• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3

Discussione: Codipendenza Border

  1. #1
    Nicknano
    Ospite non registrato

    Codipendenza Border

    Io sono stato un perfetto cod, insicuro, in cerca di una storia in cui sentirmi amato, con poca autostima..... però, mi chiedo come è possibile che siano così bravi? dico ad individuare la "preda".

    E come si può uscire dalla codipendenza?
    E poi, la sindrome borderline può essere contagiosa? Credo che in un certo senso lo sia, perché il codipendente si sforza così tanto di entrare nella testa del border da identificare i suoi pensieri con i propri.

    Ho cercato per mesi di capire, apprendere, parare i colpi, prevenirli, calarmi nella testa della mia ex per aiutarla e aiutarmi. Ho fallito, perché quello di un borderline è un mondo complicatissimo, fatto di pulsioni e contropulsioni improvvise, incoerenti, disaggregate, e alla fine della fiera nemmeno lui, il border, sa davvero cosa vuole. Oppure lo sa ma non riesce a comportarsi nella maniera più logica per ottenerlo. Perché – banalizzando – non c'è con la testa! 
Il fatto è che un border è un adulto che ragiona come un quattordicenne.

    Lessi in qualche vecchio post le parole di una psicologa affermare che emozionalmente 
sono fermi al pre-edipico, ai 3 anni di età. Personalità drammatiche per l'appunto.

    Io passo la mano, ragazzi. La mia ex troverà forse qualcun altro a cui regalare tre mesi meravigliosi e poi altri 3 mesi d'inferno. Mi spiace per questo qualcun altro, ma – come dicevano i latini – mors tua vita mea.
    Capire è fondamentale per comprendere e quindi conoscere. E conoscere è fondamentale per ri-conoscere alcuni tratti della nostra psiche.
    Ma io sono stufo di capire. Sono stufo di "giustificare" il suo farmi del male perché è una borderline! 
Non è cattiva, poverina, è malata. Va capita. 
Ma perché è malata? Cerchiamo di capire... 
Ha avuto un'infanzia difficile, forse minata da una violenza sessuale (forse, perché si tratta di un episodio che ha in gran parte rimosso, perciò non è detto che non l'abbia ingigantito con la fantasia). Comunque, che sia un trauma lo si può capire. 
La sua famiglia non l'ha capita. Allora almeno io, che la amo da morire, devo capirla. 
Sto male, mi massacra ogni giorno, ingiustamente, ma io posso farcela a capire, e a guarirla... 
Macché! La verità è che a prescindere dalle circostanze che l'hanno portata a diventare ciò che è, a prescindere dai meccanismi psicologici che le hanno "imballato" la mente, a prescindere dagli sforzi che sta facendo per guarire, mi sta rovinando la vita. Mi sta ammalando... 

    Paradossalmente, il borderline è terrorizzato dall'idea dell'abbandono, ma con il suo comportamento provoca proprio ciò che più teme: induce chi lo ama ad abbandonarlo.

    ...perchè prima ti sollevano come una piuma e poi ti scaraventano a terra con la più inaudita violenza....

  2. #2
    PaolaTomasiello
    Ospite non registrato

    Riferimento: Codipendenza Border

    Ciao Nick,
    ho notato che hai aperto questa discussione, personale e intima, anche in psicologia clinica, questo conferma ancora di più il tuo stato... E' evidente che sei ancora in simbiosi con lei, nonostante la storia sia finita ( a quanto ho capito...). Magari potremmo scriverci privatamente se vuoi, perchè qui non posso esprimerti pienamente ed apertamente la mia comprensione, non sai quanto ti capisco, perchè ho vissuto una situazione più o meno simile, e qui ad ops, nonostante non abbia mai espresso apertamente il mio vissuto, alcune cose che riguardano proprio questa mia esperienza, sono diventate pubbliche e molti sanno cosa ho passato...o meglio: come sono stata...
    E proprio perchè ti comprendo ti dico di pensare a te, che è il momento di guardare davvero seriamente e a fondo dentro te stesso, perchè probabilmente c'è qualcosa che non va... Perchè questi sforzi tesi a capire lei? Perchè tutte le tue energie ad analizzare lei, il suo stato, le sue patologie?
    Son domande che io ho dovuto farmi ad un certo punto, quando stavo davvero diventando niente... e le risposte, quando sono arrivate dal profondo di me stessa, non mi sono piaciute per niente...
    La scelta delle persone non è casuale. Se ci si avvicina a persone che non stanno bene vuol dire che non stai bene neanche tu... questo lo ripeterò sempre...
    Cerca di dare valore a te stesso, capisci di cosa hai bisogno tu, di cosa puoi meritarti. Non concentrarti sull'altro, perchè l'altro in questione non ha nè rispetto, nè amore per se stesso e di conseguenza non potrà mai amare nè rispettare nessun altro fino a che non fa qualcosa per sè, fino a che non sceglie di rivolgersi ad uno specialista, perchè solo un medico può supportare in questi casi... L'aiuto non puoi darglielo tu, è un'illusione. E forse è una compensazione per te, credere di poter aiutare o almeno tentare di aiutare chi proprio non può e probabilmente non vuole essere aiutato.
    Questa ragazza ti ha fatto soffrire perchè lei è la prima a star male, hai compreso questo. Bene, ma ora lasciala andare, perchè tu non meriti di soffrire e probabilmente la tua vicinanza a lei non provoca altro che ulteriore sofferenza ad entrambi, ad entrambi. Perchè queste persone non fanno altro che perpetuare il loro stato di solitudine, perchè forse, probabilmente, quella è l'unica forma d'amore che hanno conosciuto: un amore insano, ovvio. Un vuoto. Che tu non puoi colmare. E credo che dovresti pensare a colmare il tuo di vuoto e se sei pronto, sei sei consapevole, forse potresti rivolgerti ad uno specialista... Perchè per separarti davvero da lei forse hai bisogno di una mano, e durante il distacco, quando riprenderai a sentirti, sentire d'esserci tu, te e te, sentire d'esistere ed essere integro, nel mentre forse ti sentirai vuoto e avrai bisogno di qualcuno e l'aiuto esterno di qualcuno come un amico o un familiare potrebbe darti sollievo a volte, ma non può curarti... Sei tu che devi volerlo e di conseguenza "un aiuto nell'aiutarti" puoi riceverlo da un medico...
    Perdona la schiettezza.
    Spero a presto

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724

    Riferimento: Codipendenza Border

    Io non mi sento di darti consigli... però è una storia drammatica per te e questo lo capisco. Perchè non rivolgervi in coppia a qualcuno del mestiere?
    Questo è uno dei rari casi in cui amare e accettare non coincidono perfettamente... perchè è davvero dura sopportare certe cose.

    Una nota buffa quando ho letto "border" ho pensato al Border Collie "individuare la preda? Ma non era un cane da pastore?" Sono scema...
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

Privacy Policy