziose e pericolose circa la sua (e nostra!!) consapevolezza dell'ambito di intervento a cui egli dovrebbe mirare.

    Detto ciò non spero certo di "educarne uno per educarne cento"..
    quindi concludo con questo i miei interventi nel merito del counseling filosofico (e non solo)!!

    Spero di essere stato chiaro e non troppo "antipatico",
    buona continuazione..

    ..magari eviterò di leggere i vs prossimi post per non farmi richiamare dalla tentazione!!

    Saluti,
    S.
    Ultima modifica di sergio.def : 07-11-2008 alle ore 14.42.18
    Sergio

  7. #7
    Postatore Epico L'avatar di Johnny
    Data registrazione
    10-04-2005
    Messaggi
    9,991

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Citazione Originalmente inviato da oscarmoreno Visualizza messaggio
    ma ci siete solo voi quattro su questo forum?
    vermente siamo in 3


    Citazione Originalmente inviato da luigi '84 Visualizza messaggio
    Sinceramente non capisco dove si vuole arrivare con questi interventi di cattivo gusto.
    Ma è una questione personale fra voi e oscar??
    Perchè non può fare le domande che ritiene opportune?Perchè non può cercare un confronto?
    A me son sembrate domande legittime e chiaramente impostate laddove i vostri interventi sono al limite dell'insulto.
    Ognuno percorre le strade che vuole (e magari percorrendole si imbatte in sentieri che deviano e allargano la prospettiva iniziale) ma se a qualcuno questo sembra inaccettabile che abbandoni la discussione da subito e lasci spazio e diritto ad altri di confrontarsi.

    Saluti,
    Luigi

    ps.nemmeno io condivido i percorsi e alcune idee che sono state esposte qui e altrove da oscar ma trovo veramente poco carino trattare i dubbi e gli interessi di una persona alla stregua di fandonie.
    a proposito di Analisi Transazionale, in questo gioco oscarmoreno è la Vittima, io e Sergio i Persecutori, Luigi il Salvatore.


    A parte questa analisi, io nel mio post ho espresso semplicemente la mia opinione.
    Sarò pur libero di dire ciò che penso? Se oscarmoreno apre thread in Psicologia clinica e in Psicoterapie non sapendo un tubo di psicologia non posso farci niente se non esprimere le mie opinioni.
    Il probema, Luigi, è che oscarmoreno vuole "imparare" qualcosa sul forum per usare l'AT con alcuni malcapitati che gli si rivolgono come clienti. Il che mi sembra piuttosto grave.
    Ultima modifica di Johnny : 07-11-2008 alle ore 16.56.33

  8. #8

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Grazie Luigi.
    Pero' debbo dire che obiettivamente non sento molte voci...
    Eppure gli psicologi ed aspiranti tali sono molti...

    Caro Sergio, in effetti mi pare che ci sia un accanimento nei miei confronti, ma lo posso capire, perche', secondo la psicologia evoluzionistica, sono entrato in un territorio marcato e percio', o faccio atto di ossequio, o rischio di venire sbranato.

    Non entro neppure in merito alla liceita' delle competenze.
    E' una distriba inutile che serve solo a marcare il territorio, e non certo ad aumentare il sapere. Non sono qui per dire che:- Il mio e' meglio del tuo-, che equivale a dire:- Io sono meglio di te-.

    Ho superato questi bisogni. Almeno spero.

    a proposito di Analisi Transazionale, in questo gioco oscarmoreno è la Vittima, io e Sergio i Persecutori, Luigi il Salvatore.
    bella questa considerazione, che condivido.
    Ora si tratta di uscire dal triangolo drammatico....

    Il probema, Luigi, è che oscarmoreno vuole "imparare" qualcosa sul forum per usare l'AT con alcuni malcapitati che gli si rivolgono come clienti. Il che mi sembra piuttosto grave.
    Negli anni in cui mi sono dedicato al volontariato non ho mai ricevuto un centesimo. Invece ne ho spesi piu' d'uno.

    Percio' tralascio le tue accuse che ritengo frutto di una aggressivita' latente e un bisogno di competizione istintiva e poco controllata.

    Devo dire che si imparano tante cose anche in questo forum...magari non con lezioni canoniche, ma comunque interessanti.

  9. #9
    Postatore Epico L'avatar di Johnny
    Data registrazione
    10-04-2005
    Messaggi
    9,991

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    non ho accusato nessuno, sei tu che ogni volta che qualcuno non è d'accordo con te ti poni nel ruolo della vittima.

    Il fatto è che è difficile discutere con te perché se apri thread o scrivi in Psicologia clinica o in Psicoterapie, scrivendo cose che si basano su assunti di senso comune, si fa fatica a seguire il discorso. E se qualcuno esprime opinioni in contrasto con le tue, tu rispondi così:

    ma ci siete solo voi quattro su questo forum?
    oppure così


    mi pare che ci sia un accanimento nei miei confronti, ma lo posso capire, perche', secondo la psicologia evoluzionistica, sono entrato in un territorio marcato e percio', o faccio atto di ossequio, o rischio di venire sbranato.
    Non entro neppure in merito alla liceita' delle competenze.
    E' una distriba inutile che serve solo a marcare il territorio, e non certo ad aumentare il sapere. Non sono qui per dire che:- Il mio e' meglio del tuo-, che equivale a dire:- Io sono meglio di te-.

    Percio' tralascio le tue accuse che ritengo frutto di una aggressivita' latente e un bisogno di competizione istintiva e poco controllata.


    dimmi, come si fa discutere?

  10. #10
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di luigi '84
    Data registrazione
    25-03-2008
    Residenza
    Lecce
    Messaggi
    1,011

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Citazione Originalmente inviato da *-ras-* Visualizza messaggio
    non ho accusato nessuno, sei tu che ogni volta che qualcuno non è d'accordo con te ti poni nel ruolo della vittima.

    Il fatto è che è difficile discutere con te perché se apri thread o scrivi in Psicologia clinica o in Psicoterapie, scrivendo cose che si basano su assunti di senso comune, si fa fatica a seguire il discorso. E se qualcuno esprime opinioni in contrasto con le tue, tu rispondi così:



    oppure così











    dimmi, come si fa discutere?
    Premettendo che non ho nessun interesse a fare interessi...e prendendo atto delle variegate posizioni che si scontrano su di un forum specialistico direi:perchè non proviamo a fare un pò di epochè cioè a metter tra parentesi quanto più è possibile gli indirizzi personali e proviamo a buttar giù qualche parola interessante e funzionale alla discussione?...vedremo in seguito se sono vie che si incrociano o prendono direzioni del tutto opposte...

    Saluti,
    Luigi

  11. #11
    Postatore Epico L'avatar di RosadiMaggio
    Data registrazione
    10-02-2006
    Residenza
    Tra le Alpi e gli Appennini
    Messaggi
    11,960

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Prendendo spunto dalle parole di Luigi84, che mi sembrano le uniche che abbiano un senso costruttivo per ora, cui non aggiungo altro, riprendo un discorso accennato, con uno stile pragmatico molto simile a quello di E. Berne, da oscarmoreno.
    L'Analisi transazionale, è nata dall'esperienza di Eric Berne, in particolare dalle sue constatazioni circa come le persone mutano atteggiamenti, punti di vista, voce, vocabolario ed altri aspetti del comportamento, in situazioni diverse ed in momenti diversi di una stessa situazione. In un individuo un certo tipo di comportamento, corrisponde ad un particolare stato psichico, mentre un altro è in rapporto con un atteggiamento psichico diverso, spesso incompatibile con il primo. (possiamo qui notare l'influsso sia della psicoanalisi freudiana, sia l'influsso della psicoanalisi relazionale della scuola delle Relazioni d'Oggetto, in particolare, mi sembrerebbe Ronald Fairbairn..).
    Questo cambiamenti suggeriscono il concetto do Stati dell'Io.

    Lo Stato dell'Io a livello fenomenologico, puo' essere definito come un sistema coerente di sentimenti, ed operativamente, come un insieme di comportamenti coerenti.

    Tre sono gli Stati dell'Io :
    Stati che ricordano le figure genitoriali (Genitore)
    Stati rivolti alla valutazione obiettivsa della realta' (Adulto)
    Stati che rappresentano le relique arcaiche ancora fissati alla prima infanzia (Bambino).

    L'Analisi Transazionale utilizza 4 dimensioni analitiche correlate che permettono di comprendere la struttura e la dinamica del comportamento umano attraverso l'analisi

    struttuale e funzionale........
    delle transazioni....................
    dei giochi.........................
    del copione........................................... ......

    Questo, oltre il livello di rapporto paritario tra terapeua ed analista oppure il counselor in At, appositamente formato, con corsi appositi alla relazionerd'aiuto in varo settori, sono alcuni dei concetti dell'AT.
    Penso sia sempre meglio avere un minimo conoscenza di cio' di cui si sta parlando e criticando, spesso "a priori", anche secondo me, come ha fatto notare Luigi, anche per dare contributi costruttivi.

    Mi picerebbe se oscarmoreno mi potesse spiegare un po' meglio gli Stati dell'Io, e di copione dato che mi sembra di aver visto in qs stesso 3d molte dinamiche interne degli stessi, sz che i protagonisti si accorgessero del "film" che stavano girando (di cui ovviamente non dico il nome).

    Mi piacerebbe conoscere qs concetti al di là di questo aspetto, che lascia il tempo che trova, in modo da avere un approccio costruttivo al tema del thread; vorrei anche ricordare che l'At, così come la Gestalt e la terapia rogersiana, da cui nasce l'idea, prevede la figura del Counselor, formato appositamente, per operare in vari campi, tra cui quello infermieristico, educativo ed altro, e che ha una propria carta etica regolamentata in rapporto ed insieme a quella della dello psicologo ed al suo CD, così come a quella dei medici.

    Ringrazio oscarmoreno per la risposta

    Ciao
    Ultima modifica di RosadiMaggio : 08-11-2008 alle ore 21.01.02
    Gaia

    Tessera n° 15 Club del Giallo

    Guardiana Radar del Gruppo insieme a Chiocciolina4

  12. #12
    Partecipante Super Esperto L'avatar di ama77
    Data registrazione
    28-07-2004
    Residenza
    In prov. di Novara
    Messaggi
    587

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Da moderatrice della sezione, vi invito gentilmente a limitarvi all'argomento della discussione, senza scadere in provocazioni da una parte e/o vittimismo dall'altra (ricordo a Oscarmoreno che nell'altra discussione che confronta l'AT con la Gruppo-Analitica è stato il primo a definire in termini non particolarmente "felici" gli studi di Freud e Jung all'Università: è importante che ognuno esprima le proprie idee sicuramente, però in un forum di Psicologi o Psicoterapeuti, essere toccati diciamo "sul vivo" senza apportare le dovute argomentazioni, può anche scatenare successive risposte non altrettanto "felici").
    Cerchiamo quindi di parlare effettivamente di questa AT senza attacchi personali.
    Vi ringrazio, buona continuazione.
    Il compito nella nostra vita non è di trionfare, ma di continuare a cadere, serenamente....
    (Robert Luis Stevenson)


    VISITA IL MIO CENTRO DI PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA
    centroclinicopangea

  13. #13

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Mi picerebbe se oscarmoreno mi potesse spiegare un po' meglio gli Stati dell'Io, e di copione dato che mi sembra di aver visto in qs stesso 3d molte dinamiche interne degli stessi,
    Cara Gaia, ti ringrazio del tuo intervento, a cui purtroppo non posso dare seguito.
    Se lo facessi darei ragione a chi pensa che sia qui per insegnare qualcosa, mentre io avrei voluto confrontarmi su alcune questioni spinose e ancora dibattute dell'analisi transazionale.

    Per esempio l'interazione funzionale fra i vari aspetti della disciplina, che entrano in gioco e che si presentano complessivamente.

    Una transazione, per esempio un intervento nel forum, puo' essere vista complessivamente, ma genericamente, oppure analizzando i vari aspetti che presenta.

    Se la transazione e' sociale o se nasconde [o palesa] un messaggio psicologico ulteriore.
    A-Il counselor non e' attendibile sul piano terapeutico-
    A-Tu sei un counselor, Tu non sei attendibile-
    A-Io sono ok-tu non sei ok-

    Se e' una transazione parallela o complementare, come quelle piu' comunemente osservate qui, ove si ha domanda-risposta col mantenimento del proprio ruolo e del proprio stato dell'Io energizzato.
    A-Il counselor non e' attendibile sul piano terapeutico-
    B-Si, e'vero', la penso anche io cosi'-
    A-Noi ci mettiamo anni di impegno per essere efficaci, il couselor no-
    B-E' vero e' proprio cosi'-

    E via di questo passo...
    A-Io sono ok e tu si-
    B-Io sono ok e tu si-

    Se invece la transazione si incrocia, per far scattare un gioco psicologico che, dice Berne, ha la sola funzione di interrompere l'intimita' o di impedirla, per mantenere la propria posizione esistenziale.

    A-Tu non sei attendibile sul piano terapeutico-
    B-Ma non ci sono altre voci sul forum?-
    A-Io sono ok e tu no-
    B-Io sono ok e tu no-

    Ma come si puo' integrare questi aspetti col copione, con le posizioni esistenziali, con la teoria delle carezze, con una ricerca delle transazioni piu' costruttive, con la fuga dai giochi psicologici, con l'educazione e l'utilizzazione corretta dei propri stati dell'Io, ecc ecc?

    Sono alcune domande che mi pongo e che mi sarebbe piaciuto discutere...

  14. #14

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Un altro aspetto che mi sarebbe interessato discutere, e che invece e' stato abortito, e' come estrapolare opportunamente elementi utili alla comprensione della performance del soggetto, rilevandolo da una biografia scritta o da parte di essa.

    Sono infatti particolarmente interessato a questa tematica, perche', mentre le dinamiche che si sviluppano nel colloquio sono fluide e poco precise [a mio parere], la ricerca di elementi come: modalita' di manifestazione, parole chiave usate, punteggiatura, fluidita' del discorso, volumi usati nell'esposizione, ecc ecc, sono, sencondo me, degli elementi stabili, su cui e' possibile fare una valutazione piu' articolata ed efficace, almeno in alcune occasioni e situazioni.

    Ma mi sarebbe piaciuto parlarne in modo piu esteso, portando anche esempi reperiti da varie fonti.
    Ovviamente con una interpretazione secondo lo schema dell'analisi transazionale...

    Penso infatti che posizione esistenzaile, copione, uso degli stati dell'Io con eventuali contaminazioni ed esclusioni, grado di socializzazione del soggetto. grado di soddisfazione emotiva, ecc., siano reperibili in uno scritto tanto quanto, e forse piu', che non in un colloquio, dove le fonti di disturbo sono piu' presenti.

    Ma sono spunti di riflessione...

  15. #15
    Postatore Epico L'avatar di RosadiMaggio
    Data registrazione
    10-02-2006
    Residenza
    Tra le Alpi e gli Appennini
    Messaggi
    11,960

    Riferimento: Analisi transazionale: cosa e'?

    Per oscarmoreno

    Grazie per entrambe le risposte, per me chiare e che forniscono in effetti, ottimi spunti di riflessione, sotto molti aspetti.

    Ciao
    Gaia

    Tessera n° 15 Club del Giallo

    Guardiana Radar del Gruppo insieme a Chiocciolina4

Privacy Policy